Articoli marcati con tag ‘regolamento elezioni’

Elezioni per il rinnovo dei Consigli degli Ordini provinciali

30 Settembre 2009

Le novità principali sono state quindi la modifica della durata del mandato che è stato portato da due anni a quattro anni e il nuovo regolamento elettorale che prevede le elezioni in tre fasi: (art. 3 comma 5)

in prima votazione l’elezione è valida se ha votato un terzo degli aventi diritto, (per gli ordini con più di 1500 iscritti), la metà degli aventi diritto, (per gli ordini con meno di 1500 iscritti);

in seconda votazione l’elezione è valida se ha votato un quinto degli aventi diritto, (per gli ordini con più di 1500 iscritti), un quarto degli aventi diritto, (per gli ordini con meno di 1500 iscritti);

in terza votazione l’elezione è valida qualsiasi sia il numero dei votanti.

Quest’ultima novità è stata fondamentale per sbloccare le elezioni negli ordini più grandi dove, in precedenza, se non si raggiungeva il quorum si andava avanti all’infinito paralizzando di fatto ogni attività con un enorme spreco di energie inutili, potrebbe apparire un sistema poco democratico ma in realtà ogni iscritto oltre ad avere il diritto di votare ha anche il dovere di farlo recandosi nei seggi nei tempi previsti.

Per quanto riguarda i tempi e le modalità di voto si nota tra gli iscritti una certa confusione, il DPR 169 stabilisce che, (art. 3 comma 1), le elezioni devono essere indette almeno 50 giorni prima della sua scadenza e la votazione deve tenersi il quindicesimo giorno feriale successivo a quello in cui è stata indetta l’elezione medesima. Ora dato che le elezioni del 2005 sono iniziate lo stesso giorno in tutte le  province ma non sono finite in contemporanea, perché gli ordini più piccoli, che hanno facilità di raggiungere il quorum al primo o secondo turno, hanno concluso i lavori prima e quindi si sono insediati prima di quelli più grandi. Il problema che si è venuto a creare è stato quello di essersi insediati i primi giorni di ottobre 2005 e secondo quanto previsto dal DPR 169 le elezioni dovevano essere indette almeno 50 giorni prima, quindi nel mese di agosto, la problematica è stata fatta presente tramite il Consiglio Nazionale al Ministero della Giustizia competente in materia, il Ministero dopo aver promesso di concedere una proroga da inserire nel decreto milleproroghe, ha, all’ultimo momento, negato questa possibilità creando problemi ai consigli provinciali. Nel frattempo alcuni ordini, senza aspettare la risposta del Ministero, hanno anticipato le elezioni nel mese di giugno, gli altri sono stati obbligati a convocare le elezioni appena tornati dalle vacanze tra la fine di agosto e l’inizio di settembre. I tempi e le modalità di convocazione sono stabiliti dall’art. 3 comma 1-3, la prima votazione deve tenersi il quindicesimo giorno feriale successivo a quello in cui è stata indetta l’elezione. L’avviso di convocazione, negli ordini in cui il numero degli iscritti supera i 500, può tenere luogo dell’avviso, spedito per posta, la notizia della convocazione pubblicata almeno in un giornale per due volte consecutive. Il seggio elettorale deve essere aperto in prima convocazione per due giorni consecutivi feriali, in seconda convocazione per otto giorni feriali consecutivi, in terza votazione per dieci giorni feriali consecutivi.

Le candidature sono singole, ogni iscritto può candidarsi fino a sette giorni prima della data fissata per la prima votazione. Spesso si lamenta la tardività con cui si comunicano le date per le elezioni, in realtà la data di scadenza di ogni consiglio è ben nota sin dal suo insediamento perché la legge non prevede proroghe e di conseguenza l’organizzazione di eventuali liste può iniziare anche prima che vengano indette le date delle operazioni di voto.

Il numero dei consiglieri varia da un minimo di sette a un massimo di quindici, il Presidente viene nominato dal consiglio eletto, tutti i consiglieri compreso il Presidente non percepiscono uno stipendio hanno un gettone per le sedute di consiglio stabilito dai vari ordini.

Per una lettura completa del Decreto 169 si rimanda al seguente link: DPR 169