Articoli marcati con tag ‘Aree Interne’

Post-covid e architettura: il rischio di una falsa coscienza collettiva, la necessità della coscienza individuale. [Post Covid-19]

12 Maggio 2020

Amate l’Architettura ha già avviato una serie di approfondimenti sul tema della risposta degli architetti alle esigenze emerse in seguito alla pandemia di covid 19, con questo articolo si vuole portare a conoscenza di chi legge la risposta di un gruppo di architetti napoletani che, in difesa di alcuni principi e di una determinata concezione urbanistica, ha costituito una associazione che sta raccogliendo molte adesioni anche fuori dalla Campania: l’Air, Architetti in Rete .

Tale loro risposta in realtà suona come un allarme basato su preoccupazioni fondate, legate al territorio campano e soprattutto all’area metropolitana di Napoli, ma che potrebbero essere estese all’Italia intera e perciò sollecitano importanti riflessioni.

La pandemia di corona virus è un accadimento straordinario che ha generato a livello planetario conseguenze eccezionali in tutti i campi dell’esistenza non solo umana: ha unito i popoli suscitando in essi nello stesso momento sentimenti profondi e simili come paura, angoscia, dolore e disorientamento ma anche solidarietà e compassione; ha scombussolato i mercati; influito sull’inquinamento globale; fermato le guerre; modificato il comportamento degli animali. Come un’onda si è propagato a tutti i livelli e in tutte le direzioni raggiungendo i luoghi più reconditi della terra e della società. Soprattutto ha costretto tutti a vivere una specie di appendice temporale imprevista, dove è saltato ogni piano.

Un tempo abbastanza lungo da imporre riflessioni di ogni genere, tanto nel singolo individuo quanto nella collettività.

Le due anime, quella collettiva e quella individuale, sono rimaste per un po’ in silenzio ad osservarsi. Sono emersi o riemersi bisogni che nella fretta e nel trambusto quotidiani tendiamo a mettere da parte, a cui non abbiamo il tempo di pensare e dai quali spesso veniamo deviati da “programmi di intrattenimento” studiati da chi ci governa, in modo che nella nostra distrazione possa agire indisturbato verso i suoi fini.

Il covid ha prodotto un certo silenzio dentro e fuori le persone, ha reso mute le città, ci ha costretti in casa a vivere diversamente gli spazi che costituiscono la base della nostra quotidianità e perciò della nostra vita. Ci siamo dovuti interrogare sulla nostra dimensione virtuale che si è imposta su quella reale. Mai come adesso ci siamo resi conto di come la tecnologia alteri la percezione dello spazio abitativo, mai lo stargate, la finestra sul mondo di cui sono dotate le nostre case ha avuto l’importanza che ha avuto in questi giorni (e qui mi viene in mente un bellissimo articolo scritto di recente dalla mia amica arch Cecilia Anselmi che considera nelle aperture dello spazio domestico verso l’esterno non solo quelle fisiche nelle varie tipologie ma anche la finestra virtuale sul web .

Preminenti temi sociali così come grandi contraddizioni si sono imposti alla nostra attenzione: dalle carenze del sistema sanitario alla inadeguatezza tecnologica della scuola e di altri istituti pubblici, dalla sofferenza economica delle famiglie a quella delle aziende, dal lavoro nero alla presenza irregolare e allo stesso tempo vitale per la nostra agricoltura ed economia degli immigrati, dal sovraffollamento al problema casa per tanti che non ce l’hanno, fino all’inquinamento delle nostre città, al soffocamento della natura che nel nostro rallentamento forzato torna a respirare. Tali evidenze smascherano l’inefficienza o la completa assenza di risposte e soluzioni da parte di tutta la politica che di certi temi fa un pennacchio in campagna elettorale.

Ed è sul bisogno della politica di ricreare la sua credibilità e sui tanti bisogni reali delle persone che si innestano nella fase di ripresa, di post-covid, delle narrazioni fuorvianti e pericolose. E’ necessario che l’attenzione sia perciò alta e che l’esigenza di riprendere le nostre attività e di riconquistare le libertà perse non ci faccia ragionare frettolosamente. La pandemia è avvenuta e sta passando non senza lasciarsi dietro una quantità di dolore da smaltire, ma bisogna restare lucidi, vigili e critici perché ciò che essendo accaduto non può essere modificato, potrebbe invece costituire una importante e forse irripetibile occasione per ripensare al modo in cui sono organizzate le nostre società e le nostre città, i nostri spazi privati, le nostre relazioni con gli altri, la scala di valori che usiamo per misurare e ordinare le cose, per migliorare, riprogettandola, la qualità della vita. E veniamo qui all’allarme lanciato dall’Associazione AIR con la sua risposta.

