CALL 100 parole: “COSA FARÀ L’ARCHITETTO NEL POST-COVID?” Riflessioni di Alberto Di Forte

2 Agosto 2020

ll post Covid19 per l’architetto è una sfida con un grande peso sociale.
Si avrà la necessità di riconcepire gli spazi della socialità delle città, dei condomini e delle nostre case.
Lo spazio sociale dovrà ricostruire i legami relazionali tra la gente, dovrà essere iniettore di fiducia, resiliente e dialogante con il mondo naturale.
Ho in mente 6 punti:
1) Ristabilire il rapporto tra uomo e natura
2) Interconnessione degli spazi, spazio flessibile
3) Recupero del patrimonio esistente e confinamento della crescita urbana
4) Impronta ecologica urbana – la città come organismo vivente
5) Contagio culturale
6) Restituire l’architettura agli architetti

Testo: Alberto Di Forte
Immagine: Alberto Di Forte,  Archigate for freedom


Lascia un Commento