La stima errata dei costi di costruzione. Uno studio assolve i progettisti?

Nella polemica urbanistica sugli interventi effettuati ad opera di architetti, una delle cause di maggior discussione, e critica, è considerata la mancata previsione dei costi di realizzazione delle opere.

Opere che in base alle stime iniziali dovevano costare una certa cifra, nel corso dello sviluppo del cantiere e della messa in opera, finiscono con il risultare sistematicamente più costose.

Questo fatto è uno dei motivi di maggiore critica sulle capacità professionali del progettista, considerato, con ampio ottimismo, il solo responsabile del processo di realizzazione e di trasformazione urbanistica e strutturale.

Con una buona dose di cinismo, il tema dei maggiori costi viene spesso utilizzato per dare una forza oggettiva strumentale a posizioni che altrimenti rimarrebbero nel campo della opinione personale.

Temi di discussione che riguardano aspetti estetici o di qualità urbana finiscono con il confondersi con aspetti economici secondo schemi ormai collaudati secondo il seguente schema logico:

1. non condivido le scelte di progetto dell’opera che è stata realizzata
2. l’opera è costata più del previsto
3. quindi il progetto era sbagliato e andava fatto in un’altra maniera (o addirittura non doveva essere fatto)
4. quindi il progettista non è capace
5. quindi sono più bravo io, ho ragione su tutto e dovevate chiamare me a progettare l’opera.

Così, adottando una logica apparentemente inoppugnabile, si finisce per avvalorare il principio per cui se un’opera è costata troppo (o più del previsto) allora conseguentemente ne viene meno anche la sua validità architettonica in senso assoluto; in qualche maniera gli errori di gestione nella realizzazione del progetto incidono in maniera sostanziale sulla qualità urbana che quel progetto genera o potrebbe generare una volta che l’opera è stata realizzata.

Intendiamoci, la questione della stima dei costi è fondamentale nel processo decisionale e nelle scelte che riguardano la trasformazione urbanistica, e indubbiamente la stima dei costi è parte integrante anche della progettazione.

In regime di scarsità di risorse, il costo di un’opera è determinante per valutare se quell’opera si può o non si può avviare. Chi amministra la città dovrebbe scegliere comparando diversi investimenti, ed è naturale che un’opera che sembra essere meno costosa ha più probabilità di venire poi approvata e realizzata.

Allo stesso modo quando si progetta, specie se la progettazione avviene con un budget assegnato, non si può non prescindere dal tenere conto dei costi che ogni singola scelta progettuale comporta.

Un progetto che non rispetta il budget assegnato è, in linea di principio, un progetto sbagliato; questo non vuol dire però che l’opera, una volta realizzata sia sbagliata in senso assoluto.

E’ quindi importante fare almeno due distinzioni.

1. Il giudizio estetico e culturale su di un’opera di architettura dovrebbe essere svincolato dal valore economico impegnato per realizzarla. Le opere che realizziamo ci sopravviveranno; più ci allontaniamo nel tempo e più il loro costo diverrà un aspetto indifferente. Se così non fosse, oggi come dovremmo considerare opere come la basilica di San Pietro, i cui costi esorbitanti sono stati tali da dare giustificazione all’avvio della Riforma Protestante? Quale valore dovremmo assegnare alla Mole Antonelliana, avviata come moschea e che, a causa dei costi fuori controllo si è ritrovata senza una precisa destinazione d’uso rischiando persino di non venire completata?

2. Il progettista non è il solo responsabile della catena decisionale che incide sulla stima dei costi di un’opera.

Tralasciando per un momento il primo punto, che richiederebbe di approfondire meglio il tema della separazione tra Etica ed Estetica, mi interessa per il momento il tema della responsabilità del progettista.

Su questo tema ci viene in aiuto uno studio statistico condotto da Bent Flyvbjerg, Mette Skamris Holm e Søren Buhl dal titolo “SOTTOSTIMA DEI COSTI DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE: ERRORE CASUALE O INTENZIONALE?” condotto per conto del Danish Transport Council e della Aalborg University, Danimarca.

