Mondiali di nuoto, un’altra occasione persa per fare Architettura

12 maggio 2009

Proprio non riusciamo a stare lontani dai guai.

 

Proprio non riusciamo a cogliere le occasioni.

Ci si chiede poi perché in Italia le cose non funzionano?

Ci si chiede perché alla fine invece che guardare alle proposte, alle idee propositive, alla voglia di cambiare, alla fine finisci sempre per puntare il dito sulle cose che non vanno.

172273calatrava1_email_d0

 Vogliamo parlare dei mondiali di nuoto?

Così era all’inizio

www.losportitaliano.it

Grandi nomi, grandi aspettative.

 

C’era tutto per pensare ad un successo a tutto campo.

C’era il grande evento internazionale.

C’era la valorizzazione di un’area tra le più dismesse di Roma, tra le più bisognose di infrastrutture.

C’era l’architetto di grido, e diciamocelo, sicuramente uno dei più affascinanti ed espressivi…..

 

Parole di Calatrava:

“Si può costruire anche nella Roma millenaria” 

(…)

Domanda – Architetto, quando una città cerca un risanamento delle sue parti più degradate, deve puntare su grandi interventi di architettura o su un piano urbanistico? 

«Deve usare l’architettura per creare edifici generatori di città, per aggiungere nuovi nodi urbani. E così si passa all’urbanistica».

www.architettiroma.it

Non vi dico la goduria…… Masturbazioni cerebrali per l’architettoraneo che è in me!!!!

Ma a masturbarsi si diventa ciechi!

Dicevano le mamme una volta…..

Forse non a torto.

E qualcosa andava storto si da subito, visto che enti e assessori e autorità si affannavano a garantire: “Lo stadio si farà!!!!”

www.urbanistica.comune.roma.it

Visto che si doveva ricorrere ad un Commissario Straordinario.

Chissà perché per rispettare una scadenza abbiamo dovuto ricorrere ad un commissariamento, manco si trattasse del terremoto in Abruzzo. Solo che lì c’è stato un terremoto che ha devastato tutto e il Commissario serve per ricostruire (ci auguriamo, come prima meglio di prima, dovera non com’era….). Qui sembra che il Commissario sia giunto per dare il colpo di grazia.

 

Poi il disastro. 

Opere ferme. I mondiali cambiano casa. Non più costruzioni avveniristiche, non più modernità. Riuso del vecchio buon Foro Italico (che molti apprezziamo in verità, almeno finché le opere non saranno finite), e soldi a pioggia per centinaia di strutture private. 

Fine dell’Architettura. Fine del sogno.

www.architettiroma.it

La parola agli speculatori.

Ecco gli ultimi aggiornamenti:

www.repubblica.it

Fino all’epilogo finale del tintinnare di manette:

www.ilmessaggero.it

 

Poi qualcuno dirà che la colpa era degli architetti che volevano costruire cose troppo moderne, troppo ardite.

Per ora sembra ancora che il comune voglia completare le opere utilizzandole per altri eventi sportivi.

http://ricerca.repubblica.it

Staremo a vedere.

Se vi volete fare due risate, (anche se ci sarebbe poco da ridere), andatevi a vedere questo servizio delle IENE:   www.youtube.com

 

Un saluto sconsolato

G


2 Commenti a “Mondiali di nuoto, un’altra occasione persa per fare Architettura”

  1. Giulio Paolo Calcaprina scrive:

    Aggiungo (sconsolato) ai link citati anche quello della puntata di Report (RAI3), rubrica “come è andata a finire?” aggiornamento de “i Re di Roma” del 4 maggio del 2008. Scaricabile sia in testo che in podcast
    http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E1085149,00.html

  2. PEJA scrive:

    Abbastanza triste come vicenda. Italia Nostra perché non si mobilita per queste cose?

Lascia un Commento