Archivi per la categoria ‘a cosa serve l’Architettura’

L’accordatura del liuto

28 agosto 2017

Una cosa che non mi piace è il termine “cervello in fuga”.

Non lo capisco, non capisco il termine “fuga” associato a persone che semplicemente sono alla ricerca di un posto dove esprimere il loro talento, o se non altro di metterlo alla prova.

Da una parte la fuga presuppone uno scenario dal quale fuggire; su questo possiamo parlarne, c’è poco da difendere in questa Italia che rende tutto difficile.

Dall’altra l’atto del fuggire finisce per conferire una connotazione negativa anche a chi compie l’atto. Quasi che la colpa della situazione disastrosa da cui ci si vuole allontanate sia un po’ proprio di chi va via; chi fugge è in fondo un traditore, un mancato eroe che non combatte a costo della sua incolumità per difendere il bastione. Anche quando il bastione è indifendibile.

La trovo una stucchevole retorica, miope, che non tiene conto della complessità del fenomeno. Una persona che “emigra”, accumula un bagaglio di conoscenze e una visione più ampia, diversificata, di come funziona il mondo. Questo bagaglio porta valore aggunto per tutti.

Persone che portano esperienze fuori dall’Italia, ma anche persone che in diverse maniere poi riportano in Italia le esperienze che accumulano fuori.

Persone che inoltre rappresentano, nel bene e nel male l’Italia; e se fanno bene all’estero portano prestigio anche per chi rimane.

Persone che oltreuttto sono sempre più numerose….. 250.000 l’anno, più di quanti arrivano.

Persone che hanno avuto la capacità e la voglia di mettersi in gioco e sperimentare il loro talento, e magari poi riportarlo tra noi.

Soprattutto persone che evidentemetne vivono nel mondo, che non limitano la lora esistenza, ed appartenenza, ad un vincolo geografico. Persone che sanno essere parte attiva di questo mostro sconosciuto che per molti è la globalizzazione.

Una di queste persone è Mattia Paco Rizzi, che si definisce “architetto artista“, che per sviluppare la sua idea di architettura si è trasferito a Parigi, e che sta comunque cercando di portare la sua esperienza in Italia.

Queste sono le sue 30 parole su “A cosa serve l’Architettura”

Accordatura di una dinamica, pulsazione fisica, vibrazioni di spazi: risonanza.
Condivisione di obiettivi, costruire per costruirsi, spazio pubblico: comunità.
Scultura e funzione: alchimia.
Architettura fatta a mano: Liuteria dello spazio.

 

https://borda.deviantart.com/art/While-My-Guitar-Gently-Weeps-630026597

Adrian Borda  “While My Guitar Gently Weeps”

 

 

 

Una serie di fortunate coincidenze

14 agosto 2017

[rumore delle onde in sottofondo]

