La bellezza salverà il mondo

L’ultima volta che ho sentito parlare di qualità architettonica, come principio guida per la nuova architettura delle opere pubbliche, con riferimenti a propositi e proposte, è stato nel palazzo della Provincia di Roma proprio dalla bocca del Presidente Zingaretti e anche del nostro Presidente Schiattarella.

Io mi trovavo li a ricevere un premio per il concorso del Liceo Farnesina, bandito con la solerte collaborazione dell’Ordine degli architetti di Roma, in quanto il Presidente voleva dare un segno tangibile che la sua presidenza tenesse alla qualità dell’architettura nelle scuole pubbliche di cui è responsabile, sempre attraverso l’esperto consiglio e consulenza del nostro ordine.

A onor del vero, bisogna dire, in continuità con le amministrazioni di Sinistra da Rutelli in poi.

I risultati sono stati esposti all’Acquario Romano e raccolti in una pubblicazione di Prospettive Edizioni, per cui ognuno può andare a vedere e farsi un idea di come l’ordine abbia condotto e messo in pratica ciò che sembrava aver appena propinato all’inconsapevole zingaro.

Pensai subito, caro Zingaretti fatti consigliare meglio la prossima volta, scegli meglio i tuoi saggi ed esperti di qualità architettonica.

In giuria non c’era nemmeno un architetto che avesse realizzato un liceo o scuola pubblica come per precedenti concorsi. Zingaretti, dopo essersi profuso in concetti molto vaghi sulla qualità architettonica, da perseguire in tutte le nuove opere pubbliche e per suo conto nella nuova edilizia scolastica, con l’aiuto e la consulenza dell’Ordine degli architetti di Roma, se ne andò repentinamente senza alcun contraddittorio e solo dopo aver proferito la parola “bellezza”, che con l’aiuto degli esperti selezionati da Schiattarella, in persona, presumo, si sarebbe raggiunta questa qualità architettonica tanto agognata, in ogni opera pubblica. (non ho memoria di alcun atto per la selezione dei saggi).

Dopo di lui anche il nostro esimio Presidente dell’Ordine si lanciò in volute enormi che ritornarono laddove erano partite.

In contrasto subito mi vennero alla mente citazioni come: “La bellezza è una promessa di felicità …., oppure, il bello è la luce del vero “

Che cosa centrava la bellezza con la qualità?

Devo dire che al sentimento di estraneità si aggiunse anche la sconsolatezza di tanta superficialità, e subito pensai ma come è possibile codificare e regolamentare la bellezza e l’estetica che sono una categoria dello spirito?

Sembrava veramente una ricerca disperata se non persa in partenza la codificazione in una sorta di manuale per la qualità, magari anche con un marchio DAC (denominazione architettonica controllata). Ecco, si controllare e riprodurre l’ architettura di qualità!

Certo bisogna riconoscere che l’architettura ha una sua tecnica e scientificità che permettono di dire e fare edifici secondo delle regole e modalità codificate che poi si sono tradotte in norme e direttive, eppure il perseguimento e l’applicazione, anche alla lettera, delle stesse regole non attribuisce all’opera architettonica statuto di opera d’arte o di qualcosa che possa essere annoverato nei libri di storia dell’architettura, o semplicemente non assicurano che l’opera sia bella, Come mai?

Ma ci ritornerò più avanti.

Pochi giorni fa, invece, ecco appunto, riapparire sul sito dell’Ordine di Roma il disegno di legge (vedi link) valido per tutti i livelli governativi che segue Zingaretti come la sua ombra!

Certo ricordando bene non era la prima volta che ne sentivo parlare c’era già un’altra Legge Regionale, quella della Puglia sulla qualità architettonica (vedi link), che a ben guardare sembra proprio ripresa pari pari, e che è stata pure bocciata in parte dalla Corte Costituzionale.

Quindi ritengo inutile commentare e cercare di capire se sia migliorabile o meno, questo disegno di legge.

Mi sembrerebbe perdere tempo su un qualcosa che nasce male e che può solo diventare peggio.

