Archivi per la categoria ‘Sviluppo urbano’

Roma a 4000K

Dopo circa un anno e mezzo (aprile 2017) dall’inizio delle sostituzioni delle vecchie lampade al sodio, nel centro storico di Roma, con nuove lampade a LED e dopo la levata di scudi di associazioni (culminata con una lettera pubblica di protesta al Ministro Franceschini), comitati, uomini e donne di cultura e semplici cittadini, dopo che, spinto dalla pressione delle associazioni, l’assessore all’urbanistica e lavori pubblici Montuori ha convocato con ACEA e Università, pur non invitando associazioni e comitati firmatari (ma che concezione vecchia e chiusa della gestione della cosa pubblica!!!), prospettando una collaborazione con le Università per la revisione del piano (precisamente con il master in lighting design della sapienza ed il laboratorio di illuminotecnica ed acustica di Roma Tre), il risultato che ne è derivato è un nulla di fatto.
Evidentemente ai componenti di questo tavolo di lavoro il non-progetto della sostituzione della tecnologia della pubblica illuminazione del centro storico andava bene così.
Anzi, se possibile, ne è risultato che c’è margine per fare peggio, come la nuova illuminazione dei palazzi di piazza del Campidoglio stanno a testimoniare.

Dunque, è il momento opportuno per imbastire un ragionamento su quali potrebbero/dovrebbero essere le linee guida, gli spunti, per la progettazione della luce nella città storica di Roma. Questo articolo è volto quindi ad aprire una discussione su questo tema.

Illuminazione notturna del foro di TraianoA Roma non si pianifica più da quasi trent’anni. L’ennesima riprova di questo assioma è stato uno scellerato cambio di tecnologia della pubblica illuminazione, avvenuto all’inizio del 2017.

Perfino alcuni autorevoli quotidiani stranieri hanno parlato dell’effetto di questo cambiamento sulla percezione degli spazi pubblici del centro storico e della prevedibile reazione dei romani.

Cosa è successo esattamente? A partire da circa l’inizio del 2017, nel centro storico, sono state cambiate le lampadine al sodio, tecnologia presente da almeno una trentina d’anni nella Capitale, con lampade o piastre a LED, tenendo come unico parametro una luminanza di 20 lux (è un valore da me supposto, ma forse non ho sbagliato più di tanto) al metro sulla strada e una temperatura di colore di 4000 gradi Kelvin, che dà una luce fredda, tendente all’azzurro/verde.

Chi ha concepito questo cambio? Dal risultato si direbbe nessuno, vale a dire che non c’è un progetto illuminotecnico dietro questa operazione.

Il Comune, probabilmente, ha dato incarico ad ACEA, il gestore della pubblica illuminazione, di presentare una proposta e, come è costume delle partecipate romane e non solo, costoro, pieni di bravi elettricisti, hanno pensato che sapere avvitare e svitare una lampadina fosse sufficiente per cambiare la luce ad una città come Roma.

Il Comune, infatti, ha saputo snocciolare solo i dati relativi al risparmio energetico ed economico, come se i cittadini non avessero gli occhi per vedere.

Cominciamo ad affermare che non necessariamente la luce gialla prodotta da un lampada al sodio sia meglio di quella prodotta da una lampada a LED. Una lampada al sodio ha una resa cromatica (il Color Rendering Index o CRI, ci dice in che modo una sorgente è in grado di riprodurre il colore di un oggetto da essa illuminato) pari a 20, mentre le nuove lampade installate a Roma hanno un CRI 70. Nella foto che segue, si può vedere come, con la luce gialla, spariscano molti dettagli della facciata dell’edificio, confrontati con la facciata al LED. La luce gialla tende ad appiattire i piani prospettici, ma piace perché avvolge tutto un un alone di “mistero”.

piazza Cairoli

Per essere corretti, abbiamo dubbi anche su questo dato (il CRI 70), dichiarato dal Comune. Se si gira per la città, come abbiamo fatto noi, non è difficile scorgere a occhio palesi differenze di dominante della luce tra zone e zone. Per esempio tra il Lungotevere dei Vallati, che ha una dominante grigio-azzurra e Porta Cavalleggeri, che ha una dominante verde. Il colore della dominante si scorge soprattutto vedendo la sorgente luminosa con una visione laterale.

Lungotevere dei Vallati

Molti monumenti romani, già da tempo, sfruttano una sorgente di luce bianca per valorizzarne l’Architettura anche di notte.

Altare della Patria e illuminazione stradale di piazza Venezia

Anche i Fori Imperiali sono stati illuminati (non senza critiche degli addetti ai lavori) da Vittorio Storaro con questa tecnologia, non con le lampade al sodio

Il foro di Augusto illuminato da Vittorio Storaro

Il nodo del problema è che Roma, particolarmente nelle zone centrali e storiche non è una città come le altre. A Roma la gente va per sognare e, a detta dei più, le nuove lampade a LED a 4000°K restituiscono una luce da obitorio.

Porta Cavalleggeri

Allo stato delle cose è evidente la mancanza di un progetto di lighting design, fatto da progettisti specializzati in questa disciplina, che contempli le molteplici necessità del centro storico più grande d’Europa.

Per esempio: in un contesto urbano possono esserci delle gerarchie, le vie, i piani prospettici degli scorci, i monumenti con maggiore o minore rilevanza.

illuminazione monumentale: ponte Vittorio Emanuele II e Castel s.Angelo sullo sfondo

Finora si è optato per la differenziazione delle lampade delle vie pubbliche con quelle dei monumenti puntando a differenziarli visivamente, ad uno stacco tra loro, ma non è per nulla assodato che tale scelta sia pregevole.

Nel caso di Roma, massimamente rivestita di travertini e intonaci (dai bianchi del ‘500 al “colore del cielo” del ‘600, fino all’ocra del 700) potrebbe essere una scelta vincente quella che i colori dei palazzi monumentali siano valorizzati, anche in una visione notturna.

illuminazione a LED dei travertini di ponte Sisto

illuminazione del colore di Roma: Sodio vs LED a s. Andrea delle Fratte

Va inoltre pianificato il grado di illuminazione delle vie, una per una, rispettando, ovviamente, i parametri per contenere l’inquinamento luminoso. Può darsi il caso, infatti, che ci siano vie con facciate meno interessanti, che possono tenere una illuminazione bassa o vie delimitate da quinte urbane che vanno illuminate maggiormente. Anche questo va deciso in un piano della luce.

Si guardi per esempio l’immagine successiva che ritrae via Margutta, una delle vie più celebrate dai pittori del ‘900. L’illuminazione è bassa. Delle facciate si scorge ben poco.

via Margutta

Nel caso specifico, oltre l’altezza va definita anche l’ampiezza della curva fotometrica che emette il lampione. Si guardi la differenza tra la lampada a LED e quelle al sodio di una via del Rione Monti.

comparazione del risultato dell’illuminazione con diverse curve fotometriche al Rione Monti

Questo ultimo aspetto apre il discorso all’errore più grave che è stato commesso: pur avendo una commissione di proporzioni gigantesche, non è stato fatto alcun tipo di ricerca relativamente ai sistemi più idonei per adattare le sorgenti a LED ai vecchi lampioni. Adducendo problemi di riflessi , sono stati rimossi i vetri dagli storici lampioni fissati sulle pareti degli edifici ed è stata sbrigativamente fissata una piastra con LED sulla cupola metallica posta nella parte superiore del lampione.

i nuovi lampioni a LED senza vetri, con la sorgente luminosa sulla cupola della lampada

i vecchi lampioni con lampade al sodio con vetri e sorgente luminosa centrale

La luce risultante è quindi molto concentrata ed è stata creata una perfetta casa per i piccioni che infestano tutto il centro. In poco tempo, dunque, i lampioni sono lordati dagli escrementi degli uccelli. Sollecitati dalle associazioni dei cittadini sono corsi ai ripari rimettendo in alcuni casi, i vetri.

Perché la luce al sodio “fa sognare”? Perché restituisce meno informazioni, meno dettagli delle superfici che illumina. E’ questo probabilmente il secondo aspetto più rilevante, assieme a quello del colore, su cui un progettista della luce dovrebbe ragionare. Sia chiaro, avere più o meno dettagli visibili non è “meglio” o “peggio”, è semplicemente una scelta progettuale da operare in un ampio contesto di scelte.

Sodio vs LED: via degli Annibaldi

sodio vs LED: ponte Cavour

sodio vs LED: via Panisperna

Era questo inoltre il momento di affrontare una stratificazione dei corpi illuminanti avvenuta per più di 100 anni. Ai vecchi lampioni, derivati da quelli a gas, si sono affiancati altri lampioni alti dal disegno caratteristico (soprattutto nelle piazze ottocentesche) e i “campanoni” (le cosiddette lanterne modello “Roma” del 1925) sospesi con cavi d’acciaio tra i palazzi. Queste lampade storiche hanno, con la loro luce definita e con la loro forma storicizzata, caratterizzato le notti romane.

stratificazione e confusione delle tipologie di lampade nel centro storico: Lungotevere in Augusta

Un’ultima considerazione, riguardo ad un piano luce delle zone storiche di Roma, va fatta per il rapporto tra illuminazione privata e contesto pubblico.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un proliferare di edifici con una propria illuminazione di facciata, di qualità e non, completamente avulsa dal contesto. Sono edifici di proprietà uniche, come hotel e grandi magazzini. Anche in questo caso si rischia di perdere una gerarchia dei segni, dei punti di vista, che sono una caratteristica precipua dell’urbanistica del centro di Roma. Un edificio isolato illuminato, infatti, può disturbare una vista prospettica che contenga monumenti pubblici e fondali importanti; più edifici illuminati in uno stesso contesto possono produrre l’effetto “Las Vegas”. Non ultima andrebbe affrontata, come si è fatto per insegne e cappottine, anche l’illuminazione dei negozi.

illuminazione di edifici privati a via Milano

piazza di Spagna: illuminazione dell’ambasciata di Spagna. Si noti il cornicione.