La ricerca è dedicata principalmente alle grandi infrastrutture (autostrade e ferrovie) e per le opere di ristrutturazione e recupero urbano occorrerebbe uno studio specifico che ne confermasse la rispondenza in termini statistici, però i principi di fondo che emergono sono applicabili anche alle grandi opere di architettura in quanto sono molto simili le dinamiche politiche e amministrative che le governano.

Qui potete trovare l’articolo che riporta i risultati della ricerca.

queste invece sono le conclusioni più significative:

“- in 9 casi su 10 i costi dei progetti delle infrastrutture di trasporto sono sottostimati; […]

– per tutte le tipologie di progetto, i costi reali superano mediamente del 28% quelli stimati (sd=39);

– poiché la sottostima dei costi è diffusa in 20 paesi nei 5 continenti, sembra essere un fenomeno globale; […]

– la sottostima dei costi non è diminuita nell’arco degli ultimi 70 anni, quindi, a quanto pare, l’esperienza non è servita a determinare delle stime più esatte;

– la sottostima dei costi non sembra attribuibile ad un errore casuale, ma piuttosto ad una manipolazione strategica, ovvero all’inganno;

– i progetti di infrastrutture di trasporto non sembrano soggetti alla sottostima dei costi più di altre tipologie di progetti a grande scala.

Ne deduciamo che le stime dei costi delle infrastrutture di trasporto, utilizzate nei dibattiti pubblici, sui mezzi di comunicazione e in fase decisionale, sono pesantemente e sistematicamente contraddette. Altrettanto si può dire delle analisi costi-benefici, in cui si utilizzano le stime dei costi per valutare la fattibilità ed il ranking di rilevanza dei progetti. Il travisamento dei costi porta facilmente all’errata assegnazione delle scarse risorse disponibili, cosa che, a sua volta, determina delle perdite tra i finanziatori e gli utenti delle infrastrutture, che siano contribuenti o investitori privati.”

Lo studio individua 4 possibili giustificazioni del fenomeno della sottostima dei costi:

– Tecniche
– Economiche
– Psicologiche
– Politiche

È interessante notare come lo studio escluda in maniera molto decisa il fatto che una tale sistematica sottostima possa essere dovuta a fattori tecnici, ovvero a incapacità del progettista di prevedere determinati costi. Una tale giustificazione può essere valida per i singoli casi specifici ma non in assoluto in termini statistici; non è possibile quindi spiegare con l’incapacità dei progettisti, un fenomeno che dura da 70 anni, esteso a tutto il mondo e che si verifica nel 90% dei casi.

Con lo stesso criterio si escludono le giustificazioni di natura psicologica, considerate valide dagli autori solo in presenza di casi particolari (ad es. in presenza di promotori del progetto alla prima esperienza) e non utili a spiegare l’intero fenomeno.

La ricerca tende invece a puntare il dito sulle cause di natura economica e politica laddove risulta evidente come il dichiarare un valore basso delle opere nella fase di assegnazione delle risorse, facilita la loro approvazione; è evidente che il rischio di sottostima di un progetto è infinitamente meno importante del rischio che un’opera non sia avviata.

Chi è portatore di interessi economici e ha la possibilità di influire sul processo decisionale ha tutto da perdere nel caso di non avvio del progetto, mentre rischia pochissimo dalla mancata previsione dei reali costi; anzi, in molti casi la possibilità di revisioni e varianti in corso d’opera può essere una fonte di maggiori profitti.

Chi è portatore di interessi politici viene beneficiato in termini di prestigio dall’avvio delle opere e da una previsione di minori costi. In Italia si può aggiungere che la lunghezza delle procedure burocratiche consente alla politica una facile deresponsabilizzazione in merito alle previsioni sbagliate.

In questo meccanismo perverso chi ne fa le spese è proprio il lato tecnico, evidentemente l’anello più debole della catena decisionale, al quale viene però attribuito il maggiore peso in termini di responsabilità.

