La sorpresa di Pasqua: chi ha partecipato al concorso del Flaminio.

Sul sito del “Concorso Progetto Flaminio”, a cura di CDPI sgr, sono stati pubblicati senza nessuna nota informativa, per quanto ci risulta, i nomi dei 241 Gruppi di progettazione che hanno partecipato al Concorso e la loro composizione. Il tutto è stato fatto, come al solito, in “sordina”, che ci sembra sia il “marchio di fabbrica” di questo Concorso e di chi lo gestisce, almeno sotto l’aspetto della comunicazione, visto il profilo basso che si è scelto e, ancora una volta, non si capisce il perché, dato che il numero dei partecipanti è stato consistente, appunto 241, di cui 150 Gruppi Italiani, 83 Europei, 4 Americani, 2 Canadesi e 2 Cinesi.

Noi di Amate l’Architettura abbiamo fatto parte del Laboratorio di Progettazione Partecipata, contribuendo alla stesura del documento che fa parte del DPP (Documento di Progettazione Preliminare) consegnato ai 6 Gruppi finalisti della 2° Fase. Ma dall’inizio siamo stati e continuiamo ad essere assolutamente contrari al Bando, per come è stato articolato, ed a questa formula di Concorso che è stata scelta, anche per la “natura ambigua” del Soggetto banditore, e per questo motivo abbiamo lasciato il Laboratorio e rinunciato a partecipare all’incontro con i 6 finalisti e la Giuria del Concorso, che si è svolto il 23 Marzo scorso al Maxxi.

Ecco il nome dei 6 finalisti del concorso:

Juan Navarro Baldeweg (Madrid)

Studio 015 / Paola Viganò (Milano)

Caruso St John Architects (Londra)

KCAP Architects&Planners (Amsterdam)

Labics – Paredes Pedrosa Arquitectos (Roma-Madrid)

Ian+ (Roma)

Sinceramente, fino a questo momento non abbiamo colto nessun buon motivo per pentircene.

Tutto ciò non ci impedisce, naturalmente, di continuare a “monitorare” con attenzione quello che succede intorno al Concorso ed al Progetto Flaminio. Così, per caso, abbiamo scoperto che, senza nessun avviso, era stato pubblicato l’elenco-dei-partecipanti e la cosa più interessante, almeno per noi, è stata quella di verificare che, oltre alla quantità, anche la qualità dei Gruppi è di notevole “caratura” ed importanza, sia a livello nazionale che internazionale.

Infatti è presente un nutrito numero di Progettisti, molti “di chiara fama”, di cui sarebbe stato interessante valutare “a caldo” il loro approccio al tema del Concorso, senza per questo mettere in discussione la scelta dei 6 finalisti, ma solo per un democratico, civile e trasparente confronto dialettico e di opinioni. di natura urbanistico-architettonica. Sarà anche vero che il momento di crisi “terribile” che stiamo attraversando colpisce tutti, o quasi, indiscriminatamente, per cui anche i grandi studi di progettazione e/o le cosiddette archistar, “soffrono” come noi poveri mortali.

Ma non bisogna nemmeno dimenticare l’attrazione che hanno esercitato indubbiamente il valore e la qualità riconosciuta dell’intero quartiere Flaminio in cui si trova l’area oggetto del Concorso, a conferma dell’ottima scelta dell’Amministrazione di Roma e del II° Municipio di portare finalmente a compimento la riqualificazione degli stabilimenti militari di Via Guido Reni, da vent’anni circa in stato di completo abbandono.

Per capire di chi stiamo parlando indichiamo solo alcuni dei progettisti partecipanti, che non hanno, crediamo, bisogno di presentazioni nemmeno per i non addetti ai lavori: Gregotti Associati, Mario Cucinella, Cino Zucchi, Purini / Eisenman, Sartogo Architetti, Stefano Boeri (Italiani), Rafael Moneo, Zaha Hadid, Studio Libeskind, David Chipperfield, Christian De Portzamparc, Bernard Tschumi (Stranieri).

Per un attimo ci siamo illusi che forse avremmo finalmente trovato sul sito anche le immagini delle 241 proposte arrivate, e si sarebbero potuti in qualche modo capire anche i criteri adottati dalla Commissione giudicatrice nella scelta dei 6 finalisti, visto che, come è stato più volte ripetuto, la selezione non si è tenuta basandosi solo sui curriculum, ma anche su una proposta progettuale di massima.

Su questo punto concordiamo, anche perché solo sulla base dei curriculum sarebbe stato arduo se non impossibile scegliere tra Gruppi di progettisti come quelli nominati sopra.

Oltretutto nell’intero elenco, e solo secondo le nostre modeste conoscenze, ne abbiamo contati almeno 25/30 di Gruppi più o meno dello stesso spessore, senza nulla togliere, dal punto di vista qualitativo, ai 6 Gruppi finalisti. Ma viene da sé che anche affiancando ai curriculum 2 Tavole in formato A3 per dare un’idea progettuale di massima, il tasso di discrezionalità diventa enorme ed espone qualsiasi giuria anche la più integerrima e “disincantata” del mondo, a critiche e sospetti.

Ecco perché ci siamo battuti affinchè il Concorso fosse aperto a tutti senza vincoli di nessun tipo ma, soprattutto, che fosse ANONIMO, che è l’unica garanzia che abbiamo oggi che sia il progetto a vincere e non il progettista.

Tanto per fare un esempio.

Per mesi abbiamo sentito ripetere lo slogan “Basta con le archistar”, saranno scelti ed “invitati” quei 5/6 gruppi che dimostreranno con i loro progetti un approccio adeguato alla particolarità dell’area ed all’impotanza dell’intero quartiere e della città.

E su tutto ciò noi eravamo e siamo in linea di massima completamente d’accordo.

Ma non si poteva certo impedire a nessuno di partecipare e quindi quello slogan rischia oggi di apparire una specie di minaccia, che a leggere i nomi dei 6 Gruppi finalisti, potrebbe portare ad affermare “Missione compiuta”.

Un “sospetto” invece che poteva e doveva essere cancellato immediatamente pubblicando subito i 6 progetti finalisti insieme a tutti gli altri partecipanti, spiegando con quali criteri erano stati scelti e assumendosene la piena responsabilità.

Purtroppo però, a tutt’oggi, dopo quasi un mese dall’esito della 1° fase del Concorso, le immagini non le abbiamo trovate e dobbiamo prendere atto che anche l’aspetto più “brutalmente propagandistico” sulla quantità e la qualità dei partecipanti non è stato ritenuto “degno” di essere pubblicizzato con il dovuto orgoglio e compiacimento. Ed anche questo fatto merita un PERCHE’???

Per questo motivo Amate l’Architettura ha deciso di chiedere ai partecipanti al Concorso di mandarci una tavola della proposta presentata e la pubblicheremo noi sul nostro sito.


2 Commenti a “La sorpresa di Pasqua: chi ha partecipato al concorso del Flaminio.”

  1. massimo ha detto:

    Nel caso non ne foste già a conoscenza, vi informo che sul sito di Europa Concorsi sono già presenti una trentina di progetti relativi al concorso in oggetto.
    Ecco il link:
    http://divisare.com/results/284972-PROGETTO-FLAMINIO
    Buona visione!

    arch. Massimo Luzzatto

  2. Giulio Paolo Calcaprina ha detto:

    Grazie per l’indicazione Massimo, andiamo a vedere.

Lascia un Commento