Articoli marcati con tag ‘giardino’

CALL 100 parole: “COSA FARÀ L’ARCHITETTO NEL POST-COVID?”- Riflessioni di Nicola Rossi

17 Giugno 2020

Incontro tra percorsi porticati a Garrovillas, Spagna (da B. Rudofsky, Architecure Without Architects: a Short Introduction to Non-Pedigreed Architecure, University of New Mexico Press, 1980)

 

La pandemia ha esasperato la frontierizzazione in atto città/stanza, aperto/chiuso, moltitudine/individuo; separati dalla soglia di casa, due assoluti: il virulento mondo e il rassicurante (si fa per dire) io. Per l’architetto è tempo di credere: al ruolo politico che gli compete (il progetto esprime -consapevolmente o meno- un’idea di società) e al potere performativo dell’oggetto delle sue fatiche: lo spazio.

La città reagirà a nuovi assedi se l’avremo rinforzata con fibre nuove, il cui sedime è già disponibile: la miriade di sfridi tra spazio pubblico e privato, sottili quanto basta per risultare impenetrabili all’avventore frettoloso. Parafrasando G. Clément, è tempo di addentrarsi nella penombra del “terzo paesaggio” urbano: una concatenazione di atri, corti e giardini di dimensioni modeste in grado di inspessire, fino a renderla luogo, la soglia tra “mio” e “tuo”; di articolare, a seconda dello stato di salute della città, gradienti opposti di privacy e di apertura; di suggerire variabili prossemiche; di offrire in ogni tempo una risposta materiale in termini di relazione.

testo e foto di Nicola Rossi
Editing di Emmanuele Lo Giudice

Sulla poetica del camouflage (un articolo non basta).

6 Gennaio 2020

“Sono molto felice per questo prestigioso premio, perché si tratta di un riconoscimento all’innovazione nell’ambito dell’architettura. È un invito a pensare all’architettura come un’anticipazione del futuro per ognuno di noi, non solo come l’affermazione di uno stile o di un linguaggio”. (Stefano Boeri, vincitore nel 2014 con il “Bosco Verticale” dell’International Highrise Award, competizione internazionale a cadenza biennale per l’assegnazione del premio di grattacielo più bello del mondo).

In foto: Bosco Verticale a Milano (2014), progetto Stefano Boeri.

Il Bosco Verticale è costituito da due edifici residenziali, di 18 e 26 piani, realizzati nel Centro direzionale di Milano, ai margini del quartiere Isola. Peculiare è la presenza di piante, perlopiù arbusti, sui balconi per adornare i prospetti. Il progetto ha avuto un grande consenso internazionale con un gran numero di articoli elogiativi e, se vogliamo, meritati.

Boeri ha realizzato un progetto, divenuto “icona” dello sviluppo sostenibile Made in Italy (con la leadership milanese a giocare un ruolo di primo piano). Icona prima, poi paradigma, cioè progetto in predicato di replicabilità, di riproduzione. Mi incuriosisce il fenomeno: in primis dal punto di vista dello stesso autore – che ha accolto il “riconoscimento” generale del progetto e ne ha fatto un marchio di fabbrica. I principi su cui si basa il progetto, in particolare rispondere al bisogno di verde dei cittadini, scaturisce in un modello architettonico non facilmente replicabile all’interno di una strategia urbana, specialmente per gli intuibili maggiori costi di costruzione e di gestione. Il suo desiderio di innovare il linguaggio e i temi dell’architettura, al di là del noto e dello sperimentato, non troverebbe un solido appoggio teorico-pratico. Mi incuriosisce molto, anche, potere comprendere se i numerosi progetti analoghi proliferati nel mondo scaturiscono tutti dallo stesso ceppo milanese o siano germogli di altri semi. Non mi spaventa in sé neanche l’effetto Boeri in quanto fashion design, ovviamente, mi preoccupa più l’emulazione meccanica in nome di una retorica ecologista, retorica in quanto rimuove l’insostenibilità di realizzazione, al netto anche di un suo possibile uso per legittimare eventuali speculazioni edilizie.

Facciamo qualche esempio di “ripetizione” del Bosco Verticale, con le costanti e le differenze progettuali, cercando di comprenderne i meccanismi.