Il 15 aprile 2020 il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha invitato con una nota ufficiale  le forze politiche, istituzionali, sociali e imprenditoriali a dare il proprio contributo inviando una proposta per affrontare la cosiddetta “Fase 2”: l’Air risponde elencando quei principi in difesa dei quali si è costituita associazione e chiede, sottolineandone l’urgenza, la salvaguardia:

  • del capitale naturale, con immediato arresto del consumo di suolo;
  • del capitale immobiliare del patrimonio storico-architettonico e territoriale attraverso il recupero, la ristrutturazione, il restauro e il risanamento conservativo del patrimonio immobiliare ed infrastrutturale esistente;
  • del capitale umano della comunità insediata attivando processi di rigenerazione urbana e di riequilibrio ambientale da ottenersi: fissando il parametro urbanistico della sostenibilità ambientale all’impatto antropico; definendo e rispettando la densità territoriale media col parametro che deve tendere progressivamente a 500 ab/kmq, omogeneamente distribuiti sul territorio; attraverso azioni finalizzate al decentramento in alternativa alla densificazione urbana, in aree comunque già infrastrutturate, o dove i nuovi collegamenti possano essere realizzati senza nuovo consumo di suolo ma con il recupero di aree già consumate ( tenendo conto che circa l’80% del consumo di suolo dipende dalle infrastrutture).

L’Air sostiene che: al distanziamento sociale – posto come requisito indispensabile nella fase 2 – debba corrispondere il distanziamento urbanistico; che vadano recuperate le aree interne della regione Campania (ma si può ragionare nello stesso modo su tutto il territorio nazionale italiano); che al diradamento della “edilizia spazzatura” che affolla l’area metropolitana di Napoli, corrisponda un ripopolamento dei borghi storici in stato di decadimento e abbandono, anche attraverso il recupero dei sistemi interni di collegamento ferroviario.

Tale risposta dell’Air costituisce un allarme se si considera che nella lettera di risposta dell’Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori di Napoli e Provincia alla stessa richiesta del Presidente De Luca, si legge che

“a sostegno delle economie locali” della zona rossa del Vesuvio si debba “prevedere la possibilità di un adeguamento del patrimonio edilizio esistente con aumenti volumetrici/funzionali del tipo igienico sanitario, con l’applicazione del c.d. piano casa in deroga alla legge regionale n.21/2003, previa abrogazione dell’articolo 3 lettera G) della legge regionale n.19/2009, e definizione di tutte le pratiche di condono pendenti nei Comuni della zona rossa, affinché l’abrogazione dell’art. 3 lettera G) della L.R. 19/2009 possa sortire i suoi effetti anche su quell’edilizia che da molti anni aspetta di essere “sanata” e diventare anch’essa volano di ripresa delle economie. I Comuni dovrebbero dare seguito alle conferenze di servizi con le Sovrintendenze e gli altri Enti preposti al rilascio dei pareri sulle pratiche ferme. Per migliorare la sicurezza e la qualità di tutto il patrimonio edilizio esistente, permettendo ai cittadini di attivare il sisma bonus e l’eco bonus”.

Quanto strida questa richiesta con il bene della città e dei cittadini, essendo nota in tutto il mondo la pericolosità del Vesuvio e la già pesante e contraddittoria congestione delle aree vesuviane, è facile capirlo. Inoltre si consideri che attraverso i PUA, Piani Urbanistici Attuativi, il Comune di Napoli acconsentirà alla costruzione di circa 3 milioni di metri cubi di nuova edificazione nell’area cittadina.

Gli architetti dell’Air avvertono a tali propositi che la parte intellettuale e politica che da anni sostiene la “teoria” della densificazione urbana, ora, davanti al covid, a quanto esso abbia fatto emergere in termini di necessità di ripensamento della vivibilità urbana, di rapporto con l’ambiente e alle nuove esigenze di distanziamento sociale non ha cambiato prospettiva e anzi cerca di sfruttare l’emergenza sanitaria, nonché la relativa urgenza di semplificare le procedure burocratiche, in favore degli immutati intenti di cementificazione, pur sapendo che un ulteriore addensamento della città non farebbe altro che aggravare la sua già alta esposizione al rischio sismico, bradisismico, vulcanico ed ora anche epidemiologico!

