Articoli marcati con tag ‘architettura’

Un’Architettura di Roma in Una Parola a Settimana

20 settembre 2017

Il progetto ha lo scopo innanzitutto egoistico di spronarmi a uscire in maniera costante per Roma a conoscere nuove architetture o approfondire quelle già viste. La macchina fotografica è lo strumento per “congelare” quello che vedo osservando le architetture. Quando scatto uso il punto di vista, l’inquadratura, la tecnica che più penso possa rappresentare quel volume (o porzione di città). Anche in fase di postproduzione con i programmi di fotoritocco mi concentro su questo. La parola, infine, che appongo “in filigrana” sull’immagine, è davvero la prima che mi è venuta in mente sul luogo mentre ho scattato. Va da sé che lo scopo successivo, ma non secondario, è la comunicazione e la diffusione degli scatti così predisposti, per avvicinare i non addetti al settore dell’architettura e per un’occasione di riflessione con i colleghi architetti. Direi che, se dovesse esserci un preambolo al titolo del progetto, questo sarebbe proprio: “amate l’architettura!”.

Ogni settimana sarà aggiunta una nuova foto. La prima pubblicazione è stata fatta il 20 marzo 2017.

 

FOTO 37 – Murales in Via Arceia e via Treia37_605

… le città vivaci, diverse, intense contengono i semi della loro rigenerazione, con l’energia sufficiente a portare i problemi fuori da se stesse. (Jane Jacobs)

 

 

FOTO 36 – Chiesa Dio Padre Misericordioso

36_605

D’altra parte io stesso, fin dall’inizio, ho cercato di ricreare uno spazio che fosse mistico invitando proprio a guardare il cielo. (Richard Meier)

 

 

FOTO 35 – Chiesa del Santo Volto del Gesù

35_605

Nel momento in cui partiamo in cerca dell’amore, anche l’amore muove per venirci incontro. E ci salva. (Paulo Coelho)

 

 

FOTO 34 – Ponte dell’Industria

34_605

Muoversi, vivere, non pensare!
(Luigi Pirandello)

 

 

FOTO 33 – Murales edificio direzione ATAC

33_605

Alcune persone vogliono rendere il mondo un posto migliore. Io voglio solo rendere il mondo un posto più bello. Se non ti piace, puoi dipingerci sopra! (Bansky)

 

 

FOTO 32 – Chiesa di San Gaspare del Bufalo

32_605

La nave dormiva.
Il mare si stendeva lontano,
immenso e caliginoso,
come l’immagine della vita,
con la superficie scintillante
e le profondità senza luce.
(Joseph Conrad)

 

 

FOTO 31 – Basilica di S. Andrea della Valle

31_605

Guardare il mondo dalla Cupola è indescrivibile. Si ha il senso di fragilità del pianeta Terra, con la sua atmosfera sottilissima, e dell’incredibile bellezza di questo gioiello sospeso nel velluto nero dello spazio. (Luca Parmitano)

 

 

FOTO 30 – Palazzo Spada

30_605

La magia è un ponte che ti permette di passare dal mondo visibile in quello invisibile.
E imparare le lezioni di entrambi i mondi.
(Paulo Coelho)

 

 

FOTO 29 – Basilica di Santo Stefano Rotondo al Celio

29_605

Quando si considera un’esistenza come quella di Roma, vecchia di oltre duemila anni e più, e si pensa che è pur sempre lo stesso suolo, lo stesso colle, sovente perfino le stesse colonne e mura (…) ci si sente compenetrati dei grandi decreti del destino.
(Goethe)

 

 

FOTO 28 – Complesso monumentale di S. Agnese fuori le mura

28_605

Anime semplici abitano talvolta corpi complessi
(Ennio Flaiano)

 

 

FOTO 27 – Stazione S. Giovanni Linea C

27

Qualunque cosa si faccia, si ricostruisce sempre il monumento a proprio modo; ma è già molto adoperare pietre autentiche.
(Marguerite Yourcenar)

 

 

FOTO 26 – Chiesa di S. Carlo alle Quattro Fontane

26_605

Unite gli estremi, e avrete il vero centro.
(Friedrich Schlegel)

 

 