Un esempio dell’illuminazione non regolamentata dei negozi: via Frattina

Non è sempre necessario illuminare un edificio pubblico, con un valore storico-artistico. Non è sempre necessario evidenziarlo con una luce diversa. Certe volte è bene illuminarne solo alcune parti per restituire le suggestioni di una città unica come Roma, come ci mostra questa foto presa a piazza S. Silvestro, con la delicata illuminazione della chiesa dei santi Claudio e Andrea dei Borgognoni.

piazza s. Silvestro: a sinistra la chiesa dei santi Claudio e Andrea dei Borgognoni con la sola illuminazione della cupola, della lanterna e del campanile, accompagnata da una delicata illuminazione della facciata.

E’ Disneyland quello che vogliamo? Dobbiamo chiedercelo e fare, anche in questo caso, delle scelte.

L’amministrazione capitolina, attuale e passata, ha operato nella più totale insipienza. Anche di recente ha realizzato progetti, questa volta con il Dipartimento SIMU con la solita nefasta collaborazione di ACEA (Areti spa, del gruppo ACEA), che hanno prodotto risultati devastanti. Non ultima la ferita nel cuore pulsante di Roma: la nuova illuminazione di piazza del Campidoglio, (qui la galleria fotografica) dove l’ordine gigante michelangiolesco dei palazzi dei Conservatori e dei Musei, studiato in tutti i testi di storia dell’Architettura, viene tagliato in due e la gerarchia della facciata (le concavità del portico, l’ordine gigante, il cornicione di coronamento) viene annullata da uno “spezzatino luminoso”.

la nuova illuminazione dei palazzi di piazza del Campidoglio.

Vogliamo, da architetti e da romani, che qualcuno affronti il tema del progetto complessivo della luce di Roma e si accolli la responsabilità delle sue scelte, compresa la Sovrintendenza, che da tempo sembra latitante.

 

Regesto di articoli pubblicati sull’argomento:

Trastevere, candele alle finestre contro le luci a led – Corriere

Nuova illuminazione di Roma_ l’ Interrogazione delle associazioni alla Sindaca _

Fermate subito la nuova illuminazione, è un attentato alla Bellezza di Roma – Emergenza Cultura

Roma Capitale e Università per nuova illuminazione della città. Piano LED al via i sopralluoghi.

Illuminazione: sopralluoghi per il piano LED: “lavorare per il bene della città”

Roma a LED, l’assessore accelera sul piano: “Entro l’anno luci nuove in tutta la città”.

Alcuni articoli tratti dal sito “Carteinregola” riportanti notizie sulle azioni principali messe in atto dai comitati per sollevare il problema:

Piano Led: questa non è una battaglia radical chic

Il Mibact fermi il piano LED: appello al Ministro

Piano LED: chi decide la qualità della città

Al Tavolo per la revisione del Piano LED non sono invitati i comitati

 

 

Tutte le foto dell’articolo sono dell’autore (© Giulio Paolo Calcaprina), con eccezione dell’ultima presa dal sito “il metropolitano.it”

VENGONO PRIMA I MONUMENTI O LE PERSONE?

Con Amate l’Architettura abbiamo seguito con apprensione, dolore e sgomento, fin dalle prime ore, la tragedia del crollo del ponte Morandi.

Abbiamo scelto di tenere un profilo basso, condividendo articoli di approfondimento di altri, che hanno svolto, secondo le loro rispettive competenze, approfondimenti sulle dinamiche del disastro, della gestione delle infrastrutture e sulle (mancate) politiche dei trasporti in Italia.

Nel frattempo molti uomini di cultura e tecnici, anche stranieri, hanno condiviso delle riflessioni e promosso delle iniziative, delle petizioni o si sono resi disponibili a progettare il ponte. Ultima in ordine cronologico l’offerta del progetto da parte di Renzo Piano.

Lasciata decantare la reazione emotiva, vogliamo anche noi dare un contributo, una riflessione, che nasca da questo evento ma che possa avere un respiro più generale.

La prima, fondamentale domanda a cui dobbiamo rispondere è: ripariamo il vecchio ponte o ne costruiamo uno nuovo?

Il ponte Morandi ha innumerevoli estimatori (anche noi ne riconosciamo il valore) che vorrebbero, prima di demolirlo, che venisse fatta una valutazione costi-benefici sulla possibilità di riparare/consolidare il manufatto esistente o di sostituirlo con una nuova opera.

Ebbene è bene sgombrare il campo da ogni illusione: una valutazione del genere sarebbe  correttissima sotto un profilo teorico ma deleteria alla visione realistica dei fatti.

Una valutazione costi-benefici dovrebbe valutare la convenienza del mantenimento dell’opera originale (con gli opportuni correttivi) sotto punto di vista estetico, simbolico, ecosistemico, viabilistico, strutturale ed economico oppure indicare le soluzioni alternative.

Tutto molto bello e, appunto, corretto, sotto un profilo procedurale. Ma valutiamo la proposta secondo la normativa vigente: chi valuta tutto ciò? E in quanto tempo?

A spanne servono 5 sottocommissioni (architettonica/ambientale/viabilistica/economica/strutturale) ciascuna con contenente specialisti in vari campi, e con un coordinamento a monte. Ciascuna commissione, secondo la logica che vige in questo paese, avrà potere di veto sulle decisioni da prendere o, nella migliore delle ipotesi richiederà un tempo congruo, ovvero lungo, per potere esprimere un parere sufficientemente ponderato.

Dobbiamo inoltre tenere conto che il Il 10 maggio 2018 è stato pubblicato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che, ai sensi dell’articolo 22 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (il codice degli appalti), stabilisce l’obbligo del dibattito pubblico (una traduzione letterale dal francese) per opere sopra la soglia dei 500 milioni, soglia che tra annessi e connessi (le demolizioni delle abitazioni tra le ipotesi possibili) potrebbe essere superata.

Abbiamo sotto gli occhi i drammatici esempi della ricostruzione post-terremoto di Amatrice, dove in quasi due anni abbiamo dato avvio a circa il 10% dei lavori o, localmente, l’esempio dei tempi infiniti per la gestazione della Gronda di Genova , la variante mai nata della A 10.

Aggiungiamo anche  che chi propone il retrofitting del ponte non tiene conto che la struttura si è dimostrata insufficiente e andrà ricalcolata con il risultato di un ponte comunque diverso da quello progettato da Morandi. Il ponte ricostruito sarà perciò un falso o un’opera diversa dall’originale.

Dunque, teniamo i piedi per terra, tenendo conto che c’è non solo una città in ginocchio, perché tagliata in due, ma tutto il collegamento nazionale con la Francia del traffico proveniente dal settore costiero occidentale e dal centro-sud Italia, abbiamo – purtroppo- una reale situazione d’emergenza, perché ogni giorno che passa c’è una città, una regione e una buona parte del paese che perde molto molto denaro.

Come è stato espresso da uno di noi, nel dibattito interno al nostro gruppo, preventivo a questo articolo, dobbiamo prendere atto che “il ponte è stato bombardato (da una guerra invisibile) e che dobbiamo agire come in guerra, ripristinando immediatamente una funzionalità vitale per il paese”.

Dunque stando così le cose, le soluzioni possibili si restringono drasticamente a due:
1) si opera la demolizione del ponte attuale e la ricostruzione di un nuovo ponte (previa una valutazione tecnica riguardante il mantenimento o l’abbattimento delle abitazioni sottostanti il ponte, su cui noi non ci soffermeremo perché non abbiamo elementi sufficienti per giudicare) con un affidamento a Società Autostrade – che ha dichiarato di avere già un progetto pronto – o ad altri (è un problema politico ed amministrativo in cui anche qui non ci addentreremo);
2) la rimessa in pristino temporanea del ponte attuale (se tecnicamente è possibile), con imposti limiti d’uso e con l’obbiettivo di farlo durare il tempo di realizzazione della Gronda di Genova, la variante della A10 già citata. Raggiunto questo obiettivo si potrà dare seguito ad un concorso internazionale per la proposta di un nuovo ponte, che possa rivaleggiare con il precedente.

Con queste sue soluzioni le tipologie delle valutazioni si limiterebbero a due: la fattibilità tecnica e l’impatto economico. In quest’ultimo andrà valutata da una parte il costo di una sola demolizione e nuova costruzione del ponte e, soprattutto il tempo di realizzazione (non i 5 mesi contrabbandati da Società Autostrade, ma più realisticamente tra i due e i tre anni – secondo eminenti progettisti (e con procedure d’urgenza, aggiungiamo noi), dall’altra il costo di una ricostruzione prima (questa si di pochi mesi) e di una successiva demolizione e ricostruzione dopo, a Gronda funzionante.

Ancora durante il nostro dibattito interno una collega si è chiesta perché non fare realizzare un ponte temporaneo dal genio militare. L’idea sarebbe magnifica ed emblematica per un paese “in guerra” (con le istituzioni, con la gestione della cosa pubblica, con le vessazioni quotidiane inflitte alla gente comune e a noi tecnici) ma, probabilmente irrealizzabile a causa dell’altezza e della campata.