 

Magic Breeze Sky Villas

 “Crediamo che ai giorni d’oggi un modo sostenibile di costruzione sia più prezioso che mai”. (Dayong Sun e Chris Precht, Penda Architecture)

Nell’immagine: Giardino verticale “Magic Breeze Sky Villas” a Hyderabad, India (2016), progetto Penda Architecture.

Effetto Boeri? Non sembrerebbe. Lo studio, con sede a Pechino e Vienna, ritiene che il loro agire sostenibile, orizzontale e verticale possa essere utilizzato per la città del futuro in quanto lo stato attuale dell’irresponsabile pianificazione urbana, dell’inquinamento atmosferico e della crisi economica chiedono agli architetti di ripensare il processo di costruzione. Proprio sotto questi auspici nasce il progetto per il complesso residenziale chiamato “Magic Breeze”, dove il verde offre grande senso di vitalità, oltre a fornire ventilazione naturale a tutto il complesso. In questo caso, rispetto a Milano, per il giardino verticale è stato sviluppato un sistema di fioriere modulari all’esterno dei balconi di ogni unità abitativa con funzione di orto domestico, auspicando ambiziosamente l’autosufficienza alimentare. Anche il balcone è progettato come una superficie erbosa, per evocare la tipologia di “casa privata con giardino”. Inoltre, i progettisti dichiarano che l’intero complesso è stato modellato dalle regole del Vaastu, sistema architettonico indù tradizionale, che prescrive principi di orientamento e layout per l’abitare in armonia con la natura. Infine, il sito del complesso è circondato da un lago naturale sul confine sud orientale, che viene utilizzato a scopo irriguo per il verde orizzontale e verticale. I Penda, a differenza di Boeri, cercano una soluzione più versatile di “parete vivente”, si impegnano sul piano della manutenzione e gestione del verde. In tutti i casi, però, non si riesce a leggere una riflessione teorico-filosofica a cui segue la sperimentazione pratica, fermo restando che l’integrazione edificio-natura è un fatto complesso, che non consente scorciatoie. È chiaro, però, che approcciare il tema con la sciatta retorica “green”, oggi tanto popolare e sempre più pervasiva, si rischia di considerare l’architettura come minaccia piuttosto che risorsa, inducendo conseguentemente a camuffarla con il verde.

 

Valley

“Tutti gli alberi tagliati per far posto al nuovo edificio saranno ripiantati in quota”. (Winy Maas, MVRDV)

Nell’immagine: “Valley” edificio ad uso misto ad Amsterdam, Paesi Bassi (ultimazione prevista 2021), progetto MVRDV.

Winy Maas è a capo con Jacob van Rijs e Nathalie de Vries dello studio MVRDV, ormai di fama internazionale, con circa 250 dipendenti, diversi progetti in progress un po’ ovunque nel mondo, in evidenza per soluzioni sfrontate, spettacolari e a volte ironiche. Quello che incuriosisce anche in loro è il recente cambio di approccio, un tentativo di impattare meno che però non ha nulla a che fare con il genius loci, più con la facile retorica ecologista. Ad oggi, pur provenendo da progetti “spavaldi”, vedo un loro avvicinamento al camouflage, almeno in teoria. Forse l’avere fortemente burocratizzato l’edilizia in nome della sostenibilità sta distruggendo l’architettura? Ad Amsterdam, l’edificio “Valley” è a uso misto, 75.000 metri quadrati nel quartiere degli affari, unità abitative, uffici, parcheggio, sky bar, spazi commerciali e culturali. Un edificio che vuole essere vitale, per trasformare il quartiere degli affari in un luogo più umano e vivibile. Il progetto, come al solito spregiudicato, prende la forma di una scatola impilata a terrazze che sale a tre picchi di diverse altezze, la più alta di 100 metri con lo Sky Bar a due piani. La facciata residenziale, rivestita in pietra naturale scolpita, è stata progettata in modo parametrico per consentire alla luce solare di penetrare in tutti i 196 appartamenti del complesso, tutti caratterizzati da una pianta unica. In quanto edificio ad uso misto, anche esternamente si legge la transizione tra le tipologie diverse per creare un paramento esteriore rispettoso e coerente. In diretto contrasto con questo, come già accennato, la facciata residenziale interna è definita da una serie di robuste terrazze in pietra ma, da notare, con grandi fioriere che ricoprono l’edificio di vegetazione, “gli alberi tagliati per far posto al nuovo edificio saranno ripiantati in quota”. È sicuramente un cambio di tendenza, concordo sulla necessità di riprendere un dialogo architettura-natura ma seriamente, senza facile retorica, senza furbizia, senza speculazione culturale, senza codardia nel presentare dei giganti edilizi camuffati da operazioni ecosostenibili.