FOTO 25 – Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza

25_605

Ricordati che ovunque tu vada sei sempre al centro del cielo.
(Petronio Attico)

 

 

FOTO 24 – Chiesa Ortodossa Santa Caterina di Alessandria

24_605

Le mie città nascono da incontri: il mio con un angolo della terra, quello dei miei piani imperiali con gli incidenti della mia esistenza d’uomo….
(Marguerite Yourcenar)

 

 

FOTO 23 – Palazzo della Civiltà Italiana

23_605

Creare irrealtà che confermano il carattere allucinatorio del mondo, come è dottrina presso tutti gli idealisti. (Jorges Luis Borges)

 

 

FOTcept: text/html,application/xhtmEgitto

22_605

Tutti i popoli sono bambini di fronte agli egizi e, di conseguenza, tutta la storia è nata in Egitto. Ma i figli ingrati, hanno dimenticato il proprio Padre.
(Vasilij Vasil’ evic Rozanov)

 

 

FOTO 21 – Radisson Blu Es Hotel

21_605

O che stazione molto importante:

udite la voce dell’altoparlante?

Dal marciapiede numero nove

parte il rapido per Ognidove.

(Gianni Rodari)

 

 

FOTO 20 – Complesso parrocchiale San Pio da Pietralcina

18486232_10208483646800383_6471989057906657574_n

Le rispose l’angelo: “Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio”. (Vangelo di Luca)

 

 

FOTO 19 – Agenzia Spaziale Italiana

19_605

E finalmente io ti domando, oh uomo sciocco: Comprendi tu con l’immaginazione quella grandezza dell’universo, la quale tu giudichi poi essere troppo vasta?
(Galileo Galilei)

 

 

FOTO 18 – Chiostro Lateranense

18_605

Dolci colonne, dai
Capelli fasciati di luce,
Ornati d’uccelli veri
Che camminano intorno,

Dolci colonne, o
L’orchestra dei fusi!
Ognuno immola il
Silenzio all’unisono.
(Paul Valéry)

 

 

FOTO 17 – Villa Gordiani

17_605

Roma caput mundi regit orbis frena rotundi
(Federico Barbarossa)

 

 

FOTO 16 – Istituto per la Cultura Giapponese

16

Una grossa lucciola
in vibrante tremolio
s’allontana – penetrante
(Issa)
pt: text/html,application/xhtma del Girasole

Il termine “sostanza” designa sia la materia (che è potenza), sia la forma (che è atto perfetto), sia il composto dell’una e dell’altra.(Aristotele)

 

 

FOTO 14 – Battistero Lateranense

17799267_10208193517987344_7151171907614350867_n

In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.
(Bibbia – Genesi)

 

 

FOTO 13 – Basilica di S.Agostino

17554173_10208099237750397_8623571877906802989_n

E così acconcio se n’andò nella piazza nuova di Santa Maria Novella. E cominciò a saltabellare e a fare un nabissare grandissimo su per la piazza, e a sufolare e ad urlare e a stridere a guisa che se imperversato fosse.
(Giovanni Boccaccio)

 

 

FOTO 12 – Villino Ximenes

12

Qui delle divertite passioni
per miracolo tace la guerra,
qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza
ed è l’odore dei limoni.
(Eugenio Montale)

 

 

FOTO 11 – Nuova Fiera di Roma

11

Fà delle due braccia
due ali d’angelo
e porta anche a me un pò di pace
e il giocattolo del sogno.
(Alda Merini)

 

 

FOTO 10 –Tempietto di San Pietro in Montorio

10
Potrei vivere nel guscio di una noce, e sentirmi re dello spazio infinito.
(William Shakespeare)

 

 

FOTO 9 – Basilica di S. Maria in Cosmedin

09

Tu che inclinasti i cieli nell’ineffabile tua incarnazione;
io bacerò i tuoi piedi incontaminati
e di nuovo li detergerò con i capelli del mio capo
(Cassia)

 

 

FOTO 8 – Casa dell’Architettura (ex Acquario Romano)

08

L’arte del decorare consiste nel fare nelle case altrui quello che non si sognerebbe mai di fare nella propria. (Le Corbusier)

 

 

