Articoli marcati con tag ‘professione’

Architetti nuovi poveri

2 Febbraio 2016

La difficile condizione lavorativa degli Architetti è sempre più sulle pagine dei giornali italiani ed anche noi, sul nostro canale facebook, assistiamo a dei veri e propri fenomeni virali di rete ogni volta che rilanciamo l’argomento.
Come associazione stiamo cercando di muoverci nella realtà innanzi tutto promulgando il dibattito per trovare, però, soluzioni e proposte che possano avere un peso ed un ascolto politico vero.
A questo link vi proponiamo il primo stralcio di una video-intervista a due giovani architetti Paola Ricciardi e Marco Lombardini, rispettivamente consigliere dell’Ordine di Roma e delegato Inarcassa di Roma.

12548849_10207368308919542_3569804508552181982_n2

12644827_10207368320399829_5442279819909569826_n

Perché le case crollano? Usereste un’auto d’epoca per fare la spesa?

2 Febbraio 2016

Al di la delle questioni giuridiche e delle responsabilità legali, su cui si esprimerà la magistratura, il crollo del Flaminio è significativo perché mette in evidenza un modo di affrontare le ristrutturazioni, che se non è indicativo di schizofrenia, denota certamente la presenza di un delirio di onnipotenza, a tutti i livelli.

È evidente che alla base della catastrofe ci sia stata l’incapacità di accettare il fatto che ci sono dei limiti all’utilizzo di un fabbricato che sono imposti dalle leggi della fisica, ma soprattutto dalla obsolescenza degli immobili.

Facciamo un esempio.

Tutti amiamo le auto d’epoca. Qui di seguito potete vedere un bellissimo esemplare di Isotta Fraschini Tipo 8A.

isotta-fraschini_8a-roadster_front-view

isotta-fraschini_8a-roadster_front-view, Di Luc106 - Opera propria, Pubblico dominio

Questa magnifica e lussuosa macchina è stata prodotta negli anni ’20.

Ora se ti sei comprato una Isotta Fraschini, dopo non puoi pretendere di utilizzarla come se fosse una Ferrari 488 GTB, ancora meno puoi pensare di usarla come un’utilitaria o un furgone da trasporto. Hai comprato un’auto d’epoca, devi accettare che circoli solo in determinate condizioni, che non possa raggiungere le velocità che desideri; magari puoi pensare di utilizzarla per un matrimonio ma non puoi pensare di andarci a fare la spesa tutti i giorni, di sicuro non la useresti per il trasporto dei mobili di casa.

Per intenderci questa è la foto di un furgone per il trasporto di frutta e verdura nel mercato di Jakarta.

Jacarta - foto di Giulio Pascali

Jakarta - foto di Giulio Pascali

Beh, capisco, non tutti aspirano ad avere un furgone. Molti ne possono fare a meno. E’ difficile però trovare uno che non desideri avere una ferrari. Questa è una 488 GTB. Tra una Ferrari e una Isotta Fraschini c’è una bella differenza; entrambe sono magnifiche automobili ma difficilmente ti compreresti una IS8a se la tua aspirazione è quella di andare da zero a cento in 5 secondi.

2015-03-03_geneva_motor_show_3911

Insomma se vuoi avere le prestazioni di una Ferrari ti compri una Ferrari, o no? E se non puoi permettertelo che fai? Modifichi il motore? Magari si, ma poi devi sapere che la carrozzeria resterà la stessa, l’aerodinamica, la meccanica non saranno idonee a sopportare un motore potenziato. Se superi i limiti, oltre a rischiare una denuncia per violazione del codice stradale è evidente che ti devi aspettare anche che la tua automobile non regga.

Così è avvenuto al Flaminio.

Evidentemente i due proprietari si sono comprati una casa d’epoca, ma avevano in testa i cinque punti di Le Corbusier; uno desiderava il tetto giardino, l’altro la pianta libera. Purtroppo si sono ritrovati un vecchio e pesante edificio residenziale degli anni ’30, fatto di muri portanti, ambienti piccoli e asfittici, finestre con aperture limitate, e tetti piastrellati: che noia!

Dopotutto li capisco, è opinione comune che le abitazioni di una volta siano quelle costruite meglio. Si dice in giro che le case di una volta siano migliori, più solide, più belle. D’altronde basta guardarle, tutto nella loro architettura esprime solidità: l’attacco a terra, il rapporto tra i pieni e i vuoti, la massa e il volume del fabbricato, il rigore tipologico, tutto contribuisce a dare un senso di sicurezza e durevolezza. Chi si sarebbe potuto immaginare che il palazzo non avrebbe retto a quattro vasi e un paio di pareti in meno.

Purtroppo la realtà non è sempre come ce la immaginiamo; si scopre che all’epoca eravamo in regime autarchico, quindi i materiali erano più scadenti, il cemento armato non era così diffuso, le strutture erano ancora in muratura portante, i solai tendevano ad imbarcarsi appoggiandosi anche sulle pareti non strutturali, dopo un po’ (come dovrebbe essere noto a chiunque abbia fatto l’esame di Statica 1 all’università) anche i tramezzi diventavano collaboranti. Si scopre anche che neppure ai bei tempi i costruttori brillavano per onestà; magari iniziavano i lavori per fare un edificio di sei piani, ma alla fine ti tiravano fuori un paio di piani in più.

Inoltre le case non sono come le auto, che le sposti come ti pare e le metti in garage quando non servono; le case sono immobili, appunto, dove le prendi, li rimangono. Se vuoi la casa in centro ti tocca prenderti quella che c’è; e ti tocca pure pagarla un sacco di soldi. È un problema di mercato, più ti avvicini al centro e più le case valgono; anche quando sono costruite male.

Se sei ricco è naturale che la casa te la compri dove costa di più: è una questione di status symbol. Ma se hai speso un sacco di soldi per comprarti casa, dopo come fai ad accettare che la casa non sia come più ti piace?