Paradossalmente è la stessa categoria di tecnici (nel nostro caso architetti) che avvalora questa falsa convinzione. Siamo infatti noi i primi a puntare il dito sui nostri colleghi ogni volta che un progetto risulta più costoso del previsto; spesso in maniera strumentale, spesso in buona fede. In tutti i casi confermando una assunzione che questo studio dimostra essere falsa.

Una convinzione che si fonda sul presupposto che il processo di progettazione avvenga secondo regole lineari e consequenziali e che quindi in ogni fase del progetto i ruoli e le competenze siano chiaramente identificabili; che il progettista svolga la sua attività in maniera completamente isolata dal mondo esterno senza vincoli temporali o senza condizionamenti (spesso legati alla natura del suo stesso incarico).

Su questa convinzione si sono fondate intere carriere di Archistar, che hanno colpevolmente coltivato il mito della onnipotenza del singolo progettista in grado da solo di determinare le sorti della città. Una posizione di comodo utile a giustificare laute parcelle, mentre la Professione si trasformava nel capro espiatorio di tutti i disastri urbani e architettonici al servizio del potere economico e politico.

Una convinzione che andrebbe tuttavia sfatata, anche perché la maggior parte dei “disastri” urbani ha origini economiche, ovvero nella mancanza di adeguati finanziamenti nei confronti di progetti inizialmente sottostimati, che poi per mancanza di fondi, rimangono incompiuti oppure malcompletati. Eppure proprio sul tema della sottovalutazione dei costi, questo studio sembra definitivamente assolvere i progettisti che evidentemente sono sempre meno in grado di dirigere e governare le scelte di trasformazione urbana; meno di quanto non vogliano ammettere.

In realtà la progettazione non è mai stata un processo lineare. A maggior ragione non è mai stato un processo lineare nemmeno la realizzazione di un’opera.

L’idea che il percorso che va dalla necessità di realizzare un opera fino alla sua realizzazione segua un andamento lineare, è una semplificazione convenzionale utile a consentire la gestione di un percorso che nella realtà è tuttaltro che lineare. Una convenzione che ha funzionato abbastanza nel XIX secolo ma che oggi mette in evidenza tutte le sue contraddizioni: prima tra tutte l’incapacità di governare la complessità contemporanea.

In questo senso il progetto assume oggi il significato di una certificazione di scelte e decisioni che avvengono su diverse sedi. Non solo, anche una volta approvato nella sua forma definitiva e avviate le opere, non mancano le sollecitazioni esterne che influiscono con diversa intensità nel risultato finale. Queste forze (che possono essere indifferentemente interne o esterne alle progettazione) agiscono lungo tutto l’arco di vita del progetto mettendo in evidenza, più che un processo linare, un sistema a matrice dove i singoli stakeholder hanno diversi pesi e responsabilità e non cessano mai di esercitare la loro influenza nelle scelte di progetto.

La responsabilità del progettista va quindi a farsi benedire; buona solo per le cause civili.

Sul risultato finale dell’opera agiscono infatti: i diversi assetti societari della committenza, i diversi enti autorizzativi (che a loro volta rispondono a diverse istituzioni), i diversi interessi privati economici, i diversi interessi partecipativi, le diverse spinte politiche (anche loro spesso contrastanti e variabili nel tempo), i diversi interessi pubblici indiretti, le diverse situazioni proprietarie degli immobili oggetto di trasformazione, i diversi interessi economici delle imprese realizzatrici, le diverse condizioni ambientali e geologiche, i diversi contesti urbani e diverse letture dello stesso contesto, le diverse congiunture economiche e la disponibilità di risorse; tutti aspetti (stakeholders) che iniziano ad incidere sulle scelte progettuali già molto prima di mettere mano ad un qualsiasi disegno di progetto, e che continueranno ad essere determinanti molto dopo la posa dell’ultima pietra; tutti aspetti spesso estremamente variabili nel tempo e spesso in contrasto tra di loro.