FOTO 7 – Casina delle Civette

07
Ogni volta che qualcuno dice “Io non credo nelle fate” da qualche parte c’è una fata che cade morta. (Peter Pan)

 

 

FOTO 6 – Complesso Edilizio Città del Sole

06bis
Il ritmo è qualcosa che si ha o non si ha, ma quando lo avrete, avrete tutto. (Elvis Presley)

 

 

FOTO 5 – Terme Diocleziane e Chiesa di S. Maria degli Angeli

05
Roma… è una somma di almeno sette città con anime diverse. (Gigi Proietti)

 

 

FOTO 4 – Autorimessa e Mercato Metronio

04

Tutte queste costruzioni devono avere requisiti di solidità, utilità e bellezza (Vitruvio)

 

 

FOTO 3 – Grande Moschea di Roma

03

Egli vede nel deserto desolato il più amico degli amici, e cammina per la sua via, là dove cammina sul suo capo la Madre degli astri risplendenti a grappoli per il cielo. (Abu I-Faraj al-Isfahani)

 

 

FOTO 2 – Via Bernardo Celentano

PITTORESCO

Giorno di primavera: si perde lo sguardo in un giardino largo tre piedi. (Masaoka Shiki)

 

 

FOTO 1 – S’Andrea al Quirinale

ELLISSE

Quello che mi attira è la linea curva, libera e sensuale. La linea curva che ritrovo nelle montagne del mio paese, nel corso sinuoso dei suoi fiumi, nelle nuvole del cielo, nel corpo della donna amata. L’universo intero è fatto di curve. (Oscar Niemeyer)

 

 

 

Una serie di fortunate coincidenze

14 agosto 2017

[rumore delle onde in sottofondo]