Hypercantilever concept - Spacelab 2017-18

“Hypercantilever”, concept, Spacelab Architects 2017

– Papà tu sei architetto, giusto?
– Sì tesoro.
– E cosa fa l’architetto?
– L’architetto viene incaricato da altre persone (che si chiamano clienti dell’architetto) ad immaginare uno spazio per le loro esigenze e a farlo realizzare. Oppure a migliorare uno spazio esistente. O ragionare su come fare tutto questo in modo più sensato, accurato, sostenibile ed efficiente, utilizzando al meglio le risorse a disposizione.
– Uno spazio? Sarebbe a dire una casa?
– Non solo: può essere una casa o un altro tipo di edificio, sia pubblico che privato. Può essere un intero fabbricato, o uno spazio interno ad un edificio pensato da altri, o un luogo aperto, una piazza, un parco. Uno spazio fatto per durare anni, o secoli, o anche solo pochi giorni. O un’idea fantastica che resta solo sulla carta. Tutto questo, e altro ancora, lo chiamiamo architettura, ed è quello di cui io e tanti altri cerchiamo di occuparci.
– Quindi tutti gli spazi che vediamo intorno a noi sono architettura?
– Magari. Purtroppo non è così. Dicono che solo tre edifici su cento — cioè quasi nessuno — sono pensati e realizzati da noi architetti. E di questi, solo una minima parte può essere considerata “architettura”.
– Come mai così pochi?
– Perché ci sono anche altri mestieri, oltre a quello dell’architetto, che si occupano degli stessi spazi di cui ti parlavo, in modi in apparenza meno complicati e più sbrigativi. Siamo bravissimi a parlare tra noi architetti, ma spesso siamo un disastro a comunicare con tutti gli altri. Che si trovano costretti proprio da noi — spesso così inutilmente oscuri — a rivolgersi altrove, sebbene di architetti ce ne siano davvero tanti in circolazione, soprattutto in Italia.
– Tanti architetti ma pochissime realizzazioni? E come fate?
– Semplice: ci siamo organizzati.
Chi non è impegnato a realizzare opere ha molto tempo per studiare, parlare, scrivere, discutere delle opere degli altri. O per insegnare ad altri come fare — o probabilmente non fare — l’architetto. O per occuparsi di altre cose più o meno interessanti che nulla c’entrano con l’architettura. In ogni caso è una delle professioni più complesse di questo mondo.
– Ma allora perché hai scelto questo mestiere?
– Finché dura, avrei ancora intenzione di migliorare questo posto, un progetto alla volta.
– Esagerato. E poi pensi che meriti il tempo che gli dedichi ogni giorno, tutti i giorni?
– Hai una domanda di riserva?
– Certo: puoi spiegarmi meglio cos’è l’architettura?
– Oddio. Potrei dirti che è una convenzione, un termine su cui ci siamo messi d’accordo, ma non è così in realtà. Nessuno è stato mai capace di darne una definizione chiara e condivisa una volta per tutte. Ciascuno ha in testa una sua idea di architettura, e forse è anche giusto così.
Semplificando, l’architettura costruita potrei spiegartela come il risultato concreto, in forma di spazio e materiali, di una serie di condizioni (economiche, culturali, sociali) che coinvolgono tanto il progettista ed i suoi collaboratori quanto il cliente e il contesto in cui si trovano a lavorare. Un lavoro di squadra.
– E quindi?
– Quindi non pensare all’architetto come ad un artista solitario, che produce opere fantastiche frutto della sua pura creatività. E immaginati l’architettura come il risultato di una serie di positive coincidenze. Una botta di fortuna, o un incrocio di sentieri, per cui un cliente ispirato ha incaricato un bravo professionista a realizzare un’opera eccezionale. Non sempre queste tre condizioni riescono ad allinearsi in un unico progetto, ma quando accade è molto probabile che si tratti di architettura.
– Sì, ma se prima dicevi che gli architetti realizzano così poco rispetto a tutto quello che ci circonda, in fondo a cosa serve l’architettura per chi non è architetto?
– A cosa serve l’architettura. Bella domanda. È un po’ come per la musica, la poesia, le arti figurative: potrei dirti che serve a dare la misura della nostra civiltà come uomini, di quello che riusciamo ad immaginare e realizzare andando oltre il soddisfacimento delle banali esigenze funzionali o pratiche, pur essenziale in ogni architettura che si rispetti.
Serve a spostare più in alto l’asticella, a creare dei riferimenti, a dire al mondo e a chi verrà dopo: questo siamo, questo è lo spazio in cui intendiamo vivere e fare esperienze, questo è il nostro tempo e il nostro retaggio. Ti pare poco?
– Non mi hai convinto.
– Allora capisci perché realizziamo tre costruzioni su cento. Andiamo a farci un tuffo, dai…

(agosto 2017)

******************************************************

Nota del curatore della serie “a che serve l’Architettura”.

L’articolo é postato a nome di Luca. Per conoscere meglio chi è e cosa fa di seguito riporto i suoi link:

web www.spacelab.it
blog spacelab.it/theblog
fan page facebook.com/spacelab.it
twitter Spacelab_it

