Articoli marcati con tag ‘pasolini’

Open House Roma 2017 – Insieme per il Trullo

Amate l’Architettura da sempre interessata e vicina alla divulgazione delle peculiarità nascoste all’interno delle periferie, ha deciso, in occasione di Open House 2017, di occuparsi di uno dei quartieri che negli ultimi anni si è distinto per la forte partecipazione degli abitanti e che ha dato origine ad una riqualificazione intesa come decoro urbano, il Trullo.

la finalità è quella di “aprire il quartiere” a tutti i cittadini di Roma e a far conoscere loro la qualità del modello di autoproduzione che ha prodotto risultati ottimi in risposta alla marginalità e al disagio sociale che spesso caratterizzano le periferie. In tal senso sono state scelte varie tematiche per dare una veduta ampia e differente delle realtà che sono inserite nel contesto del quartiere.

Sono stati creati a questo scopo 5 eventi collegati idealmente tra loro, che possano dare una panoramica articolata del movimento culturale in atto. Ve li presentiamo:


Saint- Gobain PPC Spa, Divisione Weber, In collaborazione con S.A.S. EDIL S.R.L., Via Ostiense, 1707, Roma sono sponsor dei 5 eventi “Insieme per il Trullo” organizzati da Amate l’Architettura


 

EVENTO 1) PASSEGGIATA METROROMANTICA

Passeggiata MetroromanticaIn questo evento, la passeggiata metroromantica, incontreremo le opere dei pittori e dei poeti anonimi realizzate nella ex borgata dall’aspetto militare, per i quali i muri sono concepiti come un immenso foglio bianco su cui dipingere scenari di storie locali e scrivere luoghi della mente. A seguito di questo primo intervento, famosi street artist si sono inseriti nel contesto dando luogo a murales di elevata qualità.

Link alla pagina Open House 2017 della passeggiata Metroromantica:

 

EVENTO 2) AREA PANORAMICA COLLINA DI MONTE CUCCO.

MontecuccoIn questo evento sarà possibile effettuare un escursione alla collina di Montecucco: un’area panoramica con vista sui quartieri a sud della Capitale, denominata anche collina dei diamanti, contenente le rovine di villa Kock e della Torre Righetti, che fu trasformata in set durante le riprese di Uccellacci e Uccellini di Pasolini. E’ consigliato l’uso di scarpe con la suola a carrarmato. La visita è sconsigliata alle persone con difficoltà motorie.

Link alla pagina Open House 2017 dell’Area panoramica collina di Monte Cucco

 

EVENTO 3) DIETRO LE QUINTE DEL TEATRO S. RAFFAELE

S.Raffaele

In questo evento scopriremo il Teatro S. Raffaele, un esempio notevolissimo di riqualificazione culturale delle periferie, che ha acquisito una rinomanza ed un pubblico esteso a tutto il Lazio, specializzandosi nelle produzioni di musical per bambini tratti da riduzioni di grandi classici. Parleremo delle sceneggiature, delle coreografie, dei costumi e, soprattutto, della scenotecnica all’avanguardia installata negli anni recenti.

Link alla pagina Open House 2017 di Dietro le quinte del Teatro S.Raffaele

EVENTO 4) MOSTRA DI PROGETTI SUL TRULLO E PROIEZIONE DI DOCUMENTARI SULLE OPERE DI STREET ART AL TRULLO
mostra e video

A completamento degli altri eventi organizzati, saranno messi in mostra progetti di riqualificazione urbana del Laboratorio di Progettazione Architettonica 1 del prof. De Matteis dell’Università La Sapienza di Roma e, contestualmente, sarà proiettato un documentario a cura dei Pittori Anonimi che racconta la trasformazione del Trullo in una esposizione permanente di Arte e Poesia di Strada.

Link alla pagina Open House 2017 della mostra di progetti e proiezione di documentari

EVENTO 5) INCONTRO/DIBATTITO: PRESENTE E FUTURO DEL QUARTIERE

dibattito

Metteremo in questo incontro/evento a confronto l’esperienza, la vita e le idee di tutti coloro che, in modi diversi, hanno cambiato o possono contribuire a trasformare il quartiere, parlando di arte di strada, di progetti di architettura, di politiche di riqualificazione delle periferie, incontrando i Pittori e Poeti Anonimi, i rappresentanti delle istituzioni, le associazioni dei cittadini, gli studenti dell’Università.

Link alla pagina Open House 2017 dell’incontro/dibattito: “presente e futuro del quartiere”

 

PER QUALSIASI INFORMAZIONE SCRIVETE A: info@amatelarchitettura.com

NB – A seguito della pubblicazione del programma su tutti i nostri canali e sul sito di Open House, siamo venuti a conoscenza dell’esistenza di un associazione che opera preso il quartiere del Trullo dal nome “Insieme per il Trullo“. Riteniamo opportuno chiarire che, nonostante l’omonimia, la nostra iniziativa è stata ideata e sviluppata in totale autonomia e indipendenza rispetto a questa associazione. Se l’associazione Insieme per il Trullo vorrà partecipare ai nostri eventi  portando le sue esperienze come la LibroTrulloTeca presso la ex fabbrica Rectaflex saranno nostri graditi ospiti.

