Archivi per la categoria ‘media’

Un’Architettura di Roma in Una Parola a Settimana

20 marzo 2017

Il progetto ha lo scopo innanzitutto egoistico di spronarmi a uscire in maniera costante per Roma a conoscere nuove architetture o approfondire quelle già viste. La macchina fotografica è lo strumento per “congelare” quello che vedo osservando le architetture. Quando scatto uso il punto di vista, l’inquadratura, la tecnica che più penso possa rappresentare quel volume (o porzione di città). Anche in fase di postproduzione con i programmi di fotoritocco mi concentro su questo. La parola, infine, che appongo “in filigrana” sull’immagine, è davvero la prima che mi è venuta in mente sul luogo mentre ho scattato. Va da sé che lo scopo successivo, ma non secondario, è la comunicazione e la diffusione degli scatti così predisposti, per avvicinare i non addetti al settore dell’architettura e per un’occasione di riflessione con i colleghi architetti. Direi che, se dovesse esserci un preambolo al titolo del progetto, questo sarebbe proprio: “amate l’architettura!”.

 

 

FOTO 19 – Agenzia Spaziale Italiana

19_605

E finalmente io ti domando, oh uomo sciocco: Comprendi tu con l’immaginazione quella grandezza dell’universo, la quale tu giudichi poi essere troppo vasta?
(Galileo Galilei)

 

 

FOTO 18 – Chiostro Lateranense

18_605

Dolci colonne, dai
Capelli fasciati di luce,
Ornati d’uccelli veri
Che camminano intorno,

Dolci colonne, o
L’orchestra dei fusi!
Ognuno immola il
Silenzio all’unisono.
(Paul Valéry)

 

 

FOTO 17 – Villa Gordiani

17_605

Roma caput mundi regit orbis frena rotundi
(Federico Barbarossa)

 

 

FOTO 16 – Istituto per la Cultura Giapponese

16

Una grossa lucciola
in vibrante tremolio
s’allontana – penetrante
(Issa)

 

 

FOTO 15 – La Casa del Girasole

Il termine “sostanza” designa sia la materia (che è potenza), sia la forma (che è atto perfetto), sia il composto dell’una e dell’altra.(Aristotele)

 

 

FOTO 14 – Battistero Lateranense

17799267_10208193517987344_7151171907614350867_n

In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.
(Bibbia – Genesi)

 

 

FOTO 13 – Basilica di S.Agostino

17554173_10208099237750397_8623571877906802989_n

E così acconcio se n’andò nella piazza nuova di Santa Maria Novella. E cominciò a saltabellare e a fare un nabissare grandissimo su per la piazza, e a sufolare e ad urlare e a stridere a guisa che se imperversato fosse.
(Giovanni Boccaccio)

 

 

FOTO 12 – Villino Ximenes

12

Qui delle divertite passioni
per miracolo tace la guerra,
qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza
ed è l’odore dei limoni.
(Eugenio Montale)

 

 

FOTO 11 – Nuova Fiera di Roma

11

Fà delle due braccia
due ali d’angelo
e porta anche a me un pò di pace
e il giocattolo del sogno.
(Alda Merini)

 

 

FOTO 10 –Tempietto di San Pietro in Montorio

10
Potrei vivere nel guscio di una noce, e sentirmi re dello spazio infinito.
(William Shakespeare)

 

 

FOTO 9 – Basilica di S. Maria in Cosmedin

09

Tu che inclinasti i cieli nell’ineffabile tua incarnazione;
io bacerò i tuoi piedi incontaminati
e di nuovo li detergerò con i capelli del mio capo
(Cassia)

 

 

FOTO 8 – Casa dell’Architettura (ex Acquario Romano)

08

L’arte del decorare consiste nel fare nelle case altrui quello che non si sognerebbe mai di fare nella propria. (Le Corbusier)

 

 

FOTO 7 – Casina delle Civette

07
Ogni volta che qualcuno dice “Io non credo nelle fate” da qualche parte c’è una fata che cade morta. (Peter Pan)

 

 

FOTO 6 – Complesso Edilizio Città del Sole
06bis
Il ritmo è qualcosa che si ha o non si ha, ma quando lo avrete, avrete tutto. (Elvis Presley)

 

 

FOTO 5 – Terme Diocleziane e Chiesa di S. Maria degli Angeli

05
Roma… è una somma di almeno sette città con anime diverse. (Gigi Proietti)

 

 

FOTO 4 – Autorimessa e Mercato Metronio

04
Tutte queste costruzioni devono avere requisiti di solidità, utilità e bellezza. (Vitruvio)

 

 

FOTO 3 – Grande Moschea di Roma

03

Egli vede nel deserto desolato il più amico degli amici, e cammina per la sua via, là dove cammina sul suo capo la Madre degli astri risplendenti a grappoli per il cielo. (Abu I-Faraj al-Isfahani)

 

 

FOTO 2 – Via Bernardo Celentano

PITTORESCO

Giorno di primavera: si perde lo sguardo in un giardino largo tre piedi. (Masaoka Shiki)

 

 

FOTO 1 – S’Andrea al Quirinale

ELLISSE

Quello che mi attira è la linea curva, libera e sensuale. La linea curva che ritrovo nelle montagne del mio paese, nel corso sinuoso dei suoi fiumi, nelle nuvole del cielo, nel corpo della donna amata. L’universo intero è fatto di curve. (Oscar Niemeyer)

 

 

 

L’ascesa dell’intelligenza artificiale e l’utilità dell’architetto

18 giugno 2016

Nel romanzo “La città e le stelle” di A. Clarke, l’autore immagina l’umanità relegata all’interno della città di Diaspar; una bolla autosufficiente interamente controllata da un computer centrale dove gli uomini non hanno nulla da fare se non dedicarsi ad attività artistiche e ludiche senza più alcuno scopo od obbiettivo.

Il Computer centrale pensa a tutto; la città appare come cristallizzata ed eternamente uguale a se stessa.
In una società simile a Diaspar, dove le macchine si sostituiscono all’uomo in ogni funzione essenziale, a cosa serve un architetto?

