Archive del 2012

Notizie da inarcassa n.9

inarcassanews1

cari amici e colleghi

prosegue il servizio di informazione su tutto ciò che avviene all’interno di Inarcassa.

Insieme a Babbo Natale è arrivata l’approvazione definitiva da parte dei Ministeri della nostra riforma previdenziale, la famosa sostenibilità a 50 anni imposta dal Governo Monti,  che entrerà in vigore a partire dal 01 gennaio 2013.

Nel comunicato di presentazione inviato agli iscritti e pubblicato sul sito inarcassa (vedi link), si cerca di indorare la pillola, ma la realtà, soprattutto per le giovani generazioni, è molto più amara di ciò che viene descritto:

La Riforma, garantendo agli iscritti previdenza e assistenza nel nome dell’equità tra le generazioni, salvaguarda le aspettative solidaristiche del sistema previdenziale: dal mantenimento della pensione minima per gli iscritti meno abbienti“.

Non credo che si possa parlare di equità tra le generazioni quando:

– un iscritto di 35/40 anni di oggi, andrà in pensione non prima dei 70 anni e, a parità di contributi versati con un pensionato di oggi, avrà una pensione ridotta del 60%;

– un iscritto di 62 anni di oggi, potrà andare in pensione a 63 anni con una riduzione minima del 5,8 %.

Inoltre la pensione minima sarà mantenuta, ma non per i meno abbienti, come si dice nel comunicato, ma  soltanto per coloro che avranno avuto negli ultini 20 anni di attività un reddito medio superiore a 10.500 euro, tutti gli altri (attualmente quasi 1/3 degli architetti iscritti) non avranno diritto alla pensione minima.

Colpisce la differenza dei termini usati nel Regolamento:

prima: “la pensione minima non potrà essere inferiore a ……..”

oggi: “la pensione minima non potrà essere superiore a ………”.

La verità è che la solidarietà non è sostenibile con un rapporto di 1/3 di non abbienti, se non cambia la situazione lavorativa degli architetti italiani, fra 30 anni avremo più di 30.000 colleghi con una pensione “sociale”.

Qualche volta bisognerebbe avere il coraggio di raccontare la realtà  nuda e cruda, senza per questo creare allarmismi.

Se volete conoscere nel dettaglio la riforma andate su questo link.

Se non vi siete scoraggiati abbastanza, vi ricordo che il 31 dicembre 2012 scade il pagamento del saldo 2011, non vi verrà inviato il MAV, ma dovete stamparvelo su inarcassa on line, in alternativa si può pagare entro il 30 aprile 2012 con un interesse dilatorio del 2% fisso.

Per chi vuole conoscere anche gli altri fatti accaduti nei CND di ottobre e novembre può leggere questa breve sintesi:

– nel CND di ottobre, il Presidente di inarcassa ci ha informato dell’inserimento delle Casse private negli indici Istat, ciò perché lo Stato può così contabilizzare un saldo attivo di 50 miliardi nel bilancio, la cosa assurda è che in virtù di tale inserimento siamo obbligati al contenimento della finanza pubblica (Spending Review), e i risparmi che siamo tenuti ad ottenere devono essere versati allo Stato!!!

E’ una vera ingiustizia contro la quale le Casse private faranno ricorso.

Esiste un serio rischio di far confluire le Casse private nell’INPS, che per noi non sarebbe per niente un affare.

1) Poi si è passati alla trattazione dei criteri di individuazione e ripartizione del rischio degli investimenti.

Ci sono stati gli interventi degli esperti che ci hanno spiegato il contesto economico che ci obbliga a essere più prudenti negli investimenti anche a costo di un minor rendimento, bisogna diminuire il rischio cambio, che nel 2011 ci ha fatto perdere molti soldi, inoltre viene evidenziata la difficoltà della gestione e del rendimento del patrimonio immobiliare dovuta all’aumento della tassazione (IMU), calo del mercato e crisi dell’edilizia.

Tutto ciò porta alla seguente proposta di modifica dell’Asset Allocation:

Monetario  2% invariato

Obbligazionario  aumentato dal 41,5% al 48,5%

Azionario  diminuito dal 20% al 15,5%

Alternartivi  11,5% invariato

Immobiliare  diminuito dal 25% al 22,5%

Dopo una breve discussione in cui sono state espresse alcune perplessità, in particolare sulla diminuzione degli investimenti immobiliari in questo periodo, dove il mercato permetterebbe di fare buoni affari, si è passati alla votazione che è passata a maggioranza.

Non è facile capire cosa sia più giusto fare in questo momento nel campo immobiliare, sono convinto che si potrebbero acquisire immobili ad ottimi prezzi e che nel lungo periodo acquisterebbero un grande valore, ma se nel frattempo abbiamo difficoltà a gestirli e a mantenerli rischiamo di rimetterci.

Per quanto riguarda l’aumento dell’obbligazionario e la riduzione dell’azionario sono sicuramente favorevole, bisogna capire se l’obbligazionario è davvero più sicuro e meno rischioso dell’azionario.

2) Si è passati poi alla votazione in merito ai contributi da destinare alla promozione della professione (da statuto sono lo 0,34 del contributo integrativo), per il 2013 l’importo a disposizione è pari a 640.000 euro, si decide di destinarli: alla Fondazione Inarcassa, ai prestiti d’onore ai giovani iscritti con età inferiore ai 35 anni, alle professioniste madri con figli in età prescolare o scolare, ai finanziamenti agevolati.

3) Si è passati poi alla votazione del Comitato di Coordinamento del CND che dovrà migliorare la gestione dei Comitati e facilitare il rapporto tra i delegati e il Consiglio di Amministrazione.

Sono stati eletti i seguenti delegati:

Architetto Salvatore Gugliara

Architetto Stefano Navone

Architetto Fulvio Nasso

4) Si è passati poi alla discussione in merito alla revisione dello Statuto, dove si è affrontato il tema di un’eventuale gestione separata inarcassa richiesta da molti, la maggior parte dei delegati, come il sottoscritto, hanno espresso la loro contrarietà a un’ipotesi del genere, ma non abbiamo chiuso la questione rimandando la decisione.

Poi si è discusso del tema della riduzione dei delegati e delle nuove regole elettorali, esiste una necessità di riduzione del numero dei componenti del CND, esiste anche una forte discrepanza tra delegati che rappresentano più di 2500 iscritti e delegati che rappresentano, in alcuni casi, anche poche decine di iscritti.

Non sarà facile arrivare a una soluzione condivisa perché esiste una forte resistenza da parte dei delegati delle piccole province che non vogliono perdere il loro ruolo.

– Nel CND di Novembre è stato approvato il bilancio preventivo 2012.

1) Il Presidente ci ha informati sull’esito del ricorso al Tar e al Consiglio di Stato sull’inserimento nel paniere ISTAT, è stato bocciato, si è deciso quindi di riccorrere in sede Europea. A ciò si aggiunge la propsta shock del Ministro Riccardi che vorrebbe obbligarci a vendere il nostro patrimonio immobiliare agli inquilini ad 1/3 del prezzo di mercato, siamo sotto ricatto del Governo e doppiamente tassati, la cosa assurda è che da un lato ci obbligano alla sostenibilità a 50 anni dall’altro se ne inventano di ogni per toglierci soldi.

