Fuori di Lista – La replica di Massimo Cardone

30 settembre 2017

[nota degli amministratori, abbiamo ricevuto da Massimo Cardone questa risposta al nostro articolo Fuori di Lista, una risposta che pubblichiamo molto volentieri]

Amate, grazie per la manifestazione di stima che sapete essere reciproca.

Stima che viene confermata per l’attenzione che state ponendo sul tema del rinnovo del Consiglio dell’Ordine; come mi è già capitato di dire, dobbiamo assolutamente approfittare di questa occasione per discutere del futuro della nostra professione, anche per capire se questo luogo statutariamente obsoleto che è l’Ordine Professionale può essere uno strumento di supporto al nostro percorso professionale.

Il nostro gruppo di ORDINE LIBERO è convinto che si sia perso il senso di questa Istituzione, che con il tempo si sia piuttosto lavorato al contorno, più per soddisfare ambizioni personali che per rispondere alla mission originale; così come si è disattesa completamente la Convenzione con il Comune di Roma che prevedeva che la Casa dell’Architettura fosse un luogo di promozione dell’Architettura aperto alla città e ai suoi abitanti, un luogo di discussione pubblica, molto lontano dal luogo autoreferenziale che è stato in questi anni; un risultato deludente, che va a discapito della nostra professione (senza promuovere l’Architettura non ci sarà lavoro per gli Architetti), se paragonato a quello della Casa del Jazz o del Cinema.

Noi pensiamo che bisognerebbe concentrarsi su questo così come sulla Formazione Obbligatoria che è un tema di opportunità e invece è stato trattato dall’Ordine uscente come una vessazione alla quale ottemperare senza troppo sforzo con corsi inutili: pensiamo ancora che la nostra professione si possa risollevare senza una reale crescita professionale diffusa? come pensiamo di competere con le altre categorie presenti sul mercato che rispondono meglio e con più competenza alla domanda professionale? la nostra superiorità professionale bisognerà conquistarcela sul campo e temo non ci sarà garantita per titolo. Vorremmo costruire un Ordine che garantisca corsi di altissima qualità e gratuiti; i soldi ci sono, basta tagliare sulle società partecipate come Prospettive Edizioni che pubblica una rivista utile più a chi ci scrive che a chi la legge. E ce sarebbe anche per abbassare la quota di iscrizione.
Per fare tutto questo, per credere in questa rivoluzione, bisogna però essere maggioranza; anche per questo nascono le liste; l’alternativa è essere opposizione in Consiglio ma siamo abbastanza grandi da voler ottenere il cambiamento.
E per fare questo bisogna anche essere credibili, quindi bene votare/valorizzare il singolo candidato, ma attenzione a valutare bene con chi si accompagna; di poltronisti incalliti con disprezzo delle regole, di veterani dell’Ordine mascherati da novità, di rivoluzionari dell’ultima ora – “eroi del tinello” li ha definiti la nostra candidata presidente Eleonora Carrano – ce ne sono molti. Facciamo bene le nostre valutazioni e votiamo anche i programmi.
Detto questo, che vinca il migliore sperando che sia il migliore per tutti e non per pochi.

Buon voto a tutti! Viva l’Architettura!

Massimo

qui trovate la replica di Cecilia Anselmi e di Christian Rocchi


Lascia un Commento