Hypercantilever concept - Spacelab 2017-18

“Hypercantilever”, concept, Spacelab Architects 2017

– Papà tu sei architetto, giusto?
– Sì tesoro.
– E cosa fa l’architetto?
– L’architetto viene incaricato da altre persone (che si chiamano clienti dell’architetto) ad immaginare uno spazio per le loro esigenze e a farlo realizzare. Oppure a migliorare uno spazio esistente. O ragionare su come fare tutto questo in modo più sensato, accurato, sostenibile ed efficiente, utilizzando al meglio le risorse a disposizione.
– Uno spazio? Sarebbe a dire una casa?
– Non solo: può essere una casa o un altro tipo di edificio, sia pubblico che privato. Può essere un intero fabbricato, o uno spazio interno ad un edificio pensato da altri, o un luogo aperto, una piazza, un parco. Uno spazio fatto per durare anni, o secoli, o anche solo pochi giorni. O un’idea fantastica che resta solo sulla carta. Tutto questo, e altro ancora, lo chiamiamo architettura, ed è quello di cui io e tanti altri cerchiamo di occuparci.
– Quindi tutti gli spazi che vediamo intorno a noi sono architettura?
– Magari. Purtroppo non è così. Dicono che solo tre edifici su cento — cioè quasi nessuno — sono pensati e realizzati da noi architetti. E di questi, solo una minima parte può essere considerata “architettura”.
– Come mai così pochi?
– Perché ci sono anche altri mestieri, oltre a quello dell’architetto, che si occupano degli stessi spazi di cui ti parlavo, in modi in apparenza meno complicati e più sbrigativi. Siamo bravissimi a parlare tra noi architetti, ma spesso siamo un disastro a comunicare con tutti gli altri. Che si trovano costretti proprio da noi — spesso così inutilmente oscuri — a rivolgersi altrove, sebbene di architetti ce ne siano davvero tanti in circolazione, soprattutto in Italia.
– Tanti architetti ma pochissime realizzazioni? E come fate?
– Semplice: ci siamo organizzati.
Chi non è impegnato a realizzare opere ha molto tempo per studiare, parlare, scrivere, discutere delle opere degli altri. O per insegnare ad altri come fare — o probabilmente non fare — l’architetto. O per occuparsi di altre cose più o meno interessanti che nulla c’entrano con l’architettura. In ogni caso è una delle professioni più complesse di questo mondo.
– Ma allora perché hai scelto questo mestiere?
– Finché dura, avrei ancora intenzione di migliorare questo posto, un progetto alla volta.
– Esagerato. E poi pensi che meriti il tempo che gli dedichi ogni giorno, tutti i giorni?
– Hai una domanda di riserva?
– Certo: puoi spiegarmi meglio cos’è l’architettura?
– Oddio. Potrei dirti che è una convenzione, un termine su cui ci siamo messi d’accordo, ma non è così in realtà. Nessuno è stato mai capace di darne una definizione chiara e condivisa una volta per tutte. Ciascuno ha in testa una sua idea di architettura, e forse è anche giusto così.
Semplificando, l’architettura costruita potrei spiegartela come il risultato concreto, in forma di spazio e materiali, di una serie di condizioni (economiche, culturali, sociali) che coinvolgono tanto il progettista ed i suoi collaboratori quanto il cliente e il contesto in cui si trovano a lavorare. Un lavoro di squadra.
– E quindi?
– Quindi non pensare all’architetto come ad un artista solitario, che produce opere fantastiche frutto della sua pura creatività. E immaginati l’architettura come il risultato di una serie di positive coincidenze. Una botta di fortuna, o un incrocio di sentieri, per cui un cliente ispirato ha incaricato un bravo professionista a realizzare un’opera eccezionale. Non sempre queste tre condizioni riescono ad allinearsi in un unico progetto, ma quando accade è molto probabile che si tratti di architettura.
– Sì, ma se prima dicevi che gli architetti realizzano così poco rispetto a tutto quello che ci circonda, in fondo a cosa serve l’architettura per chi non è architetto?
– A cosa serve l’architettura. Bella domanda. È un po’ come per la musica, la poesia, le arti figurative: potrei dirti che serve a dare la misura della nostra civiltà come uomini, di quello che riusciamo ad immaginare e realizzare andando oltre il soddisfacimento delle banali esigenze funzionali o pratiche, pur essenziale in ogni architettura che si rispetti.
Serve a spostare più in alto l’asticella, a creare dei riferimenti, a dire al mondo e a chi verrà dopo: questo siamo, questo è lo spazio in cui intendiamo vivere e fare esperienze, questo è il nostro tempo e il nostro retaggio. Ti pare poco?
– Non mi hai convinto.
– Allora capisci perché realizziamo tre costruzioni su cento. Andiamo a farci un tuffo, dai…

(agosto 2017)

******************************************************

Nota del curatore della serie “a che serve l’Architettura”.

L’articolo é postato a nome di Luca. Per conoscere meglio chi è e cosa fa di seguito riporto i suoi link:

web www.spacelab.it
blog spacelab.it/theblog
fan page facebook.com/spacelab.it
twitter Spacelab_it

A cosa serve l’Architettura. Una ricerca che vada oltre il nulla

31 maggio 2017

Diego Terna è stato il primo che ho contattato, letteralmente. L’idea di iniziare una serie chiedendo ad architetti ed esperti vari di dare una definizione alla domanda “A cosa serve l’architettura?” mi frullava in testa già da tempo ma era ancora un’idea molto vaga. Lo è tuttora, se avessi un’idea precisa di che risposta vado cercando non sarebbe una ricerca.

L’essenza stessa della ricerca che sto conducendo è di incontrare una risposta che sia efficacemente e incontrovertibilmente diversa da “a nulla”.

Insomma c’era questa idea, c’era una delle solite discussioni che si animano in rete, qualcosa di inutile, presumo, perché oggi non mi ricordo più, e non mi ricordo più nemmeno che commento avesse fatto Diego, tale da farmi pensare: cominciamo a domandare….

La risposta che mi ha dato di istinto è stata proprio “a nulla”. Ma forse neppure lui si è sentito soddisfatto, mi ha chiesto tempo. Forse in fondo l’essenza stessa dell’Architettura sta nella ricerca di una risposta che non sia “a nulla”.

Comunque sia ne è venuto fuori un piccolo gioco che prontamente vi rilancio.