Spero che l’ADEP che rappresenta le Casse private, faccia sentire in maniera forte e decisa la propria voce.

2) Prima del CND si è svolto un convegno al MAXXI di Roma, organizzato dalla neo Fondazione di Inarcassa, primo evento concreto della stessa, il Presidente della Fondazione Architetto Andrea Tomasi ha denunciato la grave situazione in cui si trovano oggi i professionisti in Italia: la scomparsa delle tariffe, la concorrenza sleale e illegale dei dipendenti pubblici, la mancanza di una legge per l’Architettura e molto altro.

I politici che hanno partecipato hanno fatto la loro solita passerella pontificando su tutto e il contrario di tutto, ma fondamentalmete lontani anni luce dalle nostre esigenze. Il Senatore Grillo ha poi esaltato il Project financing, che a mio avviso è la più grande truffa di questi decenni.

La Fondazione di Inarcassa potrebbe dare un contributo importante al sostegno della nostra professione, ma bisogna cominciare a fare azioni concrete, non è più il tempo delle chiacchiere.

3)  Per quanto riguarda l’approvazione del Bilancio preventivo 2013 emergono i seguenti dati: i redditi dei professionisti sono in calo anche per il prossimo anno (il CNA ha calcolato una perdita del 26% negli ultimi 5 anni), ma l’effetto della riforma, con l’aumento notevole dei contributi minimi, farà aumentare le entrate complessive, inoltre i nuovi iscritti porteranno quote “fresche”, il risultato sarà un avanzo economico di circa 700 milioni di euro con il patrimonio che supererà i 7 miliardi di euro.

Nel mio intervento ho fatto notare al CDA che il bilancio di previsione non tiene conto del grande numero di iscritti che saranno costretti a cancellarsi da inarcassa perché non saranno in grado di pagare i contributi minimi, questo fenomeno, sebbene, parzalmente ammortizzato dalle nuove iscrizioni, avrà sicuramente un impatto notevole nei conti di inarcassa.

Il Presidente, nella sua risposta, mi ha confermato una sensazione che avevo da tempo, esiste una volontà di “entità superiori” di fare una sorta di selezione naturale, ovvero un professionista che ha un reddito e un fatturato sotto un certo livello (10.000/15.000 reddito  25.000/30.000 fatturato) non potrà più essere iscritto alla Cassa e all’Albo e si dovrà trovare un altro lavoro, naturalmente nessuno gli impedirà di mantenere la propria iscrizione, se non il fatto di non riuscire più a pagare i contributi previdenziali, l’Assicurazione professionale, la Formazione continua e molto altro.

Ho l’impressione che la cosa non preoccupi più di tanto la maggior parte dei delegati inarcassa.

Inoltre ho chiesto che venga fatto un progetto serio e strutturato sul sistema informatico di gestione di inarcassa che è ormai diventato l’unico strumento con cui gli iscritti si confrontano: dichiarazioni on line obbligatorie, gestione MAV, richiesta DURC, accertamento con adesione, ravvedimento operoso e molto altro.

Il Presidente mi ha risposto che è in previsione un progetto, non a breve temine, ma nei prossimi anni, come si dice meglio tardi che mai.

Per la parte che riguarda gli investimenti, il bilancio preventivo si basa sui dati disponibili per il 2012 dove c’è stata un’inversione di tendenza tra i rendimenti degli investimenti immobiliari che sono crollati e i rendimenti degli investimenti mobiliari che sono in ripresa.

Mi auguro che il rendimento gestionale lordo annuo previsto dell’intero patrimonio sia corrispondente alle stime fatte, ma ho qualche dubbio.

Dopo un breve dibattito il bilancio preventivo 2013 è stato approvato con una larga maggioranza, ho paura che sarà uno degli ultimi bilanci così positivi perché, passato l’effetto della riforma, i redditi non saliranno nel breve periodo e i nuovi iscritti serviranno appena a bilanciare l’aumento del costo delle pensioni.

Notizie utili:

–  Il Parlamento ha respinto la possibilità per i professionisti, (a differenza delle imprese a cui è stata concessa), di poter compensare i debiti previdenziali e fiscali con i crediti con le Stazioni Appaltanti;

–  A seguito delle nuove procedure che intendono ottenere un risparmio nella gestione della carta, non verrà più inviato per posta il bolletino M.A.V. delle prossime rate, a partire da quella di settembre, ma dovrà essere generato e stampato tramite l’apposita procedura su Inarcassa On line.

Il T.U. DELFT per la costruzione del futuro

22 dicembre 2012

L’Olanda è un paese che investe nel futuro… perciò è un paese ricco. Ricco di risorse, ricco di tecnologia, ricco di speranze! Le imprese olandesi sono presenti in tutto il mondo: il governo russo ha chiesto ad un’impresa formata da due fratelli olandesi di recuperare il relitto del Kursk, il sottomarino affondato nel mare di Berens più di dieci anni fa. Anna lavora alla Blue Water, un’impresa che sta lavorando al recupero del disastro ecologico nel Golfo del Messico. Ed ovunque le imprese olandesi esportano tecnologia.

Ho visto un documentario sulla città di Jakarta, in Indonesia, dove gli ingegneri olandesi stanno collaborando con il governo locale perché le autorità si sono accorte che il livello dell’acqua della laguna dove ci sono migliaia di abitazioni sta crescendo a vista d’occhio, e nel giro di pochi anni interi quartieri scompariranno, se non si interviene subito. In particolare i tecnici stanno studiando una soluzione che preveda la costruzione di una diga con l’allagamento di una zona intermedia, poco abitata, ed il conseguente sgombero di n° 500 abitanti.

Il sistema educativo olandese, per quanto chiuso e limitato ad un numero ristretto di persone, procede di pari passo con il mondo del lavoro ed a stretto contatto con le imprese: l’Università costa cara, ma una volta laureato puoi ripagarti tranquillamente  gli studi. Finchè i giovani cioè non sono in grado di pagare da soli, il governo olandese li aiuta, contribuendo per  esempio a ridurre i costi dei trasporti (la Ov chipkaart, che ti consente di viaggiare su tutti i mezzi di trasporto olandesi, per gli studenti fino a 25 anni dal lunedì al venerdì è GRATIS…) o dando agevolazioni a livello scolastico. Una volta laureato il giovane professionista può restituire questi soldi con il frutto del suo lavoro. Nel  percorso formativo è prevista un’esperienza di lavoro all’estero (Erasmus o Leonardo, come in Italia) ma anche uno stage retribuito dal governo in uno studio professionale, che trae si dei vantaggi ma avvia anche il giovane alla professione.

Sono stato la settimana scorsa al TU Delft, e seguire l’Urbanism Week, cinque giorni di workshops e dibattiti serrati sulla città, che mi hanno consentito innanzitutto di entrare in contatto con il mondo dell’Università, ma che ha prodotto tra l’altro un abbozzo di collaborazione con lo studio ZUS di Rotterdam. Zus è l’artefice del recupero dello Schieblok e dell’avvio fra  gli altri  del progetto del Luchtsingel, un ponte pedonale di legno che partendo dall’edificio su citato cammina lungo la ferrovia recuperandone le valenze morfologico-ambientali e riqualificando le  parti di città che collega.

