Articoli marcati con tag ‘Campidoglio 2’

Lettera al Sindaco di Roma Alemanno

Il nostro movimento “Amate L’Architettura”, in occasione del convegno “Roma 2010-2020, nuovi modelli di trasformazione urbana” svoltosi a Roma l’8 e il 9 aprile, ha consegnato al Sindaco di Roma e ha distribuito a tutti i partecipanti al Convegno, una lettera di protesta contro la decisione di non affidare l’incarico di progettazione del Concorso “Campidoglio 2” al vincitore, decidendo di farsi “offrire” il progetto dall’impresa appaltatrice delle opere, che sarà selezionata secondo la procedure dell’appalto integrato.

Riteniamo che questo atto, benché consentito dalla attuale normativa sui lavori pubblici, sia estremamente lesivo della dignità della categoria dei progettisti che spendono parte del loro tempo prezioso nei concorsi di progettazione.

Inoltre, a fronte di questo modus operandi, l’idea di organizzare un convegno sui nuovi modelli di trasformazione urbana, appare per lo meno ipocrita.

Non è un problema di stile architettonico, né di opporre una corrente di pensiero rispetto ad un’altra, ma di difendere il valore dell’Architettura nel senso più alto contro l’idea che il progetto di Architettura venga trattato alla stregua di un optional, un gadget da farsi offrire in omaggio.

LETTERA APERTA AD ALEMANNO

Egregio Signor Sindaco del Comune di Roma

On. Gianni Alemanno

Piazza del Campidoglio

00186 Roma

sindaco@comune.roma.it

Il Movimento Amate L’Architettura desidera manifestarLe il proprio disappunto per la Sua intenzione di non voler procedere all’affidamento dell’incarico al vincitore del Concorso Internazionale di Progettazione denominato:”La Casa dei Cittadini Campidoglio 2”.

Riteniamo inoltre preoccupante il suo proposito di voler procedere all’esecuzione dell’intervento tramite appalto integrato, richiedendo alle imprese di “offrire” il progetto delle opere.

Non è nostro intento affrontare una battaglia di stile o di gusto architettonico ma è evidente che con questa scelta la Giunta Alemanno dimostra con i fatti di volere rinunciare ad essere attore coscienzioso e attivo nelle trasformazioni del territorio romano.

Riteniamo che la progettazione, costituisca il momento più importante nel processo di trasformazione del territorio e soprattutto che costituisca lo strumento indispensabile per il controllo e la guida di tale trasformazione da parte di un’Amministrazione che sia seriamente intenzionata a decidere e incidere sul futuro della propria città.

Da architetti riteniamo che la nostra categoria possa dare il proprio contributo positivo al miglioramento della qualità della vita delle città in cui viviamo e chiediamo di essere messi in condizioni di esprimere fino in fondo tutta la nostra professionalità, anche assumendoci pienamente la responsabilità sui risultati del nostro lavoro.

L’idea che la progettazione possa essere “Offerta” dalle imprese, dimostra oltre che scarsa attenzione al valore culturale delle tematiche architettoniche, anche la profonda ingenuità di chi si illude che un supposto risparmio iniziale non sarà puntualmente pagato in seguito dalla collettività per la mancanza di controllo sulle scelte di progetto.

Sarebbe stato sufficiente infatti esprimere con chiarezza e trasparenza le motivazioni che l’ hanno portata a non essere “molto convinto” del progetto vincitore, consentendo al progettista di riproporre nuove versioni sulla base delle osservazioni espresse, per dimostrare grande maturità e senso pratico, riuscendo, nell’intento di non dissipare le risorse spese fino a questo momento e contestualmente marcando il segno della discontinuità nella prassi consolidata dai nostri politici, di distruggere ogni cosa avviata dalle precedenti amministrazioni.

Appare quindi assolutamente scorretto oltreché ridicolo spendere risorse e denaro pubblico per organizzare Commissioni e convegni sui temi della trasformazione urbana quando all’atto pratico le occasioni concrete vengono disattese e soprattutto gestite in totale disprezzo del valore del progetto e del progettista.