Nel corso dei 10 anni di vita del nostro Movimento ci siamo battuti incessantemente per la valorizzazione della buona Architettura (soprattutto contemporanea), per i concorsi di progettazione, per la qualità dell’ambiente urbano. Abbiamo sempre combattuto l’emergenza, la precarietà la mediocrità a cui si è adagiato il nostro paese, perciò scriviamo queste righe con un profondo dolore, perché abbiamo preso atto che, in questo frangente, è difficile che si possa realizzare un’opera del livello del ponte Morandi, almeno in tempi brevi.

D’altra parte l’invito che rivolgiamo a tutti è quello di porsi la domanda che ci siamo posti noi: “vengono prima i monumenti o le persone?”.

(le due immagini che accompagnano l’articolo sono prese da Wikipedia e sono rispettivamente di:
Michele Ferraris – la prima
Phoenix7777 – la seconda)

 

In bilico fra il “non più” e il “non ancora” ovvero rammendare non basta, serve ricamare…fosse solo perché contiene la parola amare.

6 giugno 2018

Il quartiere “Le Albere” di Trento (inaugurato nel 2013) è uno dei progetti di riqualificazione urbana più famosi ed esemplari in Italia, per la notevole operazione architettonica e urbanistica realizzata sull’area dell’ex stabilimento Michelin (1927-1997), di ricostruzione del rapporto fra la città e l’Adige, e per il “MUSE” (Museo di Scienze Naturali), forte attrattore culturale di rilevanza internazionale. Come tutti i progetti firmati Renzo Piano Building Workshop, è tecnicamente perfetto, niente è lasciato al caso: “Le Albere” (traduzione di pioppi in dialetto trentino, da cui l’omonima fortezza cinquecentesca che dominava il grande parco prima che venisse ridotto dalla ferrovia e dallo stabilimento) è costituito da edifici di quattro o cinque piani, sistemati in linea o a corte con l’intento di richiamare quelli del centro storico; il motivo caratterizzante è l’uso di montanti in legno lamellare di larice che scandiscono tutte le facciate; i particolari sono ben studiati e la qualità dei materiali non è in discussione; molto curato l’aspetto energetico con buoni isolamenti, connessione alla teledistribuzione di energia alternativa, schermi di piante rampicanti sulle facciate, pannelli fotovoltaici su tutte le coperture; un parco, con piazze, piste ciclopedonali e percorsi d’acqua; garage interrato per liberare la superficie delle auto.

Nonostante queste pregevoli premesse, ancora l’eco-quartiere non riesce ad esercitare la spinta rigenerativa auspicata.

Probabilmente, ci troviamo di fronte ad un intervento troppo omogeneo, che ha bisogno di tempo per rompere i confini e relazionarsi alla città; probabilmente, con l’elevata qualità degli appartamenti, si rivolge a un ceto sociale medio-alto che non è numericamente sufficiente a occupare un quartiere di queste dimensioni.

O forse, nella progettazione del quartiere, è mancata quella mobilitazione e responsabilizzazione dell’intera comunità, che prende comunemente il nome di processo partecipativo, quale sarebbe potuta/dovuta avvenire nei giusti termini, attraverso strumenti di animazione prima e generazione territoriale dopo, invece di scommettere solo (probabilmente) sul mercato globale?

Certamente un investimento sulla comunità avrebbe potuto dare un altro significato alla realizzazione del nuovo quartiere cittadino, del quale il Muse poteva rappresentare (e ancora rappresenta) il motore economico, culturale e sociale. Sono certo che sarebbe stato davvero tutto diverso se, oltre alla confluenza di tante risorse, competenze e professionalità, ci fosse stato un investimento in “amore” per la comunità, cosicché oggi quegli stessi corpi (edilizi) vivrebbero pienamente dell’operosità delle famiglie e delle grida dei bambini.

Venirne a capo adesso significa (e certamente lo si starà già facendo) rinegoziare con la proprietà migliori condizioni di mercato del patrimonio abitativo che non può rimanere vuoto lì in attesa, ma anche investire sugli spazi esterni e nei dintorni, con l’appropriarsi dell’area verde come spazio dell’intera città, facilitando la nascita di esperienze generatrici di idee e di lavoro, ricongiungendo l’anima del quartiere – non solo il corpo – alla città.

Foto: Web

Editing: Daniela Maruotti

Voglio trovare un senso a questa storia. Anche se questa storia un senso non ce l’ha. (Vasco Rossi, 2004)

17 aprile 2018

Le mie velleità di scrittore, ancora una volta, si infrangono nella consapevolezza dell’inutilità della storia che sto per raccontare, una storia patriota di un’Italia senza obblighi né aspirazioni.

Questo scritto è stimolato da un flashback avuto lo scorso 17 marzo, quando mi è tornata in mente la storia delle celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia, in particolare quegli anni precedenti in cui valutavo con altri amici di partecipare alla gara per la ristrutturazione del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, inclusa appunto tra le grandi opere dei festeggiamenti patrioti. Non partecipammo! …perché circolavano voci di esiti precostituiti di 8 appalti integrati con 8 imprese già accreditate.  Adesso, con il beneficio della serenità derivante da un fatto ormai “lontano”, non ho rimpianti ma solo curiosità di sapere quello che è rimasto di tutto quell’investimento pubblico e ricercare il disegno che stava alla base dei preparativi per celebrare l’atteso anniversario dell’Unità d’Italia.

Una piccola ricerca sul web fa emergere molte cose, alcune singolari altre raccapriccianti, annunci pomposi e fallimenti annunciati, pregiudizi e giudizi sulla gestione dei fondi e la scelta delle opere che avrebbero dovuto rappresentare l’importante ricorrenza, uno su tutti Ernesto Galli della Loggia che ne fa quasi una battaglia di donchisciottiana memoria. Io dico: se è vero che l’Unità d’Italia doveva essere festeggiata, se è vero che tutto il Paese è pieno di piazze e strade intitolate a Garibaldi, allora è anche vero che le celebrazioni dovevano essere concepiti all’altezza del rango.

“Prende il via la preparazione del Centocinquantenario dell’Unità d’Italia, che cadrà nel 2011 e vedrà la realizzazione di opere significative in molte regioni italiane; interventi a carattere culturale, scientifico, ambientale ed infrastrutture destinati a lasciare dei segni importanti nel territorio nazionale. …”, così iniziava il comunicato stampa pubblicato il 31 dicembre 2007 sul sito del MIBACT che con facile entusiasmo proseguiva con l’indicazione delle prime opere: “…a Venezia la realizzazione del Nuovo Palazzo del Cinema e dei Congressi; a Firenze la realizzazione del Nuovo Auditorium; a Perugia l’ampliamento dell’aeroporto internazionale dell’Umbria S. Egidio; a Torino il Nuovo Parco Dora Spina, lotti primo secondo e terzo, aree Vitali, Ingest e Michelin; a Novara il restauro, risanamento conservativo, consolidamento strutturale, adeguamento tecnologico e allestimento museale del complesso edilizio del Broletto; a Imperia il completamento del parco del Ponente Ligure, riuso del deposito merci ex-Stazioni, impianti sportivi, punti ristoro, parcheggio con fotovoltaico e verde attrezzato nonché realizzazione destinata al riuso dell’ex-stazione per sede Municipio; a Reggio Calabria la ristrutturazione e adeguamento funzionale del Museo Nazionale; a Roma la costruzione della Città della Scienza e delle Tecnologie; a Isernia, infine, la realizzazione del Nuovo Auditorium e la delocalizzazione del campo di calcio. I lavori dovranno svolgersi entro la fine del 2010; nei primi mesi del 2008 verrà concluso l’iter di esame degli altri progetti presentati… Il Governo ha reso disponibili i primi 150 milioni di euro…”.

Pare tutto inizi a fine 2007 – con irresponsabile ritardo direbbe un tedesco, con fiducia e ottimismo controbatte l’italiano – quando il governo Prodi  decide che “l’Italia intende celebrare in modo innovativo il compleanno della Nazione… gli interventi saranno distribuiti in tutto il territorio nazionale sulla base delle proposte pervenute”, senza una vera strategia, con contributi a pioggia per opere non omogenee e non armonizzabili al tematismo guida, peggio, se accettiamo che sia stato plausibile la scelta di quelle opere il cui progetto era già pronto e su di esse gravava già una richiesta pressante di finanziamento. Infatti, l’elenco delle opere (una decina sono quelle che sono riuscito a verificare e una di esse è diversa rispetto all’elenco delle opere citate nell’originario comunicato stampa) dimostra che non c’è alcun senso tematico con la ricorrenza da celebrare e, infatti, una sola opera tra quelle documentate è riuscita ad essere pronta per salutare il 150° anniversario dell’unità d’Italia il 17 marzo 2011 (ricordiamo la proclamazione del Regno d’Italia avvenuta il 17 marzo 1861), l’eccezione che conferma la regola: 1.GENOVA_Parco Costiero del Ponente Ligure; 2.FIRENZE_Realizzazione del Nuovo Auditorium; 3.PERUGIA_Ampliamento dell’Aeroporto Internazionale S. Egidio; 4.CASERTA_Parco della Reggia di Caserta e nuovo parco urbano per Caserta nell’area ex-Macrico; 5.REGGIO CALABRIA_Ristrutturazione ed ampliamento del Museo Archeologico Nazionale; 6.ISERNIA_Nuovo Auditorium; 7.TORINO_Parco Dora; 8.VENEZIA_Palazzo del Cinema; 9.NOVARA.Restauro del Broletto.