“Premessa

La domanda è suggestiva ma, in fondo, equivoca. Siamo abituati a leggere e proporre definizioni (Cos’è l’architettura?), ma è difficile che qualcuno ci chieda la funzione “finale” dell’architettura.
La triade Vitruviana, in effetti, incorporava l’utilitas nella definizione stessa dell’architettura: come a dire che essa è quando, anche, serve.
E mi è subito balzato in mente un accostamento, magari banale ma in fin dei conti sempre suggestivo: il Piccolo Principe che descrive l’occupazione del lampionaio come utile, perché è bella, introducendo quindi un discorso funzionale all’interno di un concetto estetico.

Perché tirare in ballo la bellezza, quando questa parola è ormai preda della più fastidiosa retorica compiacente, soprattutto nelle narrazioni italiane?
Forse perché uno dei tre supporti della definizione vitruviana è, appunto, la venustas.

Risposta 1

L’architettura serve a migliorare, dal punto di vista della specie umana, la condizione ambientale nella quale essa vive.

Ho usato 19 parole, potrei aver vinto, credo.

Riflessione, problema

Mi sono, però, chiesto se nella immagine più sotto sia ritratta una architettura oppure no.
E’ un edificio abbastanza recente (non ha più di 15 anni), progettato da un architetto, che si trova a Milano, vicino alla stazione di Lambrate.

18817723_10211906398912745_1333771101_o

E’ indubbio che questo edificio offra un riparo a chi vi abita e compia perfettamente con quanto definito poc’anzi: al suo interno la condizione climatica è differente da quella dell’esterno (e più corretta in base alle esigenze delle persone), gli estranei non possono entrare, ci sono migliorie tecnologiche che permettono una vita slegata dall’orario naturale (grazie all’elettricità si può lavorare-mangiare-leggere-… anche di notte) e, infine, definisce un rifugio invisibile al resto dell’umanità in cui comportarsi liberi da qualsiasi etichetta formale.

Eppure sono convinto che quella ritratta non sia una architettura.
E’ certamente una costruzione: se proprio devo definirla, direi che è edilizia.

Ecco, quindi il problema: l’edilizia offre, compiutamente, tutte le caratteristiche dell’architettura, rendendo la stessa superflua.
D’altronde, la quasi totalità dell’edificato nel quale viviamo è poco interessante, mal progettato e costruito, senza alcuna aspirazione. Eppure ci viviamo, senza crearci particolari problemi.

A cosa serve l’architettura, dunque? A niente, verrebbe da dire.
Per tutte le esigenze, rivolgersi all’edilizia.

Che, poi, è quello che fa la maggior parte delle persone e, spesso, delle istituzioni, quando c’è da fare dell’architettura: chiamare l’impresa, il geometra, l’ingegnere, il perito, il professore universitario e, magari, l’architetto, giusto in caso di velleità.

Risposta 2, allora

L’architettura è, o non è: al di fuori della sua definizione, essa è superflua.

Giustificazione, risposta 3

Il fatto che l’architettura serva o meno, dunque, non può prescindere, in un certo senso, dalla sua definizione. E in questa deve entrare un fatto estetico o, se vogliamo dirlo meglio, poetico, nel suo significato legato all’invento, alla composizione.

Entriamo nel campo dell’arte, nel luogo delle domande, più che delle risposte: l’architettura serve, allora, a mettere in questione lo spazio racchiuso entro una costruzione.

Offre riparo e delle migliori condizioni ambientali e climatiche, aumenta il valore dell’immobile, crea dibattito, subisce critiche positive e negative, porta ad un indotto turistico: a tutto questo serve l’architettura.
Ma serve, soprattutto, a porsi delle domande, a spostare dei limiti, a proporre innovazione (tecnica, artistica, linguistica), a coagulare, entro la propria conformazione fisica, gli intenti e le aspirazioni di un’epoca (la volontà dell’epoca tradotta nello spazio, diceva Mies van der Rohe).

E’ un fatto culturale, in ultima analisi, e per questo, al di fuori delle operazioni di marketing urbano, la sua utilità appare perlopiù debole, in un’epoca in cui le questioni culturali sono, nonostante tutto, tanto bistrattate.

Risposta 4

Ci riprovo, per l’ultima volta.
L’architettura serve a migliorare, poeticamente, la condizione ambientale nella quale la specie umana vive, mettendo in questione lo spazio racchiuso entro la sua costruzione.
Che è quello che stanno provando a fare i ragazzi ritratti nella foto.

