Vancouver - Una delle città più vivibili al mondo

Un documentario realizzato per una tesi di laurea presso lo IED Roma racconta, dalla voce dei suoi abitanti, Vancouver. Una delle città più vivibili al mondo [...]

Dignità Autonoma di Progettazione

Per l’ottavo anno consecutivo è in scena lo spettacolo Dignità Autonome di Prostituzione, con un messaggio esplicito molto chiaro: che valore date alla cultura? e noi che valore diamo all’Architettura?

Le polemiche intorno alla sistemazione del Giardino dei Giusti

La proposta di sistemazione del Giardino dei Giusti portata avanti dalla associazione Gariwo ha scatenato notevoli polemiche da parte Giancarlo Consonni e Graziella Tonon, condirettori dell’Archivio Bottoni del Politecnico di Milano [...]

I nuovi poveri, quando la povertà diventa virale

Sulla nostra pagina di Facebook ha avuto un inaspettato successo un post dedicato alle condizioni di povertà di Architetti e Avvocati. Da questo fenomeno virale abbiamo tratto alcune riflessioni.

Nutrire il quartiere

L’intervento di Amate l’Architettura al convegno organizzato da Carteinregola “Un mercato non è solo un mercato” è stato impostato per fornire al pubblico una rapida panoramica delle esperienze internazionali in materia di recupero e gestione dei mercati coperti [...]

Inarcassa: Una bella vittoria.

Marco Lombardini, nostro candidato alle elezioni dei canditati di Roma per Inarcassa, è stato eletto, assieme a Marco Alcaro, Gianluca Valle e Flavio Mangione. Qui il resoconto dei risultati elettorali e alcune considerazioni, anche per il futuro.

La sorpresa di Pasqua: chi ha partecipato al concorso del Flaminio.

Abbiamo scoperto per caso che al concorso per il masterplan dell’area ex caserme di via Guido Reni a Roma hanno partecipato 241 gruppi, di cui 91 stranieri. Tra questi abbiamo individuato almeno una dozzina di grandi firme internazionali. Perché ad un mese dall’esito del concorso non sono stati pubblicati i progetti presentati? Perché si preferisce mettere la sordina ad un concorso che ha avuto una partecipazione così ampia? Perché non si adottano sistemi trasparenti e democratici di pubblicizzazione degli esiti del concorso?
Perciò ci rendiamo disponibili a pubblicare i progetti che i partecipanti vorranno inviarci.