Architettura e Paesaggio sono in contraddizione ?

27 Maggio 2009

Il Corriere della Sera di sabato 23 Maggio, in un articolo di Paolo Conti si parla di Ambiente e Cultura.

(titolo)

LA LITE SULLA TUTELA DEL PAESAGGIO, PDL E LEGA CONTRO IL MINISTRO BONDI.

Succintamente : Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha varato un nuovo regolamento creando la Direzione per la valorizzazione e l’accorpamento della Direzione per il Paesaggio con l’Architettura, l’Arte Contemporanea e le Belle Arti.

Alla Commissione VII (Cultura) della Camera, chiamata ad esprimere un parere sul nuovo Regolamento, però, non hanno gradito più di tanto e, attraverso i Capigruppo del Pdl Fabio Granata e della Lega Paola Goisis sembra che abbiano sostanzialmente chiesto il ritorno alla autonomia della Direzione del Paesaggio. Prendo dall’articolo di Paolo Conti il virgolettato di Fabio Granata mentre si riferisce idealmente al Ministro Bondi : “…Lo chiamiamo alla coerenza restituendo alla Direzione del Paesaggio la sua necessaria autonomia, proprio per preservare al meglio, come impone l’articolo 9 della Costituzione, la più grande infrastruttura immateriale dell’Italia…”

Veramente l’articolo 9 della Costituzione recita testualmente : La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Ora è noto a tutti (spero!) che Architettura è cultura e quindi anch’essa è soggetta a sviluppo e anche a tutela……noo!!! Quindi a che titolo i signori sostenitori del paesaggio rivendicano una posizione di “autonomia” rispetto alle arti e altre forme di cultura…?? E perché, poi, con la sottintesa pretesa prioritaria?

È giunto il momento di chiarire una volta per tutte ai paesaggisti che l’Architettura non è……brutta mentre il paesaggio è bello; ai conservatori, che l’architettura del passato non è migliore della architettura del presente; ai tradizionalisti, che l’architettura contemporanea ha pari dignità della architettura della tradizione, e via dicendo.

Ancora in direzione dei paesaggisti, poi, che pensano di doversi “difendere” dall’architettura faccio invece notare che i grandi flussi turistici ( con esclusione di quelli balneari-estivi e ludico-sciistici), riguardano forse per il 70% la visita a piccole e grandi città dell’intero globo, storiche e non storiche, e solo per il restante 30% riguardano la visita ad elementi e luoghi di carattere naturale e paesaggistico, senza nulla togliere al “Paesaggio” in quanto tale…( non ci sono mai stato ma appena ne avrò l’occasione andrò a vedermi molto volentieri le cascate del Niagara e il Gran Canyon, pure io). Ma è la spocchia del privilegio che mi infastidisce, la supponenza di chi pensa di godere di carattere prioritario…bah! E quindi, in conclusione, la grande massa turistica visita le città, e le città sono la massima espressione dell’Architettura …vero??!!

Ora, permettetemi, per la serie ……citazioni,massime detti, aforismi, ecc. di prendere a prestito una frase emblematica di W. Cooper (1731 – 1800):

DIO HA FATTO LA CAMPAGNA E L’UOMO HA FATTO LA CITTA’

Non male eh?! E ……passatemi la provocazione: chi ha vinto la gara sui flussi turistici che riguardano l’intera collettività? Dio con la campagna e il paesaggio o l’uomo con l’Architettura e le città ? ho la sensazione che l’uomo civile apprezzi sempre più le “eccellenze” ma predilige quelle di natura…..antropica. Lo diceva anche Giò Ponti: chi visita Venezia non ci va mica per la laguna e anche chi visita Roma non ci va per i sette colli e neanche chi visita Parigi ci va per vedere la Senna……, semmai il visitatore potrà godere anche della contemporanea felice coesistenza tra spazio costruito e ambiente naturale. Ma questo è anche e soprattutto FARE ARCHITETTURA.

Mi sono dilungato ed è meglio che ritorno a “bomba” o meglio a Bondi.

Congratulazioni Signor Ministro, a me semra un’ottima idea quella di riunire in un’unica Direzione il Paesaggio e l’Architettura. E’ “ l’uovo di Colombo” in controtendenza, è la naturale logica delle cose, senza trionfalismi da parte di nessuno ma soprattutto senza prevalenze e senza subordinazioni da parte di chicchessia.

Ma è ora che rimuovo la “suspence” sul pensiero di Pasolini che utilizzo per un’opportuna parafrasi:

…anche i miei più fieri sperimentalismi (progettuali) non prescindono mai da un determinante amore per il paesaggio. Bisogna strappare ai paesaggisti il monopolio del Paesaggio.

E concludo per i paesaggisti (ma vale anche per i conservatori e i tradizionalisti) con una nota di Argan sull’intervento di Wright su casa Kaufman: “…adopera con sicurezza il cemento, il ferro, il vetro: per andare nella foresta non occorre vestirsi da boscaioli.”