È per questo che in America in centro costruiscono i grattacieli. In America poi se una casa è vecchia, dopo un po’ la buttano giù e la ricostruiscono nuova, soprattutto se sei vicino al centro; così quando rivendi l’immobile, che costerà una fortuna, sei anche sicuro di vendere un prodotto che si avvicina alle esigenze di chi lo utilizzerà.

Per fortuna non siamo in America; a noi ci piacciono le cose antiche; anche quando non hanno alcun particolare valore estetico o storico; basta che abbiano passato la quarantina che già ci basta. D’altronde da noi esistono i centri storici, siamo circondati dalla storia, siamo abituati all’antichità; quindi un po’ la ricerchiamo, ci consola.

Non c’è nulla di male; siamo la vecchia Europa. I valori storici sono parte del nostro essere ed è giusto attribuire un valore anche agli aspetti culturali ed emotivi della città. Fino agli anni ’40 abbiamo allegramente sventrato e allargato i centri storici, ma oggi abbiamo capito che non era il caso, che bisognava smettere di demolire le cose antiche. Presi dallo slancio ci siamo abituati a conservare tutto, ma proprio tutto.

Solo che ogni tanto qualcuno si annoia e decide che si, le case antiche sono belle eh, ma vuoi mettere un’open space o un tetto giardino?

Purtroppo ogni tanto qualcuno si dimentica che bisogna anche avere la consapevolezza dei limiti, e dei costi, che comporta mantenere i valori affettivi.

Se le esigenze di utilizzo di un immobile sono tali da consigliarne la sostituzione, allora sarebbe bene prendere seriamente in considerazione la cosa, piuttosto che rischiare che un utilizzo improprio ne provochi la rottura o il crollo.

Nel suo saggio breve “Il Medium è il Massaggio” McLuhan sostiene che l’alienazione contemporanea sia in larga parte dovuta dall’ansia di voler utilizzare i nuovi strumenti con le stesse metodologie dei vecchi. Per capirci, ostinarsi a fare le orecchie sullo spigolo dell’iPad per segnarsi la pagina, insistere a ferrare le ruote della propria auto sono tutte azioni che ci possono creare un certo grado di alienazione.

In questo caso abbiamo invertito i termini; abbiamo pensato di poter chiedere ai vecchi strumenti delle prestazioni e delle funzionalità ottenibili solo con i nuovi mezzi. Gli effetti di questa incongruenza a volte emergono in maniera curiosa.

Prima che la curiosità dilaghi, e prima di puntare il dito sui singoli responsabili di questo crollo, sarebbe auspicabile che chi ha ruolo di governo di questa città cominci a prendere seriamente in considerazione l’ipotesi di avviare una vasta e sistematica revisione del patrimonio edilizio esistente; soprattutto quello costruito nei due dopoguerra che come sappiamo non brilla né per qualità estetica né per quella costruttiva.

Qualche anno fa ci hanno già provato ed è finita malamente, vediamo di ritentare, magari con qualcosa di più semplice ed efficace.

concorsi subprime

27 Dicembre 2015

schermata-2015-12-27-a-1025451

E’ uscito da alcuni giorni un concorso di idee denominato “Lighthouse sea hotel” gestito da YAC, che sta per Young Architect Competitions, un società che promuove concorsi di progettazione ed architettura, rivolti a giovani progettisti, neolaureati o ancora studenti.

Non è la prima volta che ci arrivano da YAC segnalazioni di concorsi e già in passato ne abbiamo dato notizia.

Stavolta abbiamo voluto approfondire il contenuto di questa competizione per verificare il valore della proposta. Siamo rimasti interdetti e vi proponiamo i risultati delle nostre analisi.

Il tema del concorso internazionale è la proposizione di una struttura turistico-alberghiera nell’area del faro del Capo Murro di Porco, a Siracusa.

La prima cosa (senz’altro la meno importante) che ci lascia perplessi è la presentazione del concorso: al breve testo delle “regole” sono accompagnati fotomontaggi di realizzazioni famose in contesti analoghi. E’ una operazione assimilabile ad una persuasione occulta della tipologia delle proposte desiderate. Forse é una svista ma suscita perplessità sotto l’aspetto della professionalità di YAC.

Leggendo le “regole”, dopo poche sommarie notizie storiche, il bando incentra l’attenzione sulla regione Sicilia, analizzando il contesto in sottocapitoli: sistema territoriale, sistema naturale, sistema di rete, sistema vincolistico.
La descrizione di quest’ultimo ci ha fato scattare un campanello d’allarme. Il sito riporta: “
pur nella tutela dei valori di ricerca propri del concorso, a motivo della rara qualità architettonica e paesistica espressa dal faro e dal proprio contesto, di seguito si riporta un elenco del genere di operazioni ammesse o vietate in seno alla competizione”. Segue poi un elenco di ciò che si può o non si può fare. Sinteticamente è ammessa l’edificazione ad un piano per 3000 mq massimo, all’interno del sito, che garantisca un disegno armonico con il paesaggio.

Il bando dà anche indicazioni su quattro possibili tipologie ricettive: il resort, il landscape hotel (per amanti della natura), il sea center, orientato a sport acquatici, ricerca e didattica sul mare e l’art hotel. Il tema del bando è sulla proposta del mix ricettivo unitamente a quella architettonica.

La domanda che ci siamo posti, leggendo il bando, è questa: se è un sistema di rara qualità architettonica e paesistica, possibile che non sia vincolato?

Facendo una semplice ricerca abbiamo scoperto che tutto il Plemmirio, la penisola in cui è compreso il faro è area marina protetta dal 2004.

schermata-2015-12-27-a-102741

Nell’area proposta dallo YAC la riserva marina è di tipo “A”, cioè integrale. Per capirci, in una riserva integrale non è consentita neanche la balneazione o la navigazione a remi. Si possono solo fare escursioni subacquee, con personale autorizzato, in rapporto non superiore 1/5.

Non si può fare quindi (giustamente) nulla.