La giunta Veltroni non ha certo brillato dal punto di vista del governo del territorio e i peggiori esempi sono derivati proprio dai casi in cui si è lasciato alle imprese e ai costruttori la possibilità di decidere liberamente sulle scelte di trasformazione, in totale assenza (forse) sia di una strategia generale che di un progetto, e il più delle volte eseguite sottotraccia senza una reale attenzione e coinvolgimento della cittadinanza.

Chiediamo quindi alla Giunta Alemanno un nuovo e lungimirante cambio di rotta, promuovendo da subito:

– L’affidamento dell’incarico di progettazione all’arch Cucinella, vincitore del concorso per il Campidoglio 2

– Il massiccio ritorno all’utilizzo dello strumento del concorso per tutte le iniziative previste dal Comune di Roma

– L’avvio di azioni a sostegno del progetto architettonico, attraverso la figura del progettista con l’obbligo di nomina di un architetto in ogni iniziativa di trasformazione urbana prevista all’interno del comune di Roma;

In sintesi, come connaturato da sempre nella storia di Roma, di restituire alla nostra città l’attitudine a FARE ARCHITETTURA!!!

AMATE L’ARCHITETTURA

Movimento per l’architettura contemporanea

Roma 06/04/2010

Leggi l’articolo del Riformista

Campidoglio 2, l’Architettura in svendita

27 Marzo 2010

Sta per partire la gara per l’esecuzione dei lavori del Campidoglio 2.

Quest’estate ci sarà la pubblicazione del bando di gara, a cui seguirà l’approvazione della graduatoria a primavera 2011, e conseguentemente l’inizio dei lavori.

Il progetto non c’è.

O meglio c’era ma per il Sindaco evidentemente non è necessario.

Concorso

La giunta Alemanno sostenendo che i progetti che hanno partecipato al «concorso di idee» (12 progetti da ogni parte del mondo) non lo hanno “convinto molto” ha deciso di indire un’altra gara in cui sia il vincitore della gara a “offrire

il progetto”.

Vi invito a soffermarvi sulla bellezza della parola “offrire”; parola taumaturgica e magica, emblematicamente vicina al sentire comune (nel senso di condiviso) che rimanda ai luoghi familiari ed universalmente noti dei supermercati e dei centri commerciali; regni incontrastati dell’offerta speciale, paradigmi del 3×2.

Il pensiero è andato subito a Porta di Roma poi per identità tipologica a Parco Leonardo, infine per vicinanza alla Nuova Fiera di Roma, noto capolavoro costruito appunto grazie al progetto gentilmente offerto dal costruttore.

Non so perché ma mi immagino il nostro sindaco che entra in un negozio di scarpe, chiede al negoziante: “scusi devo comprare un paio di scarpe io le dico il numero di taglia lei sceglie il modello e il prezzo.” poi siccome il nostro sindaco è un grande furbacchione e non si vuole fare fregare: “nel prezzo mi raccomando la pago anche perché mi scelga un paio di scarpe che mi vadano bene. Sa! finora i suggerimenti dei miei amici non mi hanno convinto molto……”

Diciamo pure che il negoziante è onesto, Alemanno è un cliente di fiducia, in fondo ci tiene a fare bella figura con lui. Quindi si fa i suoi conti, valuta cosa ha nel magazzino, tira fuor tre paia di scarpe che ritiene idonee per soddisfare il suo cliente e le presenta ognuna corredata del suo prezzo. Il nostro cliente non deve fare altro che confrontare i tre modelli con i prezzi e scegliere.