In mezzo sta il progettista.

In mezzo inteso come “in mezzo al mare”, non come baricentro, sia chiaro.

Il progettista (e l’azione del progettare) non è quindi altro che un tassello all’interno di un sistema a matrice dove, non solo è del tutto scardinato il principio della linearità conseguenziale delle decisioni, ma in ogni fase sono possibili (come di fatto avviene nella realtà) forti ingerenze esterne, svuotando di fatto gran parte delle responsabilità del singolo progettista.

In questo caso sarebbe più corretto ammettere che il singolo professionista non ha ne il potere ne la possibilità di gestire una simile complessità; sarebbe proficuo finalmente cominciare a parlare di ridimensionamento e condivisione delle responsabilità.

Ciononostante la cultura architettonica prevalente insiste nel promuovere la priorità del progetto come unico strumento utile a governare la complessità delle trasformazioni urbane, senza tuttavia interrogarsi a fondo su come sia possibile ristrutturare il processo in maniera da consentire di dare voce ai singoli interessi (pubblici e privati) mantenendo chiare ed evidenti le specifiche responsabilità.

Una neccessità di riflessione che dovrebbero affrontare anche le amministrazioni publiche, costrette a gestire la stessa complessità, con le rigidezze normative sui lavori pubblici, che a fronte di una sempre più pressante richiesta di elasticità nella gestione del progetto, impongono sempre maggiori vincoli.


6 Commenti a “La stima errata dei costi di costruzione. Uno studio assolve i progettisti?”

  1. Giulio Paolo Calcaprina ha detto:

    Caro Giulio, dal tuo articolo (uno dei migliori che hai scritto in questo spazio, secondo me), emerge un corollario: in democrazia è quasi impossibile avere buone opere pubbliche, perché troppi hanno il potere di veto.
    E’ anche vero che in un regime assolutista, tranne eccezioni come nell’italia degli anni ’30, l’arte non riesce a fiorire e si rischiano di avere opere, come quelle naziste e sovietiche, di infimo livello.
    L’esperienza ci ha fatto vedere che un buon humus per le opere pubbliche si trova in democrazie solide, con poteri esecutivi liberi da grandi limitazioni e veti multipli. Penso alla Francia di Mitterand e a Londra, con i suoi sindaci-governatori.
    Come scrivi tu, un potere esecutivo forte (nell’ambito di un controllo democratico) che si prenda la responsabilità, anche economica, di scelte forti, è ripagato dal lascito di opere che lasciano il segno.
    Come disse Sgarbi: “il valore di una società si misura dalle opere che lascia”.

  2. Giulio Pascali ha detto:

    In effetti la tua è un’altra chiave di lettura interessante.
    In pratica è come dire che l’errore sistematico nelle previsioni di costo è uno scotto che dobbiamo pagare alla democrazia.
    La maturità dei sistemi democratici allora dovrebbe vedersi anche dalla capacità di riconoscere queste distorsioni e non avvalorarle in almeno due fasi del processo di realizzazione delle opere.
    La prima, quando la politica propone progetti, imparare a riconoscere che le opere pubbliche costano tanto e diffidare della politica che promette grandi vantaggi economici.
    La seconda nel dibattitto che si genera nel corso dello sviluppo del progetto, imparare che l’obbiezione che spesso si fa sui costi non previsti, è spesso priva di significato ed è una conseguenza diretta delle stesse spinte popolari.
    il meccanismo è questo:
    1. il “popolo” chiede che le opere costino poco
    2. la politica alla ricerca di consenso spinge perchè le stime di costo siano basse, spesso olte il ragionevole
    3. i tecnici (non del tutto esenti da colpe in questo processo) si adeguano
    4. le opere nel corso dello sviluppo finiscono con il costare di più del previsto
    5. il “popolo” si incazza…..
    6. la politica da la colpa ai tecnici
    7. i colleghi tecnici rincarano la dose

    in questo processo il “popolo” dovrebbe sviluppare una maggiore maturità e consapevolezza di quanto sia esso stesso la causa principale di questa spirale
    i tecnici allo stesso modo dovrebbero imparare a non cadere nella trappola sia quando lavorano ai progetti, sia quando aizzano la polemica sul lavoro degli altri colleghi