Quello che ci interessa maggiormente conoscere, a 7 anni dalla famosa deadline (cioè a 157 anni compiuti il 17 marzo 2018), è la storia dei nobili cantieri nonché quante delle grandi opere previste sono state ultimate e quali ancora sono quelle da completare. Ma soprattutto come si accordano i sentimenti di unità nazionale con queste opere, cosa rimane dell’amor patrio che avrebbe dovuto rinnovare il solenne festeggiamento o è stata buttata via una grande occasione – un’altra – per raccontare ai giovani cosa è costata l’Unità d’Italia in termini di lotte, di sangue, di persecuzioni.

Foto1.GENOVA_Parco Costiero del Ponente Ligure: pista ciclo-pedonale Sanremo realizzata su ex percorsi ferroviari, progetto Area24 società ligure di gestione.

GENOVA. Il Parco Costiero del Ponente Ligure è stato realizzato in parte con i finanziamenti previsti per il 150° dell’Unità d’Italia. 11 milioni di euro per completare l’operazione di riuso di un pezzo della storica linea ferroviaria Genova–Ventimiglia (opera realizzata nel lontano 1872 e dismessa dal 2001 grazie allo spostamento a monte del tracciato), 24 chilometri di pista ciclabile da Ospedaletti a San Lorenzo al mare (il progetto interessa nel complesso circa 75 chilometri, divisi in tre tratti, gli altri due sono: San Lorenzo al Mare–Andora 21km e Andora–Finale Ligure 30km), all’interno di un parco urbano costiero attrezzato, progettato in house da Area24 (società di scopo mista a maggioranza pubblica, costituita nel 2002 per l’acquisto e la valorizzazione delle aree dell’ex ferrovia). Grazie al graduale recupero delle aree dismesse è stato reso possibile l’accesso continuo al litorale, prima solo consentito da passaggi a livello e sottopassi, liberando così Sanremo e i piccoli borghi attraversati da una ferrovia che li tagliava in due parti. Risorse spese utilmente per un’opera qualificante anche se poco congruente con il programma nazionale delle Celebrazioni per i 150 anni dell’Unità. Inoltre, è stata inaugurata il 22 marzo 2014, tre anni dopo la rotonda ricorrenza.

Foto2.FIRENZE_Realizzazione del Nuovo Auditorium: Disegno della sezione principale, progetto Studio ABDR Roma.

FIRENZE. Il Nuovo Auditorium (dentro il comparto delle Cascine al confine con il centro storico, comprendente aree produttive in dismissione, verde pubblico, impianti sportivi e la nuova struttura della Stazione Leopolda) è stato realizzato come opera celebrativa dei 150 anni dell’Unità d’Italia direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, a seguito di appalto integrato, aggiudicato alla fine del 2007. L’ATI, guidata dalla romana SAC S.p.A., per il progetto architettonico si è affidata ai romani di ABDR Arlotti Beccu Desideri Raimondo Architetti Associati. A gennaio 2009 la posa della prima pietra; il 21 dicembre 2011 l’inaugurazione parziale (le cronache parlano di 156 mln spesi e ne servono ancora altri 100 per completarlo; l’intervento pare sia costato complessivamente un quarto di miliardo di euro mentre il costo a base di gara pare fosse di 82,5 milioni) con la Nona sinfonia di Beethoven diretta dal maestro Zubin Mehta. Il cantiere riprenderà dopo l’intenso programma natalizio: Claudio Abbado, Stefano Bollani Trio e festa per salutare il nuovo anno. Senza alcuna gratitudine, il nuovo Auditorium non riporterà nel nome alcuna traccia dell’anniversario ma si chiamerà “Teatro dell’Opera di Firenze, Maggio Musicale Fiorentino”, aprendo definitivamente al pubblico solo il 10 maggio 2014, insieme alla piazza antistante, intitolata a Vittorio Gui, fondatore della Stabile Orchestrale Fiorentina.

Foto3.PERUGIA_Ampliamento dell’Aeroporto Internazionale S. Egidio: Plastico generale, progetto Gae Aulenti (1927-2012).

PERUGIA. L’Aeroporto Internazionale dell’Umbria “San Francesco d’Assisi” in località Sant’Egidio è stato completamente rinnovato ed ampliato con i fondi dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia (42.5 milioni di euro) ma inaugurato un anno e mezzo dopo, il 10 novembre 2012. Inaugurato anche poco dopo la dipartita della progettista, Gae Aulenti (4 dicembre1927 – 31 ottobre 2012). “La nuova aerostazione di 4700 mq è composta da 8 padiglioni a pianta quadrata in cemento armato dipinto di rosso con coperture a falda in rame di colore verde e ampie vetrate sulla vista di Assisi. I padiglioni contengono, verso il land side, le sale di attesa, una caffetteria, una sala conferenze ed una espositiva. Verso l’air side si trovano invece le sale arrivi e partenze. Dell’edificio che ospitava il vecchio terminal viene mantenuta solo la struttura. Gli spazi interni vengono completamente ridisegnati: al centro una galleria commerciale con ai lati due file di negozi ed alle loro spalle, distribuiti in maniera autonoma e controllata, gli uffici dei vari enti che operano in aeroporto. Il ristorante è costituito da due padiglioni affiancati, analoghi per forma e dimensioni a quelli della zona passeggeri. All’esterno i parcheggi piantumati con alberi di ulivo che fanno ombra alle auto in sosta e ci ricordano che siamo in Umbria. Dalla sapiente mano dell’Architetto Gae Aulenti è nata una delle infrastrutture più confortevoli e innovative della nostra penisola” (tratto dal sito istituzionale airport.umbria.it). L’unica traccia del 150° è il cemento armato dipinto di colore rosso Garibaldi.

Foto4.CASERTA_Nuovo Parco Urbano nell’area ex Macrico: il cimitero dei mezzi corazzati in attesa del progetto di un parco

CASERTA. Nel 2007 la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Commissario Delegato per le Celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia inserisce tra le opere da finanziare, con 30 milioni di euro, il “Grande Pto del MIBACT che con facile entD composto dal Parco Urbano nell’area ex Macrico unito al Parco della Reggia di Caserta. Conseguentemente, nel 2008, Regione, Provincia e Comune sottoscrivono un protocollo d’intesa, stanziando rispettivamente 75, 10, 8 milioni di euro per il Centocinquantenario nell’ambito del “Programma Integrato Urbano della città di Caserta nell’area ex MACRICO”: un programma da oltre 120 milioni di euro per la rigenerazione di 324 mila metri quadrati, con: 1.Orto Botanico al servizio dell’Università Federico II; 2.strutture sportive e per il tempo libero; 3.polo dedicato alle nuove tecnologie; 4.plesso polifunzionale per attività museali e congressuali. Tutto questo, però, senza fare i conti con i proprietari. Il Macrico è sempre stato dell’IDSC (Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero), per secoli questa fondazione religiosa ha utilizzato l’area come residenza Vescovile con tanto di giardino e vigna ma nel 1854 i Borbone chiesero e ottennero l’uso in enfiteusi (una specie di affitto) per farne un campo d’addestramento per le truppe; dopo la caduta del Regno, l’esercito italiano rinnovò quell’accordo destinando l’intera area alla rimessa dei carri armati, da qui la denominazione Ma.C.Ri.Co. (Magazzino Centrale Rimessa Mezzi Corazzati). Per quasi un secolo al suo interno sono state addestrate diverse generazioni di carristi mentre le tante officine hanno rimesso su strada migliaia di mezzi blindati. Nel secondo dopoguerra il Ministero della Difesa decise di spostare il magazzino altrove, abbandonando progressivamente tutta l’area. Nel 1984 la Cassazione riconobbe la proprietà dell’IDSC, riconsegnando alla Curia gli oltre 33 ettari nel cuore di Caserta, non più con giardino e vigna ma un’area completamente da bonificare da enormi capannoni in amianto e rottami sparsi in giro, inevitabilmente destinata all’abbandono. All’inizio del 2000 iniziano le ipotesi di riuso, si interessano all’acquisto prima costruttori campani poi lo Stato con il progetto per i 150 anni dell’Unità d’Italia, quindi la mobilitazioni del comitato Macrico Verde che chiese la restituzione dell’area alla città per farne un parco pubblico. Su quest’ultima scia la Soprintendenza dei beni architettonici e paesaggistici pose il vincolo sull’area, praticamente di inedificabilità totale, ma nel 2012, accogliendo il ricorso dell’IDSC, il Tar della Campania lo annullò, rimettendo di fatto il terreno sul mercato edificatorio al prezzo fissato dai proprietari di 40 milioni di euro. Probabilmente la soluzione del problema richiederà ancora del tempo, poiché il PUC, il cui incarico è stato affidato nel 2014 e la nuova documentazione progettuale è stata presentata nel febbraio 2017, deve tuttora completare l’iter approvativo. Nel frattempo una nuova proposta è quella di un parco aerospaziale.

Foto5.REGGIO CALABRIA_Ristrutturazione ed ampliamento del Museo Archeologico Nazionale: prospetto principale, da cui sono evidenti l’audace sopredificazione e la necessità di qualificare l’area antistante e la piazza.

