Fiera di Roma e Hannover 2000

19 novembre 2009

Visto il recente interessamento sulla scarsa qualità architettonica della Nuova Fiera di Roma colgo l’occasione per raccontare una storia particolarmente emblematica di come vengono gestite certe operazioni “Pubbliche” e di come poi alla fine il risultato sia sempre decisamente scarso.

Questa storia comincia nel lontano 2000, ai tempi della Fiera di Hannover, quando il Parlamento Italiano approva la legge di finanziamento per la realizzazione del padiglione italiano ad Hannover 2000 per un costo stimato dell’opera di 35 miliardi del vecchio conio; l’approvazione conteneva una clausola: che l’intera opera fosse progettata in maniera tale da essere smontata e ricostruita; già nella legge si prevedeva la donazione del padiglione alla Fiera del Levante a Bari.

fiera-di-roma

Come succede spesso l’approvazione avviene con il colpevole ritardo dei nostri governanti; pare infatti che la lega avesse fatto ostruzionismo perché non voleva che il padiglione venisse dedicato solo al toscano Leonardo da Vinci, spingendo per un più nordico Alessando Volta, si è finito con un ragionevole compromesso (“Da Leonardo a Volta” era il tema espositivo del nostro padiglione). Alla fine, come succede spesso per noi italiani, il padiglione viene realizzato a tempo di record, giusto in tempo per l’inaugurazione della fiera; taglio dei nastri con rumore dei trapani di contorno.

02

Il progettista incaricato non era un architetto, non era un ingegnere, non era un geometra, nemmeno un perito industriale, era il sig. Luigi Sturchio, famoso nel mondo del design nautico per aver fatto da arredatore di lusso nei maxi yacht dei ricchi sceicchi arabi. Era comunque abbastanza introdotto nelle alte sfere da godere dei favori di personaggi quali Umberto Vattani (Segretario Generale del Ministero degli Esteri) e Cordero di Montezzemolo (sua è la “firma” di alcune opere a Maranello, accanto a Fuksas e Piano, nonché di alcune ville capresi di proprietà di LCM, nonché del padiglione italiano a Lisbona).

Ovviamente l’urgenza, anzi l’emergenza, non sono d’aiuto, non facilitano certo una selezione trasparente dei progettisti, men che meno delle imprese esecutrici, meno ancora della qualità delle scelte progettuali.

Il progetto pur non essendo un capolavoro, non era poi totalmente da buttare via; era pensato per essere come una grande piazza coperta, ma aperta al flusso del pubblico esterno, uno spazio continuo caratterizzato da due rampe leggere che si snodavano sul fronte esterno e consentivano di raggiungere il piano superiore dell’esposizione realizzando un continuum spaziale; le passerelle erano soprannominate “Santorini” rievocando l’idea delle passeggiate marine tipiche del paesaggio mediterraneo; ma Santorini, non è un’isola greca? Boh!?

L’idea di ruotare l’asse principale del padiglione rispetto al lotto assegnato contribuiva a stemperare un po’ la pesantezza dell’opera.

La copertura era prevista in Rheinzink (un’azienda tedesca per un padiglione che doveva rappresentare la tecnologia italiana?), con una poderosa struttura ben dimensionata per sorreggerne il peso; chi di noi architetti non si è cimentato nella progettazione dei ben noti pacchetti di copertura della Rheinzink; certo non molto facile da smontare e rimontare….

All’esterno faceva bella mostra di se una maxi installazione gigante dell’artista Plessi, un fagiolone alto 43 metri lungo il quale erano installati una serie di schermi proiettanti immagini naturali (tipo fiume digitale che scorre), una installazione simile a quella che è stata posta in uno degli aulici ingressi del Ministero degli Affari Esteri. Anche questa installazione doveva essere recuperata.

Accade però che il progetto, venga ulteriormente depauperato anche a causa della sua realizzazione, eseguita come detto con estrema urgenza. Per la copertura si decide di optare per un meno raffinato ma ben più rapido rivestimento in teflon (er tendone del circo, per intenderci). La struttura, posata su un ben solido basamento in cemento, resta quella originaria.

Le partizioni interne furono realizzate con semplici pannelli di legno verniciati. Il tutto senza alcun riguardo per la possibilità di recuperare alcunché (per queste cose ci vuole tempo da spendere, sia in progettazione che in realizzazione; tempo non ce n’era….). Alla fine, com’era comprensibile, lo smontaggio è stato una vera e propria demolizione; si salvò solo la poderosa struttura; peraltro in alcuni punti segata ad arte.

A questo punto la Fiera del Levante si fa due conti; capisce che il generoso regalo del Governo Italiano veniva a costargli più o meno quanto l’intera opera realizzata ex novo, Rheinzink incluso, ma che non si poteva dire perché l’opera era stata finanziata per essere recuperata totalmente; non poteva costare altro che la manodopera necessaria, più un po’ di romanella; “il padiglione in regalo? Emm… No grazie, non ci serve!!”; così la struttura cominciò a giacere abbandonata in un non precisato campo, dicono all’aperto, in quel di Bologna.

A questo punto viene in soccorso Fiera di Roma; forse volontariamente, forse no, forse il dott. Mondello, già allora presidente della camera di Commercio di Roma, volendo compiacere qualche potente, si dichiara disponibile a ricevere il regalo e chiede alla Lamaro, con cui sta trattando per la realizzazione della Nuova Fiera, di studiare una soluzione per la sistemazione del padiglione all’interno della nuova struttura. In fondo, rispetto al costo complessivo delle opere che stavano per partire, era facile mascherare eventuali costi “non congrui”.

