I Piani Colore, non solo una questione estetica!

20 marzo 2018

Molto spesso, girando tra le vie dei piccoli centri storici, capita di imbattermi in delle ABNORMI BRUTTURE: colori sgargianti delle facciate, giustapposizione di elementi di varia natura, materiali incoerenti tra di loro.

Ma no, non sto parlando di un mero discorso “di gusto”. Preservare i luoghi più antichi delle nostre città o dei paesi è un discorso più ampio e legato alla memoria storica. E’ un dovere che abbiamo verso i nostri avi, ma anche verso noi stessi e chi ci seguirà.

Per questo sempre più Comuni stanno adottando i cosiddetti “PIANI DEL COLORE”, dei veri e propri STRUMENTI URBANISTICI che possono essere adottati dalle singole amministrazioni locali al fine di tutelare, salvaguardare o migliorare i caratteri predominanti di una città dal punto di vista dei colori e degli elementi che compongono l’involucro esterno di un edificio.

Oltre ad essere una questione legata all’etica ed al vivere sostenibile, questa questione è quindi un obbligo normativo. Chi deve effettuare in un fabbricato dei lavori che riguardano anche gli esterni è tenuto a seguirne le disposizioni e non sempre è cosa facile.

 

Per questo ho fatto UN GIRO VIRTUALE NELLA REALTÀ ITALIANA per cercare di fare un punto della situazione che spero possa essere utile a chi, tecnico o non, volente o nolente, si debba destreggiare tra queste tematiche. Di seguito ho esplicitato i risultati.

 

  • DESCRIZIONE DEL PIANO COLORE

CATEGORIA: Regolamento Edilizio

EMISSIONE: Delibera di Consiglio comunale

STORIA: i primi piani vennero adottati in Italia negli anni ‘80

OBBIETTIVO: salvaguardia dei piani verticali (e non solo) del centro storico attraverso la regolazione e il controllo dell’attività di manutenzione non ordinaria che assicurino uniformità, continuità visiva e coerenza dell’immagine della città.

OGGETTO:

  • coperture (manti di copertura, canne fumarie, lucernari, abbaini, antenne, canali di gronda e pluviali, pannelli solari/fotovoltaici),
  • superfici di facciata (intonaci, rivestimenti, tinte, decorazioni plastiche, muri di recinzione),
  • elementi di finitura (porte, porte-finestre, vetrine, grate, ringhiere e cancelli),
  • impianti tecnologici (cavi elettrici, fili telefonici, tubi di gas e acqua, campanelli, citofoni, videocitofoni),
  • oggettistica legata a funzione di tipo commerciale (insegne, targhe, tende frangisole, illuminazione, contenitori espositivi e distributivi),
  • segnaletica ed affissione, targhe toponomastiche, numeri civici, stendardi e striscioni.

PERIMETRAZIONE: centro storico o intero territorio comunale.

DOCUMENTI: relazione-guida al restauro con gli interventi da realizzare caso per caso, norme tecniche con l’elenco dei passaggi da seguire per mettere in atto il piano del colore, dei vincoli, delle prescrizioni e delle sanzioni, abachi per rappresentare i vari manufatti e i materiali, tavolozza dei colori.

INFORMAZIONI: Sportello Unico dell’Edilizia

  • DESCRIZIONE DELLE FASI DA SEGUIRE
  • INFORMARSI:
  • verificare il contenuto del P.R.G., dei piani particolareggiati, delle norme tecniche,
  • verificare l’eventuale presenza nel Comune di un Piano del Colore (in caso affermativo si potrà procedere con le fasi seguenti).
  • PRESENTARE IL PROGETTO:
  1. rilievo schematico della facciata 1:100/1:50,
  2. rilievo tecnico-morfologico della facciata 1:100/1:50,
  3. rilievo degli impianti e degli arredi della facciata 1:100/1:50,
  4. rilievo cromatico della facciata 1:100/1:50,
  5. rilievo fotografico stato di fatto,
  6. eventuali indagini chimico-fisiche di intonaci, pietre, laterizi,
  7. modulistica,
  8. relazione stato di fatto/di progetto illustrativa di forme, dimensioni, materiali, colori.

 

Resta inteso che i suddetti documenti vadano presentati prima dell’inizio lavori e che le tempistiche variano da Comune a Comune. I lavori potranno avere inizio solo dopo l’ottenimento del Nulla Osta da parte degli organi dell’ufficio preposto.

  • EFFETTUARE I LAVORI:

aspettarsi sopralluoghi dall’ufficio del Comune competente

  • COMUNICARE LA FINE LAVORI E PRESENTARE LA DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA:

nel caso di difformità dalla pratica edilizia presentata si procede secondo la legge che regola la vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia.

Le eventuali sanzioni riguardano il pagamento di una somma di denaro e relative il ripristino dell’assetto ante operam.

Ta le principali città italiane ad aver adottato un Piano del Colore risultano grandi centri come Torino, Siena, Pavia, Parma, Roma e Lecce ma anche piccole ma rilevanti realtà come Agropoli, Alghero, Pantelleria, Deruta e Prato.

Ovviamente è sottinteso che durante tutto l’iter bisogna farsi seguire da un architetto, che possa seguire passo passo l’esecutore dei lavori dalla raccolta delle informazioni preliminari, alla redazione del progetto, allo svolgimento e conclusione dei lavori.

 

Foto e disegni: Vita Cofano

Editing: Daniela Maruotti

 

 


Lascia un Commento