Articoli marcati con tag ‘elezioni’

Inarcassa: Una bella vittoria.

Dunque Marco Lombardini ce l’ha fatta ed è stato eletto delegato Inarcassa per la provincia di Roma.

Dunque anche noi in quota parte ce l’abbiamo fatta con lui, perché abbiamo fatto nostra la sua candidatura.

La sua è una storia esemplare che ha un valore per tutto il territorio nazionale.

Roma è l’arena più dura di tutta l’Italia: 40 candidati architetti, molto agguerriti, per 4 posti disponibili con un quorum minimo da raggiungere di 1800 voti circa.

Talvolta, negli anni passati, quando c’era un Consiglio dell’Ordine di Roma disinteressato ai problemi di Inarcassa, non si è arrivati al quorum. Come è capitato quest’anno a Milano.

Non è stato semplice ed è stata una vittoria sul filo di lana: eravamo partiti in svantaggio, durante lo spoglio delle schede alcuni candidati sfoderavano, ogni tanto, gruppi compatti di voti (le raccomandate spedite agli iscritti, precompilate, raccolte e spedite) eppure proprio alla fine, un voto per volta, Lombardini ha recuperato lo svantaggio, superando, seppure di pochi voti, gli altri non eletti.

Assieme a lui si sono riconfermati due delegati uscenti: Antonio Marco Alcaro, direttore di Acquario Romano srl, tesoriere Cesarch, tesoriere ALOA, nostro ex presidente ed ex socio di Amate l’Architettura; Gianluca Valle, socio del noto studio. Inoltre è stato eletto Flavio Mangione, architetto e dottore di ricerca, ex professore aggregato alla Sapienza, molto legato all’Ordine di Roma in quanto componente del Comitato Tecnico-Scientifico e curatore di alcuni corsi di formazione presso l’O.A.R.
La seconda buona notizia è che, a livello nazionale, molti “muratoriani” di ferro sono stati spazzati via e sono entrati molti nuovi delegati.
Richiesta di rinnovamento generale, dunque, che speriamo che si concretizzi in una rimozione sistematica del gruppo di potere che tiene in pugno Inarcassa da oltre 15 anni e in un profondo, radicale, cambiamento della riforma e della Cassa: a favore degli iscritti e non contro di essi.
Già dalle preferenze prese (Alcaro 359 voti, Valle, 283, Mangione 279, Lombardini 182) si può notare come “il nostro” si configuri come un outsider rispetto agli altri candidati, ben più strutturati e addentrati nelle dinamiche romane.

Una considerazione particolare va rivolta anche verso tutti quei candidati, quei gruppi e quelle associazioni che hanno partecipato ad un tavolo per un programma condiviso (iniziativa promossa dall’Ordine) che, alla fine, non hanno saputo resistere a lanciare proprie candidature senza tentare seriamente di convergere su un candidato unico. Noi di Amate l’Architettura abbiamo fatto un passo indietro, come abbiamo scritto 4 mesi fa e abbiamo fatto fronte comune, altri no.
Ebbene ci rivolgiamo a costoro: se vogliamo tentare di cambiare qualcosa, non è più tempo di particolarismi. Chiediamo perciò a tutti i delegati eletti, ma anche ai candidati non eletti di superare divisioni prive di senso e sostenere, dall’interno e dall’esterno, un’azione comune.
Dunque questa non è la fine di un percorso ma di un inizio. Non è una delega in bianco ma chiederemo costantemente conto dell’operato di Marco Lombardini e ve ne informeremo.

Riteniamo che questo delegato debba essere un’espressione corale di chi vuole riformare la cassa “dal basso” e renderla più sostenibile per tutti, particolarmente per i giovani. Per questo chiediamo anche la attiva partecipazione dei nostri lettori con le loro segnalazioni ed osservazioni. Noi ci faremo portavoce delle loro istanze.

