Articoli marcati con tag ‘scuola’

Embodied Cognition Design – L’Architettura al servizio della società: la collaborazione tra Ordine degli Architetti, Università e scuola in un progetto di rinnovamento

10 giugno 2018

Può l’Architettura influire positivamente o negativamente sulle persone? Si può migliorare la società intervenendo sull’Architettura? Sono relazionabili, e in quale rapporto stanno fra loro, la percezione degli spazi abitativi interni ed esterni rispetto ai vari edifici nei quali si svolge la vita dell’uomo? In altre parole lo spazio abitativo interno agisce sul singolo individuo in modo tale da influenzarne la percezione e dunque il comportamento anche all’esterno, nella società?

Il rapporto fra comportamento umano e spazio è stato indagato a partire dagli inizi del ‘900 nell’ambito di diverse discipline, ne forniscono un esempio la psicogeografia o la psicologia ambientale, la Scuola di Chicago con lo studio della relazione fra spazio urbano e sviluppo della criminalità, sempre su scala urbana in architettura gli studi di Kevin Lynch, e poi ancora esperimenti e osservazioni che hanno condotto in sociologia, più vicino a noi nel tempo alla “Broken Windows Theory”. Mentre per quanto riguarda la capacità, indagata in numerosi studi, dello spazio architettonico interno di esercitare la sua influenza sulla sfera emozionale delle persone attraverso le sue qualità (forma, colore, materiali, disposizione degli elementi spaziali, ecc.), non sono da trascurare alcune modificazioni apportate recentemente interessato gli spazi nei quali l’uomo svolge la gran parte della sua vita, quindi delle azioni che alimentano la vita sociale globale, primi fra tutti gli spazi di lavoro. Grandi colossi come Facebook, Apple o Pixar che con le loro attività influenzano pesantemente dall’andamento dei mercati su scala mondiale alla vita privata dei singoli individui nella sfera del loro quotidiano, hanno predisposto per i loro dipendenti aree destinate al relax e che favoriscono il loro benessere pisco-fisico al fine di migliorarne le prestazioni lavorative.

Quale è però uno spazio abitativo che può considerarsi come un “gancio” fra gli spazi esterni urbani e gli spazi interni privati o di lavoro? Probabilmente l‘ambiente abitativo della scuola, ovvero il luogo dove si accompagna l’individuo nella crescita e nella formazione della sua personalità dall’infanzia fino all’età adulta.

Ed è proprio in relazione agli ambienti scolastici che da qualche anno si è delineato un filone di ricerca incentrato su una pedagogia di tipo sperimentale che connette fra loro cognizione corporea e spazio architettonico: Embodied Cognition Design.

 

Scuole innovative: Embodied Cognition Design come paradigma dei nuovi spazi scolastici” è il titolo di un interessante convegno che si è tenuto lo scorso 30 maggio al Liceo Classico Giambattista Vico di Napoli. Il convegno è stata la tappa finale di un progetto promosso dall’Ordine degli Architetti, P.P. e C. di Napoli e Provincia in collaborazione con il prof. Filippo Gomez Paloma dell’Università di Salerno e con il liceo ospitante, che si è sviluppato attraverso un corso di formazione a docenti di scuola primaria e secondaria di I e II grado di una ventina di scuole di Napoli e provincia e un workshop nel quale gli attori coinvolti (dirigenti scolastici, insegnanti e in alcuni casi gli allievi stessi) hanno ripensato e rielaborato attraverso progetti di architettura di interni, gli spazi delle proprie scuole secondo il paradigma scientifico “Embodied Cognition”.