Tralascio anche il fatto che ci siano stati esperti e consulenti, ( pagati da noi?), che si siano applicati con risultati non soddisfacenti, perchè non si siano posti il problema correttamente, e cioè cercando di definire l’essenza della legge, la sua verità, depurandola da una serie di questioni intricate e di difficile comprensione perché abbracciano tematiche differenti, del tipo estetiche, etiche di diritto, amministrative, tecnologiche, architettoniche, storiche, di sostenibilità ambientale e cosi via.

Mi spiego meglio, legiferare sull’architettura è materia complicata vista anche la mole delle leggi e decreti in essere, e poi non sono un esperto, però voglio comunque evidenziare alcuni concetti che mi premono, soprattutto per aprire una riflessione.

Ma perché dopo vari tentativi per arrivare ad una legge sull’architettura, ad un certo punto, si abbandona l’idea condivisa della parola architettura e si ha l’esigenza di circoscriverla limitandosi al solo aspetto qualitativo?

La qualità è un aspetto dell’opera di architettura, ma sebbene necessario, non è sufficiente alla definizione della bellezza che è propria del capolavoro, inteso come lavoro di eccellenza, che fa da esempio.

Come ci ricorda Hume: “La bellezza non è una qualità delle cose stesse: essa esiste soltanto nella mente che le contempla ed ogni mente percepisce una diversa bellezza “.

Non sfugge quindi al legislatore ma soprattutto al consumatore questo aspetto poco irreggimentabile.

Ecco quindi farsi avanti l’idea che dopo la trasformazione della cultura in merce anche l’architettura debba a pieno titolo entrare nel mercato con la sua certificazione di qualità. E voi, non ci crederete, ma è proprio la sinistra che sdogana la cultura, essendone l’elite depositaria, a farlo, poi la destra ha fatto il resto!

Dalla Melandri (2001) a Rutelli (2006) passando per Zanda (2007) che è il primo che la introduce e che semplicemente la definisce come “esito di un coerente sviluppo progettuale”, e per il codice Urbani che si limita all’esistente, per arrivare a Bondi (2008) che la ridimensiona, togliendo anche la parola “opera d’ingegno” legata alla progettazione cosi come per il diritto d’autore per finire con l’ultima proposta di legge popolare del Ilsole24ore, che fa pragmaticamente fa sparire qualsiasi definizione riferendosi al Codice dei contratti pubblici.

Le liberalizzazioni con figli e figliastri e la riforma delle professioni poi hanno dato il colpo di grazia, eh si perché non è che si richiedono nuovi oneri per i professionisti chiedendo di abbassare le tariffe e poi si vuole avere anche più qualità!

Il resto lo sapete già o potete intuirlo facilmente , tutte queste leggi o disegni di legge passano sul tavolo dell’Ordine e vengono vidimati, condivisi, commentati senza essere studiati e compresi per poi attaccarsi alle suole di qualche politico che gira per i corridoi o nella Buvette e se li scrolla di dosso facendoli cadere in qualche camera buia.

Ma allora se proprio questo è quello che si vuole perché non fare una legge che definisca i requisiti per la qualità architettonica, cioè tutti quei requisiti che danno valore di mercato all’opera architettonica, quali per esempio la veduta, la posizione, la dimensione, il consumo zero, la sostenibilità ambientale, il consumo di CO2, l’efficienza energetica, la resistenza ai terremoti ed eventi catastrofici, i flussi , la sua manutenzione e cosi via. Ecco una bella certificazione di qualità architettonica potrebbe essere codificata e ottenuta per legge e lo Stato, Regioni, Comuni ne porrebbero i bolli e ne rilascerebbero la patente, sostituire il vecchio concetto di agibilità con una nuova tabella di parametri e valori da revisionare continuamente che cresca di anno in anno sino a diventare un castello di carte più alto della nostra casa.

Chi potrebbe opporsi in parlamento o in Regione ad un tale disegno di legge?

Le imprese e i consumatori , ma anche molti professionisti che si considerano solo dei tecnici, ne sarebbero felici, si starebbe a pieno titolo all’interno del mercato.

Si potrebbe creare una borsa dell’edilizia a parte e far partire anche la sottoscrizione di titoli azioni, derivati per dare case di qualità a tutti, ma forse questa storia la conoscete già.

Ma la vera architettura è altra cosa!