Intelligenza collettiva

3 agosto 2017

Cos’è l’architettura? Si farebbe molto prima a dire cosa non è. Provo comunque a rispondere alla domanda imponendomi l’esercizio di elaborarla come se a farmela fosse stato un bambino delle elementari o, tuttalpiù, un adolescente delle scuole medie. Credo, per questo, possa essere strumento utile certamente ai non architetti nel comprendere meglio in maniera semplice cose che sfuggono al senso comune sull’argomento, ma anche stimolante per gli architetti stessi, poiché ricordare i fondamentali in un’epoca di continui reset di memoria anche sulle cose più banali, può rivelarsi ogni tanto vitale e necessario.
La specie umana abita il pianeta terra da milioni di anni. La società degli uomini è organizzata sin dalle origini secondo modalità comportamentali che somigliano molto ad altre specie viventi. Come ad esempio quelle di api, vespe, formiche o termiti che, in entomologia, vengono chiamati anche “insetti sociali”. Queste particolari specie animali, che si sono evolute e abitano il pianeta terra come la specie umana da milioni di anni, si distinguono per la loro capacità di costituire società ordinate e collaborative, in grado di costruire strutture abitative molto complesse quali alveari, termitai, formicai, pur essendo animali minuscoli con un sistema nervoso relativamente semplice. Dallo studio della capacità di cooperazione di questi insetti si è scoperto che, con poche indicazioni basilari e anche in assenza di capi guida o di progetti organici, gli “insetti sociali” sono in grado di cooperare per raggiungere obiettivi complessi. L’intelligenza limitata di animali minuscoli non è di per sé un impedimento alle loro potenzialità, perché , organizzati in gruppi di migliaia di individui, costituiscono una sorta di “intelligenza collettiva”, che ha portato alcuni studiosi a parlare addirittura di “superorganismo”.
Ora, la specie umana, che a partire dall’Homo Sapiens si è evoluta su questo pianeta in circa 200.000 anni di vita, nel suo modo di strutturare la società in cui vive, di organizzarsi, e di trasformare l’ambiente in cui abita, dimostra di avere forti similitudini in analogia con queste capacità.

L’architettura è la modalità di appropriazione dello spazio che la specie umana sa mettere in pratica per rispondere alle capacità organizzative dell’intelligenza collettiva che caratterizzano la propria specie.

01_Marienbad-Costellazioni copy2

Collage n.01 | Costellazioni/Costell-Azioni/Co-Stelle-Azioni.

Collage n.01 | Costellazioni/Costell-Azioni/Co-Stelle-Azioni. Insieme di corpi (celesti) in movimento nello spazio. Insieme di corpi (anche celesti) che si muovono assieme in uno spazio vuoto. Corpi (e anime) che si spostano nello spazio secondo diagrammi geometrici relazionali | il filo rosso ricuce trame nel vuoto del mio collage surreale | Constellations | red wire sews wefts in the empty space of my surreal collage. Rielaborazione della locandina del film “l’anno scorso a Marienbad” di Alain Resnais, 1961 | sullo sfondo scrittura in Braille | Free processing of a frame of the movie “L’Année dernière à Marienbad”, Alain Resnais, 1961 | background Braille writing

 

L’architettura è il luogo in cui viviamo, il territorio che trasformiamo e lavoriamo da secoli con l’agricoltura, con le infrastrutture che usiamo per attraversarlo, con le città, i quartieri, le case che abitiamo, gli uffici dove lavoriamo, con le scuole dove studiamo, i parchi dove passeggiamo e giochiamo, i musei che visitiamo, con le fabbriche e i negozi che producono e vendono i prodotti che consumiamo, con le reti (di acqua, luce, gas, telefono, trasposti) che usiamo per l’energia, per comunicare con i nostri simili, per spostarci, con gli edifici di culto dove consumiamo i nostri rituali di vita e di morte, i porti dove approdiamo e da cui ripartiamo, le piattaforme di lancio da cui decolliamo alla ricerca di nuove forme di vita su altri pianeti.
Ma tutte queste cose hanno una forma e sono fatte di una materia esattamente come lo sono i termitai, gli alveari o i formicai. Le vespe e le api impastano e lavorano il miele che producono dal polline dei fiori, le formiche e le termiti, la terra e materiali naturali, come rami e foglie, che plasmano secondo schemi geometrici ben precisi per accogliere lo svolgimento di funzioni primarie di cui necessitano: la riproduzione della specie, il riparo e lo stoccaggio di scorte alimentari per la sopravvivenza.

L’architettura quindi non è solo la modalità di appropriazione dello spazio ma anche quella di manipolazione della materia che la specie umana sa mettere in pratica per rispondere alle capacità organizzative dell’intelligenza collettiva che caratterizzano la propria specie.

 

02_Marilyn tuoch the ceiling2

Collage n.02 | Marilyn sfiora il soffitto.