Il progetto è nato con l’intento di riportare l’attenzione di dirigenti ed insegnanti sulla necessità di attualizzare il sistema educativo allineandolo alle profonde trasformazioni che hanno interessato e stanno interessando la società e di consentire loro di esplorare la possibilità di farlo “attraverso un intervento di rigenerazione e rifunzionalizzazione progettuale per rendere pedagogicamente funzionali le strutture secondo i moderni modelli di apprendimento, di educazione, di formazione e di benessere”¹

 

Dal panorama di esempi offerto dalle scuole intervenute al convegno è emerso uno scenario variegato all’interno del quale tuttavia si possono rintracciare caratteristiche e macro-problemi che interessano la scuola pubblica italiana. Ciò che è saltato immediatamente ai miei occhi di osservatore esterno, è la fatica e la lentezza con le quali la scuola in Italia evolve al suo interno rispetto alle mutazioni del mondo ad essa esterno. Ad incidere su tale divario sono innanzitutto problemi di ordine economico e pratico. La mancanza di risorse economiche adeguate, infatti, se talvolta rende ancora possibile alla scuola l’acquisto di strumenti innovativi, le impedisce di fare fronte alla manutenzione ordinaria e straordinaria, rendendo inefficienti e insicuri gli edifici scolastici. Di conseguenza la mancata sicurezza degli edifici, che dovrebbe essere invece garantita, si pone giustamente in testa alla lista delle priorità dei dirigenti scolastici, costituendo una zavorra rispetto al formarsi di ragionamenti in ambito pedagogico e in termini di innovazione ed offerta formativa.

Comune punto di partenza per quasi tutte le scuole intervenute era una pianta architettonica caratterizzata dalla rigidità distributiva degli spazi, rispecchiante un altrettanto utilizzo ingessato degli stessi. Nei progetti elaborati si è agito su tale rigidità attraverso la rimodulazione degli spazi, l’utilizzo del colore e l’impiego di nuovi arredi in favore di una maggiore fluidità, per favorire il benessere psico-fisico degli allievi e il loro sviluppo cognitivo, così come suggerisce l’ “Embodied Cognition” . Il ripensare agli spazi ha chiamato a sé l’individuazione di nuove funzioni, di nuove possibilità di aggregazione e scambio da offrire agli studenti, e viceversa, là dove la scuola aveva già sentito di avvicinarsi a nuove pratiche, sono stati adeguati gli spazi. Sale di lettura, laboratori, Fab-Lab non sono solo apparsi come spazi innovativi, fortemente incentivanti per lo sviluppo della creatività degli studenti e per l’elaborazione di percorsi interdisciplinari talvolta inediti, ma anche come occasioni per aprire la scuola alla collettività. La scuola infatti, attraverso questa opportunità di ripensamento di se stessa, si è riproposta alla comunità con un ruolo sociale fortificato, dandosi o ri-dandosi ad essa come spazio aperto di formazione, arricchimento e scambio culturale fruibile da tutti. In tal senso è da notare che quasi tutte le scuole hanno sentito l’esigenza di riappropriarsi e rifunzionalizzare anche i propri spazi esterni con la previsione di aule all’aperto, spazi dedicati allo sport o ad orti che hanno visto (in progetti anche già realizzati) la collaborazione dei cittadini.
È stato arricchente, commuovente e incoraggiante, vedere l’impegno di tanti docenti che con grinta e tenacia, in alcuni casi rispolverando la laurea in architettura e le antiche passioni personali, si sono alternati ad immaginare una scuola migliore e a raccontare una scuola che con ogni sforzo si è già mossa in questa direzione ottenendo ottimi risultati soprattutto in quartieri mortificati dalla povertà e dal degrado. Si è insomma delineato uno scenario povero di mezzi, ma ricco di passione, di creatività, energie mentali, buona volontà e determinazione.

L’esperienza ha mostrato quanto sia importante il dialogo e la cooperazione dei vari attori ricoprenti un ruolo politico e sociale, agenti sullo stesso territorio e operanti in settori diversi, e quanto questa cooperazione possa migliorare la qualità di vita del cittadino: l’importanza dell’Università nel guidare e diffondere la ricerca orientata all’analisi e al rinnovamento, l’Ordine degli Architetti nell’individuare i problemi sul territorio di competenza e svolgere l’importante funzione di connessione fra le varie forze, promuovere gli effetti della ricaduta dell’architettura sul comportamento delle persone, e infine la scuola, attore protagonista nella formazione degli individui che si pone alla base della società.