Riportiamo ( e ringraziamo) in calce una dichiarazione che ci ha spedito Marco Lombardini immediatamente dopo la sua elezione a candidato:
“ringrazio Amate l’Architettura per il sostegno datomi e per aver creduto in questa candidatura tanto da ritirarsi dalla campagna elettorale. Il successo, tengo a sottolinearlo, non è personale, ma solo il risultato di un lavoro corale portato avanti in questi anni dai fondatori di Inarcassa Insostenibile con quelle persone attente e capaci che ci si sono affiancate lungo il percorso e con cui è stato facile trovare delle intese e dei rapporti che chiaramente non si esauriscono qui. Questo è solo l’inizio. Ora ci aspetta il compito più difficile. Aggregare le forze dentro il Cnd per iniziare quel percorso di riforma che possa portare Inarcassa nuovamente vicina agli iscritti e che possa ridare alla parola sostenibilità non solo un contenuto finanziario ma anche e soprattutto sociale. Naturalmente io come gli altri candidati di Inarcassa Insostenibile eletti ci adopereremo per arrivare a questo risultato, speriamo sempre più con la partecipazione degli iscritti. Un saluto. Marco Lombardini”

Cambiare Inarcassa – il nostro impegno elettorale

13 gennaio 2015

Come molti di voi sanno Amate l’Architettura si è impegnata da molti anni in una lotta contro l’iniquità della riforma previdenziale della Cassa degli Architetti e degli Ingegneri e contro una gestione molto discutibile della Cassa stessa.

Perciò ci sembrava doveroso, nello spirito di servizio del nostro Movimento, mettere a disposizione la nostra esperienza e competenza candidando due di noi alle prossime elezioni dei delegati architetti di Inarcassa, nel collegio elettorale di Roma.

Tuttavia, trovandoci in piena sintonia con altre associazioni, gruppi spontanei e reti di architetti e ingegneri che si sono via via formate negli ultimi anni per reazione all’insostenibilità dei costi e della gestione della nostra previdenza, si è cercato assieme a loro di trovare una intesa per avere più forza per ribaltare la gestione pluridecennale dell’attuale gruppo dirigente.

Abbiamo quindi partecipato ad un tavolo di lavoro dove, per prima cosa, abbiamo condiviso insieme un programma elettorale e, come seconda cosa, abbiamo cercato di convergere su una candidatura che potesse essere condivisa da tutti i partecipanti al tavolo.

Abbiamo il piacere di rivendicare che noi di Amate l’Architettura siamo stati i primi a fare un passo indietro, decidendo di ritirare i nostri candidati, e a sostenere la candidatura di Marco Lombardini come nostro candidato a Roma. Sostegno che è stato condiviso progressivamente da tutti i partecipanti al tavolo di lavoro.

Chi è Marco Lombardini? E’ un architetto che assieme ad altri colleghi ha creato, già da diversi anni, il gruppo Inarcassa Insostenibile che, in occasione di queste elezioni si è trasformato in una rete nazionale.

La competenza della persona, il suo impegno pluriennale in questioni a noi care, il respiro di un progetto elettorale a scala nazionale, ci hanno spinto a dare il nostro endorsement nei confronti suoi e del suo gruppo.

Il nostro rapporto, naturalmente, sarà basato su uno spirito dialettico e critico e vaglieremo nel tempo il suo operato.
Nei giorni a venire organizzeremo un live streaming per parlare con lui del programma e delle sue intenzioni di cui daremo notizia quanto prima.

Qui di sotto riportiamo il programma condiviso.

I sottoscrittori del presente programma e sostenitori del programma

SI RICONOSCONO NEI SEGUENTI PRINCIPI:

1) La Previdenza è elemento fondamentale per la unitarietà e coesione della categoria;

2) L’Assistenza è elemento fondamentale per la sicurezza sociale degli associati e per lo

sviluppo della professione;

3) Il Delegato è il soggetto di raccordo fra l’iscritto ed InarCassa;

PER PERSEGUIRE I SEGUENTI OBIETTIVI:

1) Trattamento previdenziale equo (fra generazioni, redditi, generi).

2) Trasparenza e partecipazione democratica .

3) Sostenibilità finanziaria e sociale del trattamento previdenziale .

IL CANDIDATO DI Inarcassa INsostenibile e Amate l’Architettura SI IMPEGNA A PROMUOVERE:

– La Riforma del Regolamento di Previdenza del 2012 attraverso:

a) Riduzione sostanziale dei contributi minimi.

b)Definizione di una pensione minima certa e dignitosa.

c) Correlazione, secondo parametri certi e chiari, tra la pensione ed il rendimento

degli investimenti.

d)Incremento della pensione secondo le opportunità fornite dall’extra rendimento

degli investimenti.

e)Valutazione sull’inserimento dell’indennità di paternità

f) Revisione del sistema sanzionatorio rendendolo commisurato all’effettiva

inadempienza.

g) Soluzione del problema della libera professione discontinua.

h)Attivazione della compensazione dei contributi attraverso i crediti tributari (f24). 3

– La Gestione del patrimonio secondo criteri di competitività rispetto al libero mercato

a) Istituzione di un codice etico degli investimenti.

b) Istituzione di meccanismi di responsabilizzazione degli organi preposti alla

gestione del patrimonio.

c) Predisposizioni di linee di investimento che abbiano una ricaduta positiva sulla

professione.

