Articoli marcati con tag ‘vicari’

Dopo 2 anni ci riprovano con il ddl 1865 per ampliare le competenze dei geometri

Sapevamo che prima o poi ci avrebbero riprovato, 2 anni fa nel mese di febbraio del 2010 per mano, (ironia della sorte) di un architetto, la Senatrice Vicari, i geometri hanno fatto presentare un disegno di legge che ampliava in maniera indiscriminata le loro competenze.

Ci fu subito un’insurrezione da parte della nostra comunità di architetti e ingegneri, in cui Amate l’Architettura, insieme a Spazi Contemporanei, fu in prima linea con una raccolta di firme, (più di 1500) e una lettera aperta ai Presidenti Nazionali degli Architetti, Ingegneri e Geometri, il decreto venne sospeso e molti pensavano di avercela fatta.

Oggi sono di nuovo all’attacco, ero sicuro che prima o poi ci avrebbero riprovato, hanno fatto calmare le acque e quando nessuno se lo aspettava, (sono tutti presi dai gravissimi problemi che affliggono la nostra professione, che in questi ultimi due anni si sono aggravati drammaticamente), hanno ripresentato il disegno di legge che  verrà esaminato il 17 aprile presso l’8ª Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) – relatore Sen. Cosimo Gallo.

Che cosa ha fatto in questi 2 anni il Consiglio Nazionale degli Architetti per risolvere il problema delle competenze professionali?

Che fine ha fatto il tavolo tecnico con geometri e periti tanto declamato il 25 febbraio 2010?

La comunità facebook è già in subbuglio, il gruppo amo l’architettura propone di inviare una lettera a ogni presidente provinciale degli architetti, bisogna intervenire subito non c’è più tempo.

Vi invito a :

Noi crediamo che non sia questo il modo corretto di agire, ma riteniamo ormai non più rinviabile il momento di porre fine a inutili polemiche e di mettere mano al riordino delle competenze professionali.

L’Italia è l’unico paese europeo dove esiste un conflitto tra figure professionali che dovrebbero avere un ruolo ben distinto in quanto provengono da un percorso formativo completamente diverso. Ogni manufatto edilizio, dal più semplice al più complesso, dovrebbe essere seguito da architetti, ingegneri e geometri agendo insieme con ruoli ben distinti, (basterebbe studiare l’etimologia delle parole architetto, ingegnere e geometra per comprenderne il ruolo).