18834555_10211906399992772_390457804_n

Smentita

Quella precedente è la risposta che forse volevi, ma, ripensandoci ancora, è sbagliata, perché, infine, è sbagliata la domanda.
Tu sei architetto, sai di cosa stai parlando; nella tua richiesta è implicito, credo, una volontà di distinguere la buona architettura dalla cattiva. E’ chiaro che la costruzione di una modificazione all’ambiente è architettura: che sia interessante o meno fa parte di un giudizio critico raffinato.

Quindi, smentisco tutto ciò che ho detto prima ma, anche, lo confermo, contemporaneamente.
Vedi tu come usare le varie, possibili, risposte.”

Insomma se volete difendervi dal nulla, o semplicemente volte usare una delle possibili risposte, questi sono i link al sito dello studio di Diego e alla pagina Facebook.

FRAMMENTI DI ARCHITETTURA CONTEMPORANEA NELLA TUSCIA – Giorgio Grimaldi

22 maggio 2017

28. GIORGIO GRIMALDI (Civita Castellana Vt 10.05.1964)
Consegue la laurea con una tesi in Assetto del Paesaggio con l’architetto Lidia Soprani presso la Facoltà di Architettura dell’ Università “La Sapienza” di Roma.
Nel 1995 con Sorin Sergentu e Alfredo Giacomini fonda lo Studio di Architettura AREA.
Partecipa a vari concorsi nazionali ed internazionali d’architettura, nel 1995 è vincitore del concorso per il recupero dell’ex mattatoio di Montalto di Castro e nel 1998 riceve una menzione per la sistemazione del “belvedere attrezzato” di Orvieto.
La frammentazione, ricorrente nelle sue composizioni, è una condizione imprescindibile e per nulla gratuita, è un elemento essenziale del progetto e del fare quotidiano.

 

13151438_274729779537714_1331329838236861863_n

 

13151511_274728446204514_8950645745460867569_n

 

13177086_274737749536917_8212861699398241269_n

13177735_274729472871078_3127077424284187636_n

13133301_274735652870460_6193009592204914141_n

13165871_274729119537780_3190314050788929999_n

 

13151505_274728872871138_1331670404686854298_n

Caro Committente. Lettera a un ipotetico destinatario del lavoro di un Architetto

8 maggio 2017

Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui con violenza alla persona o con minaccia ovvero in occasione di manifestazioni che si svolgono in luogo pubblico o aperto al pubblico o del delitto previsto dall’articolo 331, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Articolo 635 del Codice Penale. Danneggiamento

Quella che segue è la risposta che ho ricevuto da Emmanuele Jonathan Pilia alla domanda che sto facendo ad alcuni selezionatissimi colleghi (in sostanza quelli che si prestano alla cosa): “a cosa serve l’Architetura? immagina di dirlo in 30 parole al tuo committente”. La domanda è oziosa, quindi ozio per ozio ho deciso che potevo provare a coinvolgere anche qualcuno che normalmente non pratica la professione, come Emmanuele che, come ci tiene a chiarire, non pratica l’Architettura in quanto è un Editore. Un Editore di Architettura però.

Secondo me è stato un po’ indisciplinato; che ci volete fare.