La prerogativa fondamentale di questo progetto è il fatto che è partito senza fondi e si finanzia da solo! Zus ha infatti cominciato con il recupero dello Schieblok, che era iscritto sulla lista degli edidfici da demolire ed è riuscito nel giro di tre anni o poco più a farne uno dei luoghi più frequentati dagli studi professionali e dalle piccole imprese, che ne affittano i locali grazie ai prezzi molto bassi ed alla posizione strategica.

Durante il workshop ho approfondito il tema successivo alla costruzione del Luchtsingel, che prevedeva all’inizio solo la collocazione del ponte a ridosso dello Schieblok per attirare l’attenzione su di esso (sono stato la settimana scorsa a Rotterdam, ed effettivamente il percorso per arrivare al palazzo è stato indicato con vernice gialla, disegnando a terra strisce pedonali o colorando gli androni dei passages di giallo, che non passa certo inosservato…). Si trattava infatti di trovare delle funzioni “aantrekkelijk”, che rendessero cioè il successivo tratto pedonale verso la vecchia stazione interessante per i possibili fruitori: in una torre per 300 studenti realizzata dal Comune il nostro gruppo ha immaginato di realizzare un ristorante dove gli studenti potessero laorare in cucina ed offrire per una cifra modesta (€ 5,00) un pasto completo, creando nello stesso tempo un sito web dove gli occupanti della torre potessero organizzare dei turni, seguendo il motto “Eet meet cook”.

Oltre a questa esperienza, che spero dia i suoi frutti, mi sono imbattuto in un altro gruppo di studenti e giovani professionisti durante il Green Building Week, un’iniziativa promossa dal governo olandese per la diffusione della durabilità, dai materiali, all’energia, alle risorse.

L’evento in questione era organizzato dalla “Safety”, azienda leader nel campo dell’innovazione, che ci ha parlato di un nuovo complesso ad Hoofddorp, dove il tentativo è quello di realizzare edifici con il metodo Cradle to Cradle, cioè ad emissione zero. Questo vuol dire, per intenderci, che tutti i materiali utilizzati nella costruzione sono riciclabili al 100%.

L’artefice di questo progetto, l’architetto inglese Mc Donough, si appoggia per realizzare le sue opere ad imprese olanedesi, quali appunto la Sofety, che però non copre tutto lo spettro delle costruzioni. Il responsabile della Sofety, che è riuscito nonostante questo gap a realizzare tre edifici per uffici nel comprensorio di Hoofddorp, ci parlava delle enormi difficoltà per convincere le singole aziende ad investire nel futuro e nel metodo Cradle to Cradle, che tuttavia non è ancora stato verificato.

In ogni caso il ministero dell’innovazione tecnologica è molto attivo nella promozione di questi metodi; lo stesso ministro delle infrastrutture Jacqueline Cramer, che oggi è a capo dell’Utrecht Sustainability institute (USI) ha dichiarato che la nuova Bouwbesluit, legge sulle costruzioni, varata dal governo nell’aprile 2012, gtende a favorire proprio quelle aziende che investono nella sostenibilità.

A questo punto la domanda sorge spontanea: perchè in Olanda si riescono a promuovere tutte queste interessanti iniziative ed in Italia no?

Come mai l’Olanda è all’avanguardia nell’innovazione tecnologica e l’Italia no?

Perchè in Olanda si investe ed in Italia no?

E’ solo un problema politico dovuto alla corruzione?

E’ soltanto una questione di persone, o piuttosto non è un problema connesso al sistema, che nell’un caso funziona e nell’altro invece fa acqua da tutte le parti?

Sono convinto che investire nel futuro sia la forza di questo paese. Sicuramente l’Olanda ha un’altra serie di problemi, ma gli olandesi guardano con fiducia al domani sapendo che chiunque salga al potere chiederà sempre altri soldi, ma che comunque questi soldi saranno ben spesi e torneranno indietro sotto altra forma. E a chi mi dice perchè te ne sei andato io rispondo senza alcun ripensamento: perchè qui i miei figli potranno crescere sani e sereni.

L’Ordine che vorrei secondo Rocchi

15 dicembre 2012

L’Ordine che vorrei!

L’ordine che vorrei é strettamente legato alla societá che vorrei. Se dobbiamo parlare in funzione ipotetica allora la mia societá ha come obiettivo centrale il benessere dei suoi cittadini: benessere intellettivo e fisico.

Tutto dovrebbe girare intorno al concetto di uguaglianza, meritocrazia ed eguali possibilitá di accesso ai servizi a prescindere dalle possibilitá economiche.

Il liberismo sarebbe ben accetto solamente vincolandolo ai criteri sopradescritti. Non accettabile in questo tipo di societá alcuna furberia o raccomandazione o peggio malvessazione. In caso di malvessazione la mia societá sarebbe in grado di dare risposte veloci, attraverso una giustizia agile, snella, ed inflessibilmente giusta. Tolleranza zero per coloro che tenteno di aggirare le regole.

In una societá cosí fatta non avrebbe senso parlare di come dovrebbe essere un ordine, perché questo avrebbe un solo modo di essere. Sarebbe una garanzia sociale. La societá chiederebbe agli ordini di garantire la sicurezza degli immobili costruiti secondo i servizi resi dagli iscritti all’albo.
La competizione dunque si sposterebbe dal piano prettamente economico a quello tecnico/qualitativo. La serietá del professionista, il suo comportamento, il suo credo deontologico sarebbero un valori irrimediabilmente necessari per poter progettare e/o dirigere opere pubbliche e private.

Questo in un pensiero ipotetico.

Ora però facciamo i conti con la realtá.

La nostra societá ha dimenticato quale sia la funzione degli ordini professionali, e con loro ha dimenticato la valenza prima che i servizi tecnici dovrebbero garantire.

Il punto centrale é questo: la societá ci ha dimenticati. Ricordo come le parcelle minime inderogabili nel privato fossero solo un riferimento giá prima del decreto Bersani. La concorrenza sleale, della scontistica da mercato delle vacche, imperava. Nessun problema per il committente se poi i lavori costavano di piú: obiettivo principale risparmiare sui costi diretti dei servizi tecnici. Per prendere poi soldi da tutti i fornitori e dalle imprese ed avere alla fine dei manufatti solo sulla carta rispondenti alle normative.

I fabbricati poi crollavano, e crollano, e la colpa é dei terremoti o delle commissioni rischio sismico.

Ipocrisia!

La politica ha deciso di far sua questa visuale buttando nel mercato della vacche i servizi tecnici, ed il benessere dei suoi cittadini nel cesso!

Arrivano i terremoti e a crollare stavolta non sono solo case private, ma anche gli edifici pubblici. Sotto quegli edifici pubblici MUOIONO PERSONE: bambini, insegnanti, studenti, ospedalizzati!