Sembrerebbe un futuro lontano e impossibile eppure non abbiamo fatto a meno di ripensarci quando abbiamo letto questo articolo su Valigia Blu,  dove Fabio Chiusi fa notare come una delle ultime frontiere in campo informatico sia stata superata quando ‘AlphaGo’ l’intelligenza artificiale di Google, ha battuto il campione Lee Sedol a Go, uno dei giochi più complessi, astratti, e dunque tipicamente umani mai esistiti.
La cosa straordinaria è che per vincere, AlphaGo ha adottato strategie tipicamente creative, superando l’uomo proprio in un campo che si riteneva essere una nostra prerogativa.
Questa notizia determina quindi uno spartiacque su quello che siamo sempre stati abituati a immaginare come limite all’azione delle macchine e in generale di tutto il complesso mondo dell’automazione.
Fino ad oggi l’innovazione tecnologica, se da una parte ha portato alla sostituzione dell’uomo nello svolgimento di alcune attività, fin’ora ha sempre contestualmente creato anche nuove professionalità.
La creatività è sempre stata considerata come l’ultima frontiera insuperabile dalle macchine, grazie alla quale alla fine ci sarà sempre bisogno di un contributo umano per svolgere una funzione, un lavoro o una qualsiasi attività.

Ma che succede se anche quella barriera viene superata?
Che succede se ad un certo punto anche la creatività e l’inventiva cominciano ad essere capacità attribuibili alle macchine?

Senza immaginare scenari apocalittici possiamo comunque ipotizzare un futuro non improbabile nel quale le macchine sostituiranno l’uomo nei processi decisionali e saranno in grado di fornire risposte innovative e creative a problemi complessi.
Non è difficile immaginare che l’evoluzione dei software e dei sistemi di automazione renderà sempre meno necessarie le professioni di natura tecnica e tutte quelle che richiedono una certa standardizzazione delle soluzioni. Per fare un esempio banale, non è difficile immaginare che le attività di rilievo di un immobile (sia ai fini catastali che di restauro) possano essere fatte in maniera del tutto automatica tramite droni in grado di rilevare e restituire il disegno degli ambienti scansionati; se in un primo momento la presenza umana apparirà necessaria, man mano che migliorerà l’autonomia e l’affidabilità del sistema, il ruolo dell’apporto umano sarà sempre di più simile a quello di un supervisore fino a scomparire del tutto.
Ci sarà un momento in cui l’Archistar di turno potrà finalmente liberarsi di scomodi disegnatori perché le macchine sapranno leggere e tradurre in disegni esecutivi i loro schizzi; e presumibilmente anche le imprese esecutrici saranno costituite da robot in grado di realizzare qualsiasi opera; senza problemi sindacali tra l’altro. Il Faraone potrà finalmente costruire le sue piramidi in totale autonomia intellettuale, e potremo dire addio al concetto di città partecipata di stampo medioevale.
Fin qui la lezione è chiara, se si vuole sopravvivere in un mercato dominato dall’innovazione, o si diventa specialisti di quella specifica tecnologia oppure ci si caratterizza per l’estremizzazione creativa; ovvero si cerca di offrire qualcosa in più, quel plusvalore che ancora oggi una macchina non riesce a dare, o non riesce a darlo in maniera funzionale.
Nella professione una rivoluzione del genere si è già vista con l’avvento dei software di disegno automatico; i vecchi prospettivari sono andati in pensione, sostituiti dai supertecnici del disegno automatico.
L’omologazione dello strumento di disegno utilizzato da una parte ha appiattito la qualità media della progettazione grazie, dall’altra ha allargato la base dei professionisti in grado di raggiungere quel livello qualitativo.
Per disegnare a mano occorreva comunque essere minimamente portati a farlo, occorreva avere un talento naturale di base; lo strumento autocad, per quanto complesso è comunque uno strumento alla portata di chiunque abbia la voglia di impararlo.
Contestualmente proprio la disponibilità di strumenti in grado di moltiplicare la produttività di un singolo disegnatore, ha aperto la strada alla creatività del singolo progettista.
Mi ricordo perfettamente come una delle critiche più diffuse verso le prime “Invenzioni grafiche” decostruttiviste (quando le opere realizzate si contavano sulla punte delle dita) fosse proprio l’impossibilità di controllare il progetto. L’avvento di programmi e software in ausilio al disegno ha certamente reso più semplice controllare quelle forme complesse.
Prima o poi qualcuno dovrà approfondire la correlazione stretta che c’è stata tra l’avvento dei sistemi di disegno automatico e il successo diffuso e mondiale delle Archistar. Una relazione in tutto e per tutto simile al legame che unisce l’invenzione degli ascensori allo sviluppo dei grattacieli.
Insomma la lezione della storia insegna che per gli architetti di fascia media si prospettano tempi duri, costretti a inseguire una innovazione tecnologica sempre più impetuosa oppure a distinguersi a colpi di creatività.
Su questo argomento può essere d’aiuto questo piccolo vademecum pubblicato su Linkiesta.
Ma che succede se poi anche quegli ambiti peculiarmente umani cominciano ad essere sostituibili da macchine?
Che succede se poi ad essere sostituiti sono i creativi?
Siamo di fronte al concretizzarsi di uno scenario distopico come quello spesso immaginato nella fantascienza? Un mondo nel quale diventa inutile il lavoro dell’uomo. Anche senza ricorrere alle visioni apocalittiche di Matrix o Terminator, che immaginano un mondo in guerra tra macchine e umani, possiamo tranquillamente immaginare un mondo dove l’uomo non ha altra occupazione se non il proprio tempo libero. Una società completamente dedita al gioco; dove l’esercizio creativo è relegato ad una autocelebraizone sterile e dove l’uomo è assorbito e impegnato in attività legate esclusivamente al tempo libero.
Non possiamo prevedere con certezza cosa succederà e con quali impatti sugli assetti sociali, però possiamo provare a ragionare sugli scenari più prossimi e provare ad attrezzarci.
In questo senso una indicazione chiara è proprio sull’effettivo valore aggiunto che la professione dell’architetto fornisce al processo produttivo urbano.
Quando ci si interroga sul ruolo dell’architetto e dell’architettura occorre quindi ricordare che ancora per molto il vero valore aggiunto sulle trasformazioni urbane è dato dalla capacità inventiva e creativa.
Uno degli scenari più credibili del prossimo futuro ci fa pensare che buona parte delle funzioni di base della progettazione edilizia sarà assorbita dalle macchine. Agli umani saranno lasciate la responsabilità legale del lavoro ed il plus valore creativo.
A proposito di quest’ultimo, che è il tema centrale su cui stiamo ragionando, il vero obiettivo sarà cercare di distinguere l’atto “creativo” della macchina da quello umano.
Anche se è stato recentemente dismesso, perché superato dalla tecnologia, questo tema (la distinzione tra macchina e persona attraverso domande che determinassero se l’interlocutore era in grado di pensare) è stato affrontato da Alan Turing nel 1950 con il suo famoso e omonimo test.