 

Poiché mi sembra interessante spostare lo sguardo dall’esterno all’interno del progetto, per comprenderlo da più angolazioni ho pensato di rivolgere alcune domande agli architetti Marco Borrelli e Paola Lista, entrambi ex consiglieri dell’Ordine APPC di Napoli, che sono stati referenti dell’Ordine all’interno del progetto.

Marco raccontaci, come è nata questa iniziativa in cui l’Ordine è stato protagonista?
M. B.: Allora, avendo già da circa sei mesi intrapreso un’esperienza in un gruppo di lavoro operativo sui temi della “qualità dell’architettura” sulla “cultura architettonica” e sui “grandi eventi per l’architettura” al CNAPPC (Consiglio Nazionale) ho cercato di trasporre i valori definiti all’interno di questa mia esperienza in esempi operativi in cui la valenza del sistema delle relazioni di una comunità possa diventare il perno centrale intorno a cui si muove il progetto di architettura.
Nel caso specifico improntato alla riorganizzazione e rifunzionalizzazione degli interni architettonici dei luoghi dell’istruzione, gli architetti hanno incontrato le comunità scolastiche per individuare le criticità degli spazi della relazione docente/discente così da favorire la definizione di nuovi concept condivisi sul modello di partecipazione “bottom up”. L’Ordine, in quanto ente che rappresenta l’attività dei professionisti progettisti sul territorio, vuole convergere con le esigenze delle varie comunità urbane entrando in forte sintonia nei processi di rigenerazione urbana, rispettando l’identità, i valori e la qualità ad essi associata. Dopo gli eventi nei tribunali, nelle scuole, e negli studi professionali con gli Open-Studiaperti 2018 si conferma la presenza attiva degli architetti all’interno della definizione della nuova scena urbana definita da un’architettura social-oriented e human centered.

Paola come è stato accolto dalle scuole? È stato difficile coordinare Università, Ordine e scuole? Che fine faranno i progetti a cui si è arrivati e che sono stati presentati nel convegno finale? Verranno realizzati o resteranno utopici?
P. L.: Cara Cristina, innanzitutto grazie per queste domande, poter finalmente parlare a tutti, ossia parlare di cose belle, divulgarle e farle conoscere è importante perché solo parlando, dando anche esempi di positività e lavoro vero sul campo, gli stessi alunni delle scuole, insieme ai loro docenti, condurranno “buone pratiche” e la famigerata cittadinanza attiva entrerà in azione!
La parola “difficile” fa parte del mestiere dell’insegnante: difficile è insegnare, ma è la sfida del liberare un ragionamento e farlo diventare da difficile, semplice.
Per cui, si è la mia risposta: è stato difficile coordinare l’Ordine degli Architetti, le scuole e l’Università, ma l’ho fatto con grande piacere, perché vedere dei colleghi docenti confrontarsi tra loro, volendo a tutti i costi progettare spazi più piacevoli, luoghi dove l’apprendimento diventi un sentire piacevole, allora tutto ciò mi ha dato molta carica.
Alcuni dei progetti che sono stati presentati al convegno finale già sono esempi di ambienti di apprendimento esistenti all’interno di strutture scolastiche presenti sul territorio della provincia di Napoli e della stessa città di Napoli. Altri progetti sono in divenire, e spero davvero che l’aver coinvolto i dirigenti scolastici e l’ufficio scolastico regionale dia e sia prova della voglia reale di modificare in meglio le scuole.
Si è pensato di creare nuovi “spazi-cerniera”, attrezzati per accogliere attività di partenariato con le comunità locali e gli organismi culturali e produttivi presenti sul territorio. In proposito, sono state sviluppate linee di collaborazione tra scuola ed extra scuola, nella prospettiva di un sistema formativo integrato.
L’idea pedagogica della didattica laboratoriale, già utilmente attiva nella prassi didattica di molte istituzioni scolastiche va estesa, realizzando “la scuola dei laboratori”. La congettura di Franco Frabboni della scuola dei laboratori, intesi come “officina di metodo”, capace di attivare stimolanti dinamiche di apprendimento con un’intensa “aggregazione-disaggregazione-riaggregazione” degli allievi, va attuata trasformando le aule in luoghi d’interazione tra il pensabile e il possibile, veri luoghi della creatività a tutto campo!
Credo fermamente in tutto ciò e lavoro perché questo si attui, almeno iniziando dalla cultura, dall’approccio culturale e poi passeremo a quello sostanziale, della vera e propria realizzazione progettuale.