Gli edifici pubblici che per loro natura dovrebbero essere i più sicuri, su questi si basano i piani di emergenza della protezione civile, diventano i più cedevoli, i più insicuri.
I livelli di sicurezza sia in fase di cantiere sia post cantiere si assottigliano notevolmente.

I politici vanno ai funerali!

Ipocrisia!

I politici rimediano al danno procurato ai loro cittadini? Certo chiedendo un’assicurazione obbligatoria a coloro che progettano e dirigono la costruzione di edifici. Così sono manlevati. Come se avere soldi potesse tacitare il dolore immenso di una perdita di un caro.

Ipocrisia massima!

In una società così fatta, a cosa serve un sistema ordinistico? A niente!

Devono esser chiusi?

Si, se ci rassegnamo a vivere nella società in cui viviamo.

NO, se si ha intenzione di rivendicare il nostro ruolo in una società che deve essere trasformata.

Non credo che i sindacati siano la soluzione giusta per gli architetti.
Avere bisogno di un sindacato è come dichiarare di aver fallito.

Questa società in cui viviamo fa schifo e deve essere detto a viva voce. Devono cambiare i pilastri su cui è fondata. Oppure è destinata a marcire per sempre nell’ipocrisia.

Oscar vs Terminator

7 dicembre 2012

Le macchine infernali stanno combattendo la loro battaglia con gli umani, ma gli umani resistono, non ne vogliono sapere di farsi sterminare, anzi la ribellione si sta facendo sempre più forte ed organizzata. Questo grazie all’azione di Oscar l’Immortale (così detto per la sua longevità che lo ha portato a vivere fino a 104 anni), il temibile capostipite dei ribelli, conosciuti dalle macchine con il nome in codice di Modernisti. I Modernisti sono la chiave di tutto; dall’alleanza dei Modernisti con gli Organicisti (altro gruppo guerrigliero capitanato da Zevius) si sono evoluti i Decostruttivisti, e dai Decostruttivisti sono nati i potenti guerrieri cyborg noti come Archistar. Oscar ha insegnato ai ribelli come usare il Cementacciaio per contaminare il preziosissimo Contesto, la materia prima che fornisce energia alle macchine.

Dopo anni di scontri e devastazioni, la guerra sembra essere arrivata ad un punto di stallo, non si riesce a intravere una fine agli scontri e nessuna delle due parti sembra riuscire a prevalere definitivamente sull’altra. Nonostante i colpi subiti, i guerrieri Zazzà, Fuffas e Calatravius continuano a resistere, forti del Cementacciaio che immettono direttamente dentro il Niurbanism, l’habitat naturale delle macchine.

Carlus Anglicus, il superprocessore che governa simbioticamente le macchine, insieme ai Tetradearchitettonici, i patriarchi Mentat che sovrintendono al governo delle macchine (Krier, Nikos, Petro e EMM la macchina onnisciente), ha studiato un piano diabolico, la soluzione finale: annullare la storia. Abbattere l’origine stessa dei potenti cyborg. Uccidere uno ad uno i padri fondatori del Modernismo negandone la stessa esistenza. Se il modernismo non fosse mai nato, questa è la loro diabolica strategia, automaticamente cesserebbero di esistere tutti i loro discendenti, e il mondo si libererebbe in un colpo solo di tutti i ribelli; le macchine potrebbero quindi imperare dedicandosi alla costruzione del loro mondo perfetto, ciclicamente autorigenerativo, finalmente liberato dalle imprefezioni degli umani; persino il terribile Cementacciaio non esisterebbe più.

Dopo avere eliminato i principali capostipiti ribelli, Le Corbù e Wrietosan, e dopo avere ridotto all’impotenza Zevius e i suoi diretti seguaci, Carlus progetta infine di cancellare l’esistenza anche di Oscar l’Immortale, considerato l’ultimo anello genetico da rimuovere per completare il suo piano.

Carlus ha scelto per la missione il temibile Murator, un simbionte postumano che regna incontrastato nell’Archiwatch, uno spazio cibernetico ciclofluidificato, i cui abitanti sopravvivono autoalimentandosi degli script e dei contenuti digitali da loro stessi generati che Murator raccoglie rielabora e ridistribuisce traendo energia dai processi ciclici che mette in atto.

Murator non ha perso tempo e, approfittando di un momento di cedimento della setta dei modernisti (dovuta alla inaspettata morte dell’Immortale), ha lanciato immediatamente il suo Ciclopost:

OSCAR? … “UN ARCHITETTO MAI NATO”

un pericolosissimo virus spazio temporale reagente a livello empatico che si diffonde sul canale tipo-filologico sfruttando le pieghe degli universi paralleli.

Negando la nascita dell’architetto solo con la enunciazione del Ciclopost (supportatto da variazioni genetiche fantasimpatiche), Murator è convinto che riuscirà a sgretolare le 5 Leggi, i principi fisici stabiliti da Le Corbù che hanno guidato i modernisti nella loro battaglia.

Un duro colpo per i cyborg Archistar, al quale hanno prontamente risposto, e dalla base spaziale di Ravel stanno immettendo nel cyberspazio dosi massicce di Telegatti che contrastano l’azione del virus utilizzando il codice catodico TV:

“Se vi piace chiamatemi Oscar!”

Lo scontro è duro, anche perchè la posta in gioco è la sopravvivenza degli umani, mentre le stesse macchine, pur di negare l’esistenza degli umani capostipiti negando la storia, mettono a rischio la loro stessa natura hyperstorica.

Siamo forse alla fine del mondo così come lo abbiamo conosciuto?

Siamo di fronte alla fine dell’epoca delle macchine e degli umani?

Lontano sullo sfondo un misterioso essere lavora in segreto in attesa che si consumi la devastazione del mondo; esso prepara una nuova società dove una versione del Cementacciaio potrà essere utilizzato senza danneggiare il Contesto e dove la sopravvivenza di una nuova stirpe di esseri metà macchine e metà umani non sarà più legata ne alle 5 Leggi e ne al Contesto.

C’è forse speranza per il futuro del mondo?

L’alba di una nuova era si avvicina!

Architetto condannato, ma l’Ordine gli porge la foglia di fico per coprire le vergogne

Un anno fa, ci siamo occupati del caso Zampolini, sono usciti articoli sui quotidiani nazionali, l’Ordine di Roma è stato deriso da Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera, ma non è bastato, non è successo nulla, Zampolini continua ad essere iscritto all’Ordine di Roma e continua a lavorare liberamente portando a termine i suoi incarichi milionari.

Il Comitato ProfessionistiLiberi chiede spiegazioni all’Ordine di Roma e al CNA su come sia andata a finire la storia di Zampolini e l’Ordine di Roma cosa risponde? :

“Non si possono dare notizie per la privacy”.

E’ l’ennesimo scandalo che ci dimostra ancora una volta dell’inutilità degli attuali Ordini professionali.

La deontologia non esiste e non è mai esistita, ora ci prendono anche in giro con il nuovo Regolamento che la disciplinerà, è arrivato il momento di cambiare non possiamo continuare a mantenere in vita questo tipo di Ordine Professionale.