 

Acquarela community

 “Una posizione culturale in architettura è una necessità. Ciò comporta il rifiuto di soluzioni già pronte o facili a favore di un approccio che sia globale e specifico”. (Jean Nouvel)

Nell’immagine: Acquarela community a Quito, Ecuador (2019), progetto Jean Nouvel.

Quito è la capitale dell’Ecuador, si trova ai piedi delle Ande a un’altitudine di 2850 metri, costruita sulle tracce dell’antica città inca. Per la periferia di Quito, una zona rurale ad est della città, Nouvel ha progettato un importante complesso residenziale. Il progetto comprende nove blocchi avvolti da balconi curvilinei rivestiti in pietra. Le pareti interne hanno ampie vetrate che si aprono sullo sfondo montuoso. Come in un singolare cohousing, si prevede la condivisione di piscine, club house con tanti servizi, pista da bowling, pista di pattinaggio, sala yoga, sala musica, mini-golf e un cinema. Altre strutture includono l’accesso a campi da calcio, squash e tennis; aree progettate per bambini e ragazzi; aree di lavoro, parrucchiere, spazi per eventi, palestra, SPA e quant’altro. Insomma un grandioso complesso residenziale con servizi di lusso e tanto verde all’interno dei balconi realizzato proprio in modo da scorrervi sopra i bordi.

Qualcosa, però, non torna. Jean Nouvel è uno dei nomi più grandi dell’architettura mondiale. È promotore negli anni 70 di una vera e propria rivoluzione della cultura architettonica francese. Classe 1945, nel 1966 si classifica primo al concorso di ammissione della Scuola delle Belle Arti a Parigi, dove si diplomerà nel 1972. Durante gli anni di formazione viene a stretto contatto con la filosofia di due grandi menti dell’architettura come Claude Parent e Paul Virilio. Inizia una carriera costellata di premi, fino al Pritzker nel 2008. La sua visione innovativa, il suo andare contro i limiti della specificità dell’architettura, lo hanno sempre caratterizzato. Allora, come classifichiamo questo progetto?

È frutto di motivi commerciali e di marketing? Probabilmente è solo la tendenza attuale che coinvolge lo starsystem, per cui gli architetti si ritrovano impegnati con i costruttori a inventare stratagemmi per continuare a speculare indisturbati e, nel contempo, nascondere la banalità, la brutalità, la violenza delle loro costruzioni, camuffate con il verde ai balconi e alle terrazze. È un circolo vizioso, perché è lo stesso verde che richiede costose soluzioni di impermeabilizzazione e di manutenzione, che fa lievitare il valore immobiliare, in modo che i futuri proprietari di queste residenze di “lusso” saranno quelle stesse famiglie facoltose che potranno vantarsi di abitare in appartamenti firmati e pubblicizzati da architetti famosi.

