Articoli marcati con tag ‘campania’

Post-covid e architettura: il rischio di una falsa coscienza collettiva, la necessità della coscienza individuale. [Post Covid-19]

12 Maggio 2020

Amate l’Architettura ha già avviato una serie di approfondimenti sul tema della risposta degli architetti alle esigenze emerse in seguito alla pandemia di covid 19, con questo articolo si vuole portare a conoscenza di chi legge la risposta di un gruppo di architetti napoletani che, in difesa di alcuni principi e di una determinata concezione urbanistica, ha costituito una associazione che sta raccogliendo molte adesioni anche fuori dalla Campania: l’Air, Architetti in Rete .

Tale loro risposta in realtà suona come un allarme basato su preoccupazioni fondate, legate al territorio campano e soprattutto all’area metropolitana di Napoli, ma che potrebbero essere estese all’Italia intera e perciò sollecitano importanti riflessioni.

La pandemia di corona virus è un accadimento straordinario che ha generato a livello planetario conseguenze eccezionali in tutti i campi dell’esistenza non solo umana: ha unito i popoli suscitando in essi nello stesso momento sentimenti profondi e simili come paura, angoscia, dolore e disorientamento ma anche solidarietà e compassione; ha scombussolato i mercati; influito sull’inquinamento globale; fermato le guerre; modificato il comportamento degli animali. Come un’onda si è propagato a tutti i livelli e in tutte le direzioni raggiungendo i luoghi più reconditi della terra e della società. Soprattutto ha costretto tutti a vivere una specie di appendice temporale imprevista, dove è saltato ogni piano.

Un tempo abbastanza lungo da imporre riflessioni di ogni genere, tanto nel singolo individuo quanto nella collettività.

Le due anime, quella collettiva e quella individuale, sono rimaste per un po’ in silenzio ad osservarsi. Sono emersi o riemersi bisogni che nella fretta e nel trambusto quotidiani tendiamo a mettere da parte, a cui non abbiamo il tempo di pensare e dai quali spesso veniamo deviati da “programmi di intrattenimento” studiati da chi ci governa, in modo che nella nostra distrazione possa agire indisturbato verso i suoi fini.

Il covid ha prodotto un certo silenzio dentro e fuori le persone, ha reso mute le città, ci ha costretti in casa a vivere diversamente gli spazi che costituiscono la base della nostra quotidianità e perciò della nostra vita. Ci siamo dovuti interrogare sulla nostra dimensione virtuale che si è imposta su quella reale. Mai come adesso ci siamo resi conto di come la tecnologia alteri la percezione dello spazio abitativo, mai lo stargate, la finestra sul mondo di cui sono dotate le nostre case ha avuto l’importanza che ha avuto in questi giorni (e qui mi viene in mente un bellissimo articolo scritto di recente dalla mia amica arch Cecilia Anselmi che considera nelle aperture dello spazio domestico verso l’esterno non solo quelle fisiche nelle varie tipologie ma anche la finestra virtuale sul web .

Preminenti temi sociali così come grandi contraddizioni si sono imposti alla nostra attenzione: dalle carenze del sistema sanitario alla inadeguatezza tecnologica della scuola e di altri istituti pubblici, dalla sofferenza economica delle famiglie a quella delle aziende, dal lavoro nero alla presenza irregolare e allo stesso tempo vitale per la nostra agricoltura ed economia degli immigrati, dal sovraffollamento al problema casa per tanti che non ce l’hanno, fino all’inquinamento delle nostre città, al soffocamento della natura che nel nostro rallentamento forzato torna a respirare. Tali evidenze smascherano l’inefficienza o la completa assenza di risposte e soluzioni da parte di tutta la politica che di certi temi fa un pennacchio in campagna elettorale.