auto-rigata-cosa-fare-per-il-rimborso-assicurativo-450x270

“Caro committente,
la ringrazio per la sua missiva in cui mi pone questa domanda così semplice, eppure così difficile da sviluppare. In un primo momento ho pensato, tra me e me “strano che lo chieda proprio a me, che dall’architettura “vera”, quella di cantieri e calcestruzzo” me ne sono allontanato… Ma poi, è spuntata come un timido fiore sull’asfalto, la risposta che io mi sono sempre inconsciamente dato. Sì, perché proprio io che l’architettura non la faccio, ma la pubblico, ho sempre vissuto nella granitica certezza che l’architettura è la più potente espressione culturale. Certo, lei ha bisogno solo di una sistematina ai servizi e di rimettere a posto il tetto, ma ci pensi bene: quei sanitari sarebbero stati gli stessi se ora stessimo parlando fiammingo, oppure inglese, o ancora norvegese? Probabilmente no, ed anche di questa differenza dovremmo riflettere. Che il suo tetto non sia di legno non è un caso: nei millenni abbiamo lentamente scelto verso le soluzioni che ora la riparano dal freddo (e tra un poco, anche dalla pioggia), e che il suo bagno sia rivestito in gres scuro, e non in maioliche colorate, dipende dalla sua lontananza dal meridione, che invece dei colori ha fatto arte. Pensi se lei provenisse da Vietri: la sua cucina non avrebbe un angolo cottura scavato in un elegante muro color antracite, ma sarebbe invaso di ocra, smeraldo, rubino e lapislazzuli.
Quindi, mio caro committente, anche se ciò che toccherà, ciò per cui alla fine della fiera paga, è la materia che potrà toccare, ciò che lei avrà, sarà il retaggio di millenni avuti su quel piccolo pezzo di terra che circonda la sua casa.
Chiudo questa mia con i miei migliori saluti, ricordandole che è pur vero che non vedrò mai i soldi della sua parcella, ma è altresì vero che lei non ha un garage, e conosco la sua targa.
Cordiali saluti,

L’Editore (di Architettura)
Emmanuele Jonathan Pilia”

PS. Ci tengo a precisare che per la scrittura dell’articolo nessuna auto, o committente moroso, sono stati maltrattati. L’immagine dell’auto rigata, utilizzata per illustrare la metodologia creativa di EJP, l’ho presa da qui.

Dov’è l’Architettura, ma soprattutto, a cosa serve?

5 maggio 2017

Quando si cominciano a nominare bene le cose si diminuisce il disordine e la sofferenza che c’è nel mondo.

(A. Camus)

Stefano Nicita è un Architetto ideatore e fondatore di un blog molto interessante dal nome emblematico: dov’è l’architettura italiana?

Con un titolo così non potevo non chiedere anche a lui di rispondere alla mia domanda fondamentale: a cosa serve l’Architettura?

Tanto più che Stefano, tra le tante qualità, ha anche il merito di essere un assiduo frequentatore del nostro gruppo su Linkedin (ebbene si, abbiamo anche un gruppo su Linkedin, e una pagina).

Ma la cosa che trovo più interessante di Nicita, che è il motivo per cui avevo inserito il suo nome nella lista dei miei possibili candidati, prima che lui proponesse spontaneamente la sua risposta, è il suo modo di raccontare l’architettura: semplice ed efficace, tendente al didattico.

Di una didatticità che fa pensare a un maestro di paese, di quelli che non ti dicono mai “guarda quell’albero”, ma ti sanno citare direttamente il nome: “guarda quel Faggio” o “quel Nocciolo”, “guarda l’infiorescenza a pannocchia di quel fiore di Lillà”, e con questo semplice nominare le cose, insegnartele.

Una esplorazione che non disdegna la forza oggettiva dei numeri o la rilettura dei testi. Senza contare questo articolo dedicato al Genius Loci che sembra fatto apposta per la mia ricerca, sia come metodo (una riorganizzazione di suggestioni e stimoli precedentemente raccolte sui social) sia per il tema in sé, che tratta della funzione dell’Architettura su un piano metafunzionale.

Quindi eccovi le vostre parole (31).

L’architettura serve a organizzare e disegnare gli spazi di vita delle persone per renderli dei veri luoghi esistenziali, allo stesso tempo significativi e consueti, protettivi e stimolanti, esclusivi e accoglienti.

"Ti allego anche una foto recente scattata da me a Piazza di Spagna da un punto di vista forse un po' insolito e poco canonico, ma fondamentale per capire precisamente il senso di luogo creato grazie all'architettura a cui mi riferisco nella definizione."

“Ti allego anche una foto recente scattata da me a Piazza di Spagna da un punto di vista forse un po’ insolito e poco canonico, ma fondamentale per capire precisamente il senso di luogo creato grazie all’architettura a cui mi riferisco nella definizione.”

 

A cosa serve l’Architettura?