REGGIO CALABRIA. Dentro i festeggiamenti per il 150° dell’Unità d’Italia è saltata anche l’inaugurazione del restauro del Museo Archeologico Nazionale. La causa, come per altre opere, pare sia stata il non puntuale trasferimento da parte del Cipe dei milioni necessari, compresi quelli aggiuntivi: adeguamento sismico, allestimento museale e impianti speciali della sala dei Bronzi. Nel 2008 l’impresa pugliese Cobar S.p.A. si era aggiudicata l’appalto per circa 11,2 milioni di euro ma il 30 aprile 2016 il Museo riapre, dopo 5 anni di cantiere e quasi 34 milioni di euro La problematica, qui come altrove, pare sia da imputare all’appalto integrato su base del progetto preliminare, che si presta a vedere lievitare i costi già nello sviluppo progettuale dei livelli definitivo ed esecutivo. Ci sono, comunque, delle singolarità: la prima riguarda il progetto preliminare, redatto direttamente dal direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria Francesco Prosperetti, che propone l’audace modifica architettonica di Palazzo Piacentini con la chiusura della corte e la soprelevazione per la caffetteria panoramica; la seconda, riguarda l’impresa aggiudicataria, che pare sia stata vincolata ad affidarsi in itinere allo studio ABDR per il progetto esecutivo; infine, sempre Prosperetti, nell’incertezza economica del cantiere in corso, continua a pensare in grande espletando il concorso d’idee a inviti per l’ampliamento del Museo in ipogeo nell’area antistante, vinto nel maggio 2011 da Nicola Di Battista, previsti circa 7 milioni con finanziamento dal Piano operativo interregionale (Poin), sfumati nel nulla come anche il progetto. Dopo la ristrutturazione, il Museo è oggi funzionante e ben gestito, giustamente noto in tutto il mondo per i Bronzi di Riace e la straordinaria collezione della Magna Grecia; inoltre, la chiusura della corte ha generato un nuovo spazio fruibile, una pregevole piazza interna grazie all’opera site-specific di Alfredo Pirri. Del 150° anniversario dell’Unità d’Italia non rimane alcuna traccia.

Foto6.ISERNIA_Nuovo Auditorium: schizzo, progetto Pasquale Culotta, ambizioni disattese di un progetto firmato.

ISERNIA. Nuovo Auditorium di Pasquale Culotta (Cefalù, 30 luglio 1939 – Lioni, 9 novembre 2006), che nel 2005 si aggiudica il concorso internazionale promosso dal Comune. Nel 2007, un anno dopo la morte del progettista, la realizzazione dell’Auditorium viene inserita nell’elenco degli edifici “urgenti” da realizzare per la celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, intervento che passa alla direzione diretta del Consiglio dei Ministri e delle ordinanze della Protezione Civile. L’Auditorium salta però le celebrazioni dell’anniversario dell’Unità d’Italia e viene inaugurato l’anno successivo il 31 marzo 2012. Pare l’opera sia costata circa 50 milioni di euro, dieci volte di più di quanto preventivato nel 2005, ma in compenso l’auditorium viene intitolato all’Unità d’Italia.

Foto7.TORINO_Parco Dora: riqualificazione e riuso edilizio post-industriale, progetto Peter Latz.

TORINO. L’intervento di rigenerazione urbana post-industriale del Parco Dora (456.000 m²) nell’autunno 2007 viene inserito tra le opere da realizzare per la celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Il progetto del parco è il risultato di una gara internazionale a procedura aperta, avviata nella primavera 2004 da cui è risultato vincitore il gruppo italo-tedesco guidato da Peter Latz, già autore del parco Thyssen nel Bacino della Ruhr. A inizio 2008 vengono aggiudicati gli appalti per l’affidamento dei lavori dei primi lotti, che partono concretamente nell’estate. Il 4 maggio 2011, per i festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia, sono stati inaugurati e aperti al pubblico i primi tre lotti: Ingest, Valdocco e Vitali. Nel 2012 è stato ultimato anche il lotto Mortara. Nell’estate 2015, infine, è stato completato e aperto al pubblico il lotto Michelin. Il progetto del parco prevede inoltre la strombatura della Dora e la trasformazione a verde della parte del lotto Valdocco situata a nord della Dora, occupata dal cantiere del Passante Ferroviario e da una sperimentazione di bonifica dei terreni attraverso fitorisanamento. Efficace esempio di riqualificazione urbana, Parco Dora procede nel suo processo di rigenerazione con un nuovo concorso di idee, in scadenza in questi giorni, per creare un itinerario museale sulla Torino industriale.

Foto8.VENEZIA_Palazzo del Cinema: progetto 5+1AA con Rudy Ricciotti, proposta del “Sasso” rimasta nel cassetto.

VENEZIA. Il Sasso e il Buco. Il Ministro dei BB.CC. Rutelli nel 2007 ha annunciato con più spocchia che convinzione che Venezia nel 2011, per i 150 anni dell’Unità d’Italia, avrà finalmente “una delle opere più importanti da inaugurare”: il nuovo Palazzo del Cinema al Lido. Nessuna “profezia” fu peggio disattesa. Bisogna ricordare che già nel 1991, in occasione della XX Mostra internazionale di architettura, venne indetto un concorso a inviti per la progettazione del nuovo Palazzo del Cinema, ritenendo ormai insufficienti le strutture esistenti per il crescente numero di spettatori. Vinse il progetto di Rafael Moneo ma l’edificio venne ritenuto troppo costoso e il Comune abbandonò l’idea. Ma la necessità pressante di nuovi spazi e la volontà di riorganizzare l’intera area ha portato la Fondazione Biennale di Venezia a bandire nel 2004un nuovo concorso per la progettazione del Palazzo del Cinema insieme alla sistemazione delle aree limitrofe, aggiudicato nel 2005 al team italo-francese 5+1AA con Rudy Ricciotti. Nell’agosto del 2008 parte il cantiere, superando ogni vincolo e le opposizioni degli ambientalisti sul taglio di tutta la pineta, per essere pronti per il Centocinquantenario. La costruzione del “Sasso”, così viene chiamato il nuovo palazzo multisala da 3310 posti per 73 milioni di euro, è legata ad una complicata operazione immobiliare che dovrà sovvenzionare l’opera. Il fallimento dell’operazione e il ritrovamento di amianto durante gli scavi fanno però fermare il cantiere lasciando un enorme “buco”. A fine 2015 i giornali scrivono che non sarà più prevista alcuna costruzione ma la chiusura del buco permetterà la realizzazione di un giardino. Nel 2016 per la Mostra del Cinema, verrà edificata una struttura provvisoria, proprio nello spazio dove sarebbe dovuto sorgere il nuovo palazzo del cinema. È la nuova “Sala Giardino”, un cubo rosso da 446 posti e circa 500 mila euro, simbolo di un’Italia indecisa e anni di ritardo.

Foto9.NOVARA_Restauro del Broletto: regolarmente inaugurato in occasione del Centocinquantenario, al termine dei lavori di restauro, con tanto di mostra e catalogo sul Risorgimento.

NOVARA. Una su nove ce la fa. Cuore pulsante della vita economica e politica della Civitatis Novariae, il complesso del Broletto, la cui fondazione risale agli inizi del XIII secolo, appare oggi costituito da quattro edifici posti intorno ad un ampio spazio aperto (l’antico broletum).
Fra gli edifici il più noto è il Palazzo Arengario, situato sul lato nord, imponente nelle sue forme architettoniche medioevali (secoli XIII-XIV); quello più suggestivo il Palazzo del Podestà, per le finestre ad arco acuto decorate da importanti cornici di terracotta (fine secolo XIV, inizio XV). A questi si affiancano ad est il Palazzetto dei Paratici, il cui corpo antico ascritto alla metà del secolo XIII è nascosto dalla loggia dai caratteri barocchi (secolo XVIII); a ovest il Palazzo della Refenderia ampiamente ristrutturato nel Novecento in forme quattrocentesche (eretto fra la fine del secolo XIV e il XV, documentato come sede di uffici nel 1618). Nel 2011 in occasione del Centocinquantenario, terminati i lavori di restauro dell’intero complesso durati oltre due anni, è stata riaperta al pubblico la prestigiosa Galleria d’arte moderna Paolo e Adele Giannoni, formata dalla collezione di quasi 1000 opere, tra dipinti, sculture e disegni d’arte italiana che vanno dalla seconda metà dell’Ottocento alla prima metà del Novecento, raccolta da Alfredo Giannoni e donata al Comune di Novara tra gli anni ’20 e ’30 del ‘900. Oggi, gli spazi del Complesso (Arengo, sala dell’Accademia e Cortile) ospitano regolarmente eventi e manifestazioni di carattere culturale e ricreativo. Il restauro del complesso monumentale del Broletto e il suo adeguamento a sede museale ed espositiva è l’intervento più significativo delle Celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia: l’investimento finanziario è stato di poco inferiore ai 12 milioni di euro, dei quali la parte preponderante (8,5 milioni) messa a disposizione dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Unità Tecnica di Missione e la parte residua dal Comune di Novara che ha usufruito di un contributo di 2 milioni di euro da parte della Fondazione Cariplo. Inoltre, in occasione delle celebrazioni per l’anniversario dell’Italia unita, il 19 marzo è stata inaugurata anche la mostra «Dalla battaglia all’Unità. Il percorso di Novara nel Risorgimento», realizzata dall’associazione Amici del Parco della Battaglia.