Ed è sul bisogno della politica di ricreare la sua credibilità e sui tanti bisogni reali delle persone che si innestano nella fase di ripresa, di post-covid, delle narrazioni fuorvianti e pericolose. E’ necessario che l’attenzione sia perciò alta e che l’esigenza di riprendere le nostre attività e di riconquistare le libertà perse non ci faccia ragionare frettolosamente. La pandemia è avvenuta e sta passando non senza lasciarsi dietro una quantità di dolore da smaltire, ma bisogna restare lucidi, vigili e critici perché ciò che essendo accaduto non può essere modificato, potrebbe invece costituire una importante e forse irripetibile occasione per ripensare al modo in cui sono organizzate le nostre società e le nostre città, i nostri spazi privati, le nostre relazioni con gli altri, la scala di valori che usiamo per misurare e ordinare le cose, per migliorare, riprogettandola, la qualità della vita. E veniamo qui all’allarme lanciato dall’Associazione AIR con la sua risposta.

Il 15 aprile 2020 il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha invitato con una nota ufficiale  le forze politiche, istituzionali, sociali e imprenditoriali a dare il proprio contributo inviando una proposta per affrontare la cosiddetta “Fase 2”: l’Air risponde elencando quei principi in difesa dei quali si è costituita associazione e chiede, sottolineandone l’urgenza, la salvaguardia:

  • del capitale naturale, con immediato arresto del consumo di suolo;
  • del capitale immobiliare del patrimonio storico-architettonico e territoriale attraverso il recupero, la ristrutturazione, il restauro e il risanamento conservativo del patrimonio immobiliare ed infrastrutturale esistente;
  • del capitale umano della comunità insediata attivando processi di rigenerazione urbana e di riequilibrio ambientale da ottenersi: fissando il parametro urbanistico della sostenibilità ambientale all’impatto antropico; definendo e rispettando la densità territoriale media col parametro che deve tendere progressivamente a 500 ab/kmq, omogeneamente distribuiti sul territorio; attraverso azioni finalizzate al decentramento in alternativa alla densificazione urbana, in aree comunque già infrastrutturate, o dove i nuovi collegamenti possano essere realizzati senza nuovo consumo di suolo ma con il recupero di aree già consumate ( tenendo conto che circa l’80% del consumo di suolo dipende dalle infrastrutture).

L’Air sostiene che: al distanziamento sociale – posto come requisito indispensabile nella fase 2 – debba corrispondere il distanziamento urbanistico; che vadano recuperate le aree interne della regione Campania (ma si può ragionare nello stesso modo su tutto il territorio nazionale italiano); che al diradamento della “edilizia spazzatura” che affolla l’area metropolitana di Napoli, corrisponda un ripopolamento dei borghi storici in stato di decadimento e abbandono, anche attraverso il recupero dei sistemi interni di collegamento ferroviario.

Tale risposta dell’Air costituisce un allarme se si considera che nella lettera di risposta dell’Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori di Napoli e Provincia alla stessa richiesta del Presidente De Luca, si legge che

“a sostegno delle economie locali” della zona rossa del Vesuvio si debba “prevedere la possibilità di un adeguamento del patrimonio edilizio esistente con aumenti volumetrici/funzionali del tipo igienico sanitario, con l’applicazione del c.d. piano casa in deroga alla legge regionale n.21/2003, previa abrogazione dell’articolo 3 lettera G) della legge regionale n.19/2009, e definizione di tutte le pratiche di condono pendenti nei Comuni della zona rossa, affinché l’abrogazione dell’art. 3 lettera G) della L.R. 19/2009 possa sortire i suoi effetti anche su quell’edilizia che da molti anni aspetta di essere “sanata” e diventare anch’essa volano di ripresa delle economie. I Comuni dovrebbero dare seguito alle conferenze di servizi con le Sovrintendenze e gli altri Enti preposti al rilascio dei pareri sulle pratiche ferme. Per migliorare la sicurezza e la qualità di tutto il patrimonio edilizio esistente, permettendo ai cittadini di attivare il sisma bonus e l’eco bonus”.

Quanto strida questa richiesta con il bene della città e dei cittadini, essendo nota in tutto il mondo la pericolosità del Vesuvio e la già pesante e contraddittoria congestione delle aree vesuviane, è facile capirlo. Inoltre si consideri che attraverso i PUA, Piani Urbanistici Attuativi, il Comune di Napoli acconsentirà alla costruzione di circa 3 milioni di metri cubi di nuova edificazione nell’area cittadina.