27 aprile 2017

Se vuoi trasformare un uomo in una nullità non devi fare altro che ritenere inutile il suo lavoro. (Fëdor Dostoevskij)

Tutto è cominciato con una domanda, di quelle fondamentali che amiamo farci noi architetti e sulle quali finiamo spesso per accapigliarci, il più delle volte senza concludere alcunché, il più delle volte ancora rimanendo in un alveo di autoreferenzialità tra addetti ai lavori.

La domanda era: “cosa è Architettura?”

Non dite che non vi è capitato di chiedervelo. Si usa il termine Architettura (rigorosamente con la A maiuscola) per distinguerla dalla massa informe di opere che chiamiamo edilizia e che tendiamo a ritenere prive di quel valore aggiunto, quel plus di illuminazione, che invece permea una costruzione quando è Architettura.

Dare una risposta o una definizione non è facile, così come non è facile dare una definizione di Arte. E’ come avere a che fare con un traguardo che si sposta sempre più in la; quando credi di aver trovato una definizione più o meno universale ecco che salta fuori un’opera, un segno urbano, che ne mette in crisi i fondamenti e ti fa riconsiderare la cosa da zero.

Le definizioni stesse tendono a evolvere, anche se guardiamo le stesse Architetture.

In genere è più facile citare degli esempi. E’ più facile dire caso per caso se una certa opera si può considerare Architettura; si finisce con il riconoscere che definiremmo Architettura opere profondamente diverse tra loro.

Inoltre c’è il tema della soggettività.

L’Architettura non è una scienza esatta; si appoggia su fenomeni concreti, scientifici, come il calcolo strutturale e la tecnologia dei materiali; ma per dire che un’opera costruita è Architettura occorre che quell’opera sia permeata di quel valore aggiunto che vorremmo definire Architettura e che indubbiamente trascende il fenomeno scientifico.

Volendo entrare nel merito professionale della questione, il compito dell’Architetto dovrebbe essere propriamente quello di fare Architettura. Per quanto ci possiamo accapigliare (di nuovo) con i nostri concorrenti professionisti (dagli ingegneri ai geometri) è evidente che, semmai dovessimo (finalmente) arrivare ad una chiara distinzione dei ruoli, all’Architetto spetterebbe proprio la gestione di questo valore aggiunto che definiamo Architettura.

In altre parole gli architetti si dovrebbero far pagare per fare Architettura. Sembra banale, eppure non è sempre così chiaro; capita spesso che gli architetti, che si lamentano moltissimo quando gli altri professionisti sconfinano nell’ambito dell’Architettura, non si facciano alcuna remora nell’attribuirsi competenze (e incarichi) che invece sarebbe più appropriato fare svolgere ad altri tecnici. Sto divagando, lo so, e so anche quanto questa affermazione sia generatrice di discussioni. Passiamo oltre.

Se possiamo ammettere che l’Architettura è un valore aggiunto possiamo immaginare che questo valore derivi da una qualche forma di utilità. Una utilità per la quale ci sono state e ci saranno sempre persone disposte a pagare un prezzo, sia esso dovuto al compenso dell’Architetto o al maggior costo delle opere, oppure semplicemente per l’impegno che comporta il processo generativo dell’Architettura: quante discussioni, quanta fatica si portano dietro anche dei semplici dettagli?

La questione che voglio fare emergere é che in fondo per arrivare a capire cosa è Architettura possiamo provare a cambiare il punto di vista e domandarci, in maniera più prosaica:

“a cosa serve l’Architettura?”

così ho cominciato a lanciare una piccola sfida agli Architetti.

Immaginate di spiegare ad un committente, usando al massimo 30 parole, a cosa serve l’Architettura.

Immaginate che da questa spiegazione dipenda l’assegnazione del vostro incarico.

Questa è la prima definizione che ho ricevuto da Raffaele Cutillo.

30 parole esatte, un vero professionista.

“Serve al tradimento che altrimenti non avresti mai commesso, sovrapposto alla memoria. Al desiderio nascosto, oltre il necessario che pur contiene. Segno condiviso di spazio, luce, protettiva reazione materica, bellezza.”

 

received_10212846847314046

Disegno di Raffaele Cutillo. “La casa la voglio sospesa sul mare”. Omaggio a Malaparte, Gennaio 2016