Sicuramente una delle leve su cui viene fatta pressione è l’attuale disperata esigenza di riattivare la vita economica del Paese, ma – fanno presente gli architetti dell’AIR – la sana industria delle costruzioni potrebbe aver importanti risorse economiche anche occupandosi di quelle azioni di risanamento, restauro e recupero del patrimonio esistente ed abbandonato di cui si è parlato sopra, orientando in questo modo lo sviluppo economico nella direzione del benessere della collettività.

La riflessione dell’Air, così come la speculazione edilizia, non si ferma ovviamente alla sola scala urbana ma interessa anche le singole abitazioni e dunque il modo di abitare dei cittadini. Al fine di sfruttare al massimo gli spazi disponibili, si è ridotta infatti l’edilizia a poche tipologie abitative caratterizzate da una forte contrazione degli spazi di relazione collettiva o interfamiliare.

L’Air fa notare come invece una qualità di vita migliore sia legata (anche) ad uno spazio abitativo qualitativamente migliore, in questo il ruolo sociale dell’architetto e l’importanza di aumentare la partecipazione ai temi dell’architettura, in quanto un abitante felice e sereno è portato ad essere un cittadino migliore. In conclusione la pandemia ci ha dimostrato che un ambiente salubre consente il benessere delle persone e una mitigazione del rischio di esposizione alle epidemie, tale salubrità è da cercare in un nuovo equilibrio tra l’uomo e l’ambiente, che è possibile con un cambio di prospettiva rispetto alla concezione urbanistica e attraverso una revisione della scala dei valori con i quali concepiamo lo spazio e lo abitiamo, al primo posto della quale, adesso, come negli ultimi quarant’anni sul nostro territorio, vi è il profitto. Il compito di vigilare su questa trasformazione, di chiederla e di ottenerla è di tutti, di ogni singolo individuo.

 

Credits

La Mappa della probabilità del passaggio del flusso piroclastico (nube ardente) in caso di eruzione pliniana è tratta da Il Giornale della Protezione Civile  (Per gentile concessione della Dott.ssa Pappalardo, INGV, Osservatorio Vesuviano – sezione di Napoli)

Le due ortopanoramiche sono tratte da googlemaps.

La foto con la vista del Vesuvio dai monti Lattari è di Cristina Senatore.

Le grandi città si mangiano tutto?

22 Febbraio 2020

“Nella storia, però, non è mai esistita una città ricca senza una campagna altrettanto florida”.

In un articolo apparso su Il Post a firma Davide De Luca si prova a fare il punto sul divario, sempre più evidente nelle società contemporanee, che si sta creando tra l’economia, sempre più in crescita, di poche grandi città fortemente attrattive, rispetto al resto del territorio.

Si tratta di un fenomeno esteso e osservabile in tutte le società avanzante.

Milano (con Roma distanziata) in Italia né è un esempio, ma anche negli USA New York e Los Angeles, in spagna Barcellona e Madrid, in UK Londra, sono solo alcuni esempi che possono essere portati per esemplificare il gap di sviluppo che si sta creando tra il centro e la periferia.

In Italia siamo abituati a considerare questo genere di problema quando ci riferiamo al divario Nord e Sud, la “Questione meridionale” è stata al centro del dibattito politico per tutto il secondo dopoguerra; oggi emerge con grande evidenza anche la distanza economica e sociale tra i centri urbani e le periferie; una distanza ancora più marcata quando ci si riferisce alle cosiddette “aree interne”.

Il problema di fondo è che le grandi città come Milano sono attrattive perché riescono a generare delle forti economie di scala; giustamente si riconosce loro la capacità di essere degli esempi positivi (delle best practices come direbbero i milanesi stessi) nello sviluppo dei sistemi economici territoriali; il rovescio della medaglia è che questi centri di attrazione sembrano essere carenti nella capacità di restituire al territorio (o alla nazione) di riferimento parte di quello sviluppo.

Scrive De Luca.

