Appello in difesa del Complesso Scolastico di via Corradini ad Avezzano

21 febbraio 2011

Il Complesso Scolastico di via Corradini rappresenta un singolare esempio di architettura Decò degli anni 1920, caratterizzato da un’ampia e funzionale spazialità interna, da diffuse superfici verticali vetrate e da un particolare ordine architettonico “gigante” frutto di una rivisitazione in chiave neobarocca dei prospetti.

Inoltre il Complesso sviluppa enormi superfici esterne (giardini, cortili, ex asilo, ecc.).

Queste Scuole sono state costruite dopo l’evento sismico del 1915 che distrusse completamente Avezzano, a seguito del Regio Decreto-Legge del 29 Aprile 1915 n. 573.

Questo decreto seppur non illustrando una metodologia di calcolo, come riportata già da molti anni nelle Leggi più moderne, imponeva dettami ed obblighi costruttivi altamente anti-sismici, dettagliati e rigidi.

dscn0055l

La struttura muraria è ad incastro, completamente armata, le bucature sono strette ed alte, tutto l’edificio ha una configurazione geometrica circolare, a “ferro di cavallo”, compatta, chiusa e quindi maggiormente coerente e altamente resistente alla sollecitazione di torsione, caratteristica assai rara e inesistente nella maggior parte degli edifici contemporanei.

Ancora oggi, le scuole di via Corradini servono tutto il quartiere del centro, permettendo così alle famiglie che vi risiedono di recarsi ad accompagnare e riprendere i propri figli principalmente a piedi, senza utilizzare l’automobile. Accedere e fruire del centro storico di Avezzano a piedi significa avere già anticipato una funzionalità compatibile con la chiusura al traffico veicolare. In questo modo il centro si valorizzerebbe, poiché diventerebbe un’isola pedonale storica, sociale ed economica. La sosta, il passeggio, dovranno essere ancor più favoriti, poiché solo così si potrà stimolare l’economia del centro storico.

L’Attività scolastica e quella del Tribunale sono vita concreta e coinvolgono tante persone della città e non, costituiscono insieme un patrimonio che va preservato, in quanto operano in sinergia urbana. Tutto il centro storico è stato progettato nel 1918 dall’Ing. S. Bultrini elaborando un piano urbanistico complesso e globale, in cui si dava vita alla nuova città-giardino.

La scienza dell’urbanistica da lui seguita non è né vecchia e né superata, poiché teneva conto dell’ottimizzazione delle varie funzioni della città con l’obiettivo di creare un benessere sia economico che di vita; alterare queste funzioni significherebbe fare un “pasticciaccio” nel tessuto urbano del centro storico che certamente perderebbe sinergia, generando disagi funzionali, sociali ed economici. Inoltre, togliere queste scuole dal centro e costruirne di nuove in periferia significherebbe costringere le famiglie residenti a prendere obbligatoriamente l’automobile per spostarsi.

Questa vendita nasconde un’operazione puramente speculativa, in quanto si vorrebbe creare una scuola nuova ma di dimensioni molto più ridotte tutta in cemento armato, materiale che non offre sicure prestazioni anti-sismiche, il cui costo sarebbe esosissimo più di 10.000.000,00 di euro. Non sarebbe meglio restaurare la scuola anche spendendo qualche milione di euro?

Poiché questa è sicuramente anti-sismica e necessita solo di un machiage. Il Complesso Monumentale di via Corradini rappresenta, proprio perché scuola, il simbolo di rinascita della città di Avezzano dopo la distruzione del terremoto del 1915 e non possiamo permettere che venga cancellato con superficialità. Questo edificio è portatore non solo di una funzione storica e pedagogica importante ma ancora oggi custodisce il messaggio che le persone sopravvissute alla tragedia gli hanno affidato, “train de vie”, treno della vita che unisce le generazioni passate e future.

Inoltre, le scuole di via Corradini attualmente sono frequentate da circa 1.500 alunni, la scuola proposta avrebbe la capacità di ospitare solo 600/700 alunni. Tutti gli altri dovranno essere dirottati in altri istituti, magari privati?

Ci sono, in giro per l’Abruzzo, esempi di recenti costruzioni scolastiche bio-compatibili, altamente anti-sismiche, realizzate subito dopo il terremoto del 9 Aprile 2009, in 5/6 mesi (Goriano Sicoli), con materiali ed architetture bellissime e del costo ridotto (es.: 10 aule con refettorio, cucina, sala maestri, ecc. €800.000,00).

Oggetto della petizione:

Noi cittadini di Avezzano, chiediamo all’Amministrazione Comunale l’immediata interruzione della operazione di vendita delle scuole di via Corradini, affinché questo Complesso continui a svolgere la sua funzione di scuola elementare e media.

Chiediamo inoltre che l’Amministrazione elabori un Piano di Tutela e Recupero dall’edificato d’epoca dei villini della città-giardino di Bultrini e in generale delle costruzioni vecchie e di pregio, in modo tale che venga interrotto lo scempio che si opera ai danni di tutto il patrimonio storico architettonico che continuamente viene demolito.

