Site Specific, quando il condominio dice no!

8 gennaio 2011

Molto emblematica la vicenda di una delle opere ideate da uno dei vincitori del «Premio Italia Arte Contemporanea» in mostra al Maxxi.

In pratica l’opera di Piero Golia creata apposta per questo Premio “Oh my God this is so awsome (monkey picture)” che prevedeva la realizzazione di una gigantesca freccia dipinta su una parete antistante al museo non ha potuto essere realizzata, perché? Semplice, per una banale bega di condominio.

Una ripicca!

Cioè, i vicini di casa del museo si ritenevano danneggiati dalla presenza del museo di fronte alle loro abitazioni, questo perché durante i lavori di realizzazione hanno subito danni alla loro autorimessa. Così quando si è presentata loro la possibilità di creare a loro volta un disagio al vicino si sono evidentemente fregati le mani e hanno deciso di cimentarsi anche loro nello sport nazionale dell’Italia iperlocalistica, il potere del divieto.

Complimenti ai condomini per i senso di buon vicinato!

Chissà perche mi viene in mente Paperino nelle sue disavventure contro il vicino Anacleto

Per approfondire sull’arte “Site Specific”


Un Commento a “Site Specific, quando il condominio dice no!”

  1. Emmanuele scrive:

    Non è possibile… Semplicemente patetico! Sul serio, sarebbe da partire con una dimostrazione contro queste persone!

Lascia un Commento