Il Comitato ProfessionistiLiberi non si è dato per vinto e ha scritto una lettera aperta al Garante per la Privacy, al Ministero della Giustizia, alla Commissione parlamentare antimafia, alla Procura nazionale antimafia e al Consiglio Nazionale degli Architetti a cui anche noi di amate l’architettura ci siamo rivolti per avere spiegazioni, (vedi lettera).

ALLEGHIAMO LA LETTERA

254f

Evviva le foglie di fico!

Al Garante per la protezione dei dati personali

e p.c.

al Ministero della giustizia

alla Commissione parlamentare antimafia

alla Procura nazionale antimafia

al Consiglio nazionale degli architetti

all’Ordine degli architetti di Roma

LETTERA APERTA

Il Comitato ProfessionistiLiberi, all’inizio di quest’anno, ha contestato all’Ordine degli architetti di Roma di usare la privacy come foglia di fico per non dare notizie sui provvedimenti disciplinari adottati nei confronti di un iscritto, condannato in via definitiva ad 11 mesi, nell’ambito del procedimento nei confronti della Cricca del G8.

Sull’argomento è intervenuto Gian Antonio Stella, con un formidabile articolo nell’edizione del Corriere della Sera del 17 febbraio, evidenziando che il Garante per la protezione dei dati personali aveva già chiarito che la legge sulla privacy “non ha modificato la disciplina legislativa relativa al regime di pubblicità degli albi professionali e alla conoscibilità degli atti connessi, e che tali albi sono destinati per loro stessa natura e funzione ad un regime di piena pubblicità, anche in funzione dei diritti di coloro che a vario titolo hanno rapporti con gli iscritti agli albi”.

Oggi, l’Ordine degli architetti di Roma insiste comunicando che “le disposizioni del Ministero della Giustizia, come comunicate dal Consiglio Nazionale, impediscono al nostro Ordine di dare notizie sull’esistenza di procedimenti disciplinari e sul loro eventuale esito”.

Pertanto, si chiede al Ministero della Giustizia ed al Consiglio nazionale degli Architetti di volere fare conoscere quali disposizioni sono state impartite in merito alla conoscibilità dei provvedimenti disciplinari adottati dagli Ordini professionali.

Inoltre, si chiede all’Autorità garante della protezione dei dati personali di volere chiarire se la normativa sulla privacy impedisca ad un Ordine professionale di dare notizia dell’esito dei procedimenti disciplinari.

Il Consiglio direttivo del Comitato ProfessionistiLiberi

Palermo, 28 novembre 2012

Per ulteriori approfondimenti si rimanda a:

Nostra prima lettera aperta del 19-01-2012

Gian Antonio Stella dal Corriere della sera del 17/02/2012

Architetti 2.0

30 novembre 2012

Il bell’articolo di Gianluca Andreoletti introduce (oserei dire riporta sul piatto della discussione) il tema centrale del ruolo dell’architetto e rilancia la necessità di affrontare  in maniera decisa l’istituzione di una legge per l’architettura.

L’articolo si iscrive chiaramente nella discussione avviata con gli articoli di Marco Alcaro, Gianluca Adami e Lucio Tellarini che si sono occupati più specificamente della questione dell’Ordine e della sua riforma.

La posizione di Andreoletti è molto condivisibile perchè sostanzialmetne mira a chiarire in maniera netta i compiti da assegnare all’Architetto, per farlo rimanda allo strumento più forte, l’istituzione normativa.

Pur condividendo l’ispirazione di fondo ritengo però che sarebbe stato un articolo perfetto se fosse stato scritto nel secolo scorso, quando ancora non era esplosa la “rivoluzione digitale”, con tutte le trasformazioni culturali che ne stanno derivando.

Non tenere conto oggi del fatto che le condizioni al contorno sono radicalmente cambiate, fa apparire questa rivendicazione come un voler chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati. Non è colpa degli architetti (che reclamano la definizione del proprio ruolo da molto tempo) ma credo che per fare un discorso credibile all’esterno sia necessario provare a riformulare alcuni paradigmi.

Allo stesso modo anche gli altri articoli citati sembrano muoversi avendo dei modelli di riferimento che non rispecchiano più la realtà delle dinamiche sociali in cui il professionsta deve trovarsi ad operare. In fondo il tema non è se debba esserci un Ordine Professionale e secondo quali normative, ma in che maniera l’Architetto può entrare a far parte sostanziale e non marginale nel processo di controllo e trasformazione del territorio; conseguentemente immaginare il migliore modello istituzionale di controllo per la società in cui si opera.

Nei commenti a Andreoletti ho riportato questa osservazione:

nessuna norma (specie nella terra dell’abuso edilizio) può sperare di essere applicata se non viene calata all’interno di un tessuto sociale disposto ad accoglierne i principi.
Una norma di carattere impositivo, destinata a modificare il comportamento e le consuetudini di una società, per essere accolta deve essere almeno percepita come una norma necessaria.
Ancora più difficile l’imposizione di una norma in un contesto sociale che si stà rapidamente trasformando.”

Già ma come sta cambiando questa società?

Una domanda che deve necessariamente essere posta se si ha l’aspirazione di poter incidere minimamente nei comportamenti sociali, o addirittura promuovere una legge, con l’auspicio che abbia la minima possibilità di essere applicata.

E’ interessante questo articolo su Wittengstein relativo allo sciopero dei giornalisti (che a sua volta richiama un altro articolo di Mario Tedeschini Lalli). Tedeschini riflette sulla trasformazione del ruolo del giornalista; riporto due capoversi sostituendo “architetti” a “giornalisti” e “Ordini” a “FNSI” (tra parentesi le sostituzioni):

(Il sistema degli ordini) appare ancora una volta come un generale che schieri la sua truppa appiedata e trincerata a difesa di uno strategico ponte, ignorando che nel frattempo sono stati inventati gli elicotteri trasporto truppe che consentono di aggirare la postazione e prenderla alle spalle e che, per di più, oltre alla strada che passa su quel ponte ne sono state costruite infinite altre che ti portano a destinazione passeggiando o in automobile, evitando l’incomodo di battagliare.

Le istituzioni professionali (degli architetti) non hanno più la mano sul rubinetto (della progettazione), come peraltro non lo hanno più neppure i governi (…) che pure vorrebbero aprirlo e chiuderlo a piacimento. Le une, certo, lo vorrebbero utilizzare per scopi nobili, gli altri hanno cercato di chiuderlo per biechi scopi di potere, ma la realtà dell’universo digitale rende lo sforzo quasi inutile. Per la semplice ragione ce non c’è più tubo e quindi non c’è più rubinetto.

Per chi non lo avesse ancora capito siamo di fronte a una rivoluzione epocale, della quale sappiamo poco; non sappiamo quanto durerà; non sappiamo cosa ci porterà; ne vediamo i segni evidenti in tutte le manifestazioni del vivere comune; tutti ne siamo colpiti in maniera diversa (dalla scuola, al giornalismo, dalla creatività , alla politica, dalla medicina all’architettura); non possiamo non tenerne conto; per farlo dobbiamo avere il coraggio di mettere in discussione i valori che ci stiamo portando dietro dal secolo scorso; paradossalmente dobbiamo tenerne conto proprio per preservare quei valori.