– La Gestione trasparente dell’Ente mediante:

a) La Pubblicazione ai sensi di legge degli atti deliberati .

b) La convocazione di assemblee provinciali, territoriali o Assemblee organizzate

dagli Ordini Provinciali nelle quali il Delegato possa illustrare l’Ordine del giorno

del CND.

c) Il limite alla rieleggibilità degli Organi Direttivi.

d) L’incompatibilità per i componenti degli Organi Direttivi di assumere cariche

retribuite presso Enti, Aziende e compartecipate .

e) L’emissione della reale “busta arancione” comprensiva del prospetto indicante

l’effettivo rendimento dei propri contributi versati.

f) Valutazione costi benefici di iniziative quali la creazione di “Social Network”,

Commissioni di Comunicazione, Società di Capitali (Arpinge S.p.a.) e Fondazione.

Roma 29 dicembre 2014

Inarcassa – ora tocca a ciascuno di noi

16 novembre 2014

Il 19 novembre 2014, alle ore 18.00 è la data ultima di presentazione delle candidature per le elezioni di delegati Inarcassa.

Link.

Da questa comunicazione di servizio occorre partire per capire perché non è più il tempo dell’ignavia.

Cari lettori, cari colleghi, cosa è successo negli ultimi 5 anni?

E’ stata varata una riforma “lacrime e sangue”, varata, con il compiacimento della dirigenza di Inarcassa, in un momento di grande crisi strutturale di questo paese e, in particolare, della nostra professione.

Quale è stato il risultato immediato di questa riforma?

Che ora si è costretti a pagare un minimo elevatissimo di contributo personale annuo (circa 3000 euro), qualsiasi sia il reddito (salvo la deroga ma state attenti alle trappole!). In compenso sono state inserite molte, molte barriere all’accesso ad una pensione degna per tutti coloro che hanno basso reddito.

Chi ci ha rimesso di più in questa riforma? Verrebbe da dire tutti, ma principalmente i giovani, che vivono nel precariato, che hanno bassi redditi e che quindi sono costretti a pagare un contributo fisso (come i più anziani) ma che hanno grosse probabilità che questo loro sacrificio non sia calcolato adeguatamente ai fini della pensione.

Contemporaneamente, l’unico lascito delle generazioni precedenti, il patrimonio immobiliare, è stato, con un colpo di mano, tolto alla gestione diretta della cassa e dato ad un fondo immobiliare, dove sono presenti alcuni tra i grandi speculatori italiani.
Il nostro patrimonio perciò non è più sotto il controllo degli iscritti (attraverso i loro delegati) e probabilmente non ci ritornerà più.

Di chi è la colpa: nostra.

Principalmente della nostra ignavia, che non ci fa lasciare il nostro comodo, misero (perché gli architetti sono poveri ormai), angolino ereditato dalla nostra famiglia.

Siamo responsabili perché non ci informiamo su quanto accadrà nel nostro futuro.

Siamo responsabili perché non troviamo il tempo per andare a votare un delegato Inarcassa presso il notaio dove è istituito il seggio o per non avere il tempo di inviare una raccomandata con il nostro voto.

E’ anche colpa nostra quando non ci informiamo e non ci mettiamo personalmente in gioco, chiedendo spiegazioni ai nostri delegati o nella circostanza delle elezioni, presentandoci come candidati delegati.

Alle passate elezioni realtà come le grandi città, Roma in particolare, hanno faticato terribilmente ad arrivare al quorum minimo per esprimere un delegato.

Perché – si intende – questo sistema elettorale favorisce le piccole realtà dove bastano poche telefonate a pochi iscritti per raggiungere il quorum necessario e al contrario sfavorisce i grandi centri urbani dove i professionisti fanno la fame vera.
Una rappresentanza di persone motivate, competenti, critiche, possibilmente giovani (ora la maggioranza dei delegati sono pensionati), sfavorirebbe il potere di questo “cerchio magico” di potere che si è creato all’interno della nostra cassa e che la sta portando all’autodistruzione, a cominciare dalla tanto decantata sostenibilità a 50 anni.