Collage n.02 | Marilyn sfiora il soffitto. La linea rossa attraverso il mio collage surreale | Marilyn touches the ceiling. Red line through my surreal collage | Dedicato alla Bellezza e alla sua Musa-Divinità Afrodite. A differenza di altre dee che mai poterono scegliere nè compagni nè amanti, Afrodite fu libera e ne scelse diversi. Ares, il Dio della Guerra, da cui ebbe 2 figli, Deimo (Terrore) e Fobo (Paura). Ermes, il messaggero degli Dei, da cui ebbe il dio bisessuale Ermafrodito. Poi scelse Efesto, lo storpio Dio della fucina e del fuoco. Non ebbero mai figli ma il loro “matrimonio”, dalla natura fortemente erotica, suggella nel mito l’unione simbolica tra Bellezza e Tecnica da cui nasce l’ARTE, quindi anche l’ARCHITETTURA | Dedicated to the beauty and her goddess Aphrodite. differently from the other goddesses who could not choose neither husbands nor lovers, Aphrodite was free and could choose many. Ares, the god of war, from which she had two children, Deimo (Terror) and Fobo (Fear). Hermes, the messenger of the gods, to which she gave a son, the bisexual god Hermaphrodite. Then she chose Hephaestus, the cripple god of the forge and fire. They never had children but their marriage, by nature highly erotic, it seals in the mithe the symbolic union between Beauty and Technique from which it arises the ART, so also ARCHITECTURE. Fotomontaggio basato su foto di Lionel Freedman (Louis Kahn guarda il soffitto a tetraedri della sua Yale University Art Gallery, 1953), Milton Green (Marilyn Monroe, Black sitting series, 1956), (fonte incerta) Generative Design | photomontage based on photos by Lionel Freedman (Louis Kahn Looking at His Tetrahedral Ceiling in the Yale University Art Gallery, 1953), Milton Green (Marilyn Monroe, Black sitting series, 1956), (unknow sources) Generative Design

Architettura è la forma, la geometria, che diamo alle materie per fare il tetto sotto cui ci ripariamo, la stanza e il letto dove dormiamo, lo studio o il tavolo dove lavoriamo, studiamo, mangiamo, la cucina dove prepariamo i cibi che consumiamo, il giardino dove ci rilassiamo, il soggiorno di casa dove guardiamo la televisione o riceviamo gli ospiti, la scala sulla quale saliamo, il muro con il quale dividiamo e delimitiamo gli spazi delle nostre case, degli uffici, delle scuole, delle stazioni, dei musei. Architettura è la forma, la geometria, che diamo alle materie per fare le porte che attraversiamo, le finestre da cui ci affacciamo, i percorsi che percorriamo, i marciapiedi sui quali camminiamo, i cassonetti o i cestini dove gettiamo i nostri rifiuti, i bar dove ci incontriamo, le sedie e le poltrone su cui ci sediamo, l’autobus sul quale saliamo per andare a scuola, al lavoro o a fare shopping, il treno , la macchina o l’aereo sui quali viaggiamo…
Ma allora, se siamo come le api o le formiche quindi, l’architettura e la sua forma basta che rispondano solo a esigenze di tipo funzionale e niente più?
No, è la risposta.
Proprio perché noi, pur somigliando loro, non siamo, solo, come le api e le formiche né come nessun’altra specie, anche la più evoluta, che abiti assieme a noi su questo pianeta. Noi siamo in grado di creare e inventare qualcosa che nessun altro essere vivente dotato di “intelligenza collettiva organizzata” può. Qualcosa che si allontana molto dalla materia.
Noi, in quanto esseri dotati di autocoscienza, sogniamo ma creiamo anche il sogno. Da dove poi provenga questa autocoscienza è ancora un mistero sul quale gli scienziati oggi attraverso la chimica organica, le neuro scienze e le biotecnologie si interrogano sempre più.
Noi abbiamo inventato la metafisica. Questo significa che, in quanto esemplari appartenenti alla specie umana, siamo capaci di andare oltre le cose tangibili e concrete, possiamo essere “costruttori” anche di simboli e significati, cose intangibili ed astratte che si evolvono e cambiano anch’esse in base alle evoluzioni e ai cambiamenti della stessa società degli uomini.

 

13876516_10207335010513779_5471031252681416766_n

Collage n.03 | I Pilastri del Potere.

