A cosa serve l’Architettura? la risposta di LPP

10 giugno 2017

Nel chiedere in giro a cosa serve l’Architettura, pongo sempre un limite per così dire “programmatico”, dare una risposta in 30 parole. Non si tratta di un limite rigido, infatti, come si vede dalle risposte che ho pubblicato, il limite è stato abbondantemente superato.

I limiti sarebbero fatti per essere superati, direbbe qualcuno. Ma qui non siamo in questo caso. Il limite delle trenta parole per me ha il significato di spingere il mio interlocutore a fare uno sforzo di sintesi. La sintesi in questa maniera diventa un metodo di ricerca. Si dice che solo se sai descrivere quello che fai in poche parole allora sai veramente cosa fai. Se poi si trasgredisce questo vincolo non ne farei una tragedia, anche la ricerca è fatta di imprevisti e insubordinazioni alle regole, ma alla lunga mi pare che questa elasticità si stia trasformando in un alibi.

Così ho chiesto aiuto a chi in queste cose è un maestro: Luigi Prestinenza Puglisi. Questa è la sua risposta.

L’architettura serve a prefigurare il mondo così come vorremmo che fosse: è sostanza di cose sperate, secondo la bella intuizione di Edoardo Persico.

42f93446cf7193abf4b9b8b9bfeb3058

 


Lascia un Commento