Sarà possibile individuare una procedura analoga per identificare l’atto creativo dalla sua imitazione digitale?
Non possiamo saperlo con certezza ma di certo sarà sempre più difficile tracciare quel confine.
Noi vogliamo essere ottimisti e riteniamo che almeno per un po’ ci sarà ancora bisogno di architetti e creativi: l’importane sarà non lasciarsi cogliere impreparati dalle innovazioni tecnologiche che arriveranno sul mercato.
In fin dei conti siamo architetti non siamo robot.

Scritto con il contributo di Giulio Paolo Calcaprina

STUDIO AZZURRO_IMMAGINI SENSIBILI – Passato nel futuro Una retro…prospettiva

18 aprile 2016

Palazzo Reale, Milano

VideoAmbienti. Luci d’inganni e Lucidi inganni.

Il primo spazio di VideoAmbiente in cui si entra ci porta al 1984, anno in cui a Palazzo Fortuny, a Venezia, prende vita la prima istallazione di Studio Azzurro concepita come un’intera scena totale, come un luogo del fatto e non solo della rappresentazione.

Il progetto è quello de “Il Nuotatore (va troppo spesso a Heidelberg)”, e lo spazio è definito da una prevalente luminescenza azzurra che avvolge lo spettatore e lo accompagna nella visione del percorso che fa un nuotatore, in cui il tempo è scandito da gesti ripetuti, affaticati ed infiniti, interrotti all’improvviso da cento microeventi della durata di pochi istanti,

gettati come una manciata di coriandoli nel corso dell’unico riferimento temporale possibile, il modulo di un’ora determinato dalla lunghezza massima del nastro”

Un ambiente saturo di colore azzurro.

Azzurro come il nome che lo Studio ha scelto di darsi 35 anni fa, Azzurro come un’entità, all’inizio astratta, che nel corso degli anni acquisisce identità e diventa, essa stessa, l’alimento che nutre il loro percorso progettuale lontano e svincolato dal sistema dell’arte tradizionale, Azzurro come

…”è Azzurra l’atmosfera creativa che avvolge il nostro lavoro.

Non identifica la solidità di un gruppo,

ma la leggerezza di una visione che ci accomuna e

che costruiamo giorno per giorno”

Il viaggio ha inizio.

Lo spettatore diventa “spett’attore”.

La mostra racconta una serie di progetti selezionati che hanno segnato la storia di Studio Azzurro dagli anni ’80 fino ad oggi. Ogni sala ospita un Videoambiente, interattivo a seconda del progetto presentato, ed una sequenza di tavole grafiche dove si leggono le idee progettuali da cui nascono i lavori eseguiti, da “Facce di Festa”, film di 60′ in 16mm presentato alla Rassegna L’altro Cinema Europeo a Venezia nel 1980, a “Sipario Elettronico” Ivrea 1985, continuando con “La camera astratta” Opera VideoTeatrale del 1987, “Il Giardino delle Cose” Milano 1992, “Il soffio sull’Angelo” Università degli Studi di Pisa 1997, e le più recenti “Le zattere dei sentimenti” Berlino 2002, “Tarocchi” una sezione della grande Mostra dedicata a Fabrizio De Andrè del 2008 e “Isse_Il Cerchio” studio per danza, gesti e narrazione video Milano 2015.

Questi, solo per citarne alcuni.

Immagini Sensibili. Ambienti sensibili.

Gli ambienti costruiti reagiscono alla presenza fisica ed ai gesti delle persone, avviando così un’esperienza interattiva che varia nel passaggio da una sala all’altra.

“Intorno alla metà degli anni novanta

abbiamo cominciato ad occuparci di interattività in campo artistico.

E’ stata una rivelazione.

Il ruolo del pubblico era già uno dei temi che fondava la poetica del nostro lavoro”

Una poetica che fonda le sue basi sulla socialità, un principio che la costruzione di un “luogo” fa sì che ci sia animando condivisione tra le persone che vi si approcciano, a differenza di una singola “postazione” che richiama, invece, l’individualità della propria esperienza.

Una poetica che incentra la propria ricerca sulle conseguenze che nascono dall’approccio del visitatore al luogo, dove è lo spettatore che con le sue azioni, crea l’esibizione dell’opera.

E’ il gesto diretto dello spettatore che spinge alla relazione tra le differenti azioni che intervengono nell’azione: il vedere, il toccare, il sentire.

“Il corpo e i suoi gesti tornano ad essere

mezzo effettivo di esplorazione dello spazio e strumento conoscitivo primario,

con cui accedere ad una consapevolezza e responsabilizzazione nuove

nei confronti dell’opera”

Tavoli_Perchè queste mani mi toccano?_Triennale Milano 1995

Tavoli_Perchè queste mani mi toccano?_Triennale Milano 1995

Coro_Mole Antonelliana Torino 1995

Coro_Mole Antonelliana Torino 1995

Io non mi lascerò calpestare,

dice il pavimento della sala di Maat,

poiché sono silenzioso e sacro.

Inoltre io non conosco

IL NOME DEI TUOI PIEDI

che si apprestano a calpestarmi.

Parla dunque!

Libro dei Morti degli Antichi Egizi

La mostra si chiude con un nuovo progetto creato apposta per questa esperienza a Palazzo Reale.

La VideoInstallazione interattiva per specchi sensibili è ambientata nella Sala delle Cariatidi e prende il nome di “Miracolo a Milano“.

In questo “ambiente sensibile” lo spettatore, una volta giunto davanti ad uno dei quattro grandi specchi installati, vede, dopo pochi secondi, la sua immagine sparire per far posto a quella di una persona che gli racconta una breve storia della propria vita, a un “Portatore di Storie”.