 

Collage n.03 | I Pilastri del Potere. La linea rossa tiene appese strutture in movimento nel mio collage surreale | The Pilars of Power. My red line keeps hanging structures in motion in my surreal collage. Rielaborazione dell’immagine “Torri del Potere, Torri di Trasmissione Elettrica”, foto di Will Connell, 1935; Ezralow Dance Company, foto di Lois Greenfield | free processing of Towers of Power, Electrical Transmission Towers, photo by Will Connell, 1935; Ezralow Dance Company, photos by Lois Greenfield 

 

 

 

 

 

 

L’architettura quindi non è solo la modalità di appropriazione dello spazio e di manipolazione della materia ma anche quella di costruzioni di simboli e significati, quella capacità di dare “sostanza a sogni sperati” che la specie umana ha messo in pratica per secoli, distinguendosi qui da ogni altra specie vivente. Se si perde la capacità di sognare, si perde la capacità di sperare, di immaginare, di progettare, quindi di dare sostanza a quei sogni, si arresta la spinta evolutiva che ci ha portato fino a qui, si attua un processo involutivo, si rinuncia a qualcosa di unico che abbiamo solo noi, si rischia di fare meno delle api, delle formiche o delle vespe. Rinunciare all’architettura significa rinunciare al sogno di una molteplicità o di un singolo, significa rinunciare alla nostra specifica intelligenza collettiva, tradendo l’obiettivo che dovrebbe essere in noi innato di rispondere, a modo tutto nostro, alle capacità organizzative proprie che caratterizzano la nostra specie.

13435435_10206996012119031_3314788660691919846_n

Collage n.04 | Sipari-Separé Urbani. interno oltre l’esterno.

 

Collage n.04 | Sipari-Separé Urbani. interno oltre l’esterno. La linea rossa è tornata e colpisce ancora nel mio collage surreale| Interior beyond Exterior . the thin red line is back and strikes again in my surreal collage. Rielaborazione di foto di: Amore e Psiche, Antonio Canova, 1788-93, Museo del Louvre; edifici romani, foto di Antonio Idini | Digital Collage, free processing of Roman buildings, photo by Antonio Idini ; Love and Psyche, Antonio Canova, 1788-93, Louvre Museum

 

 

 

 

 

A cosa serve l’Architettura se il sindaco e i cittadini non si pongono il problema?

18 luglio 2017

Sollecitato a fornire una risposta alla domanda: a cosa serve l’Architettura? Santo Marra, dello studio Sudarch, nonché attivo collaboratore di Amate l’Architettura, mi ha inviato una breve riflessione su un lavoro che sta sviluppando.

Al netto dell’architettura autoreferenziale, fuori da giudizi di valore, è necessario capire qual è oggi la sua missione: è uno striscione per turisti? È un privilegio dei benestanti? O uno strumento per migliorare la qualità della vita?
Convogliando l’architettura e i processi di significazione che porta con sé in quelle aree che ne rappresentano la periferia tanto urbana quanto sociale, economica?

Da qualche tempo lavoro a un progetto che riguarda la periferia nord di Reggio Calabria: Arghillà. Un quartiere ideato, progettato, realizzato come ghetto, in un’operazione certo anacronistica, eppure incontrastata. Governa la criminalità diffusa, l’abusivismo, il commercio di droghe e affini: è luogo di discariche urbane. Ad Arghillà nessuno conosce la parola architettura.
Il lavoro che stiamo facendo sul territorio – con l’aiuto della parte sana che non ci sta – è principalmente di comprensione, al fine di calibrare delle proposte che coniughino le nostre sensibilità (piccole o grandi) architettoniche e la riqualificazione (ambientale, sociale, funzionale, ecc.) dell’area, nella consapevolezza che non ci possa essere legalità senza qualità urbana (architettura compresa) e viceversa.
Purtroppo il tema dell’architettura, per l’appunto, lo stiamo ponendo noi, non è richiesto né dal comune, né dai cittadini, non interessa alla città.

11072357_10152823504653253_832446072_n

19961509_1954004391551130_141625348834446147_n

Quindi?

A cosa serve l’Architettura se il sindaco e i cittadini non si pongono il problema?
Nella sfida ipotetica di spiegarglielo provo a dire loro che l’architettura è un “bene comune”.

Negli ultimi anni è cresciuto l’interesse per i cosiddetti “beni comuni”: coinvolge tecnici, politici e soprattutto cittadini, con interpretazioni molto varie. Ma cosa sono i “beni comuni”, non sono forse quei beni che migliorano la qualità della vita dei cittadini e arricchiscono la comunità? Sono i beni ambientali come l’aria, la terra, i boschi, l’acqua, la salute quindi la sanità, i servizi sociali, il lavoro, ma anche la legalità, la sicurezza, l’istruzione, la conoscenza… certo il patrimonio culturale e artistico. Perciò anche l’architettura.