Gli architetti dell’Air avvertono a tali propositi che la parte intellettuale e politica che da anni sostiene la “teoria” della densificazione urbana, ora, davanti al covid, a quanto esso abbia fatto emergere in termini di necessità di ripensamento della vivibilità urbana, di rapporto con l’ambiente e alle nuove esigenze di distanziamento sociale non ha cambiato prospettiva e anzi cerca di sfruttare l’emergenza sanitaria, nonché la relativa urgenza di semplificare le procedure burocratiche, in favore degli immutati intenti di cementificazione, pur sapendo che un ulteriore addensamento della città non farebbe altro che aggravare la sua già alta esposizione al rischio sismico, bradisismico, vulcanico ed ora anche epidemiologico!

Sicuramente una delle leve su cui viene fatta pressione è l’attuale disperata esigenza di riattivare la vita economica del Paese, ma – fanno presente gli architetti dell’AIR – la sana industria delle costruzioni potrebbe aver importanti risorse economiche anche occupandosi di quelle azioni di risanamento, restauro e recupero del patrimonio esistente ed abbandonato di cui si è parlato sopra, orientando in questo modo lo sviluppo economico nella direzione del benessere della collettività.

La riflessione dell’Air, così come la speculazione edilizia, non si ferma ovviamente alla sola scala urbana ma interessa anche le singole abitazioni e dunque il modo di abitare dei cittadini. Al fine di sfruttare al massimo gli spazi disponibili, si è ridotta infatti l’edilizia a poche tipologie abitative caratterizzate da una forte contrazione degli spazi di relazione collettiva o interfamiliare.

L’Air fa notare come invece una qualità di vita migliore sia legata (anche) ad uno spazio abitativo qualitativamente migliore, in questo il ruolo sociale dell’architetto e l’importanza di aumentare la partecipazione ai temi dell’architettura, in quanto un abitante felice e sereno è portato ad essere un cittadino migliore. In conclusione la pandemia ci ha dimostrato che un ambiente salubre consente il benessere delle persone e una mitigazione del rischio di esposizione alle epidemie, tale salubrità è da cercare in un nuovo equilibrio tra l’uomo e l’ambiente, che è possibile con un cambio di prospettiva rispetto alla concezione urbanistica e attraverso una revisione della scala dei valori con i quali concepiamo lo spazio e lo abitiamo, al primo posto della quale, adesso, come negli ultimi quarant’anni sul nostro territorio, vi è il profitto. Il compito di vigilare su questa trasformazione, di chiederla e di ottenerla è di tutti, di ogni singolo individuo.

 

Credits

La Mappa della probabilità del passaggio del flusso piroclastico (nube ardente) in caso di eruzione pliniana è tratta da Il Giornale della Protezione Civile  (Per gentile concessione della Dott.ssa Pappalardo, INGV, Osservatorio Vesuviano – sezione di Napoli)

Le due ortopanoramiche sono tratte da googlemaps.

La foto con la vista del Vesuvio dai monti Lattari è di Cristina Senatore.

La Stazione di Afragola, un ponte pubblico urbanizzato.

19 Agosto 2017

0_605px

Negli orari ufficiali di Trenitalia e NTV e nelle disposizioni tecniche per i macchinisti è indicata con il termine di “Napoli-Afragola”; per i passeggeri è “la stazione di Afragola dell’alta velocità”; per gli architetti è semplicemente la “stazione di Zaha Hadid”.

La stazione si annuncia già a un paio di chilometri di distanza, percorrendo in auto l’A1 in direzione Napoli e dopo la barriera di Marcianise. Ma è visibile anche dalle alture circostanti, dal Belvedere di San Leucio, da Casertavecchia, dal monte Tifata. Appare come un oggetto anomalo, nervoso e di un bianco stridente. Vedendola dall’alto, la sensazione che si tratti di un oggetto calato in quel punto e in quella posizione è ancora più forte. Del resto conoscendo Zaha Hadid non ci si poteva certo aspettare un’architettura immediatamente percepibile facendo solo un discorso di inserimento nel paesaggio e nel tessuto esistente. Vedendo il progetto e l’opera finita nelle sue forme esteriori, appare chiaro che per la Hadid è paesaggio anche l’essere umano che utilizzerà l’ambiente architettonico. È necessario quindi tralasciare le sensazioni a prima vista, i pregiudizi e gli entusiasmi per un’opera straordinaria (extra ordinaria, fuori dall’ordinario), per poter comprendere le reali intenzioni della Hadid.