  3. Giulio Pascali ha detto:

    grazie per il complimento

  4. Ciro Caustico ha detto:

    Quello che viene descritto in questo articolo, che riguarda i lavori pubblici, in una certa misura si ritrova anche nei lavori privati. Mediamente nella ristrutturazione di un appartamento è buona regola iniziare i lavori sapendo che uno sforamento del budget previsto del 15% non ci manderà in rovina, ovvero tenendosi una riserva, economica e mentale, che possa essere impiegata prima della conclusione del processo.

    D’altronde che il più delle volte uno sforamento accada è un dato esperienziale evidente, di cui sono perfettamente al corrente anche i non addetti ai lavori. Eppure, i committenti, immancabilmente, nella fase iniziale si illudono di risparmiare, si illudono che questa volta, smentendo ogni ragionevole previsione, non andrà come al solito, che loro, e solo loro, anzi riusciranno addirittura a risparmiare qualcosina rispetto al primo preventivo.

    E noi architetti, a volte sorridendo sotto i baffi, accompagniamo questa illusione. Non serve a nulla spiegare che il risparmio avverrà solo a fronte di una reale riduzione delle opere. L’illusione del poter allestire il banchetto di nozze solo con i fichi secchi molto spesso prevale.

    Questo paragone, che riporta alla piccola scala, mi fa pensare che le cause psicologiche pesino molto anche sulla grande scala. Esistono politici che credono sinceramente di riuscire a cambiare il modo di fare le opere pubbliche, credono a volte di riuscire a blindare un processo virtuoso senza incappare nelle maglie della burocrazia asfissiante, poi magari durano poco, pochissimo, il tempo di accendere una scintilla, di far partire un’opera. Credo e temo che questo sarà un terreno su cui loro malgrado molti cittadini attivi del Movimento 5 stelle prossimamente scivoleranno.

    Conservo una fiducia di fondo nel genere umano tale per cui propendo a credere che i politici non sempre agiscano in maniera cinica, ma piuttosto come quei committenti che tanto spesso mi trovo di fronte e pensano di riuscire a fare andare l’acqua all’insù, pensano di riuscire a costruire a meno di mille euro al metro quadrato tutto compreso, ed è sempre la prima volta, o è sempre la volta buona.

    Costruire costa. Fare qualunque cosa, costa. E pare brutto dirlo, si passa per pessimisti. E quando ci si rompe le scatole di essere l’unico ad un tavolo di riunione con la faccia perennemente preoccupata, allora semplicemente si incomincia a sorridere. “Andiamo avanti caro assessore, il futuro ci sorride”.

    D’altronde un messaggio che è passato e si è diffuso in questi ultimi venti anni è che chi rema contro, chi è sempre pessimista, chi propone l’austerità non aiuta lo sviluppo, il progresso e il cambiamento. Bisogna fare, senza stare tanto a pensare, fare le riforme, senza stare a sottilizzare, avviare le grandi opere, sempre senza stare a sottilizzare, prendere decisioni e partire, bisogna scegliere se essere uomini o caporali. A destra come a sinistra ormai.

    “Sono i nostri elettori che ce lo chiedono”. Gli stessi che fino all’ultimo erano indecisi su chi votare sembra che abbiano dato un mandato infinito e indefinito ma assolutamente perentorio. Fate, fate, fate! “I nostri elettori ci chiedono con forza che le opere pubbliche costino poco e quindi le prossime opere verranno fatte con la metà del budget abituale.”

    Dalla piccola alla grande scala mi sembra ovvio che sia una questione culturale.