Alla fine di questo excursus rileviamo che, mentre nel 1911 (50 anni) e nel 1961 (100 anni) l’anniversario è stato solennemente festeggiato, in occasione del Centocinquantenario è stato fatto molto poco, nonostante l’impegno ingente di risorse per i cantieri, le grandi opere non sono state inaugurate per tempo. Rimane l’affaire grandi cantieri, costi fuori controllo e affidamenti borderline, distribuzione a pioggia dei finanziamenti ma soprattutto appare quasi come una provocazione che il 17 marzo 2011 è stata proclamata la festa nazionale con scuole, uffici e attività lavorative sospese. Voglio trovare un senso a questa storia. Anche se questa storia un senso non ce l’ha. (Vasco Rossi, 2004)

P.S. Vi sarete chiesti perché manca Roma tra le città patriote. In realtà l’ho omessa perché merita una storia a se.

Foto10.ROMA_Città della Scienza e della Tecnica: disegno della proposta redatta dall’ufficio tecnico di Missione per le Celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

ROMA. Pensate un po’ cosa era stato proposto per il Centocinquantenario dell’Unità D’Italia, partorito direttamente dall’ufficio tecnico della “Missione per le Celebrazioni”, il progetto per la Città della Scienza nello spazio marginale su via Masaccio lasciato libero dal Maxxi di Zaha Hadid, un’area di 3.000 mq, quanti ne occupa normalmente una modesta palazzina. Del progetto non v’è rimasta traccia, svanito nel nulla. Non è la prima volta, però, che si proponeva il progetto di una città della scienza nella capitale. Tra i vari, il progetto che era stato portato più avanti, nell’arco degli ultimi decenni, è quello nato a metà degli anni novanta nel quartiere Ostiense-gazometro (coordinatore del progetto Paco Lanciano); di questo ultimo tentativo fallito rimane solo il Ponte della Scienza che doveva segnare l’accesso al polo scientifico. Nel maggio del 2014, nell’ambito dell’assemblea cittadina del processo partecipativo del Progetto Flaminio per la nuova Città della Scienza (questa volta all’interno del più ampio intervento di riqualificazione dell’ex caserma “Stabilimento militare materiali elettronici e di precisione” di Via Guido Reni di fronte al MAXXI) – a cui ho partecipato – lo stesso Paco Lanciano, presente insieme a Giovanni Caudo assessore alla trasformazione urbana della giunta Marino, manifestava la sua delusione ad aver lavorato tanto per poi vedere quel progetto perdere di valore con il passare del tempo. Devo dire che anche l’assessore, di fronte alla circostanza dei fatti rappresentati da Lanciano, ha avuto parole prudenti nel corso della stessa assemblea sul futuro del Progetto Flaminio. Con la stessa amministrazione seguì il concorso di progettazione assegnato poi nel giugno 2015 al progetto Viganò ma, in questa occasione felice, Caudo abbandona la prudenza e dichiara: “Nel 2016 i cantieri”. Ma Oggi, il progetto del Museo della Scienza pare momentaneamente accantonato.

 

Fonte foto: Web

Editing: Daniela Maruotti

Quanto (è) dura l’architettura?

24 marzo 2018

Capolavoro da quasi 2000 anni, il Pantheon è segno di perfezione costruttiva: la cupola non è stata costruita in mattoni, né esisteva il cemento armato, essa è un blocco unico di calcestruzzo realizzata a strati successivi, una mescola che prevedeva l’uso di inerti più leggeri man mano che si saliva (pezzi di travertino, pezzi di tufo e di terracotta, poi solo tufo e infine pomice). Foto di Giulio Paolo Calcaprina per ©Amate l’Architettura

Oggi noi apprezziamo e fruiamo normalmente di spazi che hanno resistito al tempo, dimostrandosi durevoli nel significato oltre che nelle consistenze tipologico-costruttive. Attraversiamo ponti, utilizziamo stazioni, visitiamo musei, preghiamo dentro chiese che hanno superato le avversità della storia: cento duecento anni o anche quattrocento come la Basilica di San Pietro in Vaticano o addirittura millenari come il Pantheon di Roma.

Interno del tamburo della Cupola di San Pietro in Vaticano, uno dei simboli della Roma cristiana nonché landmark cittadino. Progettata da Michelangelo Buonarroti è una delle coperture più grandi mai costruite, massima espressione di un’epoca architettonica di passaggio tra Rinascimento e Barocco. Foto dal sito internet dei ©Musei Vaticani

Probabilmente l’approccio classicista – lo intendo nella sua interpretazione traslata e non solo come applicazione risoluta di canoni formali – ponderato nel servirsi di criteri affidabili denotanti una cultura della qualità, ha garantito longevità espressiva e materica. Eccezion fatta – a ragion veduta – per l’architettura gotica, desiderosa di un simbolismo verticale, audace non razionalmente, in assenza difatti di metodi di calcolo analitici, il che ha fatto sì che giungesse a noi solo una minima parte superstite della tanta produzione architettonica.

Il nostro Paese è ricco di testimonianze storico-architettoniche, stratificate nel tempo, a dispetto delle avversità naturali e delle guerre. Anche le opere più recenti, quelle associate alla scoperta del cemento armato, benché il nuovo materiale non offrisse una sicura prospettiva (50/100 anni in dipendenza della corretta manutenzione), hanno superato la prova del tempo: Terragni, Libera, Mazzoni, Michelucci, Moretti, Ridolfi, Nervi, Scarpa.

Palazzetto dello Sport di Roma (interno della cupola), un’eccezionale integrazione fra arte e scienza del costruire. Pier Luigi Nervi è uno dei maggiori artefici del Novecento, ancora oggi al centro di attenzioni la qualità delle sue progettazioni. Foto di Daniela Maruotti per ©Amate l’Architettura

È chiaro, anche, che l’Italia, un paese ad alto rischio sismico (la cui pericolosità certamente inferiore a zone come California e Giappone, deve la sua vulnerabilità alla fragilità costruttiva del tessuto minore mentre il rischio è più grande per la frequenza dei terremoti e per l’intensità che alcuni di essi hanno raggiunto), per concentrarsi sulla salvaguardia delle architetture significanti dovrebbe avviare una politica di rottamazione degli edifici senza qualità e non antisismici, specie quelli realizzati tra il 1945 e il ‘75, in piena deregulation del dopoguerra e cosiddetto boom economico.

Difficile prevedere quanto durerà la nuova architettura, sicuramente sarà meno longeva dal punto di vista fisico. Il ciclo di vita funzionale di una costruzione si è ridotto sensibilmente rispetto alle opere del passato in nome di una conveniente flessibilità sottomessa alle leggi del mercato, come l’aspettativa di vita complessiva della costruzione è minacciata da sempre più insostenibili costi di gestione.

E dal punto di vista espressivo formale quanto resterà dell’architettura contemporanea?

Il nuovo Louvre di Abu Dhabi è un museo da un miliardo di euro nel deserto. Il monumento contemporaneo è opera di Jean Nouvel, concepita come un enorme ombrello (una cupola di 180 metri di diametro e 7.500 tonnellate di peso) sulle gallerie che ospitano Mondrian e Van Gogh. Foto di Marta Cappon per ©Amate l’Architettura

Due fenomeni (in affermazione) sono centrali. Il primo è la mancanza di una teorizzazione unica all’interno dell’architettura contemporanea: ne consegue la crescita delle sue articolazioni in una molteplicità di orientamenti ed espressioni, e la successiva perdita della coerenza poetica che era invece alla base della modernità. Il secondo, e con più decisione, è l’accelerazione repentina che hanno subito i processi generativi del progetto architettonico, nel passaggio alla contemporaneità: più rapidi perciò istintivi, spesso superficialmente soggiacenti a modelli linguistici degli architetti più affermati oppure all’inseguimento della novità, anche nella consapevolezza di un obiettivo modaiolo e pertanto poco duraturo.

Il trauma causato dall’avere abbandonato la strada della teoria ha indotto ad una certa anarchia stilistica – per la verità non sempre negativa – sconfessando il bisogno che ha caratterizzato il Novecento (ma anche tutti gli altri periodi precedenti) di appoggiarsi a quei canoni architettonici, anche rigidi, che assicuravano l’identificabilità. Non credo che l’unicità della concettualizzazione sia il rimedio al normale degrado che il tempo impone all’arte. Penso, diversamente, che una volontà teorica e teoretica (e cioè di teoria dell’architettura o di teoria della teoria) forte stia alla base di un’architettura di successo e di significato durevole. L’isolamento degli architetti dal punto di vista socio-economico e la comunicabilità superficiale dei media e del web sono gli ostacoli principali (sono elementi riscontrabili allo stesso modo nelle altre professioni artistiche, in primis nello scrittore).

D’altra parte è progressivamente radicale l’assenza di dibattito disciplinare, che ha sciolto i precedenti vincoli dialettici dai rigorosi rapporti di consequenzialità (teoria forma funzione), portando l’architettura contemporanea a fare proprie le logiche del mercato e del consumo, a metabolizzare le tecnologie digitali modificando in profondità le sue tematiche e le sue modalità produttive, identificando inoltre come essenziali i suoi aspetti comunicativi, diventando così uno dei tanti (anche potente) mass media che produce tendenza. In tal senso ha anche messo abilmente al proprio centro la questione cruciale della sostenibilità, a volte esasperandola, per poi ridurla e fatto elitario, sicuramente di forma ma non sempre di sostanza (Boschi Verticali docet).

Insomma, la criticità più evidente dell’architettura contemporanea abita la dimensione del tempo: nel rapporto con la generazione del progetto; in relazione al ciclo vitale dell’oggetto; nel sottrarsi al decadimento del significato.

L’architettura contemporanea rischia molto nel promuovere un’idea di tempo troppo vicina a quella della moda, lontana dalla concezione classica lineare e prospettica al cui interno era possibile prevedere punti di partenza e di arrivo, entrambi prevedibili e misurabili.