Qui il nostro sindaco incontra il primo intoppo. Già perché i modelli non sembrano poi così malaccio, però invece di rispecchiare le sue effettive esigenze, si rende conto che rispecchiano più quelle del commerciante. Il primo paio è bello ma appare tropo sportivo, il secondo sembra costare decisamente troppo, l’ultimo non sembra male, però non si intona con il completo gessato che ha appena comprato per la cerimonia di domani sera (già perché ci eravamo scordati di dire che c’era anche un’esigenza di tempi da rispettare) e poi ancora non lo convince il prezzo che appare un poco più alto di quanto aveva previsto. Così Alemanno tergiversa, ci pensa, infine concorda con il commerciante di rivedersi il giorno dopo, poco prima della festa, in maniera da dare al commerciante il tempo di cercare altre soluzioni (rielaborare la proposta) mantenendo ovviamente fisso il prezzo.

Il giorno dopo Alemanno si presenta già vestito per la cerimonia, ai piedi porta le sue vecchie scarpe pronto a cambiarle di corsa. È un poco teso anche se non dispera che il negoziante possa trovare una soluzione accettabile; ne va della sua dignità, aveva promesso a tutti un paio di scarpe nuove ed ora non può presentarsi alla festa senza, noterebbero tutti la differenza.

Il commerciante si ripresenta con altre tre alternative. Stavolta va un po’ meglio; non siamo all’optimum ma che volete, con il budget che aveva proprio non poteva fare di più; inoltre c’è il poco tempo a disposizione per la ricerca. Un po’ sollevato il nostro Gianni sceglie il paio che gli pare più bello e che si intona meglio con il vestito.

In realtà vorrebbe dedicare più tempo a valutare le singole opportunità, vorrebbe confrontare i prezzi per vedere quale offre il miglior rapporto qualità prezzo; però sono tutte diverse, come si fa a verificarne i prezzi?

Dovrebbe andare in giro da altri commercianti e confrontare i prezzi sugli stessi modelli, ma ora non c’è tempo.

Vorrebbe provare i modelli, verificarne la marca, sentire il parere di amici (quelli che prima aveva snobbato, quelli esperti di moda e calzature), ma il commerciante ha solo quelli da offrire, non ci sono alternative.

Sarebbe utile infine provare un po’ i modelli, portarli per qualche minuto in più, sentirne la effettiva calzabilità ma non c’è tempo, la festa è tra poco.

Qualche dubbio affiora che forse la strategia non sia stata poi quella vincente. Ma è solo un attimo, non c’è tempo per tergiversare! È tempo di decidere! Lui è un uomo del fare!

Così si infila le scarpe, paga quello che deve pagare e corre alla cerimonia.

Già sulla strada cominciano i dolori. Nel senso letterale del termine! Perché le scarpe non calzano perfettamente, stringono un po’ sui fianchi e quel dolorino impercettibile che aveva avvertito all’inizio sta diventando ora sempre più forte.

Gianni ovviamente alla cerimonia non dirà nulla, si limiterà a sorridere a tutti sfoggiando il suo bel paio nuovo di pacca; vantandosi pure con gli amici della sua astuzia: “Visto? A che servivano i vostri consigli, io mi sono rivolto direttamente al fornitore e guardate qui che risultato! Così mi sono anche risparmiato la fatica di andare in giro a cercare le scarpe che volevo. Questa fatica me l’ha gentilmente offerta il commerciante…….”

La festa passa, con successo e soddisfazione di tutti; un po’ meno per i poveri piedi di Gianni, il quale il giorno dopo decide di tornare dal commerciante per esporgli il problema.

Si può fare qualcosa, ma bisognerebbe pagare un leggero sovrapprezzo per fare allargare la suola.

Di restituire il capo non se ne parla, ormai si sa che le ha usate tutta la notte e poi anche questo sarebbe un po’ come ammettere il proprio errore.

Gianni ci pensa su, sua moglie era stata categorica, non un euro in più per queste scarpe. Decide a malincuore di resistere al dolore sperando che con il tempo la scarpa si allarghi da sola.

Passano i giorni e le cerimonie, la scarpa continua a fare male e il piede anche.

Quando il dolore diventa insopportabile, Gianni decide di andare dal podologo per farsi mettere a posto il piede.