“Concentrando tante persone in un luogo, le città producono le idee e le tecnologie che migliorano la produttività e permettono la crescita economica. Avere città sempre più grandi e di successo, con maggiore capacità di attrazione, è considerato un obiettivo a cui tendere. Presto o tardi, le innovazioni prodotte nelle città raggiungeranno anche i centri più lontani e tutti ne beneficeranno. Nel frattempo chi non è soddisfatto della sua condizione ha una scelta molto semplice per migliorare le cose: spostarsi in città, dove gli stipendi sono più alti e la qualità della vita migliore.”

Se da una parte è un bene avere una o due città simbolo che rappresentino la punta di diamante di un sistema nazionale, che sappiano funzionare da catalizzatore di innovazione e sviluppo (economico ma anche culturale), questa prerogativa perde di senso se si interrompe la cinghia di trasmissione che redistribuisce lo sviluppo anche verso le aree più periferiche.

Come già accennato, in Italia il fenomeno è ben chiaro da anni perché studiato e analizzato nella Questione Meridionale, e sappiamo bene per esperienza quanto sia difficile correggere questo divario; accanto allo storico divario Nord Sud, emerge però in maniera preponderante anche un analogo divario tra aree urbanizzate e aree rurali.

“Lo spillover, l’effetto redistributivo dei benefici prodotti dalla crescita generata dalle grandi città […] sembra aver esaurito il suo effetto. Non solo negli ultimi decenni le diseguaglianze economiche sono tornate ad aumentare in tutto il mondo sviluppato, ma hanno assunto sempre più una dimensione territoriale. Secondo un recente rapporto del Parlamento europeo, mentre le economie degli stati membri complessivamente si stanno avvicinando, con i paesi dell’Est che crescono più rapidamente di quelli occidentali, la distanza tra le regioni dinamiche e le aree rimaste indietro si sta allargando. E nel frattempo, la gente non si sposta. O meglio, non si sposta abbastanza.”

La crisi economica ha finito per accentuare il problema. Le aree rurali sono da anni soggette ad abbandono e spopolamento; se la popolazione si riduce diventa antieconomico garantire i servizi pubblici essenziali (scuole, ospedali, infrastrutture); riducendo i servizi disponibili nelle aree periferiche, queste riducono ulteriormente la loro attrattività generando una spirale negativa a favore dei grandi centri urbani. Questo fenomeno viene osservato a livello globale ed è ancora più difficile da contrastare in situazioni di stagnazione economica.

Per citare un esempio che è sotto gli occhi di tutti si veda lo sviluppo della rete ferroviaria negli ultimi 10 anni che si è fortemente concentrata sulle direttrici di collegamento tra le grandi città, privilegiando l’asse Milano Roma, lasciando indietro le località periferiche.

Si veda a questo proposito il dossier Pendolaria 2018 redatto da Legambiente.

“Grazie a questo continuo aumento nell’offerta e nei servizi si assiste ad un nuovo fenomeno: il boom del pendolarismo tra città collegate dall’alta velocità distanti fra loro e collocate in diverse Regioni. Ad esempio sulla tratta Torino-Milano si contano 1.600 abbonati ed il loro modo di viaggiare che non può sottostare a orari fissi ha messo in crisi l’organizzazione del Frecciarossa, che deve garantire il posto a sedere a tutti i viaggiatori. Si contano poi 2 mila abbonati sulla Roma-Napoli, 650 sulla Bologna-Firenze, 300 sulla Firenze-Roma ed altri 300 sulla Milano-Bologna, a cui vanno aggiunti tra i 3 e i 4 mila abbonati totali di Italo.”

Illuminante uno studio condotto dall’Università Federico II di Napoli che ha messo in relazione l’andamento del PIL nel decennio 2008/2018 evidenziando come le città collegate dall’alta velocità hanno avuto un miglioramento del PIL del 10% contro il 3% delle città che hanno una distanza superiore alle 2 ore da una stazione AV.