Un passo indietro.

La rivoluzione industriale ottocentesca ha creato il professionista, o almeno ne ha istituzionalizzato l’importanza all’interno di una società complessa. Il sistema ordinistico ne è una diretta conseguenza.

Il modello è quello accademico che per garantire la qualità e la competenza di un professionista richiede che vi sia a monte un sistema di certificazione (a partire dal conseguimento della laurea); il sistema funziona (ha funzionato) egregiamente in una società dove il costo della verifica sociale era estremamente alto rispetto al risultato da ottenere. Poichè il singolo cittadino non poteva autonomamente (per ignoranza e per inaccessibilità alle informaizoni necessarie) verificare la qualità del lavoro di un professionista, le istituzioni di controllo hanno avuto il compito importante di garantire questo controllo.

Dove è difficile ottenere informazioni su un professionista o verificare se il suo operato è adeguato alle esigenze del committente vi è la necessità di mantenere titoli e istituzioni che garantiscano questa verifica di qualità. Le istituzioni accademiche (come gli ordini) nascono proprio per consentire questa certificazione; l’istituzione accoglie dentro di se solo persone di comprovata capacità e qualifica; il professionista vede riconosciuta la sua capacità in virtù dell’appartenenza.

Le Istituzioni accademiche hanno il limite di tendere a preservare se stesse e hanno poca attitudine ad accogliere l’innovazione culturale; esse inoltre garantiscono l’esclusività elitaria della conoscenza, riservando ai propri componenti l’accesso al sapere esclusivo (non disponibile su vasta scala); sin dal medioevo le corporazioni hanno avuto il ruolo biunivoco di controllo di qualità e garanzia di esclusività.

Ma in una società aperta, dove le informazioni sono disponibili in tempo reale, dove la competenza può essere acquisita anche al di fuori delle istituzioni tradizionali, e le azioni di ciascuno sono sottoposte a verifica sistematica da una massa di “utenti” attivi, l’importanza specifica dei titoli (e degli organismi di controllo) comincia a vacillare, quantomeno a ridimensionarsi; non scompare del tutto la necessità di una specializzazione dei ruoli professionali, ma decade la centralizzazione del potere di controllo.

Già nel novecento lo sviluppo culturale nazionalpopolare ha portato su due fronti paralleliad una convergenza delle competenze.

Da una parte il pubblico è sempre più informato (mediamente più acculturato, anche se appiattito su un livello medio basso) e quindi in grado di recepire informazioni, farsi un’idea autonoma sulla qualità di un prodotto, esprimere un guidizio e determinare la validità di un progetto (e di un professionista) rispetto a parametri e requisiti che possono essere sia di carattere personale che generale.

Sul fronte opposto la facilità di accesso alle lauree (e alla professione) ne ha determinato la massificazione seguendo un processo inverso e convergente di appiattimento culturale.

Alla formazione di utenti mediamente più esigenti e attenti ha corrisposto la moltiplicazione di professionisti mediamente meno capaci.

Sul finire del millennio il fenomeno delle Archistar è il risultato una reazione economica e speculativa a questa erosione della credibilità del sistema, perfettamente coerente con le dinamiche comunicative basate sui Mass Media.

Il potere economico aveva la necessità di garantire i propri investimenti facendo leva sul principio del marchio. Le archistar non hanno bisogno della certificazione formale del loro valore; l’archistar giustifica se stessa in quanto essa stessa è marchio di qualità; operano in funzione della loro reputazione, che non rientra nei criteri accademici.

L’archistar, per il potere che le deriva dalla sua reputazione, consente di facilitare molti processi semplicemente bypassandoli; tutto avviene all’interno dello studio del progettista che decide i requistiti (individuando le esigenze e le priorità di un intervento), elabora le soluzioni (il progetto) senza dover necessariamente rendere conto alle normative correnti (che vengono derogate proprio in virtù del peso mediatico messo in campo), gode di un sistema di valutazione autoreferenziale (sostenuto anche dallo stesso potere speculativo che deve comunque preservare il proprio investimento).

La crisi economica sta mettendo in seria discussione questo meccanismo nelle sue manifestazioni troppo speculative; l’eccesso di esposizione economica che richiede un tipico progetto archistar, espone gli investitori a forti rischi. Contemporaneamente le dinamiche partecipative tipiche del web 2.0 stanno spingendo la società civile verso una maggiore consapevolezza nei suoi diritti e doveri nell’ambito delle trasformazioni urbane; l’archistar è divenuto così la metafora della speculazione edilizia imposta dall’alto.

La rivoluzione digitale ha amplificato a dismisura le possibilità di verifica dal basso dell’opera dei progettisti, anche quando si tratta di Archistar (che anzi sono divenuti i bersagli diretti delle contestazioni di natura partecipativa).

Il singolo professionista, già tagliato fuori dal macrosistema economico, si ritrova però tagliato fuori anche nelle dinamiche “dal basso”; da una parte non garantisce il sistema economico, dall’altra non ha acquisito la sufficiente credibilità per porsi come legittimo portatore delle istanze sociali.

La rivoluzione digitale stà stravolgendo l’intera struttura piramidale alla base dell’organizzazione sociale; non solo la società è oggi composta da cittadini mediamente più “acculturati”, e quindi più confidenti delle loro idee ed aspirazioni, ma la disponibilità di informazioni in tempo reale e la possibilità di condividere altrettanto velocemente queste informazioni e competenze li ha resi sempre meno disposti a subire qualsiasi genere di imposizione dall’alto sia nei rapporti che riguardano il “bene comune” sia nelle relazioni interpersonali con i professionisti.

Il professionista del secolo scorso aveva compiti e ruoli molto ben definiti nel processo della progettazione; operava in scienza e coscienza; rispondeva sostanzialmetne a pochi referenti (sia in ambito pubblico che privato); aveva delle responsabilità che gli derivavano dalla deontologia alle quali in linea teorica si doveva attenere; il controllo sul rispetto di tali responsabilità era demandato a se stesso (o comunque ad una ristreta cerchia di consimili).
Il risultato della sua azione influiva fortemente sulle trasformazioni del territorio incidendo sulla vita dei cittadini senza alcuna loro effettiva possibilità di incidere su questo processo (se non sotto forme molto mediate). La mancanza di coscienza civile diffusa in italia ha esasperato questa “privatizzazione” del controllo territoriale.
L’aspetto principale della professione era che aveva un carattere prevalentemente monodirezionale e sostanzialmente statico nel tempo (un cliente, un requisito, un progetto, in linea di principio sempre immutabili).
Il professionista di questo secolo deve muoversi all’interno di una società “liquida”, ed è sottoposto al controllo ed alla verifica di una infinità di stakeholder (sopratutto in campo pubblico), sui quali non ha alcun controllo diretto ma ai quali bene o male è tenuto a rendere conto. Anche in ambito privato si sperimenta uno spodestamento del professionista come figura depositaria di un sapere, intoccabile e indiscutibile nel suo ruolo. Lo stesso meccanismo comunicativo del progetto (tradizionalmente il disegno su carta) si sta rapidamente evolvendo verso sistemi multipli di espressione, più adatti a interagire con il sistema mediatico transmediale contemporaneo.