Questa volta non è lo spettatore che decide a chi rivolgersi o su cosa interagire, ma è la casualità dell’identità della persona che appare che stabilisce l’interazione, così come l’imprevedibilità del cambiamento di vita di alcune persone che, in un tempo di crisi come quello che stiamo vivendo, si sono trovate a far fronte a necessità basilari che prima facevano parte dello svolgersi naturale all’interno della propria condizione economica ed esistenziale.

Miracolo a Milano_Palazzo Reale Milano 2016

Miracolo a Milano_Palazzo Reale Milano 2016

E’ questo il motivo per cui una volta finito il racconto, la persona che parla si sente quasi alleggerita della propria confidenza fatta, e, con un salto, si solleva verso l”alto fino a raggiungere il cielo.

Esplorazione, incontro, interazione, ascolto, osservazione, empatia, curiosità.

C’è tutto in questo viaggio esplorativo,

in questo “salto nel sogno del possibile“…

Foto e riprese dei filmati: Raffaella Matocci
Editing: Giulio Pascali

Il meglio che si poteva fare – Architect Version

2 marzo 2016

inferno-di-cristalloNel film “L’inferno di Cristallo” Paul Newman interpreta un eroico architetto progettista di un modernissimo grattacielo che va a fuoco (diventando appunto un inferno) solo perché il cattivo imprenditore senza scrupoli ha utilizzato materiali scadenti.
L’architetto del film è un supereroe; oltre ad aver correttamente progettato ogni dettaglio senza sbagliare una vite, quando si ritrova in mezzo all’inferno riesce a salvare centinaia di vite umane, inventandosene di tutti i colori, sfruttando i segreti della costruzione che ovviamente conosce a menadito anche negli aspetti più specialistici (gli impianti elettrici per esempio).
Tanto era evidentemente sopravvalutata la nostra professione all’epoca, tanto è disprezzata oggi. Quando va bene l’architetto è una figura eccentrica e un po’ idealista, quando va male è un’archistar in preda a deliri di onnipotenza, più di sovente un povero precario sfruttato e malpagato.
Quello che però non è cambiato è l’aspettativa che la società nutre nei confronti dell’opera dell’architetto.
È indubbio infatti che ancora oggi si tenda ad attribuire all’architettura un potere salvifico enorme, nel bene o nel male.

“La più grande sciagura sono gli architetti” come canta Celentano. Se lo dice il molleggiato sarà vero; e se è così vuol proprio dire che il frutto del lavoro degli architetti è proprio una cosa in grado di cambiare le sorti del mondo.
Niente di più strano quindi che si pretenda che il lavoro dell’architetto sia all’altezza di questo potere.

Ma è una illusione. Doppia.

La prima illusione è proprio sulla capacità dell’architettura di incidere sulla realtà. Sarebbe infatti più onesto riconoscere il contrario, ovvero che è la realtà che modifica l’architettura.
La seconda è proprio sulla capacità degli architetti stessi di controllare le trasformazioni urbane, l’architettura o, se si preferisce, la realtà.
Un’illusione propagandata dalle Archistar, che in questa maniera possono giustificare le loro parcelle stellari, ma indirettamente sostenuta anche dagli stessi poveri precari che nelle loro rivendicazioni di categoria non fanno che alimentare l’idea di una superiorità dell’architettura come prodotto in grado di migliorare la qualità della città; ma anche la superiore competenza, e responsabilità, dell’architetto come professionista a cui la società dovrebbe riconoscere maggiori meriti.

numerobisIn questo contesto viene bene questa citazione di David Broden riportata da Luca Sofri in merito alla professione del giornalista.

Invece di promettere «Tutte le notizie che vanno stampate» [motto del New York Times], vorrei che dicessimo – ancora e ancora, sin quando lo si capisca davvero bene – che il giornale che arriva sulla tua porta di casa è una interpretazione parziale, frettolosa, incompleta, inevitabilmente difettosa in qualche parte e inaccurata di alcune delle cose sentite nelle passate 24 ore – distorte, nonostante i nostri migliori sforzi di eliminare i rozzi pregiudizi, dallo stesso processo di compressione che ti consente di raccoglierlo dalla porta di casa e leggerlo in un’ora. Se lo volessimo definire in modo più accurato, dovremmo immediatamente aggiungere: ma è il meglio che abbiamo potuto fare nelle presenti circostanze, e torneremo domani con un’edizione corretta e aggiornata.

Parafrasando con la professione dell’architetto potremmo dire che:

l’edificio che è stato realizzato è una interpretazione parziale, frettolosa, incompleta, inevitabilmente difettosa in qualche parte e inaccurata di alcune delle cose passate nella testa di un architetto e del suo committente – distorte, nonostante i nostri migliori sforzi di eliminare i rozzi pregiudizi, dallo stesso processo di realizzazione che ti consentono oggi di poterlo utilizzare. Se lo volessimo definire in modo più accurato, dovremmo immediatamente aggiungere: ma è il meglio che abbiamo potuto fare nelle presenti circostanze, e torneremo domani a farci crescere un po’ di edera intorno.

Architettura bella e buona!

8 dicembre 2015

L’architettura riscatterà le debolezze degli uomini che l’hanno realizzata attraverso gli occhi degli uomini che la useranno.
“Gli ideali sono pacifici; la storia è violenta.”
Sono le parole del sergente Don “Wardaddy” Collier, in Fury, interpretato da Brad Pitt.
Trovo che sia un’ottima sintesi per definire la differenza che passa tra l’architettura immaginata, quella ideale, e l’architettura realizzata.
Parafrasando: L’architettura ideale è pacifica, quella realizzata è violenta.