Occorre precisare che la stessa Trenitalia ha annunciato recentemente un piano di investimenti che mira ad estendere il sistema ferroviario dell’asse Milano Roma, verso le regioni finora escluse. Questa azione è certamente un esempio positivo di come fare funzionare il sistema, nella misura in cui gli utili generati dallo sviluppo delle attività core (in questo caso l’Alta Velocità) permette in un secondo momento di liberare risorse da investire su programmi di secondo livello (la rete periferica dei pendolari e delle città inizialmente escluse). Strategicamente non è pensabile invertire la sequenza temporale degli investimenti (è in genere più logico ed economico sviluppare prima le iniziative in grado di generare sviluppo più rapidamente), tuttavia è utile riflettere sui tempi in cui è opportuno che questa “integrazione” debba essere messa in atto; allargando il ragionamento a sistemi più complessi, il rischio concreto è quello di spezzare del tutto il legame tra gli estremi; il ritardo con cui le aree periferiche vengono messe in grado di agganciare l’innovazione e lo sviluppo generato dalle centralità, potrebbe essere tale da non consentire più l’annullamento del gap.

Questo tema riguarda direttamente gli architetti e gli urbanisti e non solo perché le grandi stazioni AV sono state al centro di accesi dibattiti sull’architettura.

Quanti di quelli che hanno criticato la stazione AV Napoli Afragola, per il suo essere una “cattedrale nel deserto” si sono soffermati a riflettere sulla natura di quel deserto e sulla necessità non tanto di evitare la cattedrale, quanto di eliminare il deserto?

Quanti nel criticare l’opera come singolo oggetto architettonico hanno considerato invece la potenzialità dell’opera, ovvero la sua capacità di rendere più accessibile un servizio (in questo caso l’alta velocità) da parte di aree normalmente escluse.

Arcipelago Italia”, il progetto del Padiglione Italia della 28a Biennale di Venezia (curato da Mario Cucinella), ha avuto come argomento centrale i territori interni del paese, sviluppando cinque proposte di trasformazione urbana dedicate ad altrettante aree rurali. L’esposizione era strutturata come un viaggio lungo le dorsali alpine e appenniniche alla ricerca delle radici culturali nazionali che sono ben radicate proprio nel territorio rurale montano e nei suoi borghi storici.

Recuperare il rapporto con le are interne, ricercare formule per rivitalizzare i borghi storici che costellano il territorio rurale, è per l’Italia un processo che potrebbe costituire la base di un rilancio generale sia in termini di identità culturale che in termini di modello economico dove riagganciare la cinghia di trasmissione tra centro e periferia.

 

“Arcipelago Italia è un manifesto che vuole indicare possibili strade da percorrere, per dare valore e importanza all’architettura. Questo volume farà conoscere meglio il nostro Paese, quello più invisibile e ferito ma anche quello più ricco di potenzialità e di bellezza. La più estesa riserva di ossigeno dell’Italia, i luoghi dove sono nate le piccole e le grandi città, attraversate da secoli di storie, percorsi, popoli e architetture. Scopriremo le persone e il modo in cui gestiscono gli spazi, la vivacità culturale e lo sforzo di molte comunità per restare nei propri paesi. Infine una domanda: quale futuro per questi territori?”

Alessandro Ambrosino in una serie di articoli dedicati al tema e pubblicati su Pandora Rivista ha approfondito le strategie adottate in Italia, grazie alla SNAI, la Strategia Nazionale per le Aree Interne, lanciata dall’allora ministro per la Coesione Sociale Fabrizio Barca, coordinata dall’Agenzia per la coesione territoriale.

“A fianco di una molteplicità di poli cittadini, il paesaggio italiano mostra i segni di un secolare sfruttamento di acqua, risorse minerarie, boschive ed agricole. Dal Cadore alla Lunigiana, passando per i monti Sibillini fino al Gran Paradiso, in Italia esistono decine di aree “interne”, cioè lontane dai servizi erogati dai centri urbani (salute, istruzione, mobilità), che hanno avuto un peso pari alla città nello sviluppo del Paese. Si tratta di aree diversissime per vicende storiche e culturali ma accomunate dall’aver costituito per secoli l’alternativa alla vita urbana. Non solo di “cultura civica” è fatta l’Italia, dunque, ma anche di una “cultura rurale”, di montagna, centri minori e comunità locali. Un patrimonio di tradizioni, società solidali e modelli economici assolutamente non secondario per il Paese.”

Per quanto riguarda la SNAI.

“la Strategia si prefigge da un lato di implementare l’offerta dei servizi pubblici essenziali per assicurare alle aree interne livelli adeguati di cittadinanza, e dall’altro di sviluppare, con progetti locali che facciano leva sui punti di forza dei diversi territori, le “condizioni di mercato” favorevoli per il loro rilancio economico. La Strategia, inoltre, viene implementata ed indirizzata da un Comitato tecnico, il cui compito è stato dapprima di mappare il territorio nazionale identificando le aree interne, e poi di creare aree sperimentali in cui realizzare i progetti, stimolando una discussione a livello regionale al fine di orientare l’utilizzo dei Fondi Europei in queste aree selezionate.”