E’ arabo parlare della pensione? E’ noioso? Non mi interessa? Accadrà-fra-trent’anni-e-per-ora sono giovane-e-me-la-godo?

Fate. Lasciate spazio agli altri. L’Inarcassa è tale e quale al nostro paese, che sta affondando per colpa della nostra ignavia.

Auguri, caro colleghi, elettori di Inarcassa.

Se invece intendete fare qualcosa sappiate che:

  1. Potete candidarvi entro il 19/11/2014, via PEC, con i moduli scaricabili dal sito di Inarcassa, al seguente indirizzo: elezioni@pec.inarcassa.org
  2. Amate l’Architettura si adopererà per dare informazioni sui candidati alle elezioni e sui loro programmi. Perciò daremo spazio a tutti coloro che vogliano rendere noto ai nostri lettori il proprio programma elettorale, basta chiedercelo.
  3. A Roma, il 20 novembre 2014, presso la sede dell’Ordine degli Architetti di Roma, piazza Manfredo Fanti 47, si terrà un incontro congiunto dell’Ordine degli Ingegneri e dell’Ordine degli Architetti d’Italia, nel quale verranno trattati i temi di Inarcassa in vista delle prossime elezioni.

Le larghe intese all’Ordine di Roma?

Finita la campagna elettorale, esaminati i risultati elettorali, vogliamo fare una riflessione su quanto è stato espresso dagli architetti romani e anche sull’esperienza avuta nella promozione e sostegno della lista Amate il Cambiamento, soprattutto per chi romano non è ed ha bisogno di un aiuto alla comprensione, non facile, di quanto è accaduto.

Cominciamo dai numeri.

Nel 2009 si candidarono 40 colleghi, questo anno le candidature iniziali sono state 108.

Nel 2009 votarono 2324 persone, questo anno 3933, quasi il doppio.

Già questo è un bel segno di democrazia e di nuova attenzione all’Ordine, di cui ci prendiamo la nostra grande fetta di merito.

Purtroppo è ancora una percentuale esigua (meno di un quarto degli iscritti), che si esprime nelle urne.

Analizzando i dati di lista si nota che nel 2009 la lista Diritto all’architettura ottenne una maggioranza bulgara (l’ultimo della vecchia lista, l’attuale presidente Livio Sacchi ottenne 1598 voti contro i 372 della prima dei non eletti, ora invece eletta, Daniela Proietti), mentre nelle elezioni odierne si è assistito ad un testa a testa tra le due liste nate dalla scissione del vecchio Consiglio: Next Arch, che ha “piazzato” 11 candidati e “Diritto all’Architettura che è riuscita a mettere in Consiglio solo 4 candidati.

Dopo le due liste è arrivata la lista da noi promossa, Amate il Cambiamento, la novità di queste elezioni, che ha preso una media di circa 400 voti a candidato, tra cui ha primeggiato Eleonora Carrano con 481 voti.

Dopo Amate il Cambiamento si sono posizionate una serie di sigle: “Architettura in Ordine/Ordine sparso”, O.R.A.; Anonima Architetti e altri.

I numeri esposti si prestano a letture plurime. Se da una parte la frammentazione del voto è un indice di democrazia, dall’altra non può sfuggire il fatto che dei 15 consiglieri eletti (tra le due liste) solo 4 sono le “new entries” in Consiglio (tutti di Next Arch). Gli altri sono colleghi già eletti per 1, 2, anche 3 consiliature (palma d’oro ad Alessandro Ridolfi e Fabrizio Pistolesi che sono alla quarta consiliatura consecutiva).

Alla luce di queste analisi risulta sostanzialmente un sistema bloccato dove, evidentemente, chi è all’interno di una istituzione, anche nel caso di un malcontento diffuso, ha maggiore facilitazione nell’essere rieletto.

Quali le cause?