Nel linguaggio corrente i beni comuni sono spesso ricevuti in una dimensione non concreta, ma concettuale. Nei laboratori di quartiere avviene il contrario: la dimensione percepita è la concretezza, a partire da questioni d’emergenza, quali degrado e abbandono, rifiuti e inquinamento, criminalità e sicurezza. Facile comprendere come l’architettura appaia tutt’altro che una volontà primaria. Però, proseguendo per lo stesso ragionamento, è possibile affermare che la mancanza di architettura, cioè la bruttezza delle città, rientra tra le questioni prioritarie da affrontare per la riconquista della bellezza come “bene comune”.
L’architettura allora si configura come uno dei possibili strumenti, forse l’unico in grado di risolvere l’emergenza in una rieducazione della città: dispositivo di intervento a partire sia da un concreto che da un astratto al fine di realizzare la piena disponibilità dei beni comuni, educare alla totalità associativa dei vari termini.

 

In allegato la foto di un masterplan partecipato, dove poniamo ai cittadini questioni architettoniche non come fine ma come mezzo e metodo per governare il processo di rigenerazione.

Green StratUp TAV SINTETICA

A cosa serve l’Architettura? – Il riepilogo

17 luglio 2017

Riporto qui la lista degli articoli della serie.

Le regole del gioco, disattese dai più, sono semplici.

  • Rispondere alla domanda: “a cosa serve l’Architettura?”
  • Farlo utilizzando non più di 30 parole.
  • Aggiungere (almeno) una immagine, una foto o un disegno che esemplifichi il pensiero.

Di seguito la lista, che sarà aggiornata di volta in volta, di tutti i contributi.

Mattia Paco Rizzi, l’accordatura del liuto.

Luca Silenzi, fortunate coincidenze.

Cecilia Anselmi, l’intelligenza collettiva.

Santo Marra, la disponibilità del bene comune.

Gianluca Adami, la forma.

Aldo Canepone, la tensione dialogica.

Giulio Paolo Calcaprina, la coerenza.

Davide Vargas, la responsabilità.

Pietro Carlo Pellegrini, il regalo.

Domenico Fornarelli, il Geme.

Giorgio Mirabelli, il sangue che ci costa.

Roberto Malfatti, la Mezquita.

Luigi Prestinenza Puglisi, la Speranza.

Diego Terna, la ricerca.

Alfredo Giacomini, l’urgenza dell’Architettura.

Cristina Senatore, la consapevolezza.

Vilma Torselli, l’ipertesto.

Guido Incerti, la guida.

Vita Cofano, la sinteticità.

Emmanuele Jonathan Pilia, atti vandalici.

Stefano Nicita, la spiritualità.

Cristina Donati, spazio pubblico vs privato.

Raffaele Cutillo, il tradimento.

qui riporto alcune delle immagini di supporto fornite

received_10212846847314046

Disegno di Raffaele Cutillo. “La casa la voglio sospesa sul mare”. Omaggio a Malaparte, Gennaio 2016

disegno per giulio pascali

Cristina Senatore. Intervento grafico su dipinto “madonna della misericordia” di Piero della Francesca

18741238_1056147801151334_785948605_n

Roberto Malfatti. La Mezquita di Cordova

13876516_10207335010513779_5471031252681416766_n

Cecilia Anselmi. Collage n.03 | I Pilastri del Potere.

"Hypercantilever", concept, Spacelab Architects 2017.

“Hypercantilever”, concept, Spacelab Architects 2017.

Architettura…. Forma e finitura dello spazio

17 luglio 2017

A cosa serve l’Architettura?

è la domanda che sta ponendo Giulio Pascali agli architetti. Qui riporto la mia definizione.

L’architettura definisce forma e finitura dello spazio, ma soprattutto, attraverso un linguaggio fatto di materia, rappresenta e comunica dei valori.

19959450_10211450023819002_6079725959854003024_n

Rendering del progetto di Terragni su via dei Fori Imperiali

L’Architettura è tensione dialogica

10 luglio 2017

Confesso che non conoscevo l’arch Canepone. Per niente.

Questa ricerca è una sequenza di confessioni, dovute principalmente alla mia gigantesca ignoranza; ci sono colleghi espertissimi di tutto quello che è stato scritto, pensato e prodotto nella storia dell’architettura; ci sono colleghi super informati su ogni novità, nuovi prodotti, nuove realizzazioni, nuovi architetti o architetti meno nuovi ma non conosciuti al grande pubblico. Colleghi con le idee chiare.