Tuttavia YAC scrive che: “è ammessa la realizzazione di strutture galleggianti sulla costa, ed un eventuale collegamento fra il livello del mare e quello del faro”, anzi si spinge oltre: “Eleganti suite mimetizzate nel territorio, un prestigioso ristorante ed un raffinato attracco con incantevoli passeggiate panoramiche, sono solo alcune delle possibili suggestioni allineate con detta vision.” (attenzione vision non è un errore di battitura, questa gente scrive così).

Insomma in un concorso di idee, a quanto pare, si può proporre di tutto, fregandosene del contesto.
Ma che senso ha?

Vediamo di cucire insieme una serie di informazioni rilevabili dal web.

Su Wikipedia, alla voce “area marina protetta Plemmirio”, al paragrafo criticità, troviamo scritto: “Negli ultimi anni è sorta una polemica a causa del progetto, di una società svizzera, di costruire un villaggio turistico all’interno della Area marina Protetta. Il luogo dove dovrebbe sorgere la struttura è la cosiddetta “Pillirina” o Punta della Mola, oggetto di manifestazioni e comitati in difesa del territorio. La vicenda potrà dirsi totalmente chiusa solo se verrà istituita anche la riserva terrestre che bloccherebbe di fatto qualsiasi nuovo insediamento.

Inoltre, ed è il fatto più eclatante, quasi contemporaneamente è stato indetto un bando di gara per la concessione di 11 fari, tra cui Murro di Porco, nell’ambito di Valore Paese – Fari, una iniziativa promossa dall’Agenzia del Demanio.

schermata-2015-12-20-a-104637

Il bando (15_10_12_1_lotto-4_information-memorandum;15_10_12_2_lotto-4_allegati-information-memorandum), indetto il 5/10/2015 con scadenza il 12/01/2016, è volto alla valorizzazione delle strutture esistenti attraverso “offerte più vantaggiose” che si concretizzeranno in una concessione da 6 a 50 anni, accompagnate da elaborati attestanti la validità del programma di valorizzazione, da un piano di gestione, e da un cronoprogramma, uniti ad un progetto architettonico di recupero, restauro e ristrutturazione, con un dettaglio fino alla scala 1:200.

Attenzione però, nel bando del Demanio c’è un grimaldello che è il seguente: “Qualora la proposta di valorizzazione comporti una variante, si dovranno indicare le funzioni di progetto, esplicitando l’iter di adeguamento urbanistico previsto”.

Tiriamo allora una sintesi di tutto il ragionamento:

ad ottobre 2015 esce un bando di valorizzazione dei fari (dell’Agenzia del Demanio), con scadenza gennaio 2016, il bando prevede la valorizzazione di 11 fari lasciandosi uno spiraglio per varianti urbanistiche;
il 23 novembre 2015 YAC ci comunica il concorso di idee, con un’idea ben diversa riguardo alla valorizzazione, con scadenza 29/01/2016.
Tuttavia l’Agenzia del Demanio è presente in entrambi i bandi: nel primo come promotore, nel secondo come ente collaboratore e patrocinatore, avendo anche un suo membro in giuria.

Che senso ha promuovere due bandi quasi contemporanei, ma di impostazione così diversa, sullo stesso tema?

Per aiutare i giovani architetti? No.

Mentre le norme del concorso del demanio richiedono una comprovata esperienza (non è per giovani quindi), le regole del bando dello YAC prevedono che: “I partecipanti possono essere studenti, laureati, liberi professionisti; non è necessario essere esperti di discipline architettoniche o iscritti ad albi professionali.” L’importante è che ogni gruppo ospiti almeno un giovane tra i 18 e i 35 anni.
Se c’è già un bando finalizzato alla realizzazione di un’opera, a cosa serve il bando dello YAC, a giocare? A fornire un’alta occasione di riflessione sull’architettura?
Potrebbe essere così, se non fosse richiesta una tassa di iscrizione al concorso, fatto non scontato, che, messo insieme alla possibilità di partecipare tutti, anche agli studenti diciottenni di una scuola per estetisti di Hong Kong, fa assomigliare questa iniziativa ad una riffa.

Lo YAC è una società privata che ha tutto il diritto di promuovere queste iniziative, che sono, lo diciamo chiaramente, assolutamente legali. Quello che ci sconcerta è che a questi è stato dato il patrocinio del Demanio, del ConsiglioNazionale degli Architetti (che dovrebbe valorizzare la professione di architetto), dell’Ordine degli Architetti di Siracusa, delle Università La Sapienza di Roma, di Bologna e del Politecnico di Milano, tutti Enti volti allo sviluppo del patrimonio umano e dei giovani architetti italiani.

Può inoltre un concorso, patrocinato anche dall’area marina del Plemmirio non tenere conto dei vincoli di una riserva integrale, seppure per un concorso di idee?

Un ultimo dubbio infine. Non sarà che attraverso questo concorso, sostenuto, ricordiamolo da Riminifiera e patrocinato da Federalberghi, si vogliano cercare idee eclatanti da integrare al concorso per la valorizzazioni dei fari? E magari produrre una variante urbanistica?

Tante domande, nessuna risposta. Una sola cosa è certa: “cca dii picciotti ‘un ci nni futti nenti” (Qui non ci interessano i giovani).

Alla ricerca del lavoro perduto

21 Novembre 2015

img_1748

L’inizio della ricerca del lavoro è sempre uno scontro con la dura realtà ma, per un Architetto, può davvero riservare sorprese al limite dell’immaginabile, per la mia esperienza, indicative della attuale e, purtroppo, penosa situazione in cui versa la nostra amata professione a tutti i livelli.
Appena laureata, armata di belle speranze ma anche di volontà, ho iniziato “la ricerca” del mio primo lavoro attraverso internet che, sappiamo, è uno strumento libero ed alla portata di tutti ed è, o sembra, il “luogo” dove possono incontrarsi domanda ed offerta in modo limpido e meritocratico.