Lebbeus Wood ci insegna come l'architettura non sia altro che un continuo rimarginarsi di ferite in un contesto urbano

Lebbeus Wood ci insegna come l'architettura non sia altro che un continuo rimarginarsi di ferite in un contesto urbano

Mi ricordo delle bellissime revisioni dell’allora assistente di Composizione I, Orazio Carpenzano, quando insegnava che “l’Architettura è una guerra” (in realtà io seguivo l’ottimo Efisio Pitzalis che non era da meno, ma questa suggestione mi è sempre rimasta in testa).
Non occorre scomodare Lebbeus Wood per riconoscere come la realizzazione di un’opera sia un continuo estenuante conflitto tra bande rivali, ognuna con i propri interessi, ognuna pronta a ricavare il suo massimo profitto (culturale ed economico) dalla realizzazione dell’opera.
Nel mezzo l’architetto che, più che un contendente assomiglia ad un Casco Blu in missione umanitaria, sempre sotto tiro, vincolato da regole di ingaggio inapplicabili, spesso costretto a defilarsi quando la situazione diventa insostenibile.
L’Architettura che viene realizzata subisce quindi un processo di deterioramento. Man mano che l’opera si costruisce, gli attori che ne consentono la realizzazione ne trasformano l’idea iniziale.

Si comincia dai committenti (a buon diritto direi ma sempre elemento di distorsione dell’idea iniziale) che possono essere pubblici o privati, per passare dai consulenti impiantisti (che dovrebbero essere parte della soluzione ma più spesso non  lo sono) e strutturali, le indagini ambientali e le prove geognostiche, poi ci sono gli enti che autorizzano l’opera, il comune, la asl, la provincia, la regione, i vigili del fuoco, l’ente ferrovie, l’autorità di bacino, l’ENAV, l’UTIF, le soprintendenze, l’ARPA, il SUAP, a cui si presentano le autorizzazioni, il PdC, la DIA, la Scia, la VIA, l’AUA, l’AIA, lo screening, la caratterizzazione del sito, il NOPS e il CPI, eccetera, c’è la partecipazione, quindi le imprese che realizzano, i vicini che protestano (quando si tratta di interventi privati), i comitati di quartiere che si riuniscono (se si tratta di grossi interventi), i vigili urbani, i fornitori che non hanno quel prodotto, le varianti migliorative, il geologo che modifica le fondazioni, l’archeologo che ritrova i reperti, le commissioni di valutazione, gli ispettori del lavoro, le norme di sicurezza, quelle di tutela dell’ambiente, gli scavi e le discariche, il collaudo, la chiusura dei lavori, il catasto la richiesta e l’ottenimento dell’agibilità…. e mi sono sicuramente scordato qualcosa…… sempre che nel frattempo non sia stata modificata la norma…..

Alla fine è raro che il progettista si possa riconoscere appieno in quanto realizzato; quando succede, è perché sin dall’inizio il progettista è stato talmente bravo da tenere conto di tutti gli agenti esterni che avrebbero potuto modificarne la realizzazione, oppure se ne è infischiato allegramente (ha potuto farlo, qualcuno glielo ha concesso); nei casi più estremi ha avuto una grande botta di culo.

Lasciamo perdere la dea Fortuna, per avere il pieno controllo di un’opera dall’inizio alla fine del processo costruttivo i casi sono due; l’opera è molto limitata oppure si accetta di frammentare le competenze necessarie rinunciando al completo controllo del progetto.

Glenn Murkutt, ha fatto una scelta radicale verso la limitazione dell’impegno dedicandosi quasi esclusivamente alle ville monofamiliari (in Australia, nel deserto) e rifiutando incarichi a cui non poteva dedicare un tempo adeguato; ha vinto il Pritzker Prize, ma quanto è ripetibile il suo modello su vasta scala? per la seconda scelta occorrono gruppi di lavoro complessi o studi di progettazione molto grandi.

I progetti di Glenn Murkutt sono sempre interventi molto ben definiti e isolati nel contesto

I progetti di Glenn Murkutt sono sempre interventi molto ben definiti e isolati nel contesto

Riprendendo la citazione iniziale quindi è evidente che l’opera di architettura esprime una sua forza ideale (una forza ideale paragonabile al desiderio di pace) ma che nella sua messa in opera subisce un processo di distruzione, a tratti anche molto violento, come la guerra.

L’architettura realizzata è il risultato di infiniti compromessi; l’architettura realizzata è corrotta. Possiamo litigare a volontà per decidere se questo sia un fatto positivo oppure negativo, ma non possiamo non riconoscere che è così.
Questo deterioramento è fortemente traumatico; per l’architetto, ma anche per la città: una guerra, appunto e anche molto violenta!

Da una parte l’architettura è una rappresentazione imperfetta dell’idea che aveva in mente il progettista, una metafora incompleta dell’idea iniziale; dall’altra il suo inserimento nel contesto urbano non può che essere un momento di discontinuità, una rottura; e questo vale anche nei casi più spinti di mimetizzazione urbana, dove a mio parere la mimetizzazione di tecniche e forme costruttive non è che una pura illusione; una plastica facciale al botulino spesso più deformante delle rughe che si vogliono mascherare; questa però è un’altra storia.
Con il passare del tempo il processo di idealizzazione porta l’architettura realizzata a riconquistare una forma di purezza ideale. La patina del tempo agisce come un detergente sull’idea che abbiamo di quell’opera, ne lava la sporcizia iniziale idealizzandola; con il tempo l’opera del passato riconquista la sua purezza originale oppure gliene viene attribuita una nuova determinata dal filtro del tempo o dal legame affettivo che si sviluppa tra gli abitanti della città e l’opera stessa.
Il velo del tempo non è una patina, piuttosto una spazzola che rimuove le incrostazioni, corregge le storture che risiedono principalmente negli occhi dell’osservatore. Più l’osservazione si allontana nel tempo, più le opere appaiono nella loro essenza.
Man mano che il tempo passa molti degli aspetti pratici che hanno concorso alla realizzazione dell’opera passano in secondo piano fino a diventare ininfluenti a determinare il valore oggettivo dell’opera. Spesso sono proprio quelle storture a determinarne il valore.

Se è così possiamo rendere la questione un poco meno aulica e scendere più terra terra.

Esistono una serie di aspetti pratici e concreti che concorrono alla determinazione della forma architettonica, che incidono profondamente nella loro accettazione o nel loro rifiuto da parte della società. Questi aspetti, visti in una dimensione temporale più ampia perdono di significato.
I valori di moralità, legalità o di economicità della costruzione dell’architettura si perdono per strada.
Qui veniamo al tema di fondo di questo articolo.
In che misura il giudizio morale di un’opera di architettura influenza il giudizio estetico?
O meglio:

è lecito attribuire all’architettura i difetti morali delle persone che hanno concorso alla sua realizzazione?