Io non sono uno di loro.

Non lo dico per snobismo anti culturale. Non faccio parte di chi mitizza Fantozzi che esclama “è una cagata pazzesca!” ridicolizzando gli intellettuali. Anzi, i portatori di conoscenza, gli euruditi, sono la struttura portante dell’evoluzione e dell’innovazione. Non c’è ricerca senza conoscenza; quando si difetta di conoscenza tocca rubarla da chi ne ha in abbondanza.

Per questo per la mia ricerca ho deciso di coinvolgere gli altri; per questo punto a diversificare le fonti, i personaggi da coinvolgere.

Per questo il mio metodo (la mia linea editoriale) finisce con l’essere un po’ casuale, potremmo definirla una ricerca psicogeografica (e con questo sotto sotto, vi dico che un po’ di erudizione, nonostante gli sforzi, mi resta incrostata sulla pelle); navigo a vista, sia perchè non sono partito con una idea precostituita della risposta che mi aspetto, sia perchè più vado avanti e più mi rendo conto di navigare in mezzo ad una nebbia fitta. Gli articoli che pubblico non sono altro che apparizioni nella nebbia.

In questo contesto accolgo molto volentieri i suggerimenti degli amici; non è quello che si fa spesso quando si parte per un viaggio? si chiede tra gli amici qualche suggerimento? ma anche durante i viaggi, le scoperte migliori si fanno chiedendo sul posto, raramente si rimane delusi.

Ecco quindi che è saltato fuori Aldo Canepone, segnalato da una collega/amica di Amate l’Architettura.

Chi lo conosce mi assicura che la sua prosa rispecchia il suo carattere rigoroso e accurato, riscontrabile nella sua attività didattica.

La sua risposta “ufficiale”, 32 parole compresi gli articoli, è una poetica dichiarazione d’amore per l’Architettura e la sua disciplina… Eccola:

…l’architettura serve a far crescere un fiore nel deserto materiale… è una tensione dialogica tra disciplina e contesto espressa con sensibile coscienza…fiducioso angelo che accompagna il pensiero e l’azione…

FB_IMG_1499063684431

Aldo Canepone – l’angelo posato sull’architettura, presenza fiduciosa che misura e riflette – 2016

 

Aldo ci ha inviato anche un post scriptum che completa questa definizione, ampliando a tutto il contesto della nostra società la sua riflessione:

P.S.: note a margine: ovviamente l’architettura serve se è poesia ma serve (seppure questa parola in sé lascia qualche perplessità) ad elevare e riunire di senso compiuto e sensibile il contesto, troppo spesso di mera materialità (che è anche tanto altro, è anche storia e luogo, spazio e presenza fisica dell’ambiente umano, esperienza e conoscenza individuale e collettiva, ed è anche il sito, un territorio, un paesaggio, una comunità, l’occasione specifica ed una economia che la promuove, ecc.), non è (non dovrebbe essere) moda e non serv(irebb)e se è tale, se è serva del capitale le mancherà “il” fondo (e la testa), e non è solo poesia seppure è un’aspirazione ad un mondo migliore, ecco a cosa serv(irebb)e  il capitale, “serv(irebb)e” (l’architettura e per essa il capitale) alla collettività che vi si confronta e vi si riflette ed eleva, come per le utopie a volte qualcuna precipita e si concretizza, a volte bene, altre volte un po’ meno, dipende; insomma non è solo un mestiere ed un lavoro, al servizio di, e non è solo riflessione ed azione artistica, e non è solo disciplina, anche se lo è nel fondamento e nella sostanza, è tensione dialogica espressa dal e nel contesto con sensibile coscienza, appunto, mai sottoposta ad una flessione per non soccombere, è concentrazione ed impegno, costante, a volte un sorriso le riserba il dono della superficie distesa ma è tanta profondità anche laddove il mare (il contesto, materiale) non è sempre lo è. Potremmo anche dire dell’architettura che è tante cose e niente insieme, per questo è tensione dialogica costante ed operante con sensibile coscienza.

Insomma tutto infine torna dal vuoto da cui è partito avendo ognuno cercato di riempirlo, nella realtà che ha vissuto e vive, nel modo che ha ritenuto e ritiene essere il migliore, per l’architettura…e poi l’angelo che accompagna, suggerisce, misura e riflette…è la sua ombra…AC.