Così come molti ho fatto la normale trafila: si manda il proprio curriculum a studi, più o meno noti, ed affascinati dai rendering accattivanti che mostrano i siti, si spera ardentemente di entrare a far parte del team. Se il neolaureato è fortunato gli viene proposto uno stage non retribuito della durata di svariati mesi, da 3 a 9 in genere, e questo è il caso “standard”.

Ma si sa che la fantasia non manca nel nostro campo ed ognuno di noi “architetti con la crisi” ne ha viste delle belle!

Il caso più singolare che mi è capitato da neolaureata è stato sicuramente quello di uno studio di Roma. Il lavoro da svolgere era questo: ognuno dei (tanti) collaboratori doveva cercare, sempre su internet ed al suo pc, due concorsi e parteciparvi a nome dello studio. Il collaboratore che vinceva un concorso veniva pagato a un prezzo fisso molto basso (ben diverso dal premio!) perché il restante serviva per “finanziare altri concorsi”, mentre chi non vinceva nessun concorso non veniva semplicemente pagato lavorando, in pratica, solo per arricchire con i suoi render il portfolio dello studio. Quando ho ricevuto la mail che conteneva questa proposta sono rimasta a bocca aperta e non ho neanche risposto.

Un’altra illuminante esperienza l’ho avuta durante un colloquio presso uno studio di giovani architetti che mi hanno chiesto: “ma tu hai un pc portatile da portare qui in studio? Ma da quanto tempo ce l’hai? No perché se non è veloce non va bene, ci serve un collaboratore con pc portatile nuovo!!”, il tutto per la miserrima “paga” di 150 euro al mese full time anche di sabato! Purtroppo o per fortuna, col senno di poi, non avevo e non ho un pc portatile performante e quindi mi hanno scartata senza neanche avvertirmi, naturalmente.

Il divertimento maggiore tra neolaureati era raccontarsi le esperienze di colloqui e le risposte che ricevevamo alle mail che mandavamo, con tanto di curricula e portfolii pieni di rendering e speranze universitarie. Ricordo che ad una mia amica e collega hanno avuto il coraggio di proporre come rimborso spese “150 euro + panini” per un tirocinio full time, un’altra lavora a tutt’oggi (5 anni dopo) per un architetto che le dà un fisso di 800 euro al mese e fa lei tutto il lavoro: progettazione, direzione dei lavori, pratica amministrativa e firma. Uno dei più bravi tra i miei colleghi lavora all’Ikea, ed è felice.

Ma io ero determinata a fare esperienza e farmi pagare.
Finalmente, dopo 6 mesi, trovai uno studio che mi prese a 400 euro al mese full time per 9 ore di lavoro al giorno: ero felicissima.
Rientravo in uno dei migliori casi in cui può incorrere un neolaureato e mi diedi molto da fare, peccato che, se prima eravamo due collaboratrici di studio, dopo tre mesi ero rimasta l’unica superstite con il doppio del carico alla stessa paga ed ovviamente, non riuscendo mai a finire entro le 19.30, con conseguente orario di lavoro tragicamente dilatato a mie spese.
Continuavano però ad entrare nuovi lavori e così, con un po’ di coraggio, feci la ingenua richiesta di un aumento e la risposta non fu un “no”, che avrei comunque apprezzato visto che la chiarezza vince sempre, ma un “vediamo, dai, dal mese prossimo”; bene, manco a dirlo, la frase è stata ripetuta per i successivi tre mesi.
Fortunatamente era estate e la mia voglia di andare al mare mi ha fatto avere il buon senso di abbandonare la baracca.

Dopo quasi un anno e un bel po’ di esperienza in più, cercando di nuovo lavoro, mi sono imbattuta in un gruppo di architetti e grafici che mi hanno chiamata per un colloquio che vale la pena raccontare: alle 3 di pomeriggio, con un caldo da morire, l’architetto “capo”, un signore molto robusto e “paffutello” di età 75 anni circa, mi fa la fatidica domanda “architetto, ma lei è fidanzata?” io davvero quasi non potevo trattenermi dal ridere ma devo dire che a volte l’apparenza inganna e quindi non si pensi che questo distinto signore volesse provarci!! No! Era molto serio invece, infatti, da precedenti domande che mi aveva posto come “ma lei quindi non è di Roma? Va spesso a trovare la sua famiglia? I suoi amici si trovano a Roma?” ho capito, solo dopo, che non era l’istinto sessuale a spingerlo su un terreno imbarazzante, più per lui che per me, ma le stesse ragioni del lupo cattivo della favola Cappuccetto rosso: “… è per sfruttarti meglio!!”

Ma non finisce qui! La più allucinante però è capitata ad un mio amico che ha fatto un colloquio presso l’abitazione di un architetto molto facoltoso ed amante dell’arte nella sua casa di Prati. Il povero mal capitato s’è trovato sottobraccio a questo anziano signore con “atteggiamenti ambigui” e di fronte ad un garbato ma fermo rifiuto delle profferte del potenziale datore di lavoro “il lavoro” è diventato in un batter di ciglia un tirocinio non retribuito con una sola via e prospettiva dichiarata: “poi se ci sono i finanziamenti…”; ogni cosa ha il suo prezzo, evidentemente.

Nel frattempo e, fortunatamente, ho incontrato anche persone corrette a riprova che non bisogna mai perdere le speranze e, grazie a ciò che ho imparato proprio da queste ultime, sto cercando dei lavoretti per conto mio per farmi in qualche modo conoscere.

Come 5 anni fa, non avendo parenti o amici che necessitino di lavori a casa, mi sono rivolta di nuovo al famigerato amico internet.

Ed ecco che si è riaperto il vortice! Tra architetti che svendono certificazioni energetiche su Groupon a 35 euro (vorrei chiedere a questi colleghi se hanno trovato un avanzatissimo rilevatore satellitare a ultrasuoni nell’uovo di Pasqua… come fanno il rilievo obbligatorio?) e quelli che per 300 euro  offrono un progetto di ristrutturazione completo ovunque in Italia e nel mondo (genius loci… una cosa che si vende su ebay?), sono però incappata in una proposta davvero interessante, la più interessante di tutte:  dall’invitante  nome  “a cena con l’architetto”  (probabilmente si ispira al titolo del film “la cena dei cretini”) è una sorta di contest aperto a clienti e progettisti e riesce a essere peggio del noto portale Cocontest che già di per sé agisce con meccanismi dubbi.