Verosimilmente la nuova architettura – se non è ancora chiaramente emerso – dovrà sviluppare percorsi laterali e propagazioni narrative, in cui si distinguono più architetture.

Da una parte quella “apolide”, senza cittadinanza, illimitata: dei grandi budget, delle grandi città, delle grandi firme, opere monumentali e icone universali slegate dal contesto. Dall’altra parte quella legata ai luoghi, costretta dai limiti: affermazione alternativa alla prima, propria di architetti interrogatisi sull’ideologia, attenta ai budget e alle storie minori, fatta di resistenze più o meno motivate seguendo le fondamentali lezioni classiche di sostenibilità.

Così, la globalizzazione è compiuta a metà. Soltanto i Paesi più avanzati e favoriti, riusciranno a vivere il futuro nel futuro, nel senso che possono beneficiare dell’esaltazione mentale prodotta dal vivere in una continua proiezione crescente. Altri Paesi, tra cui l’Italia, come anche la Grecia, sono immersi nel futuro del presente, penando lo squilibrio tra un’attualità percorsa dalla promessa di un imminente cambiamento e un suo mancato compimento. Esistono infine i Paesi del Terzo Mondo, che vivono il futuro nel passato, un passato che non è mito ma frustrazione.

Foto: Archivio di Amate l’Architettura e sito internet dei Musei Vaticani
Editing: Daniela Maruotti

Via Ticino. Guardarsi intorno…..

12 dicembre 2017

Mentre impazzava la polemica sulla demolizione e ricostruzione della palazzina in Via Ticino a Roma (adiacente al quartiere Coppedé), visto che la questione fondamentale (quella architettonica, non quella legale) si concentra sul tema del contesto, una domenica in cui non avevo granché da fare ho preso il mio motorino e sono andato a vedere e fotografare di cosa stiamo parlando.

(ero in motorino, perdonate la scarsa qualità delle foto)

La mia opininie, lo dico subito così potete fare la tara su quanto scriverò, è la seguente:

  • la querelle tra “conservatoristi” e “innovatoristi” è una discussione tra due opposte ordinarietà; sia la palazzina demolita che quella in via di costruzione non sembrano essere esempi di architettura di particolare valore architettonico. In entrambi i casi si tratta di edifici costruiti senza alcuna originalità di idee. Anzi, volendo si potrebbe individuare una linea di continuità nella precisa volontà costruttiva di realizzare opere sotto tono, pensate più per non disturbare il pubblico che per fare clamore;
  • il riferimento al quartiere Coppedè inteso come “contesto” è del tutto arbitrario; lo stesso Coppedè (il quartiere) è un intervento totalmente decontestualizzato, addirittura dissonante e disarmonico rispetto alla continuità urbanistica del quartiere (laddove se ne riuscisse a indentificare una in maniera univoca);
  • proprio la dissonanza e la diversità diffusa rendono il quartiere un quartiere interessante e degno di nota. Basta osservare con sufficiente onestà intellettuale gli edifici che si incontrano per strada; laddove le scelte di progetto sono state improntate alla regolarità costrutiva i risultati sono sitematicamente deludenti, anonimi, ma non nel senso di una aderenza ad una qualità diffusa più ampia, anonimi e basta. Senza le invenzioni originali che sono disseminate nel quartiere (che siano in stile o moderne) il quartire sarebbe del tutto privo di anima e di valore; se volessimo parlare di “genius loci” potremmo tranquillamente affermare che l’anima del quartire risiede nella diversità.
  • questa diversità, dissonanza, contrapposizione è in effetti il vero contesto romano, la sua peculiarità, la sua anima; lo è sempre stato; lo sarà sempre.

cominciamo da Via Po,

incontriamo un’opera di Giulio Magni, Villa Marignoli, realizzata in perfetto stile neogotico. Magni, per chi non lo sapesse è lo stesso architetto del palazzo della Marina, un mastondonte che svetta pesantemente sul lungotevere realizzato in una area dove all’epoca dovevano esserci quasi solo pascoli e qualche acquitrinio, nelle vicinanze di piazza del Popolo. A poca distanza si trovano opere pregevoli come Sant’Andrea del Vignola dalle forme decisamente più contenute, immaginiamo l’effetto che avrà fatto il Ministero all’epoca della sua costruzione; per il villino Magni ha scelto forme più aggraziate, siamo proprio di fronte alle mura aureliane; anche nella enorme varietà di stili che caratterizza la storia urbanistica di Roma si fatica a trovare esempi significativi di architettura gotica, però che ci si vuole fare, all’epoca andava di moda il neogotico; questo è quello ceh proponeva Magni (per fortuna direi). Possiamo comunque affermare che per l’arch. Magni il contesto non fosse proprio una priorità?

Poco più avanti si trova un altro esempio di “goticismo”. Qui l’architetto ha avuto meno coraggio, limitandosi ad una soluzione d’angolo, ma l’inventiva c’è e si vede.

bdr

Proseguendo su via Po comincia a delinearsi lo “stile” romano del quartiere. Le costruzioni si allineano senza soluzione di continuità al perimetro del lotto che viene occupato completamente, i palazzi si alzano e si moltiplica il numero dei piani.

Per chi se lo stesse chiedendo: si, è una questione prevalentemente speculativa. Se hai un lotto a disposizione, per sfuttarne al massimo la cubatura “devi” allinearti al perimetro e crescere in altezza. Non abbiamo dubbi che se il regolamento edilizio lo avesse consentito i costruttori romano/sabaudi della Roma postunitaria non avrebbero esitato a costruire palazzi più alti.

Se devi rendere più economica la costruzione cerchi di non inventarti niente di speciale nelle forme e finisci per limitarti alle decorazioni; il risultato è che predomina lo stile palazzetto finto-rinascimentale che permette di attribuire all’opera la definizione di “signorile” senza spendere capitali in arzigogoli neogotici o liberty.

La media borghesia che cominciava a popolare la città aveva bisogno di riconoscersi in un tipo edilizio che gli desse l’idea di vivere in un palazzo nobiliare. Con la differenza che nel palazzo nobiliare ci viveva il ricco nobile, da solo, in queste palazzine toccava condividere la proprietà con il condominio. Il risultato si vede bene sempre su Via Po: una palazzata senza alcun respiro e senza alcuna particolare invenzione urbanistica. Quando si parla di contesto e di armonia costruttiva del quartiere si fa riferimento a questo?

In fondo è il solito problema degli speculatori, “architè, nun te inventà gnente”. In questo caso dovremmo dirlo con accento piemontese visto che siamo in epoca post unitaria…. ma cambia poco.

Gli esperti sanno (ma spesso omettono di raccontarlo quando si parla di contesto) che il celeberrimo colore romano giallo senape o rosso mattone altri non è che un colore importato nell’ottocento dai costruttori piemontesi; oggi diamo per scontato che questo colore sia tipico del contesto romano, non è così, è una invenzione post unitaria derivante dal minor costo del colore rispetto al giallo canarino al rosa e all’azzurrino che invece venivano uttilizzati nei palazzi dell’aristocrazia romana.

Comunque sia, è qui che cominciamo a trovare un qualcosa di simile a una tipologia.

La forma architettonica che prevede invariabilmente un bugnato a terra e finestre ai piani superiori con timpani; raramente qualcosa di più ardito, un paio di colonne qui e la, un ordine gigante se serve. Parliamo di una forma di architettura che potremmo definire neoclassicismo dei poveri. Talmente anonima che infatti di solito nemmeno si nota. Talmente anonima che poi alla fine tutti, invariabilmente, per difendere l’integrità urbana del quartiere, la sua identità, il suo contesto, fanno riferimento al Coppedé (il quartiere), che è invece la negazione assoluta del tipo.

Ci arriviamo pochi metri più in la, via Po incontra Viale Regina Margherita e diventa Via Tagliamento; qui la palazzata si interrompe: all’improvviso un vuoto. Al posto dei palazzoni si incontra prima una chiesa finto romanica, con tanto di campanile medioevaleggiante; la chiesa è bassa e occupa il lotto atteestandosi sull’angolo dell’incrocio tra via Tagliamento e Viale Rgina Margherita lasciando il lotto vuoto. E la continuità urbana? è andata a farsi benedire (per fortuna, almeno si respira). Però la chiesa è in stile, quindi va tutto bene….. Oggi. Chi ha un minimo di conoscenza della storia dell’architettura dovrebbe sapere (in teoria) della distanza culturale e filologica che passa tra una architettura rinascimentale e una medioevale. Davvero non si riesce a vedere la dissonanza?

Subito dopo il vuoto eccolo li, il Coppedè. Che ci accoglie con un grandioso scarto urbano, un arco poliforme che ci invita ad entrare. Venghino signori venghino, più gente entra più bestie si vedono!

Infatti entrare nel quartiere Coppedè è un po’ come entrare nel regno delle fate, fantastico; non a caso Dario Argento lo ha scelto come location dei suoi film (Inferno e L’uccello dalle piume di cristallo). Però nulla a che vedere con l’armonia e l’equilibrio signorile di pochi metri prima. Basta mettere i due palazzi adiacenti su via Tagliamento a confronto; come se fossimo nella Settimana Enigmistica. A destra Coppedè, a sinista il solito palazzetto. Aguzzate la vista…… insomma non parliamo proprio dello stesso stile architettonico…..

Internamente troviamo villini decisamente originali; forme e volumi frammentati, eclettismo e manierismo spinti al limite estremo: dov’è in questo quartiere l’armonia? dov’è il rispetto del contesto?