1

La stazione è pensata come un “ponte pubblico urbanizzato” per dirla con le parole dei progettisti, che faccia da collegamento fra le due “sponde” del fiume ferroviario che di fatto ha tagliato in due il territorio. Su questo ponte sono presenti tutti i servizi e le attrezzature necessari alla funzione principale della stazione: la salita e discesa dai treni. Dal vestibolo al piano di incarrozzamento dei mezzi pubblici al quale si accede da due rampe e uno scalone direttamente dal parcheggio auto, si accede tramite scala, scala mobile o ascensore al piano dei servizi costituito da un lungo corridoio curvo a doppia altezza con copertura vetrata su nervature in acciaio e Corian® sul quale si aprono i servizi commerciali. Attualmente ne è aperto solo uno, il bar, che però è stato chiuso dai NAS qualche giorno dopo l’inaugurazione. La chiusura è stata talmente repentina che all’interno, oltre alla merce regolarmente esposta, sono ancora accese le casse: sembra quasi di essere fuori orario di apertura.

2

Il lungo corridoio forma, insieme all’intero corpo di fabbrica, una sinuosa “S”, una lunga arteria per i flussi di passeggeri, che scavalca i binari e raggiunge la parte orientale della stazione nella quale c’è un altro ingresso. Nell’idea di Zaha Hadid c’era la volontà di evitare che si configurasse un “retro stazione”, luogo da sempre complesso e senza soluzione. Al centro di questa S, esattamente sopra i binari, c’è la grande sala d’aspetto a tripla altezza sulla quale si affacciano i servizi di ristorazione (ancora in fase di completamento). Alle spalle della sala d’aspetto, infine, c’è il corridoio vetrato, che nelle stazioni ottocentesche si chiamava “galleria delle carrozze”, di collegamento con le banchine, raggiungibili attraverso lunghe scale mobili necessarie per superare il notevole dislivello di nove metri. In questo modo non è stata negata la vista dei treni in partenza e in arrivo propria di tutte le stazioni del mondo, ne è stato dato solo un altro e più suggestivo punto di vista.

I lavori del primo lotto hanno previsto l’apertura e l’inaugurazione di un solo braccio della stazione. Oltre la sala d’attesa c’è una parete che chiude momentaneamente il corridoio verso la sponda orientale.

Purtroppo, l’andazzo italiano di tirare per le lunghe con le opere pubbliche, porta infine a pretendere di terminare tutto in poco tempo, ottenendo come risultato che è più l’incompiuto che il finito.

11

Desertica. I passeggeri arrivano in orario di treno (e qualcuno corre pure affannato). Negli enormi ambienti il pavimento, in resina autolivellante, non è completo e spesso è ancora a nudo la superficie di cemento sottostante. La chiusura del bar da parte dei NAS ha costretto la direzione a disseminare corridoio e sala d’aspetto di boccioni d’acqua (gratis) e la scarsa affluenza di passeggeri in quegli ambienti enormi contribuisce a aumentare la sensazione straniante di solitudine. Al mio arrivo c’erano solo sei persone e tutte sedute sulle panchine spigolose in sala d’attesa: quattro erano passeggere. È emblematica a tal proposito, la pulizia e l’integrità dei servizi igienici: mai visti bagni di stazione così. Purtroppo i lavori in corso acuiscono ancora di più la sensazione di non finito e di solitudine. Le coperture delle rampe di accesso alle banchine sono ancora al grezzo, così come gli spazi vuoti destinati ai binari regionali e della Circumvesuviana, danno un senso di precarietà ancora maggiore. Le rifiniture dei rivestimenti alle pareti sono mediocri. Fra la parte in acciaio e la parte in intonaco c’è un solco di pochi centimetri, una lunga linea di separazione materica. La parte in muratura è rifinita con poca cura. È vero che i lavori sono ancora in corso, ma non si può rifinire alla bene è meglio un dettaglio che verrà sicuramente notato dai passeggeri perché quell’incisione è nata proprio per dividere visivamente e fisicamente i due materiali.