Funziona così: il potenziale cliente/utente va su facebook alla fan page dell’iniziativa e posta le foto e le piantine degli ambienti che vuole ristrutturare. Gli architetti (o studenti di architettura, poverini perché no?!) si iscrivono alla fan page e cliccano “mi piace” sulle foto degli ambienti che vorrebbero ristrutturare. Dopo un mese le richieste più “mipiaciate” vengono messe a bando interno e i progettisti pubblicano le loro proposte, sempre sulla pagina facebook. Il progetto più “mipiaciato” vince! Che fortuna! Il progettista vince nientepopodimenoche… 100 euro! E in più gli viene offerta persino una cena con il cliente in cui gli tocca pure dargli consigli sul colore delle piastrelle del bagno! Lungi dal progettista pensare di svolgere veramente il lavoro e prendersi il dovuto compenso! Geniali, davvero.

La conseguenza va ben oltre l’inevitabile perdita di qualità del progetto: la standardizzazione delle soluzioni progettuali, dovuta alla sempre maggiore rapidità e del minimo costo richiesti, elimina, purtroppo, tutta una serie di fattori indispensabili al lavoro dell’architetto:  la visita del luogo da ristrutturare, il rilievo, la riflessione, l’ascolto delle reali esigenze del cliente, la ricerca, l’elaborazione di più soluzioni, il dialogo col cliente, l’approdo alla soluzione finale.

In pratica elimina la nostra professionalità e la scelta per il committente.

Solo noi architetti possiamo far rispettare e valorizzare la nostra professione ed abbiamo l’obbligo morale di farlo anche se siamo disperatamente alla ricerca di lavoro.
La politica al ribasso non funziona mai ed il lavoro va pagato sempre e se non viene pagato bisogna rifiutarlo e chiamarlo con il suo nome: sfruttamento.



Editing: Daniela Maruotti
Immagini: da archivio pubblico

Non è un paese per architetti (giovani)

19 Settembre 2015

Mentre cammino sotto i portici di via Altinate, rimbalzano tra le pareti della mia calotta cranica le notizie lette in questi giorni nel corso delle mie ricerche sulla disoccupazione giovanile a Padova. Lo scenario appare inquietante: la percentuale di giovani disoccupati è oltre il 32%, triste primato regionale. Cammino e incrocio ragazzi con borse a tracolla, piene di libri, che a passo spedito si avviano verso la zona universitaria del Portello; spediti e sereni, lo si vede.

Ci troviamo in via Altinate, al Centro San Gaetano, vado lì di solito”

Facciamo pure alle dieci, con calma, tanto non ho nulla da fare”

Però metti un nome inventato, capito?”

padova_3_crop_605

Arrivo al Centro San Gaetano e in attesa di Andrea (eccolo il nome inventato, la scelta non è stata per nulla facile: Google – nome più diffuso in Italia – Andrea) ordino un caffè al bar di fronte. Mentre sorseggio sfoglio il giornale con in prima pagina la notizia del suicidio di un ragazzo di 23 anni nel Trevigiano. Proprio oggi. Il quotidiano dà per scontata la causa scatenante il drammatico gesto: l’assenza di lavoro. Resta sempre difficile da credere e talvolta si ha, anzi, l’impressione che si speculi un pochino sulla crisi, che questa “venda” perché capro espiatorio, perché attenuante per gli insuccessi della vita di chi legge o ascolta la notizia. Ma è solo un’impressione, appunto, per questo ho deciso di intervistare un mio amico che al momento è disoccupato, per provare a capire. Andrea ha 29 anni, è di Padova, è alto, capelli e occhi neri, si è laureato da più di due anni in architettura e ha passato il primo anno post laurea tra esame di stato e uno stage in Spagna, in uno studio professionale. È tornato in Italia e da un anno è alla ricerca di lavoro nel suo campo.

Eccolo che arriva.

“Dove me la vuoi fare questa intervista, giornalista?” sorride ironicamente, venendomi incontro. Come posso biasimarlo, dalla mia pelle trasuda dilettantismo.

“Dove vuoi, fa lo stesso”

“Allora vieni con me, volevi vedere come passo la giornata, giusto? La biblioteca è al secondo piano”

Entriamo nell’edificio e do un’occhiata in giro: al piano terra ci sono un ristorante, un’aula studio e una corte interna splendidamente illuminata, tramite la copertura in vetro, da luce naturale. Prendiamo gli ascensori nuovi di zecca e saliamo al secondo piano.

“Vengo qui perché c’è internet libero, così posso collegarmi e inviare curriculum stando fuori casa. A star chiuso in appartamento tutto il giorno impazzirei altrimenti”, mi dice Andrea con la voce un po’ più bassa. “Mi piace, è un ambiente accogliente”.

Accediamo allo spazio a ferro di cavallo della biblioteca. Ci sediamo a uno dei tavolini in prossimità della vetrata che dà sulla luminosa corte dove stanno sistemando le sedie per una conferenza. È un posto confortevole, c’è quell’atmosfera di calma e pace che le biblioteche sanno trasmettere. Andrea cerca la presa, sotto il tavolino.

“Dammi un attimo, ci sono. Ti faccio leggere la mail che mi è arrivata oggi, così cominci a farti un’idea.”

Caro Andrea, grazie per averci scritto e per averci inviato i tuoi dati, che conserveremo.
Purtroppo siamo uno studio molto giovane e non potremmo offrirti quello che meriti, cioè una retribuzione appropriata. In bocca al lupo per tutto,
Antonella

“Eccola qui la mail tipo: non possiamo pagare. Tanti propongono collaborazioni gratuite, altri ancora tirocini post laurea, ma io son laureato da 2 anni. Però ricevo sempre complimenti nelle mail di risposta. Ho fatto un bel percorso, mi dicono, un percorso della Madonna”. Sorride ironicamente, Andrea.