Uno dei punti di forza della SNAI è stato quello di promuovere il dialogo con gli enti locali, evitando di far cadere a pioggia interventi generalisti decisi da strutture centrali che non hanno alcuna connessione con il territorio. Il risultato del dialogo è quello di individuare specifici progetti di sviluppo con il contributo e la collaborazione delle strutture che operano nel territorio e che quindi ne conoscono i reali punti di forza e le potenzialità.

Secondo Ambrosino in Italia è necessario riallacciare il rapporto con le aree rurali interne innanzitutto operando una inversione di prospettiva.

“Pienamente inserita nelle dinamiche globali che attraversano il mondo al giorno d’oggi, l’Italia trae certamente alcuni vantaggi dalla cosiddetta globalizzazione. Tuttavia, a causa di peculiari questioni storico-geografiche e politico-economiche, ne soffre anche in maniera accentuata le principali contraddizioni. Una su tutte: il costante aumento delle disuguaglianze territoriali. Il nostro pianeta è pieno di “luoghi lasciati indietro” – the places left behind, come vengono definiti ormai da molti studiosi a livello internazionale – le cui popolazioni stanno manifestando segnali di forte malessere sociale (intolleranza, rifiuto del sapere scientifico, desiderio di comunità chiuse ecc.) perché si auto-percepiscono come gli sconfitti del sistema globale rispetto agli abitanti dei (pochi) poli di ricchezza e benessere”

Sempre Ambrosino in una intervista a Filippo Tantillo (ricercatore territorialista che lavora da più di 15 anni con Istituti di ricerca e università italiane ed europee, coordinatore scientifico del team di supporto al Comitato Nazionale per le Aree Interne), traccia un primo consuntivo dei risultati dell’attività della SNAI.

(È) “necessario ricucire lo strappo che si è creato fra due componenti della nostra nazione che non hanno senso l’una senza l’altra. La rugosità dell’Italia è ciò che rende parzialmente diverso il nostro Paese dagli altri Stati europei e ciò si rivela non solo dal punto di vista geomorfologico, ma anche nella biodiversità agricola, dove capita che nello stesso terreno si possano coltivare fragole e papaya come in Sicilia, climatica e, volendo, anche “umana”, con tutti i dialetti e le lingue che vi si parlano. Questa diversità è la nostra ricchezza, ma fuori dalla retorica la verità è che, per le finanze pubbliche, tutto ciò che non è città è percepito come un costo. Invertire lo sguardo significa ricomporre un disegno nazionale che integri ciò che è stato lasciato in disparte in maniera né emergenziale né contemplativa, ma, al contrario, concepirlo come un unicum da cui trarre anche un certo orgoglio. Tale ricucitura è certamente complessa, ma è forse l’unica che ci può preparare alle sfide del futuro.”

In conclusione sembrerebbe un tema di elevatissimo interesse per la categoria degli architetti, che hanno le competenze e le capacità necessarie per fornire risposte alle criticità evidenziate, sia in termini di analisi del fenomeno, sia in termini di elaborazione di proposte che sappiano mettere in connessione le esigenze di tutela del territorio con la necessità di aprire anche queste aree allo sviluppo economico e culturale.

Eppure, fatta eccezione per il meritorio tentativo di Arcipelago Italia, il tema non sembra essere al centro del dibattito tra i professionisti dell’Architettura, se non occasionalmente e sull’onda emotiva di qualche polemica mediatica legata a singole opere.

Se ci si interroga su quale possa essere un ruolo per la professione, questa potrebbe essere una risposta.

Dove sono quindi le idee? Dov’è l’Architettura?

 

Credits

Le foto riportate sono parte del progetto fotografico del 2011, “Irpinia d’Oriente” di Mario Ferrara a cui mando un ringraziamento particolare per avermi consentito di utilizzare le sue splendide foto (e un grazie a Raffaele Cutillo per avermelo segnalato).

La foto “Arcipelago Italia” è tratta da Professione Architetto.

Le mappe riportate sono state tratte da Legambiente e Agriregioni Europa.