La prima tra tutte è un sistema arcaico che obbliga gli iscritti, anche quelli della Provincia, ad andare fisicamente alla sede dell’Ordine (con problemi spaventosi di parcheggio!) e fare una fila anche superiore all’ora (come è accaduto negli ultimi giorni) e dovere scrivere a mano nome e cognome (attenti alle omonimie!) dei 15 candidati prescelti. Abbiamo anche assistito all’arrivo di pulmini, organizzati da una lista, che portavano votanti al seggio. Una cosa che farebbe sbellicare gli architetti iscritti ad un paese del terzo mondo!

Noi chiediamo al nuovo Consiglio che fin dal primo giorno si adoperi, presso gli organi competenti, per permettere – finalmente – di utilizzare la P.E.C. come sistema alternativo per le elezioni, e -vorremmo aggiungere – anche le consultazioni degli iscritti, su temi inerenti all’Ordine.

La seconda, figlia della prima, ci deve imporre l’attenzione sul fatto che se esiste un sistema che pone tali difficoltà per andare a votare, premia chi può fare leva sugli amici e su comunità di architetti, vincolate da legami professionali più stretti, come per esempio quelle dei professori universitari e dei dipendenti degli uffici pubblici.
Il libero professionista, si sa, è un cane sciolto.
Lo diciamo per il futuro, non per il passato, chi non promuoverà un sistema elettivo più accessibile e democratico avrà interesse a mantenere rendite di posizione all’interno dell’Ordine.

La terza causa più generica, è la grande disaffezione verso le istituzioni, in particolare quelle degli architetti, che vengono percepite, soprattutto dai giovani, poco o per nulla rappresentative delle proprie istanze.

Con queste elezioni e questa partecipazione massiccia sono stati portati a votare 1.600 iscritti in più rispetto a 4 anni fa; più del 40% dei votanti sono “nuovi” rispetto a 4 anni fa.

Con una grande approssimazione (e sicuramente con un ampio margine di errore) si potrebbe dire che la metà dei nuovi votanti sono stati portati dalle nuove liste alternative a quelle uscenti dal vecchio Consiglio (tra queste la lista Amate il Cambiamento ha fatto la parte del leone) e l’altra metà sono voti non attribuibili con certezza, probabili trasversali o parziali (con indicazioni di voto inferiori alle 15 preferenze).

Una ulteriore riflessione riguarda il fatto che, nonostante il sistema elettivo favorisca l’elezione di consigli appartenenti ad una unica lista (quindi con totale assenza di opposizione al suo interno) il consiglio uscito fuori da questa tornata elettorale è composto da due liste distinte. Sulla carta questo dovrebbe essere un bene: la presenza di una opposizione dovrebbe garantire tutti gli iscritti da eventuali abusi di gestione da parte della maggioranza; si tratta di un normale principio democratico che intende tutelare tutti i componenti di un gruppo eterogeneo da quelli che si definiscono “abusi della maggioranza”. Questo presupporrebbe però che i componenti eletti siano espressione di diverse istanze o di diverse esigenze all’interno degli iscritti. Sarà così? assisteremo ad una opposizione non interessata e mirata a una gestione legata unicamente a tutelare gli interessi di tutti gli iscritti? o forse, una volta conquistata la poltrona di consigliere assisteremo ad un appiattimento generalizzato della gestione in nome di diversi e più particolari interessi? Chi può dirlo? chi può entrare nella mente dei nuovi consiglieri per capire fino in fondo quali siano le loro reali motivazioni?

Certo è che un primo banco di prova sarà la decisione sul futuro della Fondazione: unico reale aspetto della campagna sul quale le due liste sono state divise.

Analizzati i risultati, Amate l’Architettura esprime soddisfazione per quanto è accaduto: più democrazia, maggiore pluralità, la nascita di un nuovo soggetto politico (ma crediamo anche più di uno) all’interno dell’Ordine – Amate il Cambiamento – che contribuirà, nel tempo, a riformare un sistema atrofizzato.

Una riflessione a parte meriterà l’esistenza stessa di un Ordine e soprattutto di un Consiglio Nazionale degli Architetti, così come è stato concepito finora, corporativo, di origine fascista, non efficacemente rappresentativo delle istanze degli iscritti.

Amate l’Architettura, come ha fatto finora, anche all’interno della rete 150K, contribuirà ad alimentare il dibattito sulla rappresentanza degli architetti per tornare, speriamo in un futuro non così lontano, ad avere le condizioni minime necessarie, in Italia, per la crescita del livello professionale e per la promozione della buona Architettura.