Già ormai da tempo il processo della progettazione è sottoposto a spinte e modifiche operanti su più livelli (da quelle burocratiche a quelle economiche) che però sono limitate a competenze specifiche, a nicchie di potere sostanzialmente derivate dal modello precedente.

Oggi a volere prendere in considerazione le nuove esigenze che stanno emergendo possiamo provare a capire il contesto in cui un professionista è (o comunque prima o poi sarà) costretto a muoversi; si tratta delle istanze che l’intera società digitale sta facendo emergere.

Trasparenza del processo. Il professionista come tutti i centri di controllo burocratici ed economici sono tenuti a tenere traccia di tutti i passaggi e i riferimenti normativi che portano alla determinazione di un progetto (e alla realizzazione dell’opera). Chiediamo trasparenza a chi ci governa e ci impone regole burocratiche; siamo tenuti a fornire lo stesso “servizio” in maniera da consentire a chi ci sta commissionando un lavoro, di essere informato sul suo andamento. Si passa dal criterio della consegna (organizzata su più step di approfondimento) al meccanismo della interazione permanente.

Progettazione convergente. Il progetto è il risultato di competenze multidisciplinari su cui possono intervenire competenze altamente specializzate ma anche contributi non professionali. Il modello della cultura convergente di Jenckins applicato al progetto presuppone che scelte e le relative responsabilità siano trasversali e condivise; l’architetto in questa dinamica, pur rimanendo un elemento determinante e sostanziale del processo (il professionista esperto), è costretto a perdere buona parte del controllo sulla progettazione lasciando spazio a competenze non specialistiche; si tratta di una evoluzione cognitiva inarrestabile che sta permeando tutto il mondo contemporaneo; laddove le scelte di progetto sono sotratte al completo controllo del professionista è giusto però che gli si attribuiscano anche minori responsabilità. Il progetto acquisisce sempre di più caratteristiche fluide, in quanto soggetto a continui adattamenti (anche in corso d’opera); questa caratteristica è già una realtà sperimentata quotidianamente in tutti gli appalti alla quale finora si è reagito in maniera schizzofrenica imponendo per legge l’immutabilità del progetto (anche quando questo dura anni). La stessa schizzofrenia di chi pretende che l’Architetto operi in regime di libero mercato mantenendo invariate le responsabilità civili e penali che comportano la titolarità formale di un progetto. La responsabilità deve essere commisurata al compenso.

Open data (e open source). L’architetto opera e progetta in un universo dove le informazioni sono sempre più disponibili su vasta scala, gli strumenti che ha a disposizione sono sempre più aperti (dai data base ai programmi software a basso costo), si tratta di una opportunità per il progettista, ma sul rovescio della medagli la società richiede che esso stesso contribuisca aprendo progressivamente l’acesso alle informazioni che lo riguardano mettendo a disposizione i propri progetti in maniera aperta. Le istituzioni pubbliche per prime dovrebbero iniziare a consentire che tutti i progetti in corso siano liberamente recuperabili nei formati editabili. Si tratta dello stesso tema del copyright, già fortemente messo in discussione su altri piani; l’architeto può essere padrone delle idee, non del supporto su cui queste vengono veicolate; su un altro livello l’opera di architettura, una volta realizzata cessa di essere proprietà del progettista e diviene “bene comune”. resta fondamentale in ogni caso che resti traccia di tutti i contributi ideativi e progettuali all’opera di architettura (comprendendo in questo il riconoscimento chiaro del contributo dei singoli collaboratori).

Formazione permanente e centrata sull’esperienza. Il conseguimento di un titolo o l’acquisizione di una competenza sta diventando sempre meno una garanzia di capacità professionale; il dinamismo globale della società non consente più di mantenere rendite di posizione a tutti i livelli; l’aggiornamento continuo è una necessità (a sua volta facilitato dalla disponibilità di informazioni); paralleleamente la disponibilità di informazioni richiede che il professionista sia più una figura in grado di gestire questo flusso, piuttosto che una competenza iperspecialistica; l’architetto è una figura estremamente predisposta per questo genere di competenza; è inoltre fondamentale che la competenza sia sempre di più centrata sull’esperienza (v. a proposito il mio articolo sulla formazione). Il titolo di studio non può che essere un punto di partenza, ma occorre agire in maniera da valorizzare chi esercita realmente negli anni la professione rispetto a chi non la esercita.

In conclusione.

L’Architettura è un tema che non può prescindere dall’architetto;

la tecnologia ha però aperto al mondo la possibilità di interferire su questa prerogativa.

Su più livelli,

il cittadino comune ha il diritto dovere e la possibilità di verificare l’operato del professionista,

il singolo professionista ha a sua volta il diritto dovere possibilità di tenere sotto controllo l’operato dei colleghi e delle istituzioni che lo rappresentano.

Tutti insieme (cittadini comuni, professionisti e organi di rappresentanza) hanno la possibilità di agire nei confronti delle istituzioni di governo.

Dovendo ragionare su una legge per l’Architettura e su come conseguentemente si debba trasformare il sistema Ordinistico, partirei da qui.

Niente è trasmissibile se non il pensiero

Svanita l’idea che le competenze grazie alle quali hai abbracciato una professione o hai intrapreso un’attività lavorativa siano quelle utili per l’intera vita professionale. Svanita la certezza di potersi ragionevolmente attendere una pensione soddisfacente in seguito a una carriera fortunata. Tutte queste inferenze dal presente al futuro, (…) sono state spazzate via.

Così, qualche giorno fa leggevo su un quotidiano l’incipit di Tony Judt, illustre storico del Novecento e pensavo “ sembra scritto proprio per noi architetti” ma in realtà è la cruda constatazione che i vari decreti e riforme di cui siamo oggetto, come inermi professionisti, (terribile casta da 15/20.000 € annui medi), si iscrivano in un disegno molto più ampio che segue il trend del liberismo oligopolistico, un laissez faire globale in salsa italiana che libera il mercato (per noi le imprese, le pubbliche amministrazioni, le S.p.A ecc..), dalla trasparenza, dai vincoli tariffari e relega noi professionisti ad un ruolo subalterno di “servizio” che forse sarebbe meglio definire come opera servilia in contrapposizione al servizio di alto livello intellettuale che ha origine con le arti liberali, caratteristici delle persone libere intellettualmente ma legate ad un codice deontologico oltreché legale, cioè dai liberi professionisti.

Sul piano del rapporto privato-professionisti, invece, le tariffe erano, già da tempo, di molto al di sotto dei minimi, essendo l’offerta ben più grande della relativa domanda, perchè il libero mercato dei privati è inesistente.

Il piano storico e il piano sociologico dimostrano che il fenomeno delle professioni liberali si pone in posizione centrale rispetto alle esigenze, ai bisogni, alle domande che sorgono dalla società e dall’economia. Esso è in grado di produrre beni, immateriali, di importanza primaria in rapporto alla protezione dei diritti e al soddisfacimento di rilevanti interessi collettivi.