Cominciamo. Come va la ricerca di lavoro?

Difficile, tremendamente difficile. Sembra che nessuno abbia più i soldi per pagare uno stipendio, non dico da 1000, ma nemmeno da 500 euro al mese. Da quando ho cominciato la ricerca di lavoro in Italia, dopo l’esperienza spagnola, è stato un vero calvario. Ho inviato inizialmente mail a tutti, ma proprio tutti, gli studi di architettura a Padova. Ho preparato un bel curriculum aggiornato e il portfolio coi lavori realizzati. Risultato? Zero assoluto! Mi sono presentato anche fisicamente in alcuni studi perché mi avevano suggerito potesse funzionare ma non è servito a nulla. Dopo Padova ho inviato cv in altre città italiane, partendo da quelle vicine, come Verona, Mestre e Treviso, e finendo a Catania e Palermo.

Qualche risposta?

Dopo un bel po’, da Bologna, uno studio giovane, con ragazzi simpatici e collaboratori internazionali. Bell’ambiente, mi proponevano una collaborazione per la partecipare ad un concorso di architettura: in caso di vittoria avremmo diviso il premio e lavorato assieme al progetto. Ho accettato, più per la voglia di ampliare la mia esperienza che per la speranza in sé di vincere il concorso. Ho guadagnato zero euro e il viaggio in treno era di 3 ore tra andata e ritorno, ogni giorno, ma ho accettato. L’esperienza è stata sicuramente positiva ma, terminato il concorso, è terminata anche la collaborazione.

Il concorso com’è andato?

Niente, non abbiamo vinto.

padova_1_crop_605

E poi?

Poi continua la ricerca, sempre più faticosa, perché le possibilità, dopo che hai già sparato revolverate di cv, si restringono. Ho cominciato a cercare anche lavoretti part-time per mantenermi. Ho dovuto fare un cv apposta: se vedono che sei laureato non ti considerano per certi lavori e comunque cercano gente con esperienza dappertutto: c’è talmente fame di lavoro e le aziende hanno talmente tanta scelta nel grande serbatoio della disoccupazione, che possono permettersi di selezionare il meglio. Per fortuna, però, in quel periodo un mio amico gestiva una bancarella in un festival e mi ha chiesto una mano: 40 euro a sera, più di quanto avessi guadagnato fino ad allora con l’architettura.

Continua pure…

In quel periodo ricevo una risposta da uno studio di Varese. Ci vado. 70 euro di treno tra andata e ritorno, 4 ore di viaggio con cambio a Milano dove, oltre al treno, cambio pure d’abito, nei bagni della Centrale di Milano. Il colloquio va alla grande, la tipa a capo dello studio mi dice che gli piaccio e che non le dispiacerebbe affatto lavorare con me. Mi parla di stipendio, mi parla di assunzione e non di partita Iva: incredibile! Tutta questa positività viene spenta però verso la fine del colloquio, quando mi spiega quanto sia difficile il periodo e di come lo studio sia passato da 20 a 7 dipendenti, negli ultimi tempi. Mi fa capire che il tutto è comunque vincolato a un lavoro importante che dovrebbe venir loro commissionato.

E il lavoro non arriva…

Esatto, quindi tanti saluti. Passa l’estate e fortunatamente, grazie a un amico, trovo un posto da magazziniere all’Ibs (libreria, nda), 1000 euro per un mese, pagamento con voucher e puntuale, una boccata d’ossigeno. All’Ibs c’era gente laureata, gente con dottorato alle spalle e tutti disperatamente aggrappati a questo breve lavoretto, uno spaccato terribile di Italia. Si era creata una sorta di solidarietà tra noi, accomunati da questo strano destino.

Non pensavo fosse così complicata la situazione.

Lavorare come architetto è un lusso, ormai. Un mio amico è stato preso in prova in uno studio: 4 mesi a zero euro. Dopo questo periodo, se a loro andrà bene, gli aumenteranno lo stipendio a 500 euro al mese. 500 al mese per un lavoro che comporta responsabilità, che comporta il dover stare a lavorare spesso più delle 8 ore canoniche, che comporta conoscenze tecniche, cultura storico-architettonica, che comporta saper usare minimo 4 o 5 software per lo sviluppo e la presentazione del progetto. Io comincio a pensare che questi studi ne approfittino: cavalcano come dei surfisti l’onda della crisi per non pagare. Hanno un serbatoio immenso di giovani architetti neolaureati a cui possono far fare tirocini gratuiti, senza che nessuno dica nulla. Li usano a rotazione: quando finisce il periodo di tirocinio, dentro gente nuova, carne fresca. E non è possibile ribellarsi a questa situazione perché tanto ci sarà sempre dietro di te qualcuno pronto ad accettare le condizioni imposte dai datori di lavoro. È un meccanismo asfissiante.

E all’estero?

Ci penso, come no. Ma servono tanti soldi e poi se uno si muove verso città come Londra o Parigi la competizione è fortissima e non è affatto facile. E poi io ora voglio vivere qui, perché è il mio Paese. Io continuo a sperare di trovar qualcosa in Italia.

È arrivata l’ora di pranzo. Ci alziamo dal tavolo e vedo Andrea rovistare nello zaino e prendere un sacchetto con dentro dei panini fatti in casa. Usciamo dalla biblioteca.

“Andiamo ai Giardini dell’Arena a mangiare, son due minuti da qui, tagliando per via Giulio”, dice Andrea.

Arrivati al parco ci sediamo su una panchina.

“Ecco la mia giornata, panini col salame e 7-8 ore al giorno in biblioteca a mandare curriculum”, riprende Andrea con un sorriso amaro.