6

La stazione di Afragola è stata immediatamente etichettata come “cattedrale nel deserto” proprio a causa della sua posizione unica e fuori competizione per qualsiasi edificio dell’intorno. Va detto che un primo elemento di cesura con il costruito è rappresentato dall’A1 che corre a poche centinaia di metri dall’edificio, sulla quale preme lo sviluppo urbano della città di Afragola. Questa cesura ha permesso al territorio oltre l’autostrada, di conservare la natura agricola, scavalcato e non tagliato dal viadotto dell’Asse Mediano sul quale, tra l’altro, si apre l’uscita di collegamento con la stazione. Se da questo viadotto si osserva la stazione, lo sfondo di Napoli e della collina dei Camaldoli si sposta molto più velocemente rispetto all’edificio che sembra ruotare appena assecondando lo sguardo. Una pretesa di superiorità, un segno lanciato a firmare la propria nuova esistenza.

La sensazione di cattedrale nel deserto è acuita dal fatto che oggi e probabilmente per molti anni in futuro, alla stazione di Afragola bisogna andarci apposta, vanificando di fatto l’idea di ponte urbano di collegamento.

17

Il progetto della stazione prevede la presenza di otto binari in tutto: quattro destinati all’Alta Velocità (due di corsa e due di sosta/partenza), due binari per il trasporto locale e due destinati alla Circumvesuviana. Una volta a regime (nel 2022, pare…), la stazione consentirà l’interscambio rapido fra i servizi di trasporto nazionali e locali su ferro e su gomma, ma fino ad allora, da Caserta e soprattutto da Napoli è praticamente impossibile raggiungere la stazione con mezzi pubblici. Da Avellino e Benevento sono state istituite corse speciali di collegamento, ma non ne conosco né la frequenza né le statistiche di utilizzo. Fatto sta che quando ho visitato la stazione, alle 8:30 del 4 agosto 2017, nel piazzale autobus, almeno la parte già funzionante, erano presenti solo due autobus vuoti. Dopo un’ora erano andati via.

16

Si è anche fatto un gran parlare delle tecnologie legate all’edificio di stazione, al suo orientamento, all’uso di pannelli fotovoltaici e di vetri particolari per ridurre la radiazione solare. L’edificio e le coperture sono state opportunamente orientate per ridurre il soleggiamento in estate e aumentarlo in inverno, essendo la parte esposta sui binari orientata verso sud sud-ovest. Effettivamente gli ambienti non appaiono invasi dal sole e le ampie e numerose vetrature schermano la radiazione solare in maniera molto efficace, senza rinunciare all’illuminazione naturale. L’ampia sala d’attesa, ad esempio, così come il corridoio di accesso alle banchine, sono illuminati dalla luce solare, ma allo stesso tempo la temperatura resta gradevole. Un risultato assolutamente non scontato né banale.

8

In poche parole: potenzialità ne ha se le amministrazioni Regionale, Provinciale e comunali di Afragola e Acerra sul lato orientale, sapranno integrare questo enorme blocco modellato con la città. Il tizio che girava in calessino per far sgambare il cavallo, intorno ai raccordi stradali della stazione utilizzabili in parte, era l’immagine emblematica di un rapporto con l’intorno improvvisamente spezzato.

In se l’idea hadidiana di ponte fra le due “sponde” è riuscita benissimo e anzi ha un effetto molto suggestivo, ma solo una volta completata l’intera opera, la presenza dei due ingressi, entrambi principali, svelerà definitivamente la valenza di quest’idea e dirà definitivamente se il ponte urbano sarà un passaggio oppure un ostacolo.

5

Tutte le foto sono di Francesco Alois. Tutti i diritti sono riservati.