Non mi piace per niente, voglio dire che il successo mediatico delle fioriere (aiutato o meno, meritato o meno) ha distorto un po’ i contenuti del progetto, impegnandosi ad assecondare convenientemente la retorica ecologista con le apparenze attraverso una sostanziale insostenibilità. Un solo progetto lo avrei sottoscritto come manifesto ma non come prototipo. L’effetto replica che lo stesso Boeri ha fatto del Bosco Verticale in giro per il mondo o l’emulazione generatasi ha travisato il senso dell’architettura. Concordo, tuttavia, sulla necessità di riprendere seriamente un dialogo architettura-natura ma senza facile retorica, con un ritorno all’etica di vitruviana memoria, l’architettura strumento di adattamento dell’uomo alla natura, senza prevaricazione ma in armonia. Assimilare l’innovazione sino a farla diventare un modello ripetibile. Per questo serve un metodo, una teoria, del tempo. Arte/filosofia/sociologia/linguistica/poetica devono confluire nella concretezza dell’opera architettonica, quale organismo urbano, utile, funzionale, efficiente, non retorico. Questi esperimenti finora incontrati non pare riescano a rappresentare una sintesi teorico-pratica del pensiero progettuale, non identificano l’opera d’architettura benché riescano ad accreditarsi nella contemporaneità. È l’era del fashion design trasposto all’architettura, una tendenza che si è accreditata con la figura dell’archistar, nulla a che vedere con i maestri dell’architettura. Inoltre, gli architetti dello starsystem, chiamati e utilizzati dai costruttori per legittimare le loro scatole vuote vestite di verde ecologista. Forse per cambiare le cose, però, un articolo non basta.

 

Testo di: Santo Marra
Foto: Bosco Verticale © Giulio Paolo Calcaprina; Acquarela: render di Jean Nouvel Architecte; Valley: render di MVRDV architects; Magic Breeze Sky Villas: render di Penda Architects
Editing: Giulio Paolo Calcaprina

Dall’Eden alla Terra e ritorno

27 Aprile 2019
GIARDINO > PARCO > PAESAGGIO > TERRITORIO > TERRA > GIARDINO

Il giardino nasce come contrapposizione alla natura. Nella natura l’uomo soccombe, noi non possiamo viverci dentro: paludi, fiumi che cambiano percorso improvvisamente, foreste, alluvioni, animali feroci… non è il nostro luogo. Per questo motivo ne “recintiamo” un pezzo e iniziamo ad addomesticarla, la rendiamo razionale e possiamo coglierne i frutti; in altre parole, ci sfamiamo. Il paradiso infatti è spesso rappresentato come un giardino con un bel recinto, al suo interno l’uomo può godere della bellezza e del cibo che la natura addomesticata gli offre. Un giorno, secondo la leggenda, decidemmo di scavalcare il muro che lo cingeva e iniziò l’addomesticamento planetario della natura attraverso la campagna (che altro non è se non un giardino) e le città.

Athanasius Kircher, Garden of Eden Map, 1675

Athanasius Kircher, Garden of Eden Map, 1675

I giardini di epoca medievale sono proprio questo, un hortus conclusus, con un bel muro di cinta, una sorta di campagna chiusa. I primi esempi rinascimentali si riferiscono a questa tipologia ampliandone però i significati: giochi d’acqua e natura che non dà più solo frutti ma coltivata anche per il godimento estetico; l’edificio si rapporta sempre più al giardino e ne diventa parte integrante e progettato assieme. Il limite però esiste ancora anche se inizia un flebile rapporto con la città e la campagna che sta al di fuori. In epoca barocca, soprattutto in Francia, si va oltre… le dimensioni aumentano, gli assi visivi disegnano geometrie più complesse, portano sempre più verso l’esterno, verso l’orizzonte e l’infinito; il limite c’è ancora ma si riesce con difficoltà a percepirlo. La natura? Sempre addomesticata, sempre razionalizzata, sempre dominata.

Villa Lante a Bagnaia

Villa Lante a Bagnaia

Versailles

Solo con i parchi paesaggistici inglesi si inizia a mettere in discussione questo tipo di rapporto con la natura, viene apparentemente lasciata libera di essere se stessa. Il giardino diventa “spontaneo”, chiome, siepi, arbusti possono essere crescere liberamente. L’asimmetria, la casualità e la naturalità fanno da padrone; non più geometria e razionalità. Il tutto in apparenza, la mano del progettista in questa spontaneità esiste, eccome se esiste. Il limite? Sparisce dalla percezione: una trincea (ha-ha) attorno al parco diventa il modo per delimitare il parco; mentre si inizia ad usare l’eye-catcher (cattura sguardo) posto al di fuori del parco, una statua, un monumento, un muro… posizionato a diversa distanza riesce a mettere in gioco percettivamente tutto ciò di esistente tra il parco e l’elemento architettonico utilizzato per catturare la nostra attenzione. Il paesaggio, anche se al di fuori del parco, entra e ne diventa parte integrante. I parchi, visti zenitalmente, si “perdono” nell’intorno; mentre i giardini/parchi barocchi e rinascimentali sono ancora facilmente individuabili, nell’esperienza inglese si fatica a definirne i limiti. In quell’epoca (‘700) inizia ad incrinarsi il rapporto di dominio dell’uomo; ci si accorge, complice la rivoluzione industriale, che l’umanità può anche generare effetti collaterali non sempre positivi, si inizia pertanto a porsi il problema del rispetto verso natura, il linguaggio apparentemente libero con cui vengono disegnati i parchi inglese riflette proprio questo mutamento.