“ Lo schermo del pc diventa come una finestra su un mondo nel quale mi immergo totalmente, è come se la realtà circostante fosse lontana. Perché mentre invio le mail mi si attivano meccanismi mentali che non son facili da gestire, meccanismi negativi il più delle volte. Passo tanto tempo sul pc perché comunque, se facessi altro, mi sentirei in colpa. Cercare lavoro è più faticoso di lavorare, senti maggiormente lo scorrere del tempo.

I tuoi amici lavorano?

Qualcuno sta cercando come me, qualcuno invece se n’è andato all’estero e qualcuno, ovviamente, lavora. Non li vedo affatto soddisfatti però, mi raccontano di rapporti professionali con la partita Iva, mi parlano delle poche tutele, mi parlano di quanto poco guadagnano e di che bassa pensione riceveranno.

Com’è il rapporto con gli amici che lavorano, ti pesa il fatto di non lavorare?

Posso raccontarmi tutte le storie del mondo ma quando rivedo un amico che mi chiede come mi stia andando, mi coglie una brutta sensazione. Un misto tra imbarazzo e vergogna, un giustificare il fatto di non avere ancora un lavoro, a differenza sua. Qui in Veneto, a torto o a ragione, mi pare che il lavoro sia una religione, un credo, e il fatto di non averlo ti porta a guardare qualche volta a te stesso come a una persona che ha un qualcosa in meno rispetto alle esigenze della società. Un menomato sociale.

E la tua famiglia? Come vive questa situazione?

Il fatto di riuscire a star fuori di casa, in qualche maniera, dà sollievo a un’atmosfera che altrimenti sarebbe pesante. Certe volte mi sento in colpa nei loro confronti, per tutti i soldi che hanno investito per farmi studiare, però non ci posso fare nulla. Loro comunque rimangono un appoggio fondamentale

padova_2_crop_605

Pensi di avere delle responsabilità per questa tua situazione?

Certe volte penso che sia colpa mia, che avrei dovuto avere più fame, certe, invece, penso di aver sbagliato qualcosa nel mio percorso. Forse ad andare in Spagna, forse avrei dovuto cominciare a cercare subito lavoro qui. Certi altri giorni invece mi dico che quella esperienza mi ha dato tanto sotto il profilo umano e anche professionale, quindi no, non ho sbagliato. Dipende.

Finito il panino ci fumiamo una sigaretta, in silenzio, e ci incamminiamo per ritornare alla biblioteca. Lo seguo un mezzo passo più indietro e una volta arrivati all’ingresso del centro ci salutiamo.

La passeggiata verso casa durerà un quarto d’ora e allora meglio farsi compagnia con un po’ di radio. Estraggo lo smartphone dalla tasca sinistra, accendo e inserisco le cuffie. Mi viene un sorriso ascoltando la notizia del giornale radio in quel momento in onda:

Laureati emigranti, un capitale umano costato 23 miliardi che l’Italia regala: i nostri giovani studiano nelle scuole pubbliche fin dalle elementari poi trovano un posto in Germania, Regno Unito, Brasile. Uno spreco enorme nell’indifferenza.

Proprio oggi.

(Nota – foto di accompagnamento di Giulio Paolo Calcaprina: Padova Caffé Pedrocchi, Università di Padova – Cortile vecchio Palazzo del Bo, Università di Padova – Cortile nuovo Palazzo del Bo)

Dignità Autonoma di Progettazione

16 Luglio 2015

E’ in scena a Roma in questi giorni DAdP – Dignità Autonome di Prostituzione, uno spettacolo fantasmagorico messo in scena da Luciano Melchionna su un format di Betta Cianchini e Luciano Melchionna. In questi giorni fino al 1° agosto, sono di scena a Roma a Cinecittà.

La formula si basa su un meccanismo semplice che risponde alla domanda: che valore dareste all’Arte?

dsc_0001_5

In base a questo semplice principio agli spettatori vengono consegnati 8 bei dollaroni (finti ovviamente) da spendere scegliendo tra gli oltre 40 attori che si propongono “prostituendosi” per convincerti ad andare con lui; lo spettatore sceglie l’attore che più lo ispira, insieme si spostano in un luogo separato dove l’attore svolgerà la sua prestazione, ma non prima di averne contrattato il giusto prezzo.

C’e da dire che la scelta è in qualche modo obbligata. Nella confusione (sarebbe appropriato dire nel casino) che si crea al momento della scelta, si rimane frastornati dalla diversità e dalla quantità di possibilità, delle quali in effetti si sa poco o nulla; si finisce per andare con il primo che capita o, (come avviene anche nella realtà) con quello che si conosce (il solito amico) oppure con quello che ti suggerisce chi ha già visto lo spettacolo (il solito passaparola).

Daltronde anche con gli architetti succede così, se non sei un’Archistar la maggior parte degli incarichi avvengono tramite gli amici e gli amici degli amici.

dsc_0019_5

Al momento della contrattazione sei costretto ad attribuire un valore al buio, senza sapere se la prestazione che riceverai sarà adeguata alle tue esigenze ed aspettative. Poco importa, perche in quel momento l’attore è li per te, ti sta offrendo il suo tempo e le sue capacità ed è giusto riconoscergli qualcosa anche solo per questo tempo perso; lui ti sta dedicando alcuni minuti della sua esistenza e lo sta facendo al massimo delle sue capacità; siete insieme in un ritaglio di mondo (tu lui e altri quattro sgangherati che è riuscito a raccogliere per strada); che valore daresti a questo ritaglio di vita?

Alla fine ci si rende conto che nessun attore va mai sotto il “minimo sindacale” (se volete scoprire quanto è, andate a vedere lo spettacolo). Se la prestazione sarà particolarmente gradita si fa sempre a tempo a dare qualcosa in più dopo……

Non è così che funziona anche nella professione? L’architetto non si ritrova a lavorare per clienti che non sanno nulla delle loro effettive capacità (al massimo un sentito dire….) e non è così che dovrebbe essere? che la prestazione del professionista dovrebbe essere pagata sempre e comunque, almeno un minimo?

