Il diritto alla città e le praxeis dell’Arte

8 novembre 2013

Nell’ambito del Festival ExPolis 2013, diretto da Marco Maria Linzi e Massimo Mazzone,
al Teatro Bene Comune, VENEZIA LIDO,
i giorni 07 e 08 Novembre 2013 a partire dalle ore 19.00 è di scena:

“El derecho a la ciudad y las praxeis del Arte”
Il diritto alla città e le praxeis dell’Arte

Rassegna video, performances, installazioni e dibattito.
Il progetto nasce nella continuità ideale con le operazioni realizzate dai collettivi:
GLAC e Com. Plot S.Y.S. tem nelle Biennali Architettura 2006 e 2008 dirette da Juan Pedro Posani del Padiglione Bolivariano del Venezuela
, operazioni che hanno visto un ricco cartello istituzionale allora composto dalle Rappresentanze Diplomatiche di Venezuela e Argentina, da La Biennale di Venezia, dalla Direzione Generale DARC/PARC, dal Padiglione italiano, da molte Università Italiane e celebri associazioni culturali.

Le rassegne video, le tavole rotonde, le esposizioni allora realizzate, hanno generato molte molte altre attività, quali Festival Internazionali (di cui ExPolis forma parte), seminari, anche in altre sedi come la Triennale di Milano, al Teatro della Contraddizione e in molti altri luoghi in Italia e Europa avviando un ragionamento mai interrotto sulla relazione Arte/Architettura.

A partire dagli anni ’90 moltissimi gruppi e singoli, sia artisti che architetti, sociologi urbani e attivisti, hanno promosso quel fenomeno che oggi si chiama ,
una coniugazione di ricerca sia estetica che sociale e politica fortemente critica nei confronti del Capitalismo finanziario
, processi che la stessa Biennale ha esposto soprattutto a partire dall’edizione 2000 curata da Fuksas ma anche con l’edizione 2008 di Betsky.

In questo ambito culturale di analisi della , e del proponiamo la proiezione del video di GLAC, visibile su youtube, proprio al Teatro Marinoni e a partire da questo filmato, sviluppare un incontro internazionale indipendente e autofinanziato, delle installazioni temporanee, delle performances, delle discussioni tematiche invitando molti collettivi da ogni luogo che da anni lavorano a questi temi: GLAC, Caracas, Com. Plot S.Y.S. Tem, Roma, ON/Stalker, Roma (Skype da Santiago del Cile), Teddy Cruz, U.S.A., Giulia Mazzorin Andrea Curtoni, Venezia, Nicola Di Croce, Venezia, Circolo Berneri, Arezzo, Escuela Moderna/Ateneo Libertario, Barcelona, Collectiu Acciones Urbanes, Barcelona, Rural Boxx, Venezia, Ctrl+Z, Davide De Merra, Alberto Abruzzese (Skype da Sao Paulo Brazil), Enzo Comin, Pordenone, Anche tu sei collina, Vittorio Veneto, s.o.s. Workshop, Milano, BreRaum, Milano, OZU-Officina Zone Umane, Rieti, Santiago Cirugeda, TXP y la Red española de Arquitecturas Colectivas, Cantieri d’Arte, Viterbo, Metalocus, Madrid, Giorgio Byron-Davos, Atene, Antonio Arevalo, Roma, Massimo Mattioli, Artribune, Torino, Botto e Bruno, Torino, Domingo Mestre, Valencia, Rosanna Antoli, London, Alain Urrutia, Bilbao, etc.


Un Commento a “Il diritto alla città e le praxeis dell’Arte”

Lascia un Commento