La parcella del podologo è salata, quasi quanto le scarpe stesse; per fortuna che questa spesa non passa nella categoria abbigliamento, altrimenti sai cosa direbbe la moglie; per non parlare degli amici.

Il podologo consiglia di cambiare scarpe.

Come? Ma se le ho appena comprate!

Il podologo è irremovibile; o la scarpa o la salute del piede.

Così Gianni a malincuore e di nascosto si reca da un altro commerciante. Così! tanto per capire se si trova ancora qualcosa a buon mercato, in fondo l’usura e la frequenza delle cerimonie potrebbero giustificare un secondo paio.

Ma grande è la sorpresa quando Gianni scopre in bella vista il suo stesso paio di scarpe ad un prezzo leggermente superiore, in un altro negozio……

Gianni reprime il moto di orgoglio e decide di godersi fino in fondo la soddisfazione. Si finge interessato e con la scusa spinge il commerciante a chiacchierare immaginando il suo trionfo mentre sente decantare le doti del suo paio di scarpe; quello che lui da solo senza l’aiuto dei suoi amici, è riuscito scegliere, per giunta ad un prezzo inferiore rispetto al mercato.

Così nel culmine del godimento, mentre il Gianni riesce a farsi passare per grande esperto in materia di calzature, il commerciante conclude:

“Dottò pensi che queste stesse scarpe le ho vendute sotto costo ad un amico che gli servivano per fare un favore a un cliente; dice che doveva cercare un paio di scarpe che gli andassero bene ma che il prezzo fissato non era sostenibile; inoltre stava girando come un matto inutilmente e doveva trovare qualcosa in tempi brevi; gli ho dato un paio difettato, il trattamento del cuoio era venuto male…… ma mi ha assicurato che era solo per una sera. D’altronde un esperto come lei si sarebbe accorto subito della differenza…….”

Che dite la morale è chiara?

Campidoglio 2: un’altra occasione persa

9 Settembre 2009

E’ possibile che i nostri politici non abbiano alcuna sensibilità per l’architettura ? Diceva Gio Ponti, ispiratore del nome del nostro Movimento, che bisogna insegnare ai politici l’architettura, sono passati più di 50 anni ma la situazione è soltanto peggiorata, quando  avremo un Presidente del Consiglio, come in Francia, che nei suoi discorsi esalta il valore dell’architettura contemporanea riconoscendo il valore del progetto e l’importanza di intervenire anche nei centri storici, perchè l’architettura deve essere ed è un espressione culturale del tempo in cui viviamo.

cuci-11

La cosa che colpisce nell’azzeramento del concorso Campidoglio 2 è che la motivazione ufficiale è la seguente: non è più la soluzione più confacente all’interesse pubblico, in quanto scelto sulla base di criteri selettivi elaborati nell’originaria e diversa prospettiva dell’appalto e dunque non può essere messo in gara nella nuova direzione della finanza di progetto. In parole povere, non ci sono più i soldi, peccato che la legge imponga la copertura finanziaria prima di realizzare un concorso di progettazione, e quindi si decide di affidare tutto ai privati, sappiamo bene come sarà rispettato l’interesse pubblico affidando tutto ai privati soprattutto dal punto di vista della qualità architettonica.

cuci-24

E’ ora di finirla con questi concorsi farsa, è stato calcolato che su 1000 se ne realizza 1, se poi a ciò si aggiunge che in molti casi, come in quello di Campidoglio 2, si blocca anche la parcella dell’architetto ben 500,000 euro allora la situazione diventa insostenibile, bisogna reagire con forza!!!

Non c’è alcun rispetto per il progettista dal più piccolo incarico di ristrutturazione svolto da un giovane professionista al più grande incarico svolto dall’architetto noto, siamo socialmente inutili !!!!!!!!

Esprimiamo la nostra solidarietà a Mario Cucinella e lo invitiamo a combattere con noi per la difesa dell’Architettura e del ruolo dell’Architetto.

cuci31