Non è difficile immaginare cosa ci sia alle spalle di questi turisti

Non è difficile immaginare cosa ci sia alle spalle di questi turisti

Facciamo alcuni esempi.

Può capitare che i difetti di realizzazione finiscano per dare significato e valore all’opera, in senso letterale. Chi si lamenta oggi del fatto che laTorre di Pisa ha degli evidenti problemi statici?Quanto influisce oggi sapere se un’opera antica è costata troppo, o se la sua realizzazione è stata fatta nel rispetto delle norme?

Quanto sono costate le piramidi? E la basilica di San Pietro?

Quanto hanno dovuto pagare i Trinitari per San Carlo alle Quattro fontane?

Il valore culturale e artistico del Mausoleo delle Fosse Ardeatine sarebbe diverso se venissimo a sapere quanto è costato?

Allo stesso modo in un’opera antica non ci scandalizzano i ritardi nella sua realizzazione.
Ci interessa forse sapere se la Torre Eiffel è stata consegnata in tempo per l’inaugurazione dell’EXPO?

D’altra parte il Duomo di Milano è stato completato nell’arco di più di mezzo millennio, eppure questo non ce lo rende meno significativo.
Risulta agli atti che opere che oggi sono ritenute capolavori non siano mai state completate: il Duomo di Siena ne è un eccellente esempio.

borromini1

Sappiamo che Borromini fosse molto attento ai costi delle sue opere, cambia qualcosa?

Un’altra categoria che scandalizza molto l’osservatore contemporaneo è quella delle varianti in corso d’opera; l’idea che un progetto possa avere subito varianti significative nel corso della realizzazione è considerato dai contemporanei come un reato grave. Eppure la pratica dell’architettura è in larga parte una fatto empirico, pragmatico, una continua ricerca di soluzioni pratiche a problemi concreti, per cui pensare di realizzare un’opera, in un arco di tempo che si estende attraverso svariati anni, senza ipotizzare nemmeno una modifica è semplicemente utopistico, forse persino stupido.

Eppure non siamo così sconvolti dall’apprendere che la Mole Antonelliana non ha minimamente rispettato il progetto originario. Antonelli era noto per fare saltare i nervi ai propri committenti per le continue varianti e per lo scarso controllo dei costi. Oggi la Mole è il monumento simbolo di Torino.

Quante varianti in corso d'opera ha presentato Antonelli per realizzare la sua Mole?

Quante varianti in corso d'opera ha presentato Antonelli per realizzare la sua Mole?

Non parliamo poi di Novocomum per il quale la leggenda narra che il progetto presentato alla Commissione edilizia fosse radicalmente diverso da quello che fu poi realizzato. Un autentico abuso edilizio.
Che dire di San Pietro il cui nome è indissolubilmente sinonimo di cantiere sempre aperto con connotazioni “fraudolente e truffaldine”? Un cantiere aperto alle continue varianti e alle aggiunte fatte dai Capi Mastri assunti di volta in volta dopo Bramante (Michelangelo, Maderno, Bernini, ecc.).

Allarghiamo il discorso. Vogliamo parlare di sicurezza?
È poi così importante sapere quanti morti o infortuni sul lavoro ci sono stati per costruire un monumento antico? Quanto sarebbe importante sapere se per la cupola di Santa Maria del Fiore hanno rispettato le norme di sicurezza?
Il fatto che gli edifici costruiti a cavallo del ventennio crollassero, oggi non ci procura alcun fastidio; anzi molto spesso si guarda a quell’epoca come un riferimento di qualità architettonica “diffusa”.

… e se il problema fosse di corruzione?

Quanto saremmo disturbati dal conoscere il livello di corruzione delle istituzioni che hanno realizzato un’opera di architettura?
Per realizzare l’EUR sono state pagate mazzette? I terreni individuati per lo sviluppo urbanistico sono stati scelti per favorire qualche speculatore terriero?

L'intero EUR è la rappresentazione di un regime corrotto e dittatoriale. Però quanto ci piace?

L'intero EUR è la rappresentazione di un regime corrotto e dittatoriale. Però quanto ci piace?

sarebbe curioso scoprire che i realizzatori dell’acropoli non disdegnavano di intascarsi il denaro destinato alla realizzazione del Partenone

… o di speculazione edilizia?

Che cosa toglie alla piacevolezza delle piazze reali parigine il fatto che fossero frutto di bieca speculazione edilizia?

Vogliamo parlare degli sventramenti napoletani avviati per risanare la città dopo l’epidemia di colera?

Infine quanto incide il giudizio morale o la semplice simpatia personale del professionista? quanto è influente è l’integrità morale di chi ne ha consentito la realizzazione.

Il fatto che Le Corbusier avesse simpatie fasciste rende meno importanti le sue opere o il suo pensiero architettonico? è abbastanza evidente che per realizzare opere di grandi dimensioni ci vuole un commitente con grandi risorse, qundi di norma, capi di stato, monarchi, papi, dittatori, grandi speculatori. A meno che non si voglia relegare la storia dell’architettura a villette monofamiliari, la storia dell’architettura si è sempre fatta attraverso il potere economico e sociale.

Parlando di simpatia sembrerebbe che Leon Battista Alberti stesse antipatico a Vasari? e Brunelleschi litigava in continuazione con il Ghiberti e con le maestranze di cantiere, non doveva avere proprio un bel carattere.

Per valutare un’opera di architettura quanto conta la simpatia dell’architetto?