——
Arch. Marco Borrelli: Ricercatore Universitario di Architettura d’Interni ed Allestimento presso il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.

Arch. Paola Lista: insegnante di “Disegno e Storia dell’Arte” presso Scuola Secondaria di Secondo Grado.
——

NOTE

¹ Filippo Gomez Paloma (Università degli Studi di Salerno), Marina Calò (I.C. Savio-Alfieri di Napoli) Marco Borrelli (Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”) Domenico Tafuri (Università degli Studi di Napoli Parthenope), Embodied Cognition Design. Experimental pedagogy between embodied cognition and architectural space, Giornale Italiano della Ricerca Educativa – Italian Journal of Educational Research © Pensa MultiMedia Editore srl – ISSN 2038-9736 (print) – ISSN 2038-9744 (on line) – (http://ojs.pensamultimedia.it/index.php/sird/article/viewFile/2544/2272 )

alcuni testi di riferimento:
Bruno Zevi, Saper vedere l’architettura, Einaudi, Torino
Lars Spuybroek, L’architettura del continuo, a cura di E.J.Pilia, Deleyva Editore, Roma
Gaston Bachelard, La poetica dello spazio, Dedalo, Bari
Wassilly Kandinsky, Punto, Linea, Superficie, Adelphi, Milano
Zani B. (a cura di), Sentirsi in/sicuri in città, il Mulino, Bologna

 

Appello in difesa del Complesso Scolastico di via Corradini ad Avezzano

21 febbraio 2011

Il Complesso Scolastico di via Corradini rappresenta un singolare esempio di architettura Decò degli anni 1920, caratterizzato da un’ampia e funzionale spazialità interna, da diffuse superfici verticali vetrate e da un particolare ordine architettonico “gigante” frutto di una rivisitazione in chiave neobarocca dei prospetti.

Inoltre il Complesso sviluppa enormi superfici esterne (giardini, cortili, ex asilo, ecc.).

Queste Scuole sono state costruite dopo l’evento sismico del 1915 che distrusse completamente Avezzano, a seguito del Regio Decreto-Legge del 29 Aprile 1915 n. 573.

Questo decreto seppur non illustrando una metodologia di calcolo, come riportata già da molti anni nelle Leggi più moderne, imponeva dettami ed obblighi costruttivi altamente anti-sismici, dettagliati e rigidi.

dscn0055l

La struttura muraria è ad incastro, completamente armata, le bucature sono strette ed alte, tutto l’edificio ha una configurazione geometrica circolare, a “ferro di cavallo”, compatta, chiusa e quindi maggiormente coerente e altamente resistente alla sollecitazione di torsione, caratteristica assai rara e inesistente nella maggior parte degli edifici contemporanei.

Ancora oggi, le scuole di via Corradini servono tutto il quartiere del centro, permettendo così alle famiglie che vi risiedono di recarsi ad accompagnare e riprendere i propri figli principalmente a piedi, senza utilizzare l’automobile. Accedere e fruire del centro storico di Avezzano a piedi significa avere già anticipato una funzionalità compatibile con la chiusura al traffico veicolare. In questo modo il centro si valorizzerebbe, poiché diventerebbe un’isola pedonale storica, sociale ed economica. La sosta, il passeggio, dovranno essere ancor più favoriti, poiché solo così si potrà stimolare l’economia del centro storico.