Non a caso l’opera di Coppedè veniva criticata all’epoca proprio per il suo anticlassicismo.

Via Ticino è immediatamente alle spalle. Già che ci siamo possiamo provare a dare un’occhiata.

Quando ho fatto questo giro eravamo in fase di demolizione avanzata. Oggi dovrebbero aver finito.

bty

Una cosa che ho trovato singolare, ma forse è solo un caso, è la scelta delle inquadrature nelle immagini che circolano sulla vecchia palazzina. Se si percorre via Ticino provenendo dal quartiere Coppedè si passa da una zona a bassa densità costruttiva (palazzine monofamiliari di 2 max 3 piani) a una zona molto più densa. Se fotografi la palazzina con le spalle al Coppedé ti trovi sullo sfondo una città densa, compatta, in continuità stilistica con la palazzina demolita. Ma se fai il percorso inverso, proprio accanto alla palazzina c’è un villino monofamiliare (due piani con annessa torretta); antica dimora del tenore Beniamino Gigli. Questo qui che vedete in foto. Ancora un accostamento ardito tra villini monofamiliari di due piani con torretta che richiamano a forma e stili medioevaleggianti messi a confronto con architetture di respiro più ordinariamente classico (la palazzina demolita).

bty

Sul sito di Italia Nostra si dice che “Per intanto, demolizione e nuova costruzione avrebbero l’effetto di alterare la percezione d’insieme e di modificare irreversibilmente uno dei quartieri storici più belli della Capitale.”

Per intanto” la percezione dell’insieme non è una percezione unitaria. In ogni caso, anche a voler richiamare la Carta della Qualità come è stato fatto, si capisce chiaramente che la perimatrazione del quartiere Coppedè esclude la palazzina incriminata (che invece è stata fortografata e riportata nella guida come esempio di una tipologia morfologica).

Per concludere vi lascio con una carrellata di immagini di architetture prese nel quartiere mentre giravo allamaniera di Nanni Moretti in Caro Diario: “mi piacerebbe un film fatto di sole facciate di case”.

Come è faciel constatare nel quartire c’è veramente di tutto. E’ un quartiere vivo, sorprendente sia nelle opere più “passatiste” (per usare un temrine caro a Zevi) sia negli inserti moderni. Le parti peggiori sono proprio quelle che più di tutte si sono allineate al concetto di armonia, vi dio’ due esempi: Piazza Verbano e Piazza Buenos Aires. In entrambi i casi abbiamo quattro fronti regolari, simmetrici e perfettamente coordinati nello stile. In entrambi i casi gli architetti hanno rispettato l’armonia generale del contesto secondo il pensiero mainstream che si attribuisce alla parola contesto. In entrambi i casi non stiamo parlando di architetture particolarmente memorabili.

Con la stessa modalità mi sento di fare un richiamo a chi ha determinato le scelte del progetto di ricostruzione. E’ sempre difficile propore nuove architetture, specie se non si è una archistar. Nel nostro caso comunque si trattava dell’architetto che ricopriva il ruolo di Presidente dell’Ordine di Roma. La scelta del progettista, che presumiamo sia stata anche molto indirizzato dal costruttore nelle scelte, è stata quella di una forte semplicità compositiva: pochi volumi semplici e regolari. traspare la volontà di “non inventarsi gnente” da parte di chi ha investito sull’operazione. Infatti non traspare nessuna invenzione particolare. Considerato che si tratta di una zona estremamente benestante e che gli appartamenti si vendono come extralusso, forse qualcosa di più dal punto di vista delle scelte architettoniche si sarebbe potuto osare.

Nella carrellata che segue non mancano esempi significativi a cui ispirarsi.

 

bdr

 

 

#citOFOno – IL SECONDO RACCONTO

15 novembre 2017

Riassunto delle puntate precedenti. A Miano c’è chi ruba le OFO. Non avendo un c***o da fare, ho iniziato a chiacchierare con i ladri. Ne sono nate dieci storie. Questa è la seconda. La storia di Luigi.
#OFO #citOFOno #citOFOno2

23231282_10155429567614652_6407025408169229295_n

Vagolo in zona Vincenzo Monti in auto.
È una zona che mi rende nervosissimo perché lì l’area C è in agguato in maniera PARTICOLARE.
“Particolare” vuol dire che basta svoltare distrattamente un attimo che ti becchi la multa. Più di tutte, odio piazza della Conciliazione, mi ha già fregato diverse volte. Rotondissima ma infingarda. Sbagli uscita ed entri in area C.
Sono fermamente convinto che gli hub cittadini abbiano un’anima. Piazza della Conciliazione e Porta Ludovica sembrano streghe di Halloween pronte a punirti alle spalle. Invece Corso Venezia non ti mente mai, lo vedi da chilometri che inizierà l’area C. Porta Venezia ti accoglie in un abbraccio. Io ho un quasi-furgoncino diesel, quindi sarebbe comunque un abbraccio mortale,  multa sicura, ma tant’è.
È in questo momento che mi sopravanza brillantissimo uno studente sulla sua OFO gialla.

Le bici in sharing hanno un nemico, dobbiamo ammetterlo: il pavè. Chi le ha costruite è convinto che in Italia abbiamo liscissime ciclovie in tartan tipo Amsterdam.
E invece Milano ha il pavè. Non parliamo poi dei sanpietrini a Roma.
L’hipster con la barba alla Vittorio Emanuele mi saetta a fianco, aitante.  Lo immagino andare  dritto sparato a una scuola di design e di moda in centro a Milano. Pedala fiero delle sue zero emissioni di CO2. Ma puntualmente, come svolta in Largo Cinque Alpini, il sorriso gli si spegne in volto e le sue funzioni genitrici sono duramente messe alla prova. Le bici hanno ammortizzatori ridicoli. Si pentirà?

La mia è tutta invidia. L’hipster mi ispira, maledico di essermi spostato in auto, parcheggio, apro la mia brava app OFO e zàcchete individuo la solita bici , disponibilissima…dentro un cortile.
Ormai avvezzo, entro sparato. La bici non c’è, eppure il segnaposto sulla app è di un giallo intensissimo: il velocipede dev’essere qui.
Un gruppo di cuochi bengalesi, impegnati nel ristorante italiano sciurètto che dà sulla strada, mi guarda sornione.
“Cerchi bici gialla?”
E puntano il dito verso l’alto, tipo Scuola di Atene. Esito per un attimo, forse vogliono dirmi che le bici OFO ormai sono assurte a una costellazione nel firmamento.
E invece. Sono sempre stato un tipo piatto.
“Tu devi andare al quarto piano”.
Si sono portati la OFO su in cima, al ballatoio! Il GPS dovrebbe avere anche un altimetro, mi dico io.
Mi precipito a falcate di 3 scalini per volta su al quarto. Ed ecco che un ragazzo scende come una folgore, più veloce di me, con la sua OFO sulle spalle. Non mi nota neanche, non può immaginare che sia un suo concorrente.
È giovanissimo, sembra uscito da “I Fiori delle mille e una notte” di Pasolini, ha a malapena la prima peluria sopra il labbro e arranca con la OFO.

Bene, vorrei bloccarlo ma è indaffarato – non perché voglia sfuggire al confronto, non gliene frega assolutamente niente – ma perché ha un enorme zainetto-cubo sulle spalle. Pure quello giallo, tutto in tinta. Deve consegnare un pranzo con uno dei tanti servizi food delivery che imperversano in città. Usa la OFO per avere il lavoro.

E lì vado in corto circuito. Da una parte, la “causa delle bici rapite”. Dall’altra mi viene in mente il compenso ridicolo che questi pony-express-senza-motore si beccano ad ogni consegna.

Il corto circuito è lungo abbastanza perché Luigi, lo chiameremo così, mi si sfili dalle mani.

Scendo sconsolato a cercarmi un’altra bici.

E fuori dal portone scopro una cosa buffissima. Luigi non sa andare in bici.
Lui è ancora lì. Tiene sempre la terza e quindi fa un metro in 20 pedalate.
Tutta quella energia giovane pasoliniana, e poi mi finisce con la ruota nei binari del 5, per poi scabussare alla fine sul pavè. È scivolato di faccia. Sta verificando terrorizzato se lo zainetto-cubo sia intatto.
Mi guarda. Lo dicevo io del pavè.
“La bici non s’è fatta nulla”, gli faccio. “Tu stai bene? Come ti chiami?”
“ ****. “ Sembra uno di quei dipinti da Al-Fayyum, gli occhi enormi, sgranati.
“Dove devi consegnare?”
“Porta Venezia”.
“Hai un culo mostruoso. Mi dicevi Porta Lodovica non ti portavo”.
Apriamo il baule dell’auto, carichiamo la OFO e lo zaino, e andiamo tra le braccia del dazio di Porta Venezia.
Viene da ****. Faceva consegne anche lì, in moto. Aspettava che costruissero la strada asfaltata per raddoppiare il numero delle consegne.
“E com’è finita?”
“Che il mio governo non l’ha più costruita, quella strada. Mio fratello è qui da cinque anni, ho pensato di raggiungerlo.”.
Evidentemente ha bisogno di quella manciata di euro della food delivery e una bici non ce l’ha. E fino al 31 ottobre, tutto sommato giustamente, la usa ininterrottamente per mettere da parte i soldi per farsene una e incominciare a lavorare con più continuità.
Arriviamo a destinazione, mi guarda: “Adesso tu vuoi la OFO indietro, vero?”
“Lascia perdere, cerco in un altro cortile”.