Le ragioni del nostro sostegno ad “Amate il Cambiamento”

21 settembre 2013

E’ ormai di dominio pubblico la presentazione della lista Amate il Cambiamento, sostenuta dal Movimento Amate l’Architettura.

Non abbiamo però, finora, spiegato le ragioni della nostra scelta.

Dobbiamo premettere che, contrariamente a quanto alcuni pensano, non è stata una scelta facile quella di presentarsi o no alle elezioni.

Il nostro Movimento è nato inizialmente per promuovere l’architettura contemporanea ma, con il tempo (e non ce n’è voluto molto), ci siamo resi conto che non si può parlare di Architettura (contemporanea) se non ci sono le condizioni per la professione di architetto, come accade in Italia.

Preso coscienza di questo, abbiamo indirizzato la nostra azione maggiormente su un piano sociale: rispetto delle regole, definizione delle competenze, condizioni della professione.

Se si vuole cambiare una società, si deve operare nel proprio raggio d’azione.

Se in queste elezioni si sono presentati ben 108 candidati (di cui 30 legati al Consiglio uscente e 78 antagonisti) vuole dire che abbiamo operato bene ed una piccola parte del merito è nostra.

Se a fine luglio è stata convocata un’assemblea aperta sui temi più scottanti dell’Ordine e della professione è anche perché noi l’abbiamo chiesta ben un anno prima, con una sottoscrizione di 555 iscritti all’Ordine.

Se tutte le liste, perfino quelle legate al Consiglio uscente (Diritto all’Architettura e Next arch), si sciacquano la bocca parlando di trasparenza è perché sono anni che facciamo battaglie, all’interno dell’Ordine, in suo nome.

Ci chiediamo come possano invocarla candidati che sono attivi da molti anni (anche 12!!) nella gestione – opaca – dell’Ordine.

E’ per i motivi esposti che da molto tempo abbiamo messo sotto la lente d’ingrandimento il funzionamento dell’Ordine di Roma.

Progressivamente ci siamo resi conto che in più di un decennio questa istituzione è stata trasformata in un meccanismo autoreferenziale, dove venivano promosse iniziative di vario genere senza consultare la base, gli iscritti.

Ha bisogno di una TV o di una radio un Ordine? E di una casa editrice che “casualmente” pubblica i libri scritti dai propri consiglieri? E tutta la sarabanda di mostre, manifestazioni, vernissage e kermesse a chi hanno giovato? E’ migliorata la reputazione dell’architetto nell’immaginario collettivo?

E’ vero che l’Ordine, vecchia istituzione fascista ingessata nella capacità gestionale, ha bisogno, in alcuni casi, di utilizzare società partecipate per gestire più agilmente strutture e attività, ma perché queste società non devono rispondere anche all’ultimo degli iscritti? Perché gli accessi agli atti vengono rifiutati (provate a farlo, a noi l’hanno negati) in quanto società private, pur se partecipate dall’Ordine, pagate cioè con i soldi nostri, vostri.

E che dire della Fondazione, fatta approvare a forza assieme al bilancio, finanziata con 50.000 euro presi dalle nostre tasche, senza neanche divulgare lo Statuto. Come se fosse un segreto di stato.

Questo Statuto è talmente indecente che permette la situazione – paradossale – di non fare decadere i Consiglieri e il presidente dimissionari dal Consiglio dell’Ordine.

E’, in estrema sintesi, un’istituzione emanata dall’Ordine, finanziata dagli iscritti ma completamente fuori dal controllo dell’Ordine.

Cari colleghi, qui c’è gente che ci tratta come sudditi mentre queste istituzioni dovrebbero essere al nostro servizio.

E ancora, mentre il Consiglio uscente suonava i suoi valzer come l’orchestrina del Titanic, il governo, con l’odiosa connivenza degli Ordini e del CNAPPC (link), varava riforme insostenibili per gli architetti e l’Inarcassa metteva in essere la più iniqua riforma tra le possibili.

Cosa è stato fatto per sostenere almeno i più deboli tra gli iscritti? Nulla!

E’ l’indignazione per tutto questo e altro la ragione per cui ci siamo impegnati a sostenere una lista e al contempo è la voglia di passare dalla fase di critica alla fase propositiva, di metterci in gioco in prima persona.

L’azione che abbiamo promosso vuole essere un paradigma del modo con cui vogliamo gestire l’Ordine: un modo inclusivo ed aperto.