Qui ci sta bene l’Art. 36 della costituzione: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.”

dsc_0012_5

Lo spettacolo finisce in una grande baraonda collettiva all’interno di un tendone da circo, dove attori e spettatori si ritrovano insieme mischiati, mentre al centro si alternano cantanti, musicisti, pagliacci, ospiti e comparse; si finisce con il non sapere più qual è la nostra parte della scena; siamo noi ad applaudire loro oppure sono loro che applaudono noi? infatti alla fine dello spettacolo i “performers” se ne vanno all’improvviso lasciando gli spettatori soli nel bel mezzo della scena, tanto che ti viene il dubbio che sia venuto il tuo momento per salire sul palco. Invece no, in effetti è solo il momento di andarsene, non prima di avere salutato tutti all’uscita, da buoni fratelli e compagni di viaggio.

L’arte si paga, le cose che hanno un valore si pagano, la vita stessa si paga perchè è un valore. Questi saltimbanchi che si svendono al migliore offerente ce lo ricordano con allegra malinconia.

dsc_0022_5

dsc_0010_5

Siamo Architetti o mestieranti?

6 Febbraio 2015

Andrea Cascioli con questo post “La formazione del fumettista”, con poche parole semplici e sintetiche risponde alla domanda su cosa sia importante per il suo lavoro.

Poche parole brillanti applicabili a qualsiasi professione di natura creativa.

“La forma mentis, è importante.
Non sentirsi bravi, è importante.
La narrazione, è importante.
Un fumettista, come uno sceneggiatore, come un regista, come un attore, è al servizio della storia.
Non dell’Arte, non dell’applauso, non del proprio ego; della storia da raccontare.”

Cascioli è un disegnatore, famoso per essere il principale disegnatore di Nathan Never, eppure le sue parole sono facilmente trasponibili al mestiere di Architetto, soprattutto quando si inserisce in quel perenne dibattito sulla differenza tra Arte e mestiere, che riecheggia sistematicamente nelle polemiche tra Architettura ed edilizia.

“Non sono un Artista, sono un artigiano.
“Ma chi decide cosa è arte e cosa è artigianato?”
a) La risposta pragmatica è: “Il mercato, lo decide”.
b) La risposta oggettiva è: “Il vocabolario, lo decide”.
c) La risposta soggettiva è: “Il gusto del lettore, lo decide”.
Dipende dai punti di vista, non ne esiste uno univoco nemmeno in medicina, figuriamoci per un argomento così pieno di variabili e di eccezioni.
Fondamentalmente però, direi che se ti provoca emozione, se sposta qualcosa nella Storia dell’Arte, se crea un precedente, se traccia un solco che altri seguiranno, l’artigianato diventa Arte.
Insomma, lo decidono coloro i quali ci seguiranno in futuro nel percorso artistico (in caso ce ne fossero, beninteso), non lo decidiamo noi, tantomeno oggi.
Mettiamoci l’anima in pace, perché anche se fosse lo sapremmo dopo molti anni.
Perdere tutto quel tempo ad aspettare una conferma non ha senso, il lavoro vuole tempi veloci, certezze attuali e compensi economici a breve giro di posta.
Siamo artigiani, fino a futura prova contraria che certificherà se siamo o non siamo stati Artisti.
Qualora ne fossimo attualmente convinti, saremmo già dei pessimi narratori, tutti presi dal pensiero di appartenere all’Arte e agli applausi, piuttosto che di essere al servizio della storia.”

Con poche parole quindi Cascioli sgombra il campo su una delle questioni più irrisolte della professione di architetto. Dove si colloca l’Architettura? che cosa fa di un professionista, un Architetto? La consapevolezza della irrisolvibilità del dilemma non può che portare ad un atteggiamento di umiltà nei confronti del mestiere. Siamo tutti mestieranti di qualcosa che forse domani qualcuno riconoscerà come Architettura.

Non c’è soluzione se non quella umile di ammettere la nostra perfettibilità. L’Architetto è un mestiere al servizio di altri obbiettivi. Quello che per un disegnatore è l’esigenza di narrare una storia, per l’architetto è il fornire risposte ad esigenze sociali e urbane attraverso il dispiegamento di forme e spazi; anche l’Architettura è fatta di una sua narrazione, dettata dalle esigenze di chi poi dovrà utilizzare quegli spazi e godere di quelle forme. Non è una posizione meramente funzionalista; anche l’estetica e l’invenzione creativa nascono per dare risoluzione ai bisogni ed alle esigenze urbane.

Non c’è atteggiamento corretto se non quello del miglioramento continuo, permanente, del proprio mestiere ma anche dell’idea stessa di Architettura che nel nostro mestiere intendiamo perseguire.

Se il nostro mestiere sarà degno di essere chiamato Architettura, lo si vedrà con il tempo; nel caso dell’Architettura potrebbero volerci secoli, fino a quando sarà possibile rileggere in maniera organica il continuum urbano inevitabilmente interrotto dalle nostre opere.

La narrazione in Architettura non è che un gioco di relazioni tra fenomeni urbani, sui quali spesso l’Architetto incide poco o niente.

Ecco allora proverei a trasporre in questa maniera:

La forma mentis è importante.
Non sentirsi bravi, è importante.
Le esigenze della città, sono importanti.
Un Architetto, come un politico, come l’impresa, è al servizio delle esigenze della città.
Non dell’Arte, non dell’applauso, non del proprio ego; ma della città da svelare.”

Ma chi decide cosa è Architettura e cosa è edilizia?”
a) La risposta pragmatica è: “Il mercato, lo decide”.
b) La risposta oggettiva è: “Il vocabolario, lo decide”.
c) La risposta soggettiva è: “Il gusto di chi utilizza la città, lo decide”.
Dipende dai punti di vista, non ne esiste uno univoco nemmeno in medicina, figuriamoci per un argomento così pieno di variabili e di eccezioni.
Fondamentalmente però, direi che se ti provoca emozione, se sposta qualcosa nella Storia dell’Arte, se crea un precedente, se traccia un solco che altri seguiranno, l’edilizia diventa Architettura.