L’Attività scolastica e quella del Tribunale sono vita concreta e coinvolgono tante persone della città e non, costituiscono insieme un patrimonio che va preservato, in quanto operano in sinergia urbana. Tutto il centro storico è stato progettato nel 1918 dall’Ing. S. Bultrini elaborando un piano urbanistico complesso e globale, in cui si dava vita alla nuova città-giardino.

La scienza dell’urbanistica da lui seguita non è né vecchia e né superata, poiché teneva conto dell’ottimizzazione delle varie funzioni della città con l’obiettivo di creare un benessere sia economico che di vita; alterare queste funzioni significherebbe fare un “pasticciaccio” nel tessuto urbano del centro storico che certamente perderebbe sinergia, generando disagi funzionali, sociali ed economici. Inoltre, togliere queste scuole dal centro e costruirne di nuove in periferia significherebbe costringere le famiglie residenti a prendere obbligatoriamente l’automobile per spostarsi.

Questa vendita nasconde un’operazione puramente speculativa, in quanto si vorrebbe creare una scuola nuova ma di dimensioni molto più ridotte tutta in cemento armato, materiale che non offre sicure prestazioni anti-sismiche, il cui costo sarebbe esosissimo più di 10.000.000,00 di euro. Non sarebbe meglio restaurare la scuola anche spendendo qualche milione di euro?

Poiché questa è sicuramente anti-sismica e necessita solo di un machiage. Il Complesso Monumentale di via Corradini rappresenta, proprio perché scuola, il simbolo di rinascita della città di Avezzano dopo la distruzione del terremoto del 1915 e non possiamo permettere che venga cancellato con superficialità. Questo edificio è portatore non solo di una funzione storica e pedagogica importante ma ancora oggi custodisce il messaggio che le persone sopravvissute alla tragedia gli hanno affidato, “train de vie”, treno della vita che unisce le generazioni passate e future.

Inoltre, le scuole di via Corradini attualmente sono frequentate da circa 1.500 alunni, la scuola proposta avrebbe la capacità di ospitare solo 600/700 alunni. Tutti gli altri dovranno essere dirottati in altri istituti, magari privati?

Ci sono, in giro per l’Abruzzo, esempi di recenti costruzioni scolastiche bio-compatibili, altamente anti-sismiche, realizzate subito dopo il terremoto del 9 Aprile 2009, in 5/6 mesi (Goriano Sicoli), con materiali ed architetture bellissime e del costo ridotto (es.: 10 aule con refettorio, cucina, sala maestri, ecc. €800.000,00).

Oggetto della petizione:

Noi cittadini di Avezzano, chiediamo all’Amministrazione Comunale l’immediata interruzione della operazione di vendita delle scuole di via Corradini, affinché questo Complesso continui a svolgere la sua funzione di scuola elementare e media.

Chiediamo inoltre che l’Amministrazione elabori un Piano di Tutela e Recupero dall’edificato d’epoca dei villini della città-giardino di Bultrini e in generale delle costruzioni vecchie e di pregio, in modo tale che venga interrotto lo scempio che si opera ai danni di tutto il patrimonio storico architettonico che continuamente viene demolito.

TUTTI A SCUOLA …

Perché è necessario che le scuole rimangano qui

Perché il Complesso Scolastico di via Corradini ad Avezzano rappresenta un singolare esempio di architettura Decò degli anni 20’. Caratterizzato da un’ampia e funzionale spazialità interna, da diffuse superfici vetrate e da un particolare ordine architettonico “gigante” frutto di una rivisitazione in chiave neo barocca dei prospetti.

Perché gli Inglesi non stravolgerebbero mai gli edifici dell’Università di Cambridge sostituendo la loro funzione e trasferendo altrove l’Università.

Perché questa scuola è un simbolo di Avezzano, delle generazioni passate e future.

Perché contiene la storia di tante famiglie Avezzanesi.

Perché l’adeguamento degli edifici storici monumentali alle norme di sicurezza non è così costoso, in quanto esistono deroghe che permettono di ridurre il costo delle opere.