Lo studio della sistemazione del padiglione si rivela più ostico del previsto. Nonostante al cospetto dei capannoni fieristici appaia un nanerottolo, il progettista incaricato, il prof. Valle, abituato evidentemente a lavorare per blocchi squadrati e linee rette, sembra trovarsi in difficoltà a trovare una sistemazione a questa specie di disco volante. Valle elabora una prima soluzione che cerca di imbrigliarne la forma all’interno delle rigide simmetrie che sta elaborando nel suo progetto generale; decide di piazzarlo esattamente al centro del campo d’erba antistante all’ingresso principale in asse con la via di accesso, un mostro che sbarra la strada a tutti i visitatori; le Santorini a mo’ di chele di granchio che minacciano chi si avventura nella Fiera: “Lasciate ogni speranza o voi che entrate”. Sostanzialmente una figurina di Dragonball appiccicata su un album dei calciatori.

E poi c’è sempre il problema della donazione, il tutto deve risultare un rimontaggio…. Eventualmente sono ammessi i costi delle sistemazioni, in questo caso inesistenti; l’ente Fiera, non si sa se volontariamente o meno, decide di andare avanti e di affidare l’incarico di studiare la sistemazione del padiglione al suo ideatore, di nuovo al sig. Sturchio.

Lo studio della sistemazione è principalmente figlio di un altro non architetto, il sig. Terrinoni, noto al secolo come uno dei più famosi prospettivari de’ Roma prima dell’avvento di AutoCAD & Co; Terrinoni, non privo di sensibilità architettonica, elabora una soluzione che ha degli spunti interessanti.

img_2330

L’idea elaborata prova a mettere in discussione la rigidità simmetrica degli spazi circostanti; pone il padiglione fuori dall’asse di simmetria e ripropone la rotazione del fronte, intorno vengono previsti specchi d’acqua (utili anche per contenere il drenaggio della zona); l’accesso alle biglietterie non è più sbarrato e il padiglione diventa uno spazio più amichevole, fluido, ci si gira intorno senza inibizioni e magari si viene attratti al suo interno da eventi speciali.

Un aspetto fondamentale della sistemazione è il tentativo di risolvere proprio uno dei maggiori problemi che la Fiera presenta oggi: la gimcana a cui i visitatori sono costretti salendo e scendendo dalle passerelle distributive, con la chicca finale del dovere percorrere allo scoperto gran parte della strada dalla macchina all’ingresso (compresa la fila prima delle biglietterie); se piove è un disastro, sopra e sotto.

img_2332La soluzione è molto semplice: si mantiene il percorso sopraelevato anche nell’area antistante alla Fiera; il percorso gira attorno al Padiglione di Hannover (come una finestra privilegiata sulla Fiera e sul padiglione); il percorso è coperto (nun ce’ se bagna!); chi arriva dal parcheggio ha un solo salto di quota (si sale una volta sola!); non si cammina in mezzo ad acquitrini; non si rischia che il 50% dei visitatori scelga di passare sotto intersecando i flussi del traffico (niente incidenti!).

La nuova passerella mette in discussione anche l’unico vero motivo architettonico del progetto di Valle, che non potendo scialare sui capannoni espositivi, aveva scelto di caratterizzare il complesso inserendo questi camminamenti sopraelevati che richiamano molto le vicine opere aeroportuali.

Il disegno della nuova passerella, rifiuta qualsiasi confronto con il progetto di Valle, e si distingue per una maggiore leggerezza e ariosità.

Costo della sistemazione: 22 milioni di Euro (compresa la nuova passerella).

img_2331

Il progetto non passa e si procede senza Padiglione e senza passerella. Troppo costoso.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Non ho idea di che fine abbia fatto il padiglione di Hannover, ma è chiaro che i soldi spesi per la sua realizzazione, che dovevano essere recuperati attraverso il riuso, sono invece finiti nel nulla….. Intanto la Nuova Fiera di Roma fatica a collocarsi come una struttura cardine del rilancio dell’economia romana od anche semplicemente come uno dei simboli della Roma moderna, innovativa e internazionale che si vorrebbe.

Per la cronaca:

la Fiera è stata realizzata su un terreno di proprietà della Lamaro Appalti (Fratelli Toti) grazie ad una variante di piano appositamente approvata dalla giunta comunale (tecnicamente si dice accordo di programma);

la metodologia dell’appalto è stata quella dell’appalto integrato (progettazione eseguita direttamente dall’impresa), ed è evidente che il progetto risponde più ad esigenze di tipo costruttivo ed organizzativo (per gli allestitori), che di utenza finale;

la Nuova Fiera non sembra avere portato grande valore aggiunto alla capitale; le iniziative promosse sono rimaste sostanzialmente le stesse che venivano fatte nella precedente struttura, mentre questa nuova, peraltro non realizzata completamente, appare già sovradimensionata;

L’attuale AD di Investimenti S.p.A. (società che detiene il 100% della Fiera) è la dottoressa Ottavia Zanzi, moglie del dott. Cerasi, presidente della SAC, società che ha vinto l’appalto per il MAXXI. La nomina fu fatta dall’allora sindaco Veltroni; ora il sindaco è cambiato staremo a vedere.

Nota – L’articolo è stato integrato con l’inserimento di alcuni link e delle immagini relative al Padiglione Italiano di Hannover 2000, nell’aprile 2016


Un Commento a “Fiera di Roma e Hannover 2000”

  1. beppe cosentino ha detto:

    com’è illuminante conoscere le storie recondite della “cultura” italiana….
    grazie per il contributo !

Lascia un Commento