Cosa ci regala l’Architettura?

28 giugno 2017

Il museo dedicato all’eccidio di Sant’Anna di Stazzema è un luogo carico di emozioni.

Non so se sia proprio il luogo, già di per sé denso di storia e avvenimenti drammatici, o se sia stato l’Architetto, o se semplicemente sia io facile alla commozione, fatto sta che la prima volta che ho visitato il museo ho sperimentato come in poche altre ituazioni una emozione molto intensa.

Il museo è una piccola opera semplice, in grado però di dare forma agli eventi esposti, e contemporaneamente a non scomparire come architettura; l’allestimento c’è, si vede, ma non sovrasta l’oggetto dell’esposizione.

Il suo messaggio è: “io oggi vi racconto una storia che è avvenuta in questo luogo”.

L’architetto è Pietro Carlo Pellegrini.

Ho chiesto il suo contributo.

L’architettura a cosa serve ?

poche parole dedicate all’architettura

Conosco cosa regala l’architettura, quando è architettura :
educazione,
emozioni,
curiosità,
amore,
conoscenza,
ricordi,
sogni,
bellezza,
piaceri ,
progresso,
crescita
e tanto altro…………

Conosco cosa regala l’ architettura , quando non è architettura :
disagio,
sofferenza,
ignoranza,
maleducazione,
depressione,
ribellione,
bruttezza
regresso
decrescita
e tanto altro………………

Per questo c’è bisogno di architettura e di architetti consapevoli e responsabili di tutto ciò che
l’architettura può regalare nel bene e nel male .

genga-tempio-valadier-giacomo-marchegiani-national-geographic

Tempietto del Valadier a Genga


Lascia un Commento