Perché questo Complesso fu costruito con caratteristiche anti-sismiche.

Perché è ormai il tempo di interrompere lo scempio dell’eliminazione di tanti edifici simili del centro storico (villini d’epoca).

Perché continuando così, Avezzano perderà anche altri edifici storici di riferimento come quelli di Piazza Torlonia e Piazza Castello (Comune, Arsa, ecc.).

Perché l’architettura è un valore, che nasce dal rapporto tra spazio urbano ed edificio nella sua globalità.

Perché la sola presenza delle facciate sarebbe una veste senz’anima.

Perché sventrando l’interno si vuole raddoppiare le cubature di utilizzo?

Perché è un monumento storico: questo Complesso nacque per servire la nuova area che nel 1920 sorse in località ”Melazzano” tra la Stazione e Villa Torlonia, edificata a seguito del terremoto del 1915 che colpì la città di Avezzano, distruggendone la totalità dell’edificato.

Perché ancora oggi, le scuole di via Corradini servono tutta questa area, permettendo così a tutte le famiglie che vi risiedono di recarsi ad accompagnare e riprendere i propri figli principalmente a piedi, senza utilizzare l’automobile.

Perché accedere e fruire del centro storico di Avezzano a piedi significa avere già anticipato una funzionalità compatibile con la chiusura al traffico veicolare.

Perché togliere queste scuole e costruirne di nuove in periferia significherebbe costringere queste famiglie a prendere obbligatoriamente l’automobile per spostarsi.

Perché forse è già stato deciso dove si dovrebbero trasferire le scuole? Ci sono già tanti edifici più periferici, polifunzionali, invenduti e non utilizzati a cui pagare lauti affitti?

Perché tutti i visitatori e turisti di Avezzano apprezzano questo Complesso storico.

Perché Avezzano vuole un centro storico vivo.

Perché è ora di modificare la politica di gestione del territorio, la città è di tutti e soprattutto dei bambini.

Perché allontanarli dal centro significherebbe allontanarli anche dalla piazza principale.

Perché è bello a mezzogiorno e mezza sentire le voci dei bambini che escono da scuola.

Guarda il video.

Italia terra di missioni

Oggi abbiamo tenuto un incontro con ragazzi e ragazze dell’ultimo anno della scuola superiore. Il tema era: tendenze e linguaggi dell’architettura contemporanea.

Non essendo studenti con grandi conoscenze di arte (non hanno questa materia), ho pensato che era meglio fare un ampio preambolo sul perché ci occupiamo di architettura e perché c’è bisogno di architettura contemporanea.

Forse, anche a detta delle colleghe di Amate l’Architettura presenti, è stata la parte migliore dell’incontro. I ragazzi, appena hanno capito che non c’era odore di accademia e si rispondeva con franchezza e senza usare un linguaggio tecnico, pur essendo mentalmente aperti (per fortuna lo si può essere a diciotto anni), hanno espresso le loro giuste perplessità di fronte a esiti dell’architettura contemporanea, citando come esempi una piazza di paese avulsa dal contesto del luogo, la famigerata teca dell’Ara Pacis, le mostruosità dell’edilizia economica e popolare degli ultimi trenta anni.

Come dare loro torto?
Eppure ho ribattuto che come nell’architettura antica anche in quella contemporanea ci sono architetti bravi e non; che un buon progetto al 50% dipende dal progettista ma che per il restante 50% deve avere un buon committente che deve seguirlo (mi piacerebbe dire braccarlo) in tutte le fasi progettuali, come nell’esperienza di alcuni amici che hanno partecipato a concorsi in Germania; che, infine, si deve fare l’abitudine all’architettura contemporanea. Ricordate negli anni ’50 e ’60 che il centro storico era considerato vecchio e la gente voleva abitare nelle zone nuove? Che sempre allora il centro storico costava poco per questo motivo? I quartieri nuovi andavano di moda.