Nella lista ci sono solo tre rappresentanti di Amate l’Architettura. Tutti gli altri candidati, tra i quali spicca una significativa presenza di giovani colleghi, condividono la nostra visione e vogliono come noi, in piena autonomia, modificare radicalmente questa istituzione.

Cari colleghi, avete l’occasione di passare dalla generica lamentela alla possibilità di rinnovare completamente un’istituzione allo sbando.

Per questi motivi vi chiediamo di sostenere, come stiamo facendo noi, la lista “Amate il Cambiamento”.

Giulio Paolo Calcaprina, presidente di Amate l’Architettura.

Franco Tegolini fa il punto: perchè “Amate il cambiamento”

18 settembre 2013

Il punto


Perché “Amate il Cambiamento”


Da qualche giorno ho avuto contatti con numerosi colleghi per comunicare la mia candidatura al Consiglio dell’Ordine all’interno della lista “Amate il Cambiamento”. Per questi colloqui avevo memorizzato una scaletta, pensavo, per aiutare il collega a comprendere con poche battute le posizioni delle tre liste che si confrontano. Ho avuto la netta sensazione che, nella maggioranza dei casi, ci fosse un’adeguata informazione sulla vita dell’Ordine e, sentiti i giudizi negativi, ci fosse un certo disinteresse a votare. Nel tentare di contrastare questo atteggiamento l’azione di questi anni di “Amate l’Architettura mi ha aiutato molto; infatti con questo riferimento molti colleghi, anche con una conoscenza limitata del movimento, hanno subito dimostrato attenzione agli obiettivi della nostra lista.

In particolare ho rilevato che le parole cambiare e, quindi, cambiamento, riassumono perfettamente ciò che la maggior parte degli architetti romani desiderano, al contrario delle parole delle altre due liste, diritto e next, perché non esprimono quanto desiderato; queste infatti anche se sono accostate alle parole trasparenza e partecipazione, ormai enunciate in modo ripetitivo, non riescono ad attrarre l’attenzione degli architetti, perché non corrispondono ai comportamenti di chi ha gestito l’Ordine per dodici anni; in sostanza trasparenza e partecipazione, in assenza di cambiamento, non sono credibili.

C’è anche un altro aspetto da considerare: la parola cambiamento trasmette ottimismo. Cambiare comporta il desiderio di sognare e ha bisogno di coraggio. Di questo oggi abbiamo bisogno. La nostra professione sta correndo rischi gravissimi con effetti che possono diventare irreversibili sulla coesione interna e sulla credibilità del mercato. Abbiamo lanciato un grido di allarme sulla condizione degli architetti rispetto alla loro capacità di essere competitivi e conquistare spazi consolidati dell’offerta di lavoro. C’è bisogno di un’azione unitaria rivolta in particolare ai giovani architetti per aiutarli ad essere protagonisti e costruttori autonomi del loro futuro e ad avere la speranza di uscire dalla crisi con ordinamenti formativi e professionali rinnovato . L’esperienza di questi giorni mi ha aiutato a superare i dubbi sulla mia candidatura, manifestati inizialmente agli amici di Amate l’Architettura. Oggi ritengo che ci sia bisogno di un impegno straordinario e di un richiamo al senso di responsabilità per scongiurare una sconfitta che sarebbe di tutti. Questa occasione mi dato la possibilità essere utile per gli obiettivi di “Amare il Cambiamento”, con l’impegno di diventare consigliere di tutti gli iscritti e non solamente di una parte.

Franco Tegolini

incontri_elezioni-ordine-2013221


“Poi dice che non ci tutelano”

17 settembre 2013

– Hei tu!

– Chi io?

– Si tu! Tra colleghi ci si da del tu, non lo sapevi?

– Si, ma chi ti conosce?

– Piacere sono l’architetto Caio e mi devi dare ottocento euri.

– E perchè?

– Perchè lo ha deciso l’architetto Tizio.

– E chi è?

– E’ l’amico mio che mi ha dato il voto. Tu hai votato?

– Emm, no.