Editing: Giulio Pascali e Giulio Paolo Calcaprina.

 

PLAYCHEF® DESIGN#CONTEST – un concorso di food design

13 Dicembre 2016

locandina-con-data-light_605px

A Napoli, presso la sede dell’Ordine degli Architetti, dal 15 dicembre 2016, si terrà la presentazione del concorso/contest playchef © design#contest, per la realizzazione di progetti riproducibili nell’ambito del Food Design.

Amate l’Architettura, Movimento per l’Architettura Contemporanea, ha seguito con interesse, fin dalla fase ideativa, la nascita di questo contest e ha scelto di esserne partner, con un membro in giuria.

Riteniamo, infatti, che questa iniziativa possa portare una grande innovazione e valore aggiunto al contesto culturale partenopeo e, più in generale, italiano, perché promuove conoscenza e approfondimento in un settore specifico del design – il Food Design – di grande potenzialità e prospettiva, e perché grazie a questa iniziativa affronta e crea una filiera nell’ambito del design autoprodotto: ideatore – artigiano/realizzatore – piattaforma “equa” di vendita.

Gli incontri formativi (per i partecipanti) introduttivi al concorso, la delimitazione all’uso di alcuni materiali legati alle capacità delle aziende di riferimento di produrre i prototipi ed i multipli, la scelta di promuovere una iniziativa in una città più legata alla tradizione culinaria ma assai meno all’innovazione, specialmente nel design, il coinvolgimento – per la prima volta – di attori nuovi e diversi della filiera della produzione e distribuzione di design, conferiscono una connotazione di carattere originale alla iniziativa, in questa sua prima edizione sperimentale.

Dalla nostra Associazione particolare attenzione è stata posta al bando, in quanto promosso dall’Ordine degli Architetti di Napoli, in cui è chiaro l’invito esplicito ai propri iscritti, a cui vuole dare valore in un periodo di crisi senza precedenti della professione, a esplorare nuovi ambiti e salti di scala nel know-how, nella cornice di una struttura straordinaria ed eccellente come quella dell’agroalimentare campano e, più in generale, italiano. Inoltre, atteso il carattere sperimentale dell’iniziativa, tutti i punti del bando, finalità, criteri di valutazione, composizione della giuria, premi per i vincitori, sono stati verificati nella corrispondenza ai principi di etica, nell’ambito dell’architettura e del design, che Amate l’Architettura promuove con particolare determinazione da quasi un decennio.

IL TEMA DEL CONCORSO.

Tema del concorso è la realizzazione di un progetto di Food Design che sia riproducibile, sostenibile, che sappia innovare, che riesca a reinterpretare l’identità territoriale campana, esprimendo insieme tradizione e contemporaneità. L’oggetto deve divenire strumento per innescare una interazione “ludica” tra fruitore e cibo. Deve indurre gesti, azioni inedite, suggerire nuove modalità di fruizione e innovazione nella preparazione e trasformazione del prodotto edibile. Il prodotto/progetto dovrà rientrare nella categoria complementi per la tavola (es. piatti, piatti da portata, vassoi, alzate, accessori per la tavola, accessori per aperitivo etc.) e potrà essere realizzato in: pietra acrilica naturale (Solid Surfaces|Corian), metacrilato, legno massello, legno multistrato, pannelli Medium Density (MDF), metalli (acciaio, ferro, alluminio, composito) utilizzati da soli o combinati tra loro. I premi, grazie ad i partenariati attivati con le istituzioni, con l’università e con aziende di produzione e commercializzazione design oriented, consisteranno in somme in denaro, nella realizzazione di multipli di design dei progetti presentati e nella presenza gratuita dei prodotti su una piattaforma e-commerce dedicata alla promozione ed alla vendita di serie limitate di design. Tutte le informazioni potranno essere raccolte visitando i siti web:

www.na.archiworld.it

resarchitettura.wixsite.com/resarchitettura

www.oxalab.com

Di seguito il programma della presentazione del 15/12/2016 presso l’Ordine degli Architetti di Napoli:
programma-15-dicembre-rev_605px