TUTTI A SCUOLA …

Perché è necessario che le scuole rimangano qui

Perché il Complesso Scolastico di via Corradini ad Avezzano rappresenta un singolare esempio di architettura Decò degli anni 20’. Caratterizzato da un’ampia e funzionale spazialità interna, da diffuse superfici vetrate e da un particolare ordine architettonico “gigante” frutto di una rivisitazione in chiave neo barocca dei prospetti.

Perché gli Inglesi non stravolgerebbero mai gli edifici dell’Università di Cambridge sostituendo la loro funzione e trasferendo altrove l’Università.

Perché questa scuola è un simbolo di Avezzano, delle generazioni passate e future.

Perché contiene la storia di tante famiglie Avezzanesi.

Perché l’adeguamento degli edifici storici monumentali alle norme di sicurezza non è così costoso, in quanto esistono deroghe che permettono di ridurre il costo delle opere.

Perché questo Complesso fu costruito con caratteristiche anti-sismiche.

Perché è ormai il tempo di interrompere lo scempio dell’eliminazione di tanti edifici simili del centro storico (villini d’epoca).

Perché continuando così, Avezzano perderà anche altri edifici storici di riferimento come quelli di Piazza Torlonia e Piazza Castello (Comune, Arsa, ecc.).

Perché l’architettura è un valore, che nasce dal rapporto tra spazio urbano ed edificio nella sua globalità.

Perché la sola presenza delle facciate sarebbe una veste senz’anima.

Perché sventrando l’interno si vuole raddoppiare le cubature di utilizzo?

Perché è un monumento storico: questo Complesso nacque per servire la nuova area che nel 1920 sorse in località ”Melazzano” tra la Stazione e Villa Torlonia, edificata a seguito del terremoto del 1915 che colpì la città di Avezzano, distruggendone la totalità dell’edificato.

Perché ancora oggi, le scuole di via Corradini servono tutta questa area, permettendo così a tutte le famiglie che vi risiedono di recarsi ad accompagnare e riprendere i propri figli principalmente a piedi, senza utilizzare l’automobile.

Perché accedere e fruire del centro storico di Avezzano a piedi significa avere già anticipato una funzionalità compatibile con la chiusura al traffico veicolare.

Perché togliere queste scuole e costruirne di nuove in periferia significherebbe costringere queste famiglie a prendere obbligatoriamente l’automobile per spostarsi.

Perché forse è già stato deciso dove si dovrebbero trasferire le scuole? Ci sono già tanti edifici più periferici, polifunzionali, invenduti e non utilizzati a cui pagare lauti affitti?

Perché tutti i visitatori e turisti di Avezzano apprezzano questo Complesso storico.

Perché Avezzano vuole un centro storico vivo.

Perché è ora di modificare la politica di gestione del territorio, la città è di tutti e soprattutto dei bambini.

Perché allontanarli dal centro significherebbe allontanarli anche dalla piazza principale.

Perché è bello a mezzogiorno e mezza sentire le voci dei bambini che escono da scuola.

Guarda il video.


2 Commenti a “Appello in difesa del Complesso Scolastico di via Corradini ad Avezzano”

  1. Andrea Palazzi scrive:

    Oggi dobbiamo ricorrere a calcoli complicatissimi e affidati a costosisissimi hardware,un tempo ingegneri e architetti sapevano semplicemente costruire, conoscevano le caratteristiche del terreno, il comportamento dei diversi materiali, dei solidi ai quali erano assimilabili e anche la legislazione era chiara, rigida, precisa. Per questo trovo stupido eliminare un’architettura bella e funzionale, che non ha presentato, a quanto mi risulta, problemi di resistenza al sisma (e sfido chiunque una volta sventrata a verificare se il comportamento sotto sisma -di quello che oggi è un solido coerente e solidale, in cui non è difficile da immaginare siano state calcolate numero e dimensioni delle pareti interne per le controspinte – sarebbe lo stesso). Oltre a ciò quello che oggi è un circolo virtuoso che consente al centro storico di vivere – area pedonale, scuola, piazza, centro religioso, civico etc – con lo spostamento dell’edificio scolastico, darebbe il via ad un circolo opposto “vizioso”, che porterebbe da un lato l’ inevitabile e progressivo svuotamento del centro storico, riducendolo a simulacro di sé stesso, o cartolina per turisti, dall’altro confinerebbe i bambini nelle solite, periferie – uguali in tutte le città- allontanandoli dal fulcro della loro storia. Quindi – visto che da un lato la storia e la statica ci insegnano che le parti che crollano degli edifici sono principalmente le “giunte”, i rifacimenti di precedenti demolizioni, le parti ex novo poco solidali con la struttura principale – ci chiediamo: dall’altro dov’è la funzione sociale ed economica -per la collettività – di un’operazione simile?

  2. Gerry scrive:

    That saves me. Thanks for being so sienslbe!

Lascia un Commento