Stourhead Park

Stourhead Park

Ha-Ha

Ha-Ha

Nel secolo successivo le bizzarrie, le storie, i diversi stili, il pittoresco e il kitsch diventano parte integrante di parchi e giardini ma questo poco importa… la cosa più importante è che la natura “entra” in città. L’inurbamento tumultuoso pone problemi sociali ed igienici. La natura in città diventa elemento per poter far godere a tutti il benessere di immergersi in essa. I parchi, sino ad allora prerogativa solo di alcune classi sociali diventano patrimonio di tutti, della collettività. E non solo singoli parchi ma sistemi, infrastrutture verdi che si snodano all’interno dell’ambito urbano, soprattutto in ambito statunitense; contemporaneamente i primi movimenti “ambientalisti”, che si traducono in un’azione per la creazione di parchi naturali, fanno capolino.

New York, Central Park

Central Park

Boston, il sistema dei parchi

Boston, il sistema dei parchi.

Il ‘900 (anche se già nell’800 si vedono i primi sintomi con la diffusione del suburbio) purtroppo ribalterà completamente la situazione: non più la natura e il paesaggio in città, non più un vivere compatti ma comunque a contatto con una natura inserita in ambito urbano… l’esatto contrario: urbanizzazione immersa nella “natura”. L’avvento dell’auto, ma anche ideologie urbanistiche legate al modernismo assieme a ideologie politiche iper individualistiche, portano alla dispersione dell’edificato e alla rottura di regole che sino ad allora erano rimaste sostanzialmente invariate pure nella loro continua variazione; che siano villette unifamiliari o un complesso modernista poco importa: oggetti dispersi col vuoto attorno, spesso di risulta o funzionale al trasporto. In quest’epoca qualcuno ha cercato di porre limiti e freni, di cingere l’espansione dell’edificato (green belt) cercando che almeno il giardino (la campagna) non venisse continuamente erosa… ma niente, ha prevalso l’ideologia della natura a nostra completa disposizione.

Intanto il “giardino” si espande sempre più, i figli da sfamare superano i miliardi e si inizia a comprendere (dalla seconda metà del ‘900) che l’antropizzazione è praticamente completa. L’uomo si è diffuso dappertutto, l’intero pianeta è dominato, i nostri comportamenti influenzano il clima e lo modificano irreversibilmente. Paesaggisticamente qualcuno inizia a parlare di jardin planétaire: l’uomo ha spinto i limiti del proprio hortus conclusus al massimo dell’espansione fino a farli coincidere con la Terra stessa; a quel punto è necessario iniziare a prendersi cura di Gaia come fosse un giardino immenso, un giardino planetario – con un muro attorno per il momento invalicabile – pena la nostra fine.

Questo la sintesi, in maniera estrema, senza troppe pretese “scientifiche”, degli ultimi mille anni partendo dal giardino, passando al paesaggio, al territorio, al pianeta e tornando di nuovo al giardino; iniziando dall’Italia e finendo negli USA attraverso Francia e Inghilterra.

Questo breve scritto è nato di getto, come post su Facebook, dopo aver visto un documentario televisivo in cui Renzi  ha descritto il giardino all’italiana con questa frase: “… giardino fatto bene, fatto come nessun altro è in grado di fare”. Ho cercato di spiegare che il tema è più complesso di quanto appaia e altri paesi hanno qualcosa da dire, anzi, potremmo pure imparare qualcosa da loro.

#giardino #parchi #giardinoallitaliana #barocco #parcoinglese#infrastruttureverdi #parksystem #sistemadeiparchi #sprawl #modernismo#jardinplanétaire #hortusconclusus