E’ questa allora una questione squisitamente culturale: se negli anni ’50 le persone influenti erano gli intellettuali e gli artisti (mio padre me li additava come star quando li incontravamo) ora sono personaggi senza storia e cultura. La società ha marginalizzato la ricerca estetica (in realtà in  Italia si è abiurata qualsiasi ricerca) e le tensioni intellettuali, ma soprattutto, ha cancellato la pluralità dell’informazione.

Dall’assenza di architettura contemporanea a quella di latitanza della pianificazione/progetto architettonico il passo è stato breve, perciò le domande che sono state poste da questi ragazzi sono basilari: come è possibile che si costruisca in assenza di pianificazione (o in accordi di programma che è la stessa cosa)?

Se il consumo di territorio, l’espansione dissennata della città con i non luoghi (centri commerciali, ecc. ecc.), la mancanza di una politica urbanistica basata sul trasporto pubblico, sulla densificazione della città sono delle politiche suicide per la sostenibilità ambientale perché nessuno lo dice?
E quali sono le strategie per contrastare questo suicidio di massa?
La risposta che ho dato è univoca. Il progetto innanzi tutto.

Non possiamo rincorrere le lobby dei costruttori-proprietari fondiari, legate ai politici, per espandere una città. Sono loro che devono adeguarsi alla pianificazione che valuta quale è la soluzione più sostenibile a disposizione.

Ma se il progettista non ha più una posizione di rilievo nel processo edificatorio, se abbiamo una regolamentazione degli appalti e delle progettazioni orientata al massimo ribasso, se lìistituzione è un soggetto debole (e colluso) e non forte della pianificazione come possiamo invertire indirizzo inaccettabile?

Io credo che si invertirà da solo perché se abbiamo mangiato territorio in venti anni pari al Lazio e all’Abruzzo messi insieme. Se una persona che abita nelle periferie di una grande città deve alzarsi alle 4,30 del mattino per trovarsi al lavoro alle 8,00 (viaggiando con i mezzi pubblici), si è superata la soglia di sostenibilità. Quando le persone acquisiranno una conoscenza sufficiente del problema sarà però troppo tardi.

Quello che forse possiamo fare è accelerare questo processo tornando a formare una coscienza critica nelle persone. Ricominciando a parlare di architettura residenziale, sociale, di pianificazione (vera!), di architettura contemporanea (oddio, scusate mi è scappata l’eresia) con un promotore pubblico incalzato dalla consapevolezza delle persone.

Bisogna informare i giovani, quelli che hanno ancora forza per giocare duro in questa partita.
I ragazzi hanno diritto di sapere perché sono inquieti, nel senso che lo sono ma forse senza troppa consapevolezza di alcune cause del loro malessere.

Finita la stagione dell’impegno politico degli anni ’70 c’è stato un vero disimpegno nelle tematiche e nella ricerca dell’abitare.

La gestione del territorio è politica. Le gestione delle risorse finite è politica. Il diritto alla bellezza è politica.

E’ per questo che si evita accuratamente di parlarne sui mass-media. Si fanno volare sopra la testa della gente-catodizzata le decisioni che condizioneranno la loro esistenza e quella delle generazioni che li seguiranno.

L’Italia, l’ex Belpaese (o quello che ne rimane), deve essere nuovamente evangelizzata sulla bellezza come parte imprescindibile della qualità della vita.

P.S.

Dopo un’ora e mezzo di spiegazioni e divulgazioni sul linguaggio dell’architettura contemporanea, ho chiesto ai ragazzi che in precedenza mi avevano formulato riserve, se apprezzassero l’edificio della Stadthaus di R.Meyer a Ulm che stavo mostrando, edificio a mio modesto parere di grande rigore progettuale.

meyer

La risposta, per fortuna sincera, è stata negativa.

La considerazione che ho fatto è stata questa: al di là dei gusti personali, bisogna fare l’occhio alle cose. Quando l’architettura contemporanea sarà una pratica comune e non eccezionale potremo avere giudizi più sereni sugli edifici. Questa considerazione vale anche per i colleghi che si sono accapigliati su un post precedente.