Il voto trasversale non funziona, e perché

30 settembre 2017

Dare senso al voto è il primo passo per fare una scelta politica.
La posizione ufficiale di Amate l’Architettura nel tenere un profilo neutrale e super partes la comprendo e apprezzo molto. Vorrei però replicare al post sul voto “Fuori di Lista” uscito su A l’A il 28 Settembre scorso.
Il voto è qualcosa che ognuno inevitabilmente dovrà fare singolarmente secondo coscienza. Per questo è “segreto” e nessuno chiede di dichiararlo in pubblico. A meno che qualcuno non si senta liberamente per sua scelta di fare l’endorsement ai propri beniamini.
In questo periodo però, ciò su cui sto cercando di far riflettere le persone che incontro e con cui parlo di questi argomenti è: pensate molto bene non solo a ”chi” mandate dentro al consiglio, ma anche alla ”composizione” del gruppo.
Si possono votare 15 persone. Questo vuol dire che ogni votante può scegliere la propria ideale formazione del consiglio. Ora, capisco che il sentimento comune più diffuso e anche il più legittimo sia che ognuno voglia sentirsi libero di dare il voto alle persone di cui ci si fida e che reputa le più competenti e (anche) oneste. E che queste persone vi siano in ogni lista.

Ma noi candidati non siamo monadi. Se ci siamo messi in gioco è perché siamo inseriti, come singoli individui dotati di proprie specificità, in una ”rete relazionale” che, nel caso specifico del gruppo di cui faccio parte (forse meno per gli altri), è sostanza stessa della nostra scelta di candidarci!

Sto apprezzando molto e mi riempie d’orgoglio, sapere che tanti colleghi vorranno darmi la fiducia ma io da sola posso fare ben poco. Non ha senso per me (come per molte delle persone che hanno scelto di candidarsi), entrare in un consiglio con gente con cui non posso mettermi al tavolo per tentare di attuare il programma che ho definito assieme ai miei compagni di lista e che per me è l’unica road map degna di dare senso a quel consiglio e all’OAR negli anni a venire.

Sono interessata a fare un lavoro serio. Non sono interessata ad avere a che fare con burocrati d’apparato o a scaldare una poltrona all’interno di un’arida istituzione che funga solo da organismo di controllo.
Vorrei ricordare a tutti che io appartengo al popolo (assai numeroso) degli scettici. Di coloro che hanno mille perplessità e perduto ogni speranza in relazione alla possibilità di un cambiamento di questa istituzione e di altre. Se ho deciso di imbarcarmi in questa avventura e scommettere in questa sfida, è anche grazie alle persone con cui sto facendo squadra e con cui ho grandissimo affiatamento. Credo che questo sia aspetto da non sottovalutare, un plus, soprattutto una garanzia, per un elettorato altrettanto scettico, confuso e poco consapevole!

Votare me, deve significare votare il più possibile un gruppo di persone con le quali posso intraprendere un lavoro che sarà duro e difficile. Persone che hanno affinità tra loro, che sono convinte e solidali sul “come farlo”, e non solo sull’esserci. Innanzitutto riconoscendo un presidente, competente, autorevole e presentabile come portavoce di tutto questo. E secondo me Francesco Orofino, tra tutti i candidati, è l’unico credibile in tal senso.
Io vi chiedo, come lo sto chiedendo a tutti, di riflettere bene sulle cose che scrivo.
Sono fondamentali in generale, non solo per il mio gruppo. Mandare al consiglio 3 persone di una lista, 2 di un’altra, 1 di un’altra ancora, cioè contribuire alla composizione di un consiglio troppo misto, eterogeneo e disgregato, significa contribuire alla disgregazione e alla neutralizzazione delle potenzialità reali di effettuare un cambiamento. Quindi significa contribuire indirettamente al mantenimento dello status quo. Allora però non stiamo più a lamentarci. Teniamoci le cose come sono e rimaniamo in silenzio.

NON ILLUDETEVI CHE IL CAMBIAMENTO NON DIPENDA ANCHE DA VOI e dalla scelta che farete con il voto, il primo strumento che avrete in mano per attuarlo.

Un ringraziamento sentito a Al’A, per avermi dato voce, nonostante la divergenza di opinioni sul tema. La dialettica è l’anima della democrazia. Sempre.

qui trovate la replica di Christian Rocchi e di Massimo Cardone


Lascia un Commento