Articoli marcati con tag ‘bersani’

Se anche un ex Presidente dell’OICE fa l’80% di ribasso…

17 Dicembre 2011

Ormai succede proprio di tutto, dopo la gara gratuita di Manziana, un’altra tragicomica vicenda, figlia del decreto Bersani&Co, segnalata dal sito lavoripubblici.it in un interessante articolo di Paolo Oreto.

La Cassa Nazionale di Previdenza dei Ragionieri e Periti Commerciali, bandisce una gara, naturalmente al massimo ribasso, per l’affidamento di servizi in merito alla certificazione della regolarità catastale del patrimonio immobiliare dell’Ente.

L’importo a base d’asta è di 514.850,00 euro, la gara viene aggiudicata alla società di ingegneria Lenzi Consultant srl che ha fatto un ribasso dell’80% offrendo per l’incarico 100.050,80 euro, la società è iscritta all’OICE.

L’OICE è l’Associazione di categoria, aderente a Confindustria, che rappresenta le organizzazioni italiane di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica, l’Associazione ha sempre condannato il sistema del massimo ribasso, colpevolizzando sia chi fa la gara, sia chi partecipa facendo ribassi enormi, come si può vedere dall’intervista rilasciata dal suo ex Presidente l’architetto Braccio Oddi Baglioni.

Ora voi vi chiederete di chi è la Lenzi Consultant srl ?

Socio e amministratore unico è colui che il 30 novembre 2009 affermava, in merito alla dignità professionale di chi partecipa con ribassi eccessivi: “il meccanismo di aggiudicazione al prezzo più basso porta a premiare i concorrenti che, pur sapendo di non poter realizzare la prestazione in conformità alla normativa vigente nel rispetto dei costi industriali, decidono di acquisire comunque l’incarico, riservandosi, dopo la sottoscrizione del contratto, di ridiscutere le condizioni e di impugnare ogni punto appellabile con lo scopo di ridefinire il corrispettivo. L’alternativa è la produzione di progetti di scarsa qualità tecnica ed architettonica, incompleti e comunque non conformi alla normativa“.

Si è proprio lui!!! l’arch. Braccio Oddi Baglioni, socio ed amministratore unico della Lenzi Consultant s.r.l., sarebbe facile dire: si predica bene e si razzola male, ma purtroppo, in Italia, siamo abituati a vedere politici, rappresentanti di Istituzioni, di Enti e figure rappresentative a fare il contrario di quello che dicono.

Il vero problema è: se uno come Oddi Baglioni, con una società che nasce addirittura nel 1800, è costretto a fare un ribasso dell’80% per aggiudicarsi una gara, vuol dire che siamo messi proprio male, male, male!!!!

E chi ci rimette sono proprio i giovani, al contrario di quello che si proponeva Bersani, perché una società che fa un lavoro di 500.000 euro con 100.000 euro, la prima cosa che taglia è il compenso dei propri collaboratori, che in taluni casi sono costretti ad assumersi anche delle responsabilità.

Insomma un fallimento totale di una legge che si proponeva di dare spazio ai giovani eliminando il monopolio dei soliti noti e che invece ha prodotto la continuità dei soliti noti, che però devono fare forti ribassi, squalificando la professione e eliminando definitivamente qualsiasi possibilità per un giovane di lavorare.

Oggi il web, a differenza del passato dove tutto rimaneva nascosto, può fare girare le informazioni, come quella che abbiamo appena denunciato, e girando le informazioni forse qualcosa può cambiare, dipende anche da noi.

Aspettiamo eventuali repliche da parte dell’architetto Braccio Oddi Baglioni.

Poche domande al futuro segretario del PD

Le domande:

1. Nicolas Sarkozy, presidente di destra, tra i suoi primi atti, ha ritenuto opportuno riunire intorno a se i più famosi architetti mondiali. Con tale atto ha voluto sottolineare da una parte l’importanza che l’Architettura, intesa come arte di gestire il territorio, è una materia di fondamentale importanza per qualsiasi società che ritenga di definirsi civile, dall’altra ci ha ricordato che i principali responsabili della materia sono proprio gli architetti. Da candidato segretario, aspirante a governare l’Italia, che ne pensa?