Fuksas sembra incarnare un poco tutti i mali del costruire contemporaneo; antipatico a molti e autore di progetti costosissimi. Siamo sicuri che tra 100 anni questo creerà problemi ai visitatori della "Nubbe de fero"

Fuksas sembra incarnare un poco tutti i mali del costruire contemporaneo; antipatico a molti e autore di progetti costosissimi. Siamo sicuri che tra 100 anni questo creerà problemi ai visitatori della "Nubbe de fero"

Insomma, concludiamo.
La realizzazione delle opere di architettura non è mai un percorso lineare.
A ben guardare si potrebbe sostenere il contrario. Proprio le opere più controverse, quelle che in qualche modo risultano più contrastanti, sono le opere che oggi siamo portati ad ammirare quelle a cui attribuiamo maggiore valore.
La prospettiva storica delle opere ci induce a dimenticare (o soprassedere) sugli aspetti più spiacevoli che stanno dietro alle opere storiche; per le quali siamo portati ad avere un giudizio idealizzato.
Ma se è così come ci dobbiamo comportare nei confronti delle opere contemporanee?
Dobbiamo disporci ad accettare opere controverse come la nuvola di Fuksas? Dobbiamo forse sospendere il giudizio sulle opere di Casamonti? Dobbiamo evitare di pensare al sistema di corruzione che si è sviluppato dietro EXPO quando esprimiamo un giudizio sul Padiglione Italia?

Sono state dimostrate le responsabilità oggettive di Calatrava sui cedimenti. Tra 50 anni chi se ne importerà più?

Sono state dimostrate le responsabilità oggettive di Calatrava sui cedimenti. Tra 50 anni chi se ne importerà più?

Ovviamente non è così.

Non ci possiamo permettere di accettare che le opere possano essere realizzate male, senza controllo dei costi, dei tempi, delle varianti; non possiamo accettare che la scelta di progettisti e imprese appaltatrici avvenga secondo criteri clientelari e in assenza di criteri minimi di trasparenza.

Possiamo però sospendere il giudizio estetico sulle stesse opere; possimao distinguere l’oggetto della nostra valutazione e esprimere opinioni che prescindano dai meccanismi “tossici” che ne hanno consentito la realizzazione.

Possiamo quindi pensare ed accettare che un’architettura “cattiva” possa tuttavia essere anche bella?

Oppure no?

Il Cupolone, simbolo indiscusso della Roma Cristiana, realizzato con innumerevoli varianti in corso d'opera, nell'arco di centinaia di anni, al centro di un sistema di corruzione e di potere che non ha uguali: ciononostante è oggi il simbolo indiscusso della Cristianità

Il Cupolone, realizzato con innumerevoli varianti in corso d'opera, nell'arco di centinaia di anni, al centro di un sistema di corruzione e di potere che non ha uguali: ciononostante è oggi il simbolo indiscusso della Cristianità Romana

Credits

L’immagine del disegno di Lebbeus Wood è tratta da:

Lebbeus Woods – A Visionary Architect

La foto di Casa Marika-Alderton di Glenn Murkutt è tratta da

https://es.wikipedia.org/wiki/Glenn_Murcutt:

Tutte le altre foto sono di Giulio Paolo Calcaprina e Giulio Pascali

Architettura Media-Tech

28 novembre 2015

Caro Peter Wilson,

il mondo sarebbe più bello se finalmente ci si potesse liberare di questo complesso edipico che larga parte della cultura architettonica ha nei confronti della tecnologia. Invece sembra proprio che non si riesca ad averci un rapporto naturale, esente da posizioni precostituite. Trovo infatti che il tuo modo di affrontare il tema della tecnologia, sia essa Hi che Low, denunci una forma di complesso di inferiorità di chi, non sapendo bene di cosa sta parlando, preferisca rifiutare  di affrontare il problema e, solo apparentemente, risolvere la questione a monte.

flinstones

Fred alle prese con l'Hi Tech

“Né i mezzi di produzione né i mezzi di comunicazione hanno influenze sulla nostra architettura. Gli strumenti non hanno secondi fini, non siamo seguaci di Marshall McLuhan… Noi siamo architetti orgogliosamente low-tech: meno tecnologia c’è in un edificio, più la sua vita è lunga. Stiamo lavorando alla costruzione di una biblioteca in Lussemburgo (la Nuova Biblioteca Nazionale del Lussemburgo, ndr), un edificio che sfrutta le caratteristiche termiche dei materiali che lo costituiscono per essere caldo in inverno e fresco d’estate. Essere low-tech, in questo frangente, si traduce direttamente in un minore consumo di energia. Un edificio in sé per sé non è intelligente. Al pari delle biblioteche, che non pensano: sono i libri che portano le persone a pensare.”

Il punto è che la tecnologia, per l’architetto è un po’ come il vocabolario per un romanziere; sostenere di essere “orgogliosamente Low Tech” fa pensare ad uno scrittore che dichiarasse, addirittura con orgoglio, che in fondo ci sono parole che non sono necessarie.

Possiamo fare a meno di tutte le parole che vanno dalla U alla Z?

Oppure, come nel tuo caso, di tutti i neologismi che sono venuti fuori negli ultimi 40 anni?

E’ una scelta; probabilmente possiamo rinunciare con leggerezza a parole come “open space” o “commitment”; troverei invece più difficile rinunciare a parole come “computer”, “linkare” o “stakeholder” i cui corrispettivi in italiano tradizionale avrebbero bisogno di strane locuzioni verbali.

Rinunciare ad alcune parole di per sé sarebbe anche corretto, se  il fine di un bravo autore fosse, come in effetti è, l’essenzialità. È proprio così, l’architetto ha il fine dell’essenzialità e dell’economia del sistema progettuale; per essere essenziali è importante avere a disposizione il più ampio spettro di scelte disponibili; per raggiungere il massimo dell’essenzialità hai bisogno di avere la massima disponibilità di tecnologia. Quando si comincia a dire “calcolatore elettronico” al posto di “computer”, mi sa che l’essenzialità se ne va a farsi benedire, e anche un poco  la comprensibilità del testo.

Mi spiego meglio: se devi tenere sotto controllo climatico un deposito di libri rari dubito che tu possa rinunciare ad un impianto di climatizzazione e ad un sistema di supervisione automatico. D’altra parte se l’obbiettivo è il risparmio energetico siamo tutti d’accordo che ricorrere a sistemi naturali è la scelta migliore; a patto che la scelta finale ci consenta di ottenere gli stessi livelli di “confort” richiesti dagli utilizzatori; in architettura non c’è niente di più terrificante di un intervento posticcio.

blogger-image-195763373

Nonostante all'epoca si utilizzassero tecniche costruttive più naturali, i proprietari non hanno disdegnato l'utilizzo di sistemi più innovativi per climatizzare casa.

