Articoli marcati con tag ‘daniela maruotti’

L’Architettura è tensione dialogica

10 luglio 2017

Confesso che non conoscevo l’arch Canepone. Per niente.

Questa ricerca è una sequenza di confessioni, dovute principalmente alla mia gigantesca ignoranza; ci sono colleghi espertissimi di tutto quello che è stato scritto, pensato e prodotto nella storia dell’architettura; ci sono colleghi super informati su ogni novità, nuovi prodotti, nuove realizzazioni, nuovi architetti o architetti meno nuovi ma non conosciuti al grande pubblico. Colleghi con le idee chiare.

Io non sono uno di loro.

Non lo dico per snobismo anti culturale. Non faccio parte di chi mitizza Fantozzi che esclama “è una cagata pazzesca!” ridicolizzando gli intellettuali. Anzi, i portatori di conoscenza, gli euruditi, sono la struttura portante dell’evoluzione e dell’innovazione. Non c’è ricerca senza conoscenza; quando si difetta di conoscenza tocca rubarla da chi ne ha in abbondanza.

Per questo per la mia ricerca ho deciso di coinvolgere gli altri; per questo punto a diversificare le fonti, i personaggi da coinvolgere.

Per questo il mio metodo (la mia linea editoriale) finisce con l’essere un po’ casuale, potremmo definirla una ricerca psicogeografica (e con questo sotto sotto, vi dico che un po’ di erudizione, nonostante gli sforzi, mi resta incrostata sulla pelle); navigo a vista, sia perchè non sono partito con una idea precostituita della risposta che mi aspetto, sia perchè più vado avanti e più mi rendo conto di navigare in mezzo ad una nebbia fitta. Gli articoli che pubblico non sono altro che apparizioni nella nebbia.

In questo contesto accolgo molto volentieri i suggerimenti degli amici; non è quello che si fa spesso quando si parte per un viaggio? si chiede tra gli amici qualche suggerimento? ma anche durante i viaggi, le scoperte migliori si fanno chiedendo sul posto, raramente si rimane delusi.

Ecco quindi che è saltato fuori Aldo Canepone, segnalato da una collega/amica di Amate l’Architettura.

Chi lo conosce mi assicura che la sua prosa rispecchia il suo carattere rigoroso e accurato, riscontrabile nella sua attività didattica.

La sua risposta “ufficiale”, 32 parole compresi gli articoli, è una poetica dichiarazione d’amore per l’Architettura e la sua disciplina… Eccola:

…l’architettura serve a far crescere un fiore nel deserto materiale… è una tensione dialogica tra disciplina e contesto espressa con sensibile coscienza…fiducioso angelo che accompagna il pensiero e l’azione…

FB_IMG_1499063684431

Aldo Canepone – l’angelo posato sull’architettura, presenza fiduciosa che misura e riflette – 2016

 

Aldo ci ha inviato anche un post scriptum che completa questa definizione, ampliando a tutto il contesto della nostra società la sua riflessione:

P.S.: note a margine: ovviamente l’architettura serve se è poesia ma serve (seppure questa parola in sé lascia qualche perplessità) ad elevare e riunire di senso compiuto e sensibile il contesto, troppo spesso di mera materialità (che è anche tanto altro, è anche storia e luogo, spazio e presenza fisica dell’ambiente umano, esperienza e conoscenza individuale e collettiva, ed è anche il sito, un territorio, un paesaggio, una comunità, l’occasione specifica ed una economia che la promuove, ecc.), non è (non dovrebbe essere) moda e non serv(irebb)e se è tale, se è serva del capitale le mancherà “il” fondo (e la testa), e non è solo poesia seppure è un’aspirazione ad un mondo migliore, ecco a cosa serv(irebb)e  il capitale, “serv(irebb)e” (l’architettura e per essa il capitale) alla collettività che vi si confronta e vi si riflette ed eleva, come per le utopie a volte qualcuna precipita e si concretizza, a volte bene, altre volte un po’ meno, dipende; insomma non è solo un mestiere ed un lavoro, al servizio di, e non è solo riflessione ed azione artistica, e non è solo disciplina, anche se lo è nel fondamento e nella sostanza, è tensione dialogica espressa dal e nel contesto con sensibile coscienza, appunto, mai sottoposta ad una flessione per non soccombere, è concentrazione ed impegno, costante, a volte un sorriso le riserba il dono della superficie distesa ma è tanta profondità anche laddove il mare (il contesto, materiale) non è sempre lo è. Potremmo anche dire dell’architettura che è tante cose e niente insieme, per questo è tensione dialogica costante ed operante con sensibile coscienza.

Insomma tutto infine torna dal vuoto da cui è partito avendo ognuno cercato di riempirlo, nella realtà che ha vissuto e vive, nel modo che ha ritenuto e ritiene essere il migliore, per l’architettura…e poi l’angelo che accompagna, suggerisce, misura e riflette…è la sua ombra…AC.