2. Una delle leggi che crea maggiori mal di pancia agli architetti italiani, soprattutto i liberi professionisti, è la Legge Bersani, che ha abolito i minimi tariffari. Non ritiene che sia giusto prevedere, se non l’abolizione, almeno qualche meccanismo di compensazione? Se si, quale?

3. Legge per l’architettura: art. 1 ………………….

Le risposte:

Per il momento ha risposto Marino:

1. Ritengo che quella di Sarkozy sia stata una giusta intuizione. Bisogna ammettere che in Francia la professione dell’architetto ha un ruolo istituzionale di ben altro valore che ha le sue origini nel sistema universitario e in come è stata intesa la professione fin dall’epoca napoleonica. Negli anni ‘80 Mitterand chiamò i più importanti architetti del mondo per cambiare non solo l’immagine di Parigi, ma la sua stessa anima. In Francia l’architetto è considerato non un semplice professionista ma un attore con una profonda coscienza sociale capace di modificare socialmente con la opera il territorio. E’ questo lo spirito che dobbiamo recuperare anche per ciò che riguarda il nostro Paese: più cultura del territorio, più cultura dell’ambiente e del progetto. Se l’iniziativa di Sarkozy può aiutarci ad alzare l’asticella e spronarci a fare meglio, ben venga.

2. Bisogna levare i tappi che occludono il mercato delle professioni in generale. Dobbiamo moltiplicare le occasioni e le opportunità di lavoro per i giovani architetti, non possiamo chiuderci nella difesa delle corporazioni. Si può pensare, piuttosto, a incentivi fiscali che tutelino la professione soprattutto per i primi anni di attività, e aiutare quindi fiscalmente i giovani professionisti mettendo a disposizione spazi per atelier di progettazione e stabilendo con apposite norme che i comuni, le province e le regioni promuovano l’architettura moderna, anche e soprattutto con il ricorso al concorso di progettazione.
Le norme ad esempio introdotte dalla Regione Lazio nel “piano casa” recentemente approvato vanno, seppur timidamente, in questa direzione e vanno sostenute e generalizzate: trasformazioni urbane accompagnate da una maggiore qualità della progettazione e della esecuzione degli interventi.

3. Al fine di salvaguardare l’ambiente, il territorio e la salute degli abitanti, gli organismi centrali e periferici dell’amministrazione statale e le regioni, nell’ambito delle proprie autonome competenze, promuovono la dignità e l’identità dell’architettura, incentivano la qualità nella progettazione e nella realizzazione di opere edilizie pubbliche e private, favoriscono l’accesso dei progettisti alla professione sostenendo il concorso di progettazione come sistema prioritario che premi il merito nell’assegnazione di incarichi pubblici.

Etica e stomaci di ferro

31 Gennaio 2009

Bersani e’ solo l’ultimo sgarbo che il politico rifila al ruolo dell’architettura e della professione di architetto.

Di fatto è da 50 anni che subiamo inermi la cementificazione selvaggia delle città, oltraggiate dagli interessi di gruppi politico economici. Siamo passati attraverso i palazzinari degli anni ’70 a quelli di quest’ultimo decennio.

Cosa e’ cambiato? Le parcelle dei lavori pubblici? No: hanno preso solo forme differenti. In realtà vogliono che gli architetti si comportino come imprese. E l’impresa dopo aver preso il lavoro praticando un ribasso anche del 45%, incomincia a porre problemi di ogni sorta.

Risultato i tempi si allungano a dismisura e il ribasso viene ad essere enormemente più basso.

E’ la mentalità che ci vogliono far cambiare. Non più seri professionisti, ma astute macchine per far soldi a scapito chiaramente della salute pubblica. La storia passata ci dice che chi ci rimetterà sarà sempre il cittadino che abiterà, se possibile, città ancora più invivibili con costi sociali altissimi. Come faranno a sopravvivere gli architetti a questo ultimo colpo vibrato dalla cecità dei nostri legislatori? Rottamando la propria etica professionale per uno stomaco di ferro.