Ci si dimentica spesso che le parole, come l’alfabeto e la scrittura, sono in effetti una tecnologia. Allo stesso modo il mattone e il cemento armato sono tecnologie. Oserei dire che gli edifici che sfruttano  “le caratteristiche termiche dei materiali che lo costituiscono per essere caldo in inverno e fresco d’estate” sono in effetti edifici che sfruttano fino in fondo tutta la tecnologia disponibile al giorno d’oggi e anche di quella più avanzata. Tu Peter forse non vedi l’Hi Tech dentro al mattone che scegli per il tuo edificio, eppure quella tecnologia c’è tutta. Così come anche i libri stampati su carta che piacciono tanto ai nostalgici, sono stati scritti tutti su un supporto digitale; i libri di carta sono a tutti gli effetti digitali da almeno 30 anni, e non per un capriccio fanatico dei seguaci di McLuhan; semplicemente perché l’introduzione del PC ha consentito una migliore gestione della scrittura; consentendo correzioni, ripensamenti, riscritture, aggiunte, ripetizioni, in una maniera e con una rapidità inimmaginabili a chi utilizzava prima la macchina da scrivere. Il mattone e la facciata ventilata che riscaldano e raffreddano naturalmente un ambiente sono a tutti gli effetti un prodotto “Hi Tech”; tecnologia.

Dopotutto ti capisco, di fronte al fanatismo, l’istinto primordiale è il rifiuto di tutto ciò che anche lontanamente si possa associare ad esso; meglio rinunciare. Ancora meglio se questa rinuncia ci conferisce una sorta di alone radical-chic. E ti capisco anche su questo; ad avere posizioni moderate oggi come oggi chi ti nota più.
Di fronte all’olandese che digitalizza e automatizza ogni angolo dei suoi spazi, per distinguersi bisogna dichiarare orgogliosamente l’assenza di ogni cosa che appaia digitale ed automatica.

Eppure, credimi, ti stupiresti nello scoprire quanto delle tue affermazioni non fanno che confermare proprio le teorie di McLuhan.

D’altronde se ne avessi capito il messaggio sapresti che non ha alcun senso parlare di “seguaci di McLuhan”; non mi risulta che sia stata fondata alcuna religione ispirata al suo nome. Certo, mi tu dirai, che ci sono tanti, troppi, che ne citano gli “slogan” per giustificare le loro scelte di progetto e inventarsi le cose più astruse ed è tutto un fiorire di architetture interattive dotate di sofisticati sistemi digitali in grado di rendere l’edifico intelligente; “smart” per i più scafati.

A dire il vero McLuhan non ha fatto altro che mettere in evidenza come la tecnologia utilizzata fosse essa stessa determinante nella interpretazione del messaggio; in maniera più allargata come le innovazioni tecnologiche abbiano influito sulla maniera di organizzare il pensiero e le relazioni umane. Per fare un esempio banalissimo, l’invenzione dell’illuminazione pubblica ha portato alla possibilità di utilizzare, e vivere la città anche di notte; l’elettricità ha cambiato radicalmente il significato dello spazio urbano rendendolo fruibile in maniera massiccia anche oltre il normale ciclo giorno/notte; oggi la luce artificiale è un elemento essenziale della progettazione, in grado di influire sulla percezione e sulla fruizione degli spazi. Rinunceresti  all’elettricità per assicurarti una maggiore longevità delle tue architetture?

iron_box_ironing

Anche questo simpatico vecchietto preferisce ridurre al minimo la tecnologia. Il disegno e la forma del ferro da stiro sono salvaguardati.

Ma poi vorresti dire che la tua scelta di rinunciare a quella che tu definisci “Hi Tech”, non è di per se stessa una affermazione, un messaggio, veicolato per l’appunto dallo strumento che hai progettato?

Comunque non ti preoccupare, nessuno ti costringerà a rinunciare alla tua orgogliosa assenza di impianti di climatizzazione (mi pare che era questo che volevi dire) lo sviluppo della tecnologia ci sta consentendo finalmente di progettare e vivere abitazioni che ci riconcilieranno con il ciclo naturale delle cose. La tecnologia digitale per fortuna ci sta affrancando anche dalla fisicità delle connessioni.

Per ironia della sorte sembrerebbe che proprio per salvare il lento e inesorabile declino delle biblioteche pubbliche, in Inghilterra siano arrivati alla conclusione che sia utile proprio l’apertura alle nuove tecnologie.

“La proposta (…) è trasformare gli ambienti delle biblioteche in modo che siano più simili a caffetterie, dove oltre a leggere o prendere in prestito un libro si possa bere una tazza di caffè o tè, navigare facilmente su Internet tramite il WiFi e avere spazi per conversare e confrontarsi con altri lettori. (…) Le innovazioni tecnologiche legate alla lettura non si esauriscono comunque con la possibilità di collegarsi tramite WiFi in biblioteca. Il rapporto propone di organizzare una rete digitale con la quale le varie istituzioni librarie possano coordinare le loro attività, cosa che potrebbe aiutare le sedi più piccole ad ampliare l’offerta per i lettori (…)

L’innovazione tecnologica quindi accompagnata da buone pratiche relazionali sembra essere la chiave della questione.

Perciò io credo che un bravo architetto  debba dimostrare le sue capacità proprio nell’equilibrio con cui si esprime in ogni aspetto del costruire; ma soprattutto nella disposizione mentale che assume quando si affronta un problema, senza assumere posizioni precostituite verso le possibili scelte tecniche.

Per cui facciamo un patto, facciamoci tutti promotori di un nuovo concetto: il concetto di Media-Tech, dove per Media non si intende il portatore del messaggio, ma una via di mezzo tra l’Hi e il Low.

I messaggi li lasciamo a McLuhan.

Tuo affezionato,

Giulio.

Credits.
Editing a cura di Daniela Maruotti.
L’immagine di Fred alle prese con un PC è tratta dal sito
http://www.images.lirenti.com/show.php/15124_flinstones.jpg.html.
La foto del palazzo con le unità esterne è tratta dal blog Romafaschifo
http://www.romafaschifo.com/2014/06/antenne-fili-parablole-condizionatori.html
La foto dell’anziano con il ferro da stiro a carbone è di Bhaskaranaidu (Own work), tratta da Wikimedia Commons CC BY-SA 3.0
http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0