Ordini professionali come Servizio civile

30 settembre 2017

[nota degli amministratori, abbiamo ricevuto da Christian Rocchi questa risposta al nostro articolo Fuori di Lista, una risposta che pubblichiamo molto volentieri]

Cari colleghi,

chiedo in anticipo venia per la quantità di parole che seguono, ma queste pagine sono state sempre occasione di riflessione ed approfondimento interessante e cosi’ ne approfitto.

Tempo fa avevamo scritto, proprio su Amatelarchitettura, su cosa dovesse essere il sistema ordinistico.

(mi scuso per l’autoreferenzialità, ma ho trovato questo di link).

Penso si possa concordare che un ordine non dovrebbe essere espressione distaccata da cosa pensiamo la nostra società debba essere. La società, oggi, dovrebbe definire ogni singolo suo componente e soprattutto chiarirsi le idee sul concetto di cittadino/consumatore.

A mio avviso gli ultimi tragici anni, dal punto di vista economico e lavorativo, hanno delineato un’Italia che a pochi di noi appartiene. I diritti del consumatore hanno prevalso sui diritti di cittadino. Le problematiche già presenti ante crisi si sono acuite e i temi di un liberismo senza regole certe al contorno, una su tutte il diritto ad avere giustizia, hanno privilegiato non la qualità delle persone, non il miglioramento spirituale dei cittadini a cui aspirava la filosofia liberale crociana, ma i gruppi di potere economico.

Il liberismo con Croce è stato definito come uno strumento di attuazione e di raggiungimento di obiettivi “filosofici” liberali: quelli di miglioramento dello stato spirituale della società per intenderci. Croce criticava, però, la cieca fiducia nei mercati ed il liberismo identificato con la teoria del “laissez-faire” dell’economista francese Frédéric Bastiat. Con Monti lo strumento è diventato lo stesso fine con buona pace dell’obiettivo filosofico del miglioramento etico della società, e con una fiducia illimitata sul potere di miglioramento sociale, quasi taumaturgico, del libero mercato.

Tra questi due opposti (ma simili perché procedenti da posizioni idealiste), tra il filosofo puro e l’economista fine a se stesso, si inserisce la visione pragmatica di Einaudi: non spetta all’economista fissare gli obiettivi da raggiungere, spetta al politico/filosofo, all’economista spetta il compito di realizzare la visione posta dal politico con lo strumento che riterrà più opportuno.

Quindi la ricetta pragmatica di Einaudi è: la cosa pubblica detta gli indirizzi per un miglioramento delle condizioni comuni, ma è manifesto dell’eticità delle singole persone. Ovvero: lo Stato, la cosa pubblica, non è padrona delle sorti dei suoi cittadini, non si impone come si imponeva il fascismo, per capirci, ma ne inspira il miglioramento attraverso, si, la libera iniziativa ed autodeterminazione, ma non escludendo a priori l’intervento regolatore dello Stato.

Non credo nelle idee che non mettano gambe e piedi e che non camminino nella realtà. Credo che debbano essere fonte di ispirazione, idee a cui tendere, ma sapendo bene che la perfezione delle idee esiste solo come concetto e che la realtà sia un’altra cosa. Da questa visione pragmatica la necessità dell’intervento regolatore del pubblico e di sistemi di controllo, disinteressati, scollegati da qualsiasi fine economico ed indirizzati al solo al conseguimento del miglioramento della società.

A questo dovrebbe servire un ordine e tale servizio dovrebbe essere operato da persone disinteressate, ovvero interessate unicamente a mantenere esclusivamente sul piano di sicurezza e qualitativo la resa dei servizi dei propri iscritti.

La conduzione degli ordini dovrebbe essere considerato da tutti un servizio civile espletato a favore della società. Va da se che in nessun modo dovrebbe essere considerato opportunità di crescita economica personale diretta ed indiretta, ma, utilizzando lo stesso pragmatismo einaudiano, in una società superficiale com’è quella in cui viviamo, dove troppo spesso è l’abito che fa il monaco, la stella sul petto diventa occasione anche di visibilità e tornaconto indiretto.

Per questo credo che sia giusto il confine dei due mandati espresso, senza alcun dubbio, dalla legge.

Troppo spesso nella storia degli ultimi anni della nostra istituzione pubblica, l’Ordine degli architetti di Roma e provincia a cui appartengo, si è anteposto l’io all’assemblea, l’egoismo di una persona ai fini istituzionali dell’ente pubblico.
Per questo, anche e soprattutto, non ho accettato la richiesta di alcuni del mio gruppo di candidarmi presidente. Alcune volte c’e’ necessità di vivere le idee, in cui si crede, sulla propria pelle.

L’idea a cui si deve tendere non è un ordine fatto da 1, ma è un ordine aperto a tutti e ho i miei forti dubbi che la pensi in questo modo il consiglio uscente, dal quale circa due anni fa, dopo le elezioni al Consiglio Nazionale degli Architetti (ogni volta deleterio per la nostra istituzione) ho preso le distanze.

Le liste formalmente non esistono ed è vero, ma esistono modi diversi per arrivare a comporle: quella di collezionare la lista della spesa per cercare di raccattare più’ voti possibili, e spesso create nel vuoto delle idee, e quelle nate invece da un confronto anche serrato e duro sui temi di nostro interesse. Due cose completamente diverse. Non condividevo e non condivido quindi fare miscellanea di persone, anche eterogenee, perché’ ha significato in precedenza e significherebbe anche ora mischiare persone con percorsi diversi.

Supportando PRO cerco di dare una mano alla costruzione di un ordine di tutti, un ordine fondato grandi su pilastri di legalità e rispetto per l’istituzione pubblica, un ordine chiaramente dove il presidente non sia il padrone e non si senta al di sopra delle leggi, ma sia uno dei 20000 iscritti.

Questa penso nel complesso che possa essere l’idea a cui tendere.

qui trovate la replica di Cecilia Anselmi e di Massimo Cardone


Lascia un Commento