Ciò che dobbiamo chiedere oggi ai politici, ai legislatori, ai nostri inutili e dannosi rappresentanti, è una nuova legge per l’architettura che designi, come quella francese, l’architetto come coordinatore, a capo di tutti i processi che concorrono alla definizione di un progetto e un’opera di architettura, che sebbene sembri un’ovvietà lapalissiana è attualmente contraddetta nei fatti sia dal Codice degli Appalti pubblici che dal Regolamento, oltrechè dalle varie proposte avanzate in ultimo da ilsole24ore e documentate da Amate l’Architettura.

Fortunatamente, per noi, queste timide proposte dormono nelle varie commissioni parlamentari, perché tutte quante, persino quella di iniziativa del Ilsole24ore, giornale di Confindustria, sebbene prenda il primo articolo quasi alla lettera, poi si dimentica di aggiungerci questo piccolo dettaglio, che cioè “chiunque desideri intraprendere dei lavori soggetti ad autorizzazione di costruire dovrà fare appello a un architetto per stabilire il progetto di architettura[…] senza pregiudizio al ricorso di altre persone partecipanti sia individualmente, sia in gruppo nella sua concezione”. (loi 77-2 du Janvier 1977 modifie sur l’architecture)

Questa stessa osservazione la inoltrai, in risposta, proprio a chi del ilsole24ore mi richiedeva la sottoscrizione e rimasi colpito del fatto che non avevano tenuto in minimo conto l’apertura di una discussione critica per la definizione e messa a punto, da parte degli addetti ai lavori, di una legge cosi importante ma fosse calata dall’alto come undici comandamenti! (febbraio 2011)

Ancor più fui colpito di come fu liquidata questa discussione dagli ordini in generale e in particolare dall’ordine di Roma che dedicò una serata e qualche timido e retorico commento, al tema avallando così, superficialmente (con dolo o con colpa?) ma corresponsabilmente lo stutu quo, in cui si trascina la nostra condizione di semiliberi professionisti.

Dopo di che, si può discutere,  e mi auguro che questa mia riapra una discussione su questo blog ma anche nei luoghi fisici dedicati) su tutti gli altri articoli di legge, sugli importi, sulle modalità associative, sull’equiparazione agli standards europei ecc.., ma niente sarà determinante per noi se non si porrà l’architetto a capo del processo che produce architettura, semplicemente perché l’architettura la fanno gli architetti!

E’ sotto gli occhi di tutti che, oramai, quasi la totalità delle gare pubbliche si vincano per i ribassi economici, con punte anche dell’85% ma anche e soprattutto del fatto che molte di queste si basano sul solo principio dei fatturati di categorie d’opera, che prescindono da una valutazione critica della qualità d’insieme dei candidati, determinando di contro improbabili cordate e matrioske societarie che relegano l’architetto ad uno dei prestatori di servizi in subordine.

La vera architettura, quella che apporta innovazione e che si lega alla propria tradizione culturale, fatta dai maestri, (che tutti studiamo?), per la quasi totalità dei casi, però, nasce in piccoli studi, scaturendo da un approccio libero, retto, disinteressato al profitto e veramente appassionato.

In una delle rare interviste di Peter Zumthor, Pritzker dell’architettura, in reazione alla etichetta che vorrebbe liquidare superficialmente il suo modo di lavoro come maniacale, Zumthor si dichiara essere un architetto passionale che non può fare a meno di curare e verificare nei minimi dettagli ciò che fa.

Chi lo avrebbe mai detto che un calvinista delle montagne svizzere fosse un passionale!

E voglio ribadirlo, questo non significa assolutamente la rivendicazione di una condizione, che superficialmente viene considerata “artigianale”, che rifiuta la competizione e il mercato, perché proprio per la sua dimensione controlla e verifica costantemente la validità della concezione architettonica, sempre attraverso il lavoro di equipe specialistiche , in coscienza e responsabilmente.

La configurazione di società d’ingegneria, la grande dimensione, la spropositata mole di fatturati richiesti per l’espletamento delle opere, traslano, banalmente, i problemi, che l’architettura è chiamata a risolvere da un piano culturale ad uno meramente economico e tecnico, ma non si grida per ogni dove che in Italia il problema è culturale!

E allora scriviamolo completo questo primo articolo: L’architettura è una espressione della cultura e del patrimonio artistico del nostro Paese. La Repubblica promuove e tutela con ogni mezzo la qualità dell’ideazione e della realizzazione architettonica come bene di interesse pubblico primario per la salvaguardia e la trasformazione del paesaggio …. di conseguenza, chiunque desideri intraprendere dei lavori soggetti all’ autorizzazione di costruire dovrà fare appello a un architetto per stabilire il progetto di architettura […] senza pregiudizio al ricorso di altre persone partecipanti sia individualmente, sia in gruppo, nella sua concezione.

Quello che mi preme qui, ora, è primariamente, smontare quei ragionamenti capziosi che surrettiziamente difendono interessi economici e di potere, che falsi politicanti, e mediocri architetti, propalano come quintessenza della democrazia e del mercato, che, però, non vale mai per tutti, (medici, notai).

A quei politici che, impunemente sostengono, per quanto sia stato abrogato il referendum contro il finanziamento pubblico ai partiti, di essere contrari all’ abolizione dei rimborsi elettorali perché c’è il rischio per la democrazia che la politica sia fatta solo dai ricchi, dico: Ma in una società dove i liberi professionisti sono sempre più schiacciati dalle grandi società di capitali e ridotti a rango di impiegati, non vi è forse il rischio, vero, che quella società diventi meno democratica, più iniqua e più acriticamente uniforme ad un pensiero dominante legato a leggi di mercato?

Questo è ciò che va difeso la propria indipendenza intellettuale, la propria moralità!

Tralasciando il fatto, non secondario, della bruttezza, spesso costosa, di tutto ciò che viene costruito come opera pubblica, molto spesso senza lo strumento del concorso di architettura.

Nel suo ultimo discorso, un mese prima di morire Le Corbusier, scrive questo discorso << (..) Si, niente è trasmissibile se non il pensiero, la summa del nostro lavoro. Questo pensiero potrebbe o no avere un destino vincente, forse, in seguito, assumere una differente e imprevista dimensione (…) Dobbiamo riscoprire la linea diritta che unisce l’asse delle leggi fondamentali, biologia, natura, cosmo. Diritta e Inflessibile come l’orizzonte del mare. Cosi come dovrebbe essere il professionista, diritto e inflessibile come l’orizzonte lo è sul mare, egli dovrebbe servire come una livella, come una linea certa, nel mezzo dei flussi e della mutevolezza. Questo è il suo ruolo sociale. Questo significa che egli deve vedere con chiarezza e averla ben a perpendicolo nella sua mente.

Moralità: non significa preoccuparsi delle glorie terrene, contare su se stessi, agire secondo coscienza. Non è giocando all’eroe che uno può agire, acciuffare incarichi e realizzare progetti. Tutto ciò avviene nella mente, nasce e cresce pian piano nel corso di una vita fuoriuscendo come una vertigine, e la fine verrà prima che noi possiamo realizzarlo>>[1]

[1] Le Corbusier ,Oeuvre complete- vol. 8 . 1965-69 ed. Birkhauser