– Ecco, bravo! anzi super bravo, che magari davi il voto a qualcun altro e mi toccava faticare il doppio per essere eletto. Lo sai quanto è difficile convincere una persona ad andare a votare? convincerla a darti il voto poi. Non si può mai sapere cosa succede nel segreto delle urne, la gente è strana, tu gli dai 15 nomi, e loro cosa fanno, ti cambiano le cose, fanno di testa loro e votano qualcun altro: sapessi che litigate tra gli eletti. Invece tu sei stato in gamba, te ne sei stato buono buono a casa e hai lasciato che fosse Tizio a decidere per tutti. Grazie!

– Si ma così non mi pare molto giusto.

– Oh, Oh, ora non mi si lamenti: non pianga sul latte versato e pensi a versare il dovuto.

– Che fa? mi da del Lei ora?

– Eccerto, quando riscuoto sono l’istituzione, sono io che decido quanto mi deve dare: e lei deve solo versare. Mica siamo sullo stesso piano noi.

– Vabbè ho capito, ma ottocento euro sono tanti.

– Che fa, si rifiuta? fa il moroso? invece di ringraziare, lo sa che potevano essere 1.000?

– Beh ma almeno mi dica cosa ci fa con questi soldi.

– Come che ci faccio!?! dove vive lei, questi soldi servono per tutelarla!

– In che senso?

– Se lei ha bisogno, noi la tuteliamo.

– Davvero?!? allora guardi, vengo proprio adesso dal comune…

– Emm, no, freni, freni. Le ho detto che noi siamo un’istituzione, mica possiamo fare nulla contro un’altra istituzione. Va bene la tutela, ma non esageriamo, ci sono delle regole da rispettare.

– Ho capito; allora guardi, devo sollecitare un pagamento da parte di un collega per quella pratica che gli ho portato avanti. Sono pure soldi in nero.

– Eh no! non ci siamo, che facciamo favoritismi? mica posso tutelare a discrezione io; le liti tra colleghi vedetevele tra di voi.

– Allora ci sarebbe quella causa con il cliente…

– Nemmeno; che facciamo gli avvocati noi? Siamo Uomini o Architetti? Senta, dia retta a me, per la sua tutela, quello che ci vuole è un bel corso.

– Un corso?

– Certo, lo dice pure la legge: per dimostrare di essere un vero esperto nel suo campo non deve fare altro che frequentare un corso; possibilmente il nostro.

– E io che credevo che per diventare esperto si dovesse fare esperienza. Cioè, lavorare.

– Come no? infatti qui di lavoro ce n’è tanto; guardi Tizio, ha scritto un sacco di libri, e noi glieli abbiamo pubblicati tutti.

– Mai letti

– Ma che dice? su alcuni ci abbiamo anche costruito un paio di mostre!

– Mai viste

– Lei è proprio un caso disperato, venga qui, approfitti, oggi inizia un corso che fa proprio al caso suo; lo tiene Tizio; il corso riguarda proprio la pratica di cui mi parlava.

– Quindi Tizio è un esperto di pratiche.

– Certo, ha scritto un sacco di libri in materia.

– Però a me serve qualche consiglio pratico, qualcosa di utile per il mio lavoro. Questo Tizio mi sembra che abbia una competenza molto teorica.

– Ecco, lo vede che lo conosce pure lei, venga venga; non si dimentichi di versare la quota di iscrizione al corso, mi raccomando;

– E no, scusami collega, secondo te, per poter dimostrare che sono esperto in una materia per la quale sono già esperto ma che non posso dimostrare di conoscere perché non riesco a farmi pagare se non in nero, dovrei frequentare un corso su un argomento che conosco già magari rinunciando a lavorare su quello stesso argomento?

– emm, si.

– allora sai che ti dico? che il corso me lo vado a cercare da solo e decido da solo se il corso è idoneo alle mie esigenze. Ciao.

– Da non credere; poi dite che non vi tuteliamo…..

Nel 2009 gli iscritti all’Ordine di Roma aventi diritto al voto erano 16.174.

Alle elezioni parteciparono 2.324 votanti: ovvero il 14,3% del totale.

L’85,7% preferì evidentemente restare a casa (o a studio) ritenendo (forse a ragione) che non ne valesse la pena; non era il caso, in fondo cosa sono 4 annualità di iscrizione (più di 800 €) nel bilancio di un’architetto?

Oggi gli iscritti all’Ordine aventi diritto al voto sono 17.531;

Oggi si sono candidati per il rinnovo del consiglio ben 108 candidati.

Oggi puoi scegliere.

Oggi puoi cambiare.

Amate il cambiamento!