  5. Giulio Pascali ha detto:

    @ciro
    anche secondo me è una questione culturale.
    Proprio lo studio citato nell’articolo però smentisce l’idea che si tratti di una caratteristica esclusiva italiana.
    Nella mia esperienza è capitato spesso di trovare committenti che ragionano pensando che se si da un limite difficile da raggiungere (un budget molto basso o dei tempi strettissimi) si ottiene il risultato finale che ci si è prefissato realmente.
    Non saprei dire se questo metodo sia effettivamente premiante, ma l’onestà intellettuale dovrebbe fare riconoscere a chi lo adotta, che il tecnico che non rispetta obbiettivi volutamente impossibili da raggiungere, non può poi essere additato come responsabile di questo fallimento.

  6. Ciro Caustico ha detto:

    Lo studio non è italiano e quindi fotografa una realtà più ampia, d’accordo. Peraltro sarebbe interessante verificare il valore medio ottenuto del 28% come è articolato nei vari paesi e qual’è il valore relativo al nostro paese.

    Alcuni fattori psicologici e culturali però seguono dinamiche analoghe ovunque, e il carattere latino, per così dire, del popolo italiano ne è solo un coefficente moltiplicativo.

    Concentrandoci solo sul nostro paese che conosciamo meglio possiamo quindi forse con maggiore evidenza individuare alcune cause ricorrenti della sottostima dei costi, applicabili poi anche ad altri paesi apparentemente a maggior tasso di efficenza della politica. L’Italia credo possa essere considerato un laboratorio dei difetti della politica.

    Il fatto che “lo studio escluda in maniera molto decisa il fatto che una tale sistematica sottostima possa essere dovuta a fattori tecnici” mi trova d’accordo e mi rincuora, ma non condivido invece il presupposto che la sottostima dei costi debba essere inequivocabilmente attribuita “ad una manipolazione strategica, ovvero all’inganno”.

    Così come non sono d’accordo ad escludere le cause di natura psicologica, “considerate valide dagli autori solo in presenza di casi particolari (ad es. in presenza di promotori del progetto alla prima esperienza) e non utili a spiegare l’intero fenomeno.”

    E’ corretta la riflessione che non siano i tecnici ad avere tutte le responsabilità, ma che molto spesso rappresentino semplicemente “l’anello più debole della catena decisionale, al quale viene attribuito il maggiore peso in termini di responsabilità.” A mio parere, nella maggior parte dei casi l’aumento dei costi è dovuto a scelte gestionali, che sono in capo alla politica.

    La mia personale esperienza mi fa dire che i politici sono per definizione inesperti di tutto, sordi all’idea di affrontare realmente qualsiasi problema ma solo ansiosi di rimandarlo, quindi in generale si comportano in maniera analoga a dei “promotori di progetto alla prima esperienza”. Mi è capitato più spesso di incontrare politici ottimisti e incompetenti piuttosto che politici consapevoli e manipolatori. Sono dei precari, perennemente preoccupati di perdere il loro incarico che sanno benissimo essere ormai sempre più breve. Non hanno visione del futuro, se non rispetto al loro personale percorso. Il futuro semplicemente non esiste, saranno sicuramente altrove, a fare qualcos’altro in una sorta di eterno ricominciare, senza mai acquisire una solida esperienza in nessun campo.

    Hanno un unica fortissima necessità. Poter dire che stanno facendo qualcosa di importante. Non importa se è vero, quanto costa, se l’opera si finirà. E’ fondamentale l’annuncio, l’avvio del processo, il resto è relativo e non esiste il principio di responsabilità a posteriori, esiste solo il presente.

    In sostanza nel quadro riassuntivo dei costi di un opera pubblica bisognerebbe avere il coraggio di mettere una voce tipo “scelte di gestione, difficoltà burocratiche, modifiche del quadro esigenziale” e lì mettere una percentuale X (ad esempio il 28%, la percentuale di cui parlano gli autori dello studio) che rappresenti questo prevedibilissimo genere di imprevisti.

Lascia un Commento