A onor del vero esiste una precedente direttiva europea che sposta il concetto verso la qualità architettonica già nel 1997 nell’assemblea dell’ O.I.A., che Veltroni rilancia con l’istituzione del nuovo Ministero dei beni culturali nel 1998, ma senza troppa convinzione, nella quale assemblea vengono esortati gli stati a dedicarsi alla definizione di una legge sull’architettura.

L’art. 2 recitava così::

” l’architettura è una prestazione intellettuale (e non un servizio);

– il progetto deve fornire la migliore soluzione alle esigenze del committente ed alle intenzioni riportate nel suo programma;

– interventi di qualità si ottengono anche favorendo la trasparenza nella selezione degli architetti o l’assegnazione dei progetti come esito di un concorso che esprima un elevato livello di esigenze;

– deve essere garantita la consultazione del committente reale, cioè dell’utente dell’edificio;

– le amministrazioni pubbliche debbono favorire l’innovazione, il miglioramento della qualità architettonica e la qualificazione professionale organizzando concorsi di progettazione e rendendone pubblici i risultati;

– i soggetti privati che ricercano la qualità architettonica attraverso concorsi possono beneficiare di agevolazioni finanziarie o fiscali;

– per poter essere alla base del progetto, le richieste del committente all’architetto devono essere esplicite, chiare ed esaustive soprattutto per quel che riguarda gli aspetti funzionali ed economici;

– il progetto ha carattere unitario e deve essere sviluppato in tutte le fasi, secondo un processo continuo, dallo stesso professionista o con la sua approvazione; è di pubblico interesse che venga garantita una realizzazione conforme al progetto”.

Per cui, ancor più serve, oggi, una legge per l’architettura e l’ambiente che contempli tutto ciò, ma che vada oltre fondandosi su di un punto di partenza comune, un nuovo e aggiornato concetto di estetica e di bellezza non più autosufficiente ma condivisa e sostenibile, partendo da una nuova ecologia dell’ambiente e soprattutto della mente.

Occorrerebbe convocare gli stati generali dell’architettura, artisti, filosofi di estetica e della scienza, antropologi, scrittori, storici, legislatori, ambientalisti, imprese e associazioni civili per individuare e favorire il formasi di questo nuovo concetto condiviso di bellezza omnicomprensivo anche di tutti quegli aspetti tecnico, scientifici e amministrativi che la nuova legge per l’architettura e l’ambiente dovrebbe riorganizzare con più efficacia.

Sicuramente è un impresa improba soprattutto viste le passate esperienze ma è meglio fallire per un obiettivo alto che per un misero tornaconto personale o di categoria.

Non dobbiamo rinunciare ad amare l’architettura, ad esserne soggiogati, stupiti e attratti dalla sua inafferrabile bellezza che, vale ricordarlo, è un sentimento intrinseco alla natura umana e perché la bellezza salverà il mondo!


12 Commenti a “La bellezza salverà il mondo”

  1. Giulio Pascali scrive:

    per me esisterebbe una via per far quadrare qualità e bellezza,
    paradossalmente proprio applicando la definizione di qualità secondo
    normativa UNI
    infatti poichè la qualità si definisce come il livello di
    soddisfazione di un requisito richiesto, basterebbe assumere che uno
    dei primi requisiti che vengono richiesti alle città dai cittadini è la bellezza
    dopodichè però resta il problema irrisolto della definizione oggettiva
    di bellezza,
    su questo tema da Duchamp in poi è caduta ogni
    possibilità di decodifica oggettiva ed universale
    la bellezza resta indissolubilmente ancorata alla percezione personale

  2. Bruno Mario Broccolo scrive:

    Non so se la bellezza salverà il mondo: forse si potrebbe partire dalla grammatica?

    corretto, grazie della segnalazione

  3. G.luca scrive:

    Caro Giulio,
    nello scritto non intendo tanto arrivare ad un concetto definito di bellezza attraverso dei requisiti quanto alla necessità di individuare un concetto condiviso e contemporaneo, che mi sembra necessario quanto lo fu per esempio per Benedetto Croce dalle cui riflessioni scaturirono leggi importanti come quelle per la tutela del paesaggio che ci hanno rilevato, per la prima volta, un nuovo modo di guardare e riconoscere il paesaggio e la sua bellezza e con il quale approcciarsi ad una legge. Per la prima volta viene accostato il termine di bellezze naturali a quelle storiche e quindi da tutelare e conservare come se fossero delle vere e proprie opere d’arte.
    L’italia è il primo paese al mondo a mettere nella propria costituzione il rispetto del paesaggio (art.9)
    Oggi penso in una legge per l’architettura e l’ambiente si debba inserire un nuovo concetto di bellezze ambientali dove l’architettura contemporanea si faccia interprete come per esempio lo è un approccio ecosostenibile ma che per ora si limita ad individuare solo parametri di consumo, energetico, d’impronta ecologia ecc.. Manca un estetica condivisa che non faccia urlare a qualche critico della domenica “maledetti architetti”.
    ciao
    G

  4. stefano nicita scrive:

    Solo se una società nel suo complesso punta alla bellezza, si può raggiungere la qualità del paesaggio urbano e non. La bellezza oggettiva non esiste, ma sulla bruttezza dell’architettura italiana recente possiamo essere tutti abbastanza d’accordo, credo. La “furia” legislativa da noi serve soprattutto a tentare (inutilmente) di compensare un senso civico molto carente, oltre che a pulirsi un po’ la coscienza, ma molto poco a migliorare l’ambiente di vita, purtroppo. Mies lo diceva già un po’ di tempo fa http://dovelarchitetturaitaliana.blogspot.it/2012/12/architettura-e-civilizzazione.html

  5. G.luca scrive:

    Si certo, ma Mies diceva anche che<> citando S.Agostino.
    Aderire al reale attraverso una ricerca estetica spirituale, che trascende la realtà.

  6. Giulio Pascali scrive:

    @stefano
    da una parte non si può che condividere Mies quando dice che l’architettura non è che rappresentazione.
    si tratta però di una della funzioni tradizionali dell’architettura (prettamente artistica)
    il problema però è che ci ritroviamo in una società che tende sempre di più all’autorappresentazione, disimpegnando progressivamente gli intermediari (in questo caso gli architetti) e offrendo il processo di tale rappresentazione ad infinite ipotesi estetiche.
    Nella società caratterizzata da questo individualismo collettivo (Facebook non è che l’esasperazione della rappresentazione dell’individuo ad un pubblico collettivo), dove coesistono rappresentazioni della realtà diverse e costituite da diversi valori, originati nella coscienza di ciascuno di noi, c’è ancora spazio per una professione prevalentemente centrata sulla ricerca estetica e sulla rappresentazione di tale ricerca?
    Io credo di si, ma credo che questo spazio si debba ritagliare con qualcosa che non è più definibile come architetto, non nella maniera tradizionale a cui siamo abituati ad attribuire questo termine.

  7. stefano nicita scrive:

    L’aspetto importante che volevo sottolineare è quello che vede nell’opera architettonica, con tutta la sua complessità, un risultato importante e rappresentativo della società in cui è stata generata. In realtà quindi è rappresentazione non nel senso superficiale, ma in quello più profondo e classico. Deve essere apprezzata grazie ad un linguaggio universale che la rende bella agli occhi di tutti e se oggi l’architetto non è in grado di raggiungere questi risultati, anche per colpe non sue, non ha senso renderlo un burocrate solo per farlo sopravvivere. Ho esagerato? Un saluto

  8. […] mesi infatti che al nostro Ordine viene chiesto di aprire un confronto libero e aperto “sulla formazione permanente, sulla Fondazione, sulle quote di iscrizione, sui bilanci dell’Ordine, […]

  9. vilma torselli scrive:

    “In un famoso studio condotto su un nutrito gruppo di architetti, si osservò per esempio che l’interocampione mostrava nei test di intelligenza punteggi superiori a quelli misurati nella popolazione generale, ma quando gli architetti, giudicati come più creativi dai colleghi, venivano confrontati con il resto del campione, architetti creativi e architetti per cosÌ dire più normali non mostravano differenze significative nei punteggi riportati nei test di intelligenza. D’altra parte, i soggetti giudicati creativi erano anche giudicati come più intelligenti dalla media dei loro pari. Ciò può dipendere dal carattere fortemente sociale della creatività…..” (‘Come nascono le idee’, Edoardo Boncinelli, Edizioni Laterza, 2008 – pag.107)
    L’architettura, prodotto creativo tra i più diffusi sulla faccia della terra, dovrebbe insomma essere prima di tutto prodotto socialmente utile, derivato dalla presa di responsabilità civile e dal dovere morale dell’architetto, una attività creativa accompagnata da un ruolo civico e da una indiscutibile valenza etica.
    E se, parafrasando Brodskij, “l’estetica è la madre dell’etica”, è ‘brutta’ l’architettura che si sottrae al suo ruolo civico, che ignora il contesto storico, il continuum spazio-temporale, gli usi ed i costumi (ethos e mos) della comunità nella quale si colloca, è ‘bella’ quella rispettosa delle variegate esigenze della città, quanto più sarà etica tanto più condivisa sarà la sua estetica.
    Il cardine sul quale ruota il discorso sull’architettura è il legame tra etica ed estetica, tra bene e bellezza, il che spiega perché sia molto difficile, se non impossibile, pervenire ad una legge sull’architettura.

  10. G.luca scrive:

    Cara Vilma,
    si certo una legge sull’architettura che sappia affrontare appieno i temi dell’etica e dell’estetica è un impegno difficile e che può sembrare impossibile, ma ci sono esempi che ci confortano, la legge n.1497 del 1939, la legge sull’architettura francese n.10/1977 solo per citarne 2.
    Inoltre, proprio perchè l’architettura è un fine ed mezzo per la comunità dove viene realizzata deve poter soddisfare le più ampie esigenze possibili e quindi deve poter esser condivisa, attraverso il rispetto delle leggi, delle regole, della cultura per poter rappresentare a pieno titolo la cultura del suo popolo oltre che del suo tempo. Perciò è necessaria una legge o qualcosa che possa essere accettato come massima autorità al di sopra delle parti, Aggiungo, anche che dovendo soddisfare criteri di sicurezza, economicità e di durata si è dotata di una tecnologia che sempre sottosta alle leggi per normare un campo estremamente complicato dai risvolti, a volte, imprevisti.
    Tutto ciò guidato dalla capacità di portare a sintesi tutte queste istanze attraverso la bellezza.
    Che cosa è la bellezza? questo è un mistero che si ricrea ogni volta che l’opera si compie nella sintesi di tutto ciò.
    E’ altrettanto ovvio che una legge non serve per fare cose belle ma per vivere meglio.

  11. G.luca scrive:

    Dal sito di Lega Ambiente leggo con sospetto e sorpresa la notizia che è stata proposta una legge sulla bellezza sottoscritta da molti futuri e attuali parlamentari data 19 febb 2013 http://www.legambiente.it/contenuti/comunicati/proposta-legge-bellezza-sono-al-momento-97-i-candidati-alle-prossime-elezioni-c
    La cosa mi fa piacere perchè sembra seguire i miei stessi intenti ma allo stesso tempo mi lascia molto perplesso su come sia avvenuta la cosa, in quanto, nel mese di gennaio avevo scritto ad Ermete Realacci perchè relatore del disegno di legge sull’architettura attualmente in commissione senato, cercando di coinvolgerlo su un dibattito da aprire anche su questo blog.
    Ma sarà mai possibile che ai nostri politici non interessa molto capire la sostanza delle cose ma apporre sempre una firma per garantirsi un ritorno elettorale?!
    In tutti questi disegni di legge non c’è mai un momento di riflessione, di approfondimento, di condivisione, ti vengono sempre messi sotto il naso petizioni o brevi descrizioni richiedendoti un silenzio-assenso attraverso una sequela di firme!
    Trovo questa sciatta meccanicità della democrazia di una superficialità tutta italiana!
    Ma siamo sicuri di saper esercitare la democrazia?
    Spero di sbagliarmi ma il disegno di legge, comunque sul sito non l’ho trovato.
    saluti

  12. G.luca scrive:

    Ho travato un link dove poter scaricare la proposta di legge
    http://www.larchitetto.it/i2.php
    c’è un articolo di Vittorio Cogliati Dezza